venerdì 28 dicembre 2007

Editto



UDITE UDITE!

Sudditi della contea, il conte Biasox ha parlato!
Stanco dei continui attacchi alla sua immacolata e illustrissima persona, infangato nel suo universalmente riconosciuto onore, minacciato nella sua santissima incolumità dai rozzi bifolchi ignoranti e pretestuosi della contrada di Kasanovia, ha deciso di dichiarare lo

STATO D’ASSEDIO!!!

A partire da questa mattina ogni parola, ogni discussione e ogni scritto che sia stato emesso nel territorio di Calenum sarà attentamente vagliato da un Comitato Della Salute Pubblica appositamente istituito dal Conte, i cui membri sono i più alti rappresentanti del Potere, sceso direttamente dalle mani di Dio in quelle dei nostri regnanti. Le pene saranno durissime!

A tutti i bifolchi si consiglia vivamente di restare nelle proprie case, di non discutere con le proprie mogli e figli di alcuna delle tematiche che hanno portato allo stato d’assedio. Il Conte ha detto infatti che non li dovreste nemmeno guardare più in faccia i vostri figli. Ciò vale per tutti: contadini, esattori, artigiani e perfino alti ufficiali del Regno.

Datevi ai lavori nel vostro giardino e alla preghiera solitaria, non bivaccate in più di tre persone nello stesso posto, e tenete presente fisso nella mente questa affermazione: quando il Conte diventa prepotente, è solo per difendere i suoi sudditi e non, come qualche rozzo pretestuoso ha pensato, perché ha la tremarella.

martedì 25 dicembre 2007

Buon Natale Carinola!

Tanti Auguri

P.S. Grazie a Beppe Grillo per aver dato una risposta alle nostre numerose lettere, scrivendo un post sulla situazione e citandoci come link di riferimento

lunedì 24 dicembre 2007


Coerenza o Sudditanza?


Il prossimo giovedì 27 dicembre si terrà un consiglio comunale straordinario con all’ordine del giorno la REVOCA della delibera consiliare che individuava la località Carabottoli come sito alternativo a quello di Vaglie. Evitando speculazioni sul perché di un tale odg e sulla sua eventuale opportunità e utilità, torniamo un attimo allo scorso 25 novembre, prima del quale i consiglieri di Casanova nella loro interezza (Sciaudone, Giorgio, Mannillo, Mazzucchi per la maggioranza e di Lorenzo per la minoranza) si erano impegnati per iscritto a dimettersi qualora la mozione sull’individuazione di un sito alternativo non fosse stata approvata.
Oggi si chiede la revoca di quella stessa ordinanza. Ai cittadini sbigottiti che chiedevano ai consiglieri di Casanova circa questa novità, i nostri rappresentanti hanno assicurato di non essere stati convocati per discutere in merito a questo ordine del giorno. Insomma, di non saperne niente!
Due sono le cose: o non sapevano, e allora è la prova che i nostri consiglieri non contano nulla nell’ambito della maggioranza; o sapevano, e allora hanno preferito mentire.

Ma di tutto questo non vogliamo fare una polemica. Vorremmo semplicemente porre loro una domanda: considerando che hanno preso un impegno per la delibera che individuava un sito alternativo, cosa faranno al prossimo consiglio, nel caso un cui tale delibera venga revocata? Manterranno gli impegni e si dimetteranno o preferiranno fare buon viso a cattivo gioco?



Mazz' e Pastanaca

HIC SUNT LEONES


“Non andate lì, che c’abbuscate!”. Quante volte questa frase è stata ripetuta alle persone che proponevano di recarsi al presidio. Qualcosa tuttavia non era chiaro, e questi avvertimenti ci sono sempre sembrati dettati dalla volontà di mantenere viva la “guerra tra poveri” per distogliere l’attenzione del popolo sui veri responsabili di questa sporca vicenda. E invece al quartier generale a Carabottoli si trova non una tribù di Unni, bensì un campo organizzato, strade d’accesso difese, tendoni per riparare donne, uomini e bambini dalla pioggia e dal freddo di giorno e notte, tutto questo in un silenzio che fa rabbia. E poi si chiacchiera riscaldati nei pressi di stufe o tizzoni che bruciano ormai da più di una settimana, cercando risposte tra le pieghe di una vicenda, complicata che, seppur ha rischiato di dividere popolazioni – sopratutto per colpa di qualcuno - ora comprende che l’obbiettivo comune è non piegarsi a delle scelte davvero assurde, siti che oltre a non risolvere il problema- e questo è chiaro a tutti - danneggiano sacrifici fatti fino a ieri, e la salute dei cittadini. E dunque vicino ai trattori, che ostacolano per centinaia di metri il passaggio, convivono a pochi metri terreni messi a coltura, tra frutta e verdura, tra bufale e mozzarella, settore già messo in crisi dalla brucellosi. Ma il fatto più importante è che da sette giorni non si lavora più nelle campagne: i trattori e gli uomini infatti stanno li per il momento e non intendono muoversi. Si tratta di un capitolo della nostra grave crisi, una crisi però solo per il popolo, la cui soluzione e’ stata per quattordici anni sistematicamente rimandata, creando addirittura nuovi problemi e alimentandosi degli stessi, divenendo una risorsa economico-politica per un certo tipo di consulenti, avvocati, medici, geologi, camorristi, imprenditori, portaborse e reggipanza, una risorsa chiaramente dosata abilmente dai cosiddetti “politici”. La domanda è una: come mai le dinamiche poste in essere per la risoluzione del ciclo dei rifiuti nelle regioni contigue alle nostre hanno alla fine portato a risultati grossomodo soddisfacenti, mentre in Campania il risultato è stato solo quello di prorogare un’emergenza? Perché l’interesse per la vita pubblica, per gli affari interni, per la ricerca di sviluppo e benessere, per la legalità appartiene ad altre epoche. A questo punto però quello che dovremmo imparare da tutta questa vicenda che, anche se non lo vogliamo capire, ci tange molto da vicino, è che l’era dei “dinosauri” dovrà al più presto tramontare. Con le buone o con le cattive.

Mazz’ & Pastanaca


Buon Natale Carinola!

Tanti Auguri

giovedì 20 dicembre 2007

TIR' E MMOLLA


Tir' e molla, molla e tira
viri u vientu comme ggira?
Mmolla e tira, tir' e mmolla
'sta munnezza a chi la mollu?
Oggi a tte, rimani a mme
chi 'a vò? 'Nze po' sapè!
Ma veremmu d' a fernì,
j' da cca me n'aggia ascì!
Casanova nun ze po',
Carauottuli n' 'a vo',
e Casale che sta a ffa?
nun ze sente annummenà!
Che ne facciu 'e cheste balle
ca m'abboffanu le palle?
Mo' sapete che facimmu?
Je so' propriu nu sfaccimmu!
'E purtammu in alti piani,
addo steunu i 'mericani,
tra Cascanu e Casanova,
e che Ddiu ci' a manni bbona!
Uè, uagliò, nun sai che ffa?
'nce penzà, vatte a curcà
e 'ste balle, si te 'mporta
schiaffatelle arret' a porta!
'Stu cunzigliu nun te piace?
Megliu ca te fai capace,
ca sinnò... lacrime 'e sale,
caccherunu se fa... male!

TALIA

mercoledì 19 dicembre 2007

18 dicembre 2007 : la storia continua !

Oggi si è scritta un'altra brutta pagina nella storia delle nostre terre. alle prime luci dell'alba un nutrito gruppo di polizia , in tenuta antisommossa ha fatto irruzione sul presidio di Carabottoli cercando di sfondare i blocchi, vi sono stati feriti , poi grazie all'intervento di una madre col figlioletto in braccio si sono fermati.
C'erano le ruspe e tutto l'armamentario per la presa di possesso.
Ritornata la calma , il Sindaco di Francolise ed il Sindaco di Carinola sono andati in prefettura per fare il punto della situazione e per cercare di far desistere il Commissariato dalle sue intenzioni adducendo le ragioni di incompatibilità del suolo.
Dalle parole del sindaco di Francolise è emerso che probabilmente si è dovuto offrire un terzo sito alternativo ai primi due e che comunque deve stare nel tenimento di Carinola, un sito che in passato è già stato utilizzato come sito provvisorio di stoccaggio rifiuti dallo stesso comune.Non si sono fatti nomi ma sembrerebbe l'ultima scance per escludere i Carabottoli.
Sul posto si sono portate numerose persone ed il presidio è stato anche raggiunto da una folta delegazione di Pignataro che ha portato solidarietà e collaborazione, nentre Carinola era per gran parte assente , e considerato che l'azione si svolge su terreni di sua proprietà la cosa è estremamente preoccupante e non lascia presagire nulla di buono.
Il problema è che siamo tutti nella stessa melma e il potenziale che riserva Carabottoli è di una enormità inimmaginabile visto che la sua completa estensione è più del doppio di Taverna del Re, dove si parla di uno stoccaggio intorno ai 5.000.000 di eco?balle, sarebbe la morte totale dell'economia agricola in tutto il comprensorio.
Inoltre non tutto è deciso e si potrebbero avere anche decisioni diverse da oggi, ragion per cui bisogna essere vigili e non permettere insediamenti a Carinola ne a Pignataro e lottare fichè prevalga la ragione e si affronti politicamente la questione coinvogendo i Sindaci e le popolazioni unitamente alla Provincia per stilare un piano credibile e capace di dare una svolta a queto stato di emergenza temporanea che perdura da 13/14 anni almeno.
E un appello,a tutti i cittadini, a tutti i comitati di lotta a tutti i Sindaci e a tutti i partiti politici dall'area , a non mollare e non lasciare soli quelli che stamattina per difendere un nostro territorio hanno rischiato le botte , è un invito a riflettere e lasciare da parte i campanili perchè questa è una battaglia campale che se si perde è una sconfitta per i nostri figli. E' brutto restare soli in momenti così difficili ed è bruto restare a casa quando sai che li fuori c'è chi lotta per una giusta causa.

sabato 15 dicembre 2007

Domanda ai consiglieri aderenti al PD di Casanova

Passando per Nocelleto ho letto un manifesto a nome del PD locale che accusa i consiglieri Russo e Di Francesco di aver sostituito la decisione del prefetto Pansa che indicava Casanova con Carabottoli. Tengo a precisare che per ora il manifesto è stato affisso solo a Nocelleto, evidentemente gli estensori temono che quelli indicati da loro come traditori, a Casanova siano considerati degli eroici salvatori. Da quanto premesso sorge spontanea la domanda: i consiglieri di Casanova aderenti al PD condividono il contenuto del manifesto nocelletese? Se NO, come penso (in quanto con il loro voto fondamentale si ò ottenuto il risultato "meno peggiore"), come mai non prendono le distanze dal PD nocelletese e dai suoi componenti? BOOH????
Mi auguro che Mannillo e soci non diano incarico a qualche altro avvocato di presentare qualche altra denuncia per aver pensato, spero questa volta con i soldi loro e non quelli del comune (cioè i nostri).
Dingheddang

giovedì 13 dicembre 2007

La Vittima Sacrificale - Terzo e Ultimo Capitolo (?)


...Sacrificata?.... A CHI?!!! Aspetta tu!!!
La Figliastra arrotò gli artigli sulla pietra molare e li mise bene in vista. Prima di essere vittima sapeva essere carnefice. I primi ad essere tolti di mezzo sarebbero stati i suoi galli da combattimento che avrebbero subìto la sorte che meritavano: il collo avrebbe loro tirato e poi tutti al forno per il pranzo di Natale!
I suoi figli erano ben determinati a difendere personalmente la casa che i galli avevano trascurato e il loro spirito di sacrificio fu uno schiaffo sulla faccia di chi il culo lo sapeva tenere bene al caldo.
Notti e giorni interminabili al freddo, al gelo, alla pioggia o al vento non li smuovevano dall' accampamento che era stato allestito a difesa delle mura.
E finalmente, tra smentite e riconferme, il gran giorno arrivò. Il Gran Consiglio era pronto per la sofferta decisione. Nell' arena c' erano proprio tutti: il Barone Padre, il Primogenito e tutti gli animali da combattimento dei Figli e Figliastri, pronti a darsi battaglia.
La Figliastra fissò negli occhi il Padre e lo vide stanco, accorato. Forse neanche lui si aspettava che i maledetti gabbiani avrebbero proliferato a dismisura e sarebbero stati una vera calamità per tutto il Regno, ma ormai la Baronia era coinvolta e una decisione andava presa.
Ma... sorpresa delle sorprese!... Mai le Metamorfosi ovidiane trovarono interpreti migliori! Altro che campo di battaglia! ...l' arena divenne un teatro romano dove i rampolli della Figliastra, seduti in prima fila, assistevano, allibiti, alle trasformazioni più incredibili! Colombi che diventavano sparvieri, sparvieri che diventavano colombi. Ma quella che fece inorridire e rivoltare lo stomaco a tutti fu la trasformazione ipso facto del Dottor Jackill in Mister Hide!... E chi se l' aspettava che il caro e dolce dottorino potesse subire una metamorfosi che lo abbruttiva in quel modo! Irriconoscibile, assolutamente irriconoscibile!
Molti si chiesero da quanto tempo avesse scoperto la pozione che lo trasformava in quel modo, ma nessuno sapeva dare una risposta. I bene informati dicevano che era da tanto, ma l' antidoto che portava sempre con sè lo aiutava a mantenersi presentabile. Potere della scienza!
Tra toccate e stoccate, la decisione cadde, infine, come un macigno!... e la Sorte sacrificò la Diletta del Barone Padre... Ahi, che botta! I rampolli della Figliastra non poterono fare a meno di dare un urlo di esultanza per la vittoria....
Vittoria?... Su chi?!... Ma il bando ufficiale dello scampato pericolo tardava ad arrivare e non veniva mai letto. I messi dominici galoppavano come matti da una parte all' altra; dell' agognato bando... niente! Smobilitare l' accampamento?Rimanere ancora a custodia delle mura in attesa di un bando che forse non sarebbe mai arrivato? Mah!...Lunghi giorni di silenzio... silenzio... e silenzio...
un silenzio che faceva pensare, riflettere...
Guardando le sue montagne, la Figliastra meditava... Non se la sentiva di esultare per l' ancora incerto scampato pericolo. E la gioia non riusciva a coinvolgerla sapendo che, a poca distanza, una Sorella ora soffriva. Il Barone Padre, per salvarla, aveva attivato tutte le sue potenti alleanze, cosa che non aveva fatto con lei, ma si augurava che sarebbe riuscito a evitare il disastro. Una vena di malinconia la riprese. Eh, essere Figli e essere Figliastri!
No, non era necessario aspettare il sospirato bando per capire chi era la vittima sacrificale di tutta quell' assurda vicenda.
Osservava il cielo con tristezza e vide volare in lontananza... un gabbiano! Lo guardò a lungo nel suo placido volo.
Forse la prima vittima sei proprio tu, dolce e ignaro uccello, che non ispiri più fragranze di brezze marine ma solo fetori d' inferno. Di chi la colpa?... e sei tu Baronìa, che da paradiso terrestre sei stata declassata a deserto dove Caino insegue Abele per ucciderlo e Abele è costretto a difendersi. E sei tu, Barone Padre, che agguantato dall' ingranaggio di giochi più grandi di te, non riesci più a capire che ai tuoi Figli può dare sicurezza solo l' affetto vero e disinteressato di un Padre. E siete voi, servi dei servi, che per una scintilla di effimero potere, strumentalizzate i vostri fratelli più indifesi mettendoli gli uni contro gli altri, costringendoli a scelte che mai avrebbero voluto fare. E siete voi, figli indifesi, che strumentalizzati come siete, vi barcamenate tra mille voci e non sapete più quale bocca racconta la verità.
E vittime sono tutti quelli che, a testa china, come galline, si accontentano di razzolare nel fango e non sanno diventare aquile per volare liberi in alto, verso il sole.


BUON NATALE A TUTTA LA BARONIA.
TALIA

lunedì 10 dicembre 2007

PANSA PRIMA DI PARLARE PENSA

Certo non è facile il compito del commissario-prefetto Pansa, incaricato dallo scorso luglio di affrontare il disastro in cui culminano i quasi 14 anni della cosiddetta emergenza rifiuti in Campania. Però non lo aiuterà a risolvere il problema il metodo di proporre finte soluzioni magiche, prima con presuntuoso tono sorridente – durante una lunga estate che a Caserta e dintorni è stata un tormento di puzza da lui approvato e difeso – ora con toni stizziti e minacciosi contro questi incoscienti di cittadini campani che non vogliono essere avvelenati da finte ecoballe e da discariche sballate, in molti casi con la sola prospettiva di essere in futuro ulteriormente avvelenati dai fumi di un inceneritore.Ciò che Pansa ha proposto finora è in realtà uno slittamento di luoghi e di tempi del problema. Solo ipoteticamente poi risolto dalla scommessa sull’inceneritore di Acerra, che non si sa da chi, come e quando sarà completato, che è ferocemente avversato da molti, innanzitutto, e con buone ragioni, dai cittadini che dovrebbero vivere alla sua ombra.È un ragionamento ben strano quello di Pansa secondo il quale noi abitanti di Carinola dovremmo accettare di buon grado ciò che ha portato a una giustificata rivolta i cittadini intorno a Taverna del Re.Ma Pansa non sembra rendersene conto e in una serie di dichiarazioni rilasciate ai TG e all’ANSA, e riprese un po’ da tutti i giornali, afferma: «io andrò avanti anche con la forza». Per quanto riguarda il suo proposito di accettare le proteste a condizione che siano fondate, sanno già cosa pensarne a Caserta dove fino allo stremo Pansa ha contestato – ricorrendo contro una sentenza di tribunale – una marea di documenti che segnalavano l’avvelenamento dell’ambiente e gli effetti immediati evidentissimi della puzza schifosa e pericolosa che proviene da Lo Uttaro e che per mesi li ha torturati.Pansa, in varie dichiarazioni, ha tenuto a distinguere tra valore tecnico e politico delle proteste. Anche qui dimostra di non essersi reso conto di aspetti essenziali della questione rifiuti in Campania. In realtà ci vorrebbe un grande coraggio politico a dire chiaro – come sarebbe necessario per passare ad altre possibili soluzioni – che 14 anni di emergenza rifiuti sono l’effetto di scelte tecnologiche interessate e sconsiderate avallate colpevolmente dalla politica. E che finora si è a lungo andato avanti alla cieca cercando solo le soluzioni “tecniche” che potessero in qualche modo confermare quanto era stato già deciso per motivi certamente non tecnici. Quel che è successo con Lo Uttaro a Caserta ne è una prova, come ne e’ una prova il sito vaglie!!!Il coraggio di dire la verità, necessario per una vera svolta, Pansa non cè l’ha, il suo incarico di superfunzionario non lo prevede. Però se il suo compito è sostanzialmente quello di riempirci di altre ecoballe e di altri sversatoi a due passi da dove abita la gente, almeno non venga a raccontarci altre balle.Vi dico questo per farvi ragionare su quanti lati oscuri ha questa vicenda, e a tale proposito vi sottopongo alcune domande a cui io personalmente non so rispondere:1 Il sito di eco-balle doveva essere collocato in un posto distante dalle zone abitate, ed invece e’ stato scelto Vaglie. Perché?2 Il sito doveva essere scelto per risolvere il problema dei rifiuti in campania, ed e’ stato scelto un sito piccolo come vaglie. Perché?3 Il sito doveva essere scelto tra i 20 siti selezionati, è stata scelta Carinola che tutt’ora non c’è.Perchè?4 Il sito doveva essere individuato per legge in una discarica dismessa, ora invece si prende in considerazione Carabottoli che una cava non è. Perché?Caro Pansa:La soluzione sta in un grande atto di responsabilità.Se no:dimettiti.

ILPATINO

domenica 9 dicembre 2007

Quer pasticciaccio brutto de via Vaglie

Il Quiquirì prima di tutti è entrato in possesso del verbale della seconda audizione della riunione della commissione ambiente tenutasi a Napoli il 23/11/2007 . Un verbale di trenta pagine che per ovvi motivi di spazio (e altri) non abbiamo potuto pubblicare. In esso tuttavia vi sono degli elementi molto interessanti in cui vengono evidenziate le responsabilità istituzionali e politiche inerenti all’individuazione di Vaglie come sito di Stoccaggio all’interno del Comune di Carinola. Dalla riunione, svoltasi subito dopo l’incontro in prefettura in cui il sindaco per ordine del prefetto di Caserta (Maria Elena Stasi) consegnò la documentazione riguardante i siti Carabottoli (richiesto espressamente dal prefetto) e Sellecola (spontaneamente da parte del Sindaco), emergono chiaramente due dati di fondamentale importanza. Prima di ciò è importante chiarire che i dati riportati a seguito scaturiscono da un acceso confronto tra il Sindaco e il Presidente della commissione Michele Ragosta. I punti sono:

1 - Il sindaco era a conoscenza dell’individuazione di Carinola come sito di stoccaggio già subito dopo l’incontro a palazzo Chigi il 5/11/2007

2 - Il Presidente della commissione Ragosta sembra affermare che il sindaco di Carinola ha dato disposizioni alternative rispetto alle indicazioni preliminari del commissariato. (testualmente: Sicuramente ho appreso che lei ha dato delle alternative sul suo Comune, mentre il Presidente della Provincia ha detto che in Provincia di Caserta non si deve entrare. Lei ha già venduto il suo territorio, se lo vuole sapere, se ne può pure andare adesso. Lei ha giò venduto il suo territorio).

Tali indicazioni potrebbero essere sulla cava di Vaglie?

Alcune pagine del verbale possono essere lette cliccando i seguenti link:

1 2 3 4

Il Quiquiri

sabato 8 dicembre 2007

Quiquirì is out!

E' disponibile nella sezione download la versione pdf del Quiquiri, con alcuni dei post pubblicati a Dicembre.

Il Quiquiri in versione cartacea verrà prodotto periodicamente. Potete stamparlo, fotocopiarlo diffonderlo, ma sopratutto farlo conoscere a chi non usa internet!



Per scaricarlo andate nella sezione download della barra laterale, cliccare su Dicembre 2007 , e poi selezionare Download. Vi verrà chiesto dove posizionare il file, dopodichè scegliete ok e scaricate il file.


Il Quiquirì

venerdì 7 dicembre 2007

La vittima sacrificale - Capitolo II


...Il colpo era stato secco, deciso, ma la corazza che portava sempre sotto i vestiti gli aveva salvato la pellaccia. Il Barone Padre si alzò a fatica fissando la Figliastra con uno sguardo indecifrabile, di odio e sorpresa insieme, e gli venne spontaneo urlare " figlia ingrata!", ma il coltello che ancora stringeva nella mano era un capo d'accusa troppo lampante. Meglio mettere la coda tra le gambe e ritirarsi in buon' ordine, almeno per il momento.
La Figliastra sfidò quello sguardo con decisione e avrebbe voluto urlare a sua volta "padre traditore! Come hai potuto?". Ma non lo fece. Era tutto fin troppo chiaro e bisognava giocare a carte scoperte. Senza esitazione, con durezza, gli disse che il suo sporco allevamento di gabbiani se lo poteva andare a fare da un' altra parte, non in casa sua!
Il Barone Padre uscì da quella casa a testa bassa, mormorando tra i denti un minaccioso 'ci rivedremo' che suonò come un incubo e si allontanò.
Appena fu uscito, la Figliastra si lasciò prendere dalla tristezza: lo conosceva bene il suo patrigno e sapeva che era capace di tutto pur di raggiungere gli scopi che si era prefisso, ma la sua brama di potere e ricchezze era ancora capace di sorprenderla.
Fu un attimo. Si riprese dalla malinconia e cominciò ad organizzare la difesa. Non c' era tempo da perdere! Chiamò a rapporto i suoi galli da combattimento e li rimproverò aspramente perchè non avevano saputo vigilare sulla casa. Come avevano potuto far entrare in casa il nemico?
Nemico?...E chi poteva immaginare che il Barone Padre potesse essere il nemico della sua Figliastra? Nessuno lo sapeva! si giustificò Gallo Cedrone. Non è possibile, non si sarebbe mai sospettata una cosa simile! si difese Galletto Amburghese. Alzando la sua bella coda, Gallo Fiammante passò all' attacco dicendo che lui lo aveva sempre detto che non c'era da fidarsi, ma nessuno lo era stato a sentire! Gli altri due, Gallo Silente e Cappone, annuivano con la testa senza dire una parola, come avevano sempre fatto.
La Figliastra non si lasciò commuovere da quelle giustificazioni puerili, li inchiodò alle loro responsabilità e pretese la convocazione del Gran Consiglio per scegliere un altro territorio dove allocare il maledetto allevamento di gabbiani che aveva fatto tanto gola al Padre. Perchè doveva essere lei a cedere parte del suo territorio, già così esiguo e tartassato, e mettere a repentaglio l' incolumità dei suoi numerosi figli? Visto che il Padre era stato così scellerato da dare il suo assenso per un progetto di cui non si prevedevano le conseguenze, si scegliesse un territorio tra quelli di tutti i figli e figliastri dove, possibilmente, i pestiferi gabbiani avrebbero fatto meno danno!
Ma non aveva fatto i conti con i suoi fratelli e sorelle! Cedere parte del proprio territorio? Non sia mai!... Scapparono ben lontano i suoi fratelli, mettendo subito in chiaro che la faccenda riguardava solo lei. D' altra parte, meglio a lei che a uno di loro, come aveva fatto capire il Primogenito, ben protetto dall' ala paterna. Eppure, proprio lui l' aiuto l' aveva avuto da lei, e tanto anche! Ah, i fratelli! Non ci sono mai quando servono!... Solo le Gemellastre, come le chiamava il Padre, spendevano una parola buona in suo favore, ma poverette, non avevano le forze adatte ad aiutarla. Tranne l' Amica del Cuore, sua vicina, nessuno era disposto ad allearsi con lei nella lotta. C'era proprio di che sconfortarsi se non fosse stato per la combattiva presenza di don Abbondio che continuava a ripeterle: questo allevamento non s'adda fare!.... E di fra' Dolcino che, senza sosta, distribuiva con generosità le sue ... noci.
Mai come in quei giorni, Uccellacci e Uccellini atterravano nel suo cortile gracchiando e cinguettando, seminando panico o allegria. Ma chi la infastiva di più erano i numerosi Avvoltoi che volteggiavano sulla sua casa aspettando di calare sulla sua carcassa non appena ella sarebbe stata sacrificata....

TALIA

lunedì 3 dicembre 2007

Lettera aperta a Gennaro Mannillo

Da un amico politico e personale.

La vicenda “ecoballe” a Carinola sta per concludersi, speriamo positivamente per Carinola o almeno per Casanova.

Nella contorta vicenda la tua azione non mi è sembrata sempre trasparente e gradirei dei tuoi chiarimenti su alcuni punti.

1. Ormai è chiaro che tu come il sindaco eri a conoscenza dal 20 ottobre della localizzazione delle ecoballe a Ca rinola. Perché non hai resa pubblica la notizia? Se non lo sapevi, perché non hai rimesso la delega di assessore all’ecologia?

2. Hai sostenuto, in privato, la necessità di un sito alternativo e poi in presenza del sindaco hai sposato la sua linea di opposizione senza alternative.

3. Hai votato, nel Consiglio del 25 novembre diversamente dal sindaco e non ti sei dimesso da vicesindaco né lui te lo ha chiesto, altri assessori li ha rimossi per molto meno.

4. Sei con la gente nel bocciare la linea del sindaco e in piena sintonia con lui (vedi Consiglio del 28 nov.) quando è presente.

5. Perché stai conducendo una incessante campagna diffamatoria nei confronti dell’alto dirigente del ministero degli interni che ha rivelato le responsabilità del sindaco? Hai forse paura che il sindaco a sua volta riveli qualcosa di sconveniente sul tuo operato nella vicenda?

Mi spieghi perché stai così attaccato al sindaco visto il disastro amministrativo di Casanova e visto che le opere le realizza a Nocelleto e la “monnezza” ce la manda a Casanova? Mi rifiuto di pensare che sia per gli emolumenti che ti procura con incarichi vari. Allora perché?

Sarei felice se anche attraverso questo sito, sul quale pure hai scritto diverse volte e dal quale sei da qualche tempo a questa parte stranamente scomparso, mi aiutassi a capire. Da parte mia non esiste alcuna riserva negativa nei tuoi confronti anzi… Se però continuerai col tuo atteggiamento ambiguo i dubbi e i sospetti aumenteranno e prossimamente la tua pur numerosa parentela potrebbe non bastarti per continuare a galleggiare.

domenica 2 dicembre 2007

Ritorno all' Ovile?


Non dovremmo più permetterci di considerare i nostri diritti completamente staccati dai doveri di chi ci amministra. Ma il condizionale in questi casi è d’obbligo.
Chi scrive è una persona che ama sognare; e che plasma ogni istante dentro di sé le fattezze di un mondo utopico, dove persino il più elementare diritto di ogni essere umano viene considerato un obiettivo primario da perseguire.
Nel mio mondo utopico le persone un bel mattino si svegliano e, non sentendosi più rappresentate da chi invece avrebbe dovuto garantire loro quantomeno una vita dignitosa, decidono di voltare pagina.
Nel mio mondo utopico, quelle stesse persone che fino al giorno prima non hanno condiviso nulla se non la terra - nel senso più materiale del termine - e che si ritrovano improvvisamente a dover fronteggiare una terribile minaccia alla loro salute e a quella dei loro figli, al loro risveglio si uniscono e si ribellano, lasciando a casa bandiere e ideologie, in nome di un obiettivo comune.
La mia utopia è il sentire la necessità del cambiamento come un fine irrinunciabile, un desiderio fondamentale, e non una “possibilità” tra tante altre.
Fin dalla sua nascita ad ogni uomo, unitamente al suo nome, viene affidato un “compito”: perseverare nella rivendicazione della propria libertà e di quella di chi gli sta intorno.
Che gioia poter sognare!!! Ma al risveglio, ecco materializzarsi l’agghiacciante realtà!
Inorridisco pensando che tra pochissimi mesi ci saranno nuovamente le elezioni, e molto probabilmente, come pecorelle smarrite, tutti insieme torneremo all’ovile: andremo ad affollare le urne disegnando graziose crocette sui nomi di quelle stesse persone che oggi ferocemente condanniamo. Costoro verranno da noi, a prometterci favori, sorrisi e prosperità. I re, che durante la lotta erano stati denudati, torneranno a vestire gli abiti migliori! E non saremo forse proprio noi a cucirli per loro?
Se così, allora meritatamente continueremo a pascolare, obbedendo a tutti questi buoni pastori.
E a testa bassa continueremo a mangiare l’erba. Ovviamente contaminata.

AliceNelPaeseDelleMeraviglie


sabato 1 dicembre 2007

La scomparsa dei fatti

Sotto i tendoni, tra rosari e comizi, la gente è stufa di aspettare. E stamattina l’ennesimo “prodigio”: due quotidiani diversi hanno riportato due opposte versioni. Secondo Il Mattino Vaglie è ormai il sito prescelto; sul Corriere del Mezzogiorno si parla invece di Carabottoli.
Tutto ciò conferma quella che sembrava essere soltanto una supposizione dei più scettici: i fatti (e i documenti) scompaiono nel nulla. Mentre mi chiedevo perché, il giornalista Marco Travaglio mi ha risposto così:

C’è chi nasconde i fatti perché non li conosce, è ignorante, impreparato, sciatto e non ha voglia di studiare, di informarsi, di aggiornarsi.
C’è chi nasconde i fatti perché non vuole rogne e tira a campare galleggiando, barcamenandosi, slalomando.
C’è chi nasconde i fatti perché si sente embedded, fa il tifo per un partito o una coalizione, non vuole disturbare il manovratore.
C’è chi nasconde i fatti perché se no lo attaccano e lui vuole vivere in pace.
C’è chi nasconde i fatti perché fra poco ci sono le elezioni.
C’è chi nasconde i fatti anche a se stesso, perché ha paura di dover cambiare opinione.
C’è chi nasconde i fatti perché così poi qualcuno lo ringrazia.
C’è chi nasconde i fatti perché spesso sono tristi, spiacevoli, urticanti, e non bisogna spaventare troppo la gente che vuole ridere e divertirsi.
C’è chi nasconde i fatti perché così poi magari ci scappa una consulenza col governo o con la Rai o con la Regione o con il Comune o con la Provincia o con la Camera di commercio o col sindacato o con la banca dietro l’angolo.
C’è chi nasconde i fatti perché altrimenti è più difficile voltare gabbana quando gira il vento.
C’è chi nasconde i fatti perché è nato servo e, come diceva Hugo, “c’è gente che pagherebbe per vendersi”.
(M. Travaglio, La scomparsa dei fatti, 2007)
Che dire, con così tante buone ragioni…
Crisalide

La Vittima Sacrificale - Capitolo I



Qualcosa era andato storto nei piani del Barone Padre. Eppure ogni cosa era stata analizzata attentamente, ogni minuzia vagliata meticolosamente. E invece... poff! Tutto in una balla di sapone (pardon, bolla!).
Ahi, quell' asso nella manica non se l' aspettava proprio! E com' è che la gatta Cenerentola si era trasformata in una tigre?.... Errori di valutazione. Stupidi, banali errori di valutazione. Ma tutto ciò era grave e non doveva succedere più. Qualcuno dei suoi nove figli e figliastri poteva convincersi che stava perdendo colpi e approfittarsene. Invece dovevano ancora temerlo e rispettarlo con la massima riverenza.
Anche se li amava tutti allo stesso modo, I giochi li doveva fare ancora lui o la baronìa non avrebbe fruttato più il massimo. E il massimo si poteva ottenere solo se si sapeva giocare d' azzardo, come faceva lui. A costo di sacrificare uno di loro e metterli uno contro l' altro.... Era successo già tante volte, ma il bene della famiglia giustificava ogni cosa e tutto il resto passava in second' ordine.
Guai se qualcuno di loro avesse preso il sopravvento....
Quando aveva deciso di sacrificare la figliastra, lo aveva fatto, è vero, tanto a malincuore, ma andava fatto.
La posta in gioco era molto alta e non si poteva correre il rischio di perderla. In fin dei conti lei, la figliastra, non gli aveva dato tutto quell' affetto che lui si aspettava ed era l' unica ad avere velleità ereditarie che andavano stroncate. Non erano in preventivo. Una decisione andava perciò presa. Una sofferta decisione.
Era ormai troppo vecchio per poter fare da solo, ma la baronìa andava comunque lasciata nelle mani di una persona fidata, di uno che egli poteva ancora manovrare con fermezza e che avrebbe soddisfatto le sue decisioni. E chi poteva essere se non il Primogenito che si era cresciuto con tanta dedizione al suo fianco, a cui aveva dato tanto e da cui si aspettava tutto? Gli altri figli e figliastri, sempre affettuosi, sarebbero stati comunque trattati molto bene, come sempre....
La figliastra invece andava eliminata. Era remissiva si, arrendevole si, ma quelle sue improvvise alzate di cresta potevano compromettere tutto. E poi non sarebbe mai stata capace di soddisfare appieno I suoi desideri! Gli avrebbe creato solo problemi.
Doveva solo riuscire a prenderla. Non sembrava poi tanto difficile! I cinque galli da combattimento che razzolavano nel suo cortile, messi lì a difesa della casa, non erano poi così ruspanti e non l' avrebbero beccato se lui sapeva come prenderli. Figurarsi se poteva aver paura di loro!... E lei sembrava così fiduciosa, così tranquilla. Non dubitava minimamente del suo affetto di padre.
L' avrebbe circuita con il suo sorriso, la sua presenza, le sue promesse.... tant' è! Era un esperto nel gioco delle tre carte e a lei piaceva molto guardarlo mentre giocava: l' avrebbe distratta, fatta divertire prima di sferrarle il colpo decisivo....
Come aveva potuto sbagliarsi? Come aveva potuto pensare che l' avrebbe eliminata così facilmente? Eppure...! Quando lei era già sull' altare del sacrificio, inerme, e lui stava per sferrarle la pugnalata nella schiena, lei si era voltata all' improvviso e - bum! - gli aveva sparato il colpo di pistola che lo aveva steso al suolo....

TALIA

venerdì 30 novembre 2007

Ritornano alla carica

Ombre ciclopiche, poi subito piccolissime fino a scomparire, per poi riapparire sempre più spesso, sinistre, in gruppetti di interessati (fuori ad un bar, o nei nuovi contesti ecologici, particolarmente visibili ed aggregatori), tra fidati e ambigui chiacchieroni, che fanno riferimento a certuni rappresentanti della politica, così oscenamente concepita dalle nostre parti dai politici in primo piano. Ma meglio potremmo dire della politica così “bene-intesa” nelle nostre zone. Ombre che chiuse in una stanza farebbero paura perfino ad un Cicerone.

Forse ad un primo sguardo.

Intanto la campagna ecologica legata alla vicenda eco-balle non risparmia nessuno, tutti insieme o contro a combattere il nemico, che sia Pansa, che sia il sindaco, che sia il sindaco e De Franciscis insieme, che sia contro/insieme sindaco De Franciscis e sostenitori raccimola-voti di entrambi. Ma pure il popolo non è risparmiato, che manco dopo aver annusato la gravità dell’evento- o almeno non tutto nella sua dipendenza da scelte politiche presenti, passate e future- si libera dalla convinzione (per alcuni giustificata da interessi, per altri “ideologica”) che è sempre giusto che i nostri politici agiscano nella maniera anzidetta. Mannillo tra questi si è incamminato dall’inizio passando da istituzione a carbonaro, poi politico ed infine salvatore della patria (secondo alcuni, o forse solo uno, o forse neanche quello) con la convinzione che liberando il popolo casanovese dalla munnezza avrebbe alla fine ottenuto non solo la grazia - almeno in parte, perchè di tutto sarebbe impossibile- ma è convinto ahimè di un altra cosa, che alle prossime elezioni, se non guadagnerà altri consensi, almeno i suoi non li ha persi, lanciandosi, in maniera a dir poco malcelata, anche come possibile candidato a sindaco, visto che Marrese col suo voto allineato a quello di Di Biasio a Casanova non ci potrà più passare a chiedere un voto, figuriamoci un accordo. Forse. Poichè dopo aver assistito all’assurdo gioco “Il Ritardo” – ma ora è meglio parlare di sudditanza - dei consiglieri di maggioranza di Casanova, forse per Marrese ancora nulla è perduto. Può ancora sperare. Intanto si adopera con tutti gli uomini a disposizione.

Micco

APOLOGIA DELLE BALLE


F. Nietzsche scriveva: "nulla avviene per caso" e, credo, che anche la paventata dislocazione delle ecoballe nella cava di Casanova, non sia stata una cosa avvenuta per caso!!! Ho seguito come la maggior parte dei Casanovesi tutta l'evoluzione da "ab initio" alla fine (così sembrebbe nel momento in cui scrivo). Verosimilmente il vissuto di queste ultime settimane per il popolo di Casanova, è stato certamente un avvenimento notevole, quasi di portata epocale se riferito alla routine di cui ogni giorno era scandita l'esistenza. Ma come era solito dire il poeta R.M.Rilcke:"tutto quello che è frenetico sarà presto passato, perchè solo il flemmatico ci inizia al perpetuo..." Ma la cosa più interessante di questo avvenimento"BALLOSO" é stata, secondo me, la constatazione della vera essenza antropologica e comportamentale del popolo di Casanova. E ci tengo a ribadire dei Casanovesi in particolare e non del comprensorio dell'intero comune di Carinola perchè- se è pur vero che tutte le frazioni del comune afferiscono per affinità elettive allo stesso comune , ognuna di esse - quindi anche Casanova - si differenzia perchè possiede un "imprinting" che la peculiarizza rispetto a tutte le altre. E per me, che ho seguito tutto lo svolgersi di questo evento, è stato motivo di profonda riflessione sociologica nonchè di notevole arricchimento psicologico. E'stato un continuum di eventi di Eraclitea memoria e le parole "scorrevano"a fiumi. Bellissimi i "Gazebi" di variopinti colori, subito empi di una moltitudine di esseri umani (prevalentemente donne). Alcune di queste, dal viso straordinario perchè ricche di un vissuto pieno di dolore e sofferenze; altre prevalentemente"capere" piene di cose "vuote" da rappresentare alla "gente"; molti giovani (vittime e non colpevoli) privi di educazione e di cultura che scambiavano per libertà i lori impulsi, privi di ogni freno fino alla violenza. E così in più occasioni, mi è capitato mio malgrado di assistere ad abbandoni verbali per niente costumati ed a volte blasfemi (che tristezza). A questa tipologia di giovani (ma non solo a loro) mi permetto umilmente di dare un consiglio di plutarchiana memoria:"non parlar male di alcuno; non lodare chicchesia; non lamentarti e non incolpare sempre gli altri; un giorno potresti trovarti al posto di quelli che incolpi e potresti fare peggio di loro; ed infine, non dare libero arbitrio ed impulso ai primi moti dell'anima se non ti sei calmato e placidato; più semplicemente, quando sei "incazzato" stai zitto, se no qualunque cosa dici hai sbagliato. E poi, la cosa più interessante che ha caratterizzato questo evento, è stata l'attività lavorativa alla quale sono stati sottoposti i nostri politici. Un vero "Tour de Force" al limite delle sopportazioni psicofisiche. I bioritmi completamente saltati, stress emozionali indicibili, telefonate senza fine, comizi interminabili, portavoci di istanze collettive disperate, siti alternativi, Carabottoli, Vaglie, Selleccola. Altri già in piena campagna elettorale per cercare qualche altro "sito"alternativo!!! Una attività frenetica, senza limiti. Veramente degni della massima stima e considerazione! Se fossero vissuti ai tempi di Socrate, avrebbero sicuramente governato Atene!!! E, Platone, li avrebbe annoverati nella sua "REPUBBLICA". Primo fra tutti (per default) il sindaco Pasquale Di Biasio che, pregno delle sue attività dialettiche di tipo allucinatorio, ha tenuto a ribadire - durante uno dei suoi comizi al presidio Vaglie - che, per il popolo di Casanova lavora indefessamente fino alle 14.00 di notte!!!Grazie Signor sindaco, siamo tutti servi vostri!!! O se vuole: "a faccia nostra sott'e i piere vuost'e", sperando che siano profumati!!! A seguire, il nostro compaesano Gennaro dott.Mannillo. Platone, ti avrebbe detto: Gennà, tu che sei figlio della nostra terra e sei una persona intelligente, perchè ti ostini a portare la borsa a Pasquale Di Biasio? Perchè non t'adopri per essere te stesso ed onorare la vera arte della politica? Goethe diceva:"Se vuoi conoscere te stesso, non farlo nella contemplazione ma nell'azione cosciente di aver fatto bene il tuo dovere". Gennà, che pensi? L'hai fatto bene il tuo dovere? Provaci ancora, ma devi lasciare da parte il sindaco, se no fai Carachiri. Ai Signori dottori, nel senso di medici, Platone li avrebbe sicuramente redarguiti non poco, in quanto avrebbe detto loro: "A lor Signori,che prima di esercitar il nobil mestiere hanno giurato solennemente ad Ippocrate di dedicare anche l'anima per il bene dei propri malati, perchè volete curare anche gli scranni del comune di Carinola che grondano di così opulente chiappe??? Non vi appaga forse la gratitudine dei vostri pazienti? O forse non riuscite ad essere empi di quanto lo stato vi profonde? O forse vi serve anche il potere per dormire la notte? E Platone v'incalza: "Il bisogno di potere nasconde arcane mancanze nella vostra anima ed implica come conseguenza dei vostri atti una sostanziale inimicizia tra tutti coloro che vi circondano"!!! Hai capito dottò? Perché non tornate ad onorare in toto il giuramento di Ippocrate e pensate solo ai malati? Al resto dei politicanti del comune di Carinola, Platone fa fatica a collocarli nella sua Repubblica; ne ha parlato anche con il suo maestro Socrate, ma anche questi non sa proprio cosa farne!!! Non e il caso che vi occupiate di qualcos'altro???Sono sicuro che seguirete il consiglio Socratico. A tutti gli altri che in questi giorni non hanno fatto altro che parlare, parlare, parlare, Platone per mezzo di una "relata refero" di Goethe, Hegel, Tolstoi, viene indirizzato loro un aforisma ricamato ad hoc: "Nessuno è grande per il suo cameriere "dandone verosimilmente l'unica interpretazione possibile: il cameriere (non me ne vogliano perchè li stimo moltissimo) non può che vedere attraverso la sua categoria. E così colui che parla, parla, parla, evidenziando i difetti altrui, è solo lui il vero mediocre. A costoro umilmente dico: se proprio non ce la fate a stare zitti e dovete per forza dare un giudizio, questo deve essere consolidato solo su quello che effettivamente siamo, e ,non su ciò che noi dovremmo essere!!! E poi, consentitemi c'è tutta quella gente umile, straordinaria e bellissima con le "scuole basse" piena di rughe e con il "maccaturo"che contiene i capelli usurati dal tempo. Gente vivida che conosce il sapore del dolore, la sofferenza, le privazioni e la consapevolezza della propria dignità. Donne antiche che in questi giorni hanno presidiato il tempo senza mai far fermare le lancette delle proprie emozioni! Platone, a questa povera gente (che sa anche pregare) ha riservato il posto d'onore della sua Repubblica e loro, prima di tutti, sono degne della massima stima e considerazione! Veramente brave!!! Ed in ultimo, Caro amico Don Carlo, non potevi che epilogare questa mia dissertatio pseudophilosophica sull'apologia delle "balle" per non dire un'altra cosa!!! A Te, non Platone, ma un ALTRO molto più ETERNO sicuramente Ti avrà dato i lumi per aiutarci in questa drammatica vicenda. Sono sicura che Ti ha "patriziato" affinchè tutto vada a buon fine. Verrò a brindare con te! Intanto, per il momento faccio qualche scongiuro! Ma cosa hai pensato? Per farmi perdonare Ti dedico una poesia di Rainer Maria Rilke,un poeta a me molto caro: Non attendere che Dio su Te discenda e Ti dica "SONO" Senso alcuno non ha quel Dio che afferma l'Onnipotenza Sua Sentilo Tu nel soffio onde Egli Ti ha colmo Da che respiri e sei. Quando non sai perchè t'avvampa il cuore: è Lui che in Te si esprime! Bellissima vero???!! Auguri Don Carlo,auguri a tutti i lettori del Quiquiri ed auguri anche a me! Alla prossima apologia.


ORCHIDEA

martedì 27 novembre 2007

Lettera aperta al consigliere De Risi

al signor De Risi consigliere del comune di Carinola

Ero presente al consiglio comunale di domenica 25 novembre c.a. Ho accolto con molto rispetto la sofferta votazione del consiglio sulla scelta di un sito alternativo a quello di Casanova per le eco balle, come richiesto dal prefetto dott. Pansa. Rispetto il voto di tutti, anche di quelli che hanno votato contro la proposta, tranne il tuo.
Perché:

1) Hai scelto di far depositare le balle di immondizia in mezzo Casanova, minacciando la salute di più di duemila persone al posto di Carabottoli dove non vive nessuno. Ti dovrebbero sospendere dall’ordine dei medici. Risponderai che hai proposto Selleccola. E' un'ipocrisia, in quanto la prefettura vi aveva avvisato che per loro Selleccola non era idoneo e proponendola si proponeva la cava di Casanova (sei sfortunato, ho validi informatori!).

2) Hai affermato che Carabottoli non è idoneo perché non è una cava mentre per legge al Prefetto serviva una cava, e poi hai proposto Selleccola che non lo è.

3) Hai sostenuto Carabottoli non idoneo, mentre, a fine anni novanta hai votato per una discarica di rifiuti temporanea da allocare in quel sito, votata da te quale consigliere e da De Biasio come assessore ai lavori pubblici, il quale vi ha anche realizzato una vasca di cemento che forse sarà la salvezza di Casanova. Ieri sito idoneo come discarica, oggi inidoneo per le balle che sono meno inquinanti.

4) Hai definito quel sito una palude e un attimo dopo terreno di prima classe dove insistono colture di pregio.

5) La tua proposta indecente di Selleccola non ha ricevuto nemmeno un consenso! Nonostante questo schiaffo morale non sei stato nemmeno sfiorato dall’idea di dimetterti da capogruppo - carica non retribuita- . Mi sono ricordato di quando anni fa ti hanno costretto a dimetterti (con notevole ritardo) per mantenere un impegno da te sottoscritto. Che strazio avrai provato! Che pena!

Ma dove hai toccato il fondo dell’ipocrisia con cui sei convissuto per anni, che a me ha dato tanto fastidio, è stato quando hai parlato di onestà intesa come libertà di pensiero e di idee. Della parola onestà tu non conosci il vero significato, facile da predicare, ma difficile da praticare, come ti ho dimostrato nei punti su descritti.
Ma credi che Casanova sia Milano? Forse anche là sanno che gli affittuari di Carabottoli e zone limitrofe sono tuoi elettori. Minacci la salute di una popolazione per quattro voti!

Al direttore del blog:
preciso che parlo esclusivamente di onestà politica. Di quanto sopra affermato esiste registrazione su nastro magnetico

domenica 25 novembre 2007

E' finita? (2)

Non e' ancora finito il consiglio comunale straordinario che gia' cominciano ad apparire commenti faziosi e vigliacchi che cercano di prendersi i meriti (di cosa, poi?).

Comunque, cio' che e' importante ricordare e' che la mozione dei consiglieri di Casanova per individuare Carabottoli come sito alternativo a Vaglie non ha raccolto l'unanimita' dei voti.
Del perche' di una simile contrarieta' si dovra' chiedere conto a queste persone. Se pensano che e' meglio mettere a rischio la salute dei cittadini portanto immondizia di dubbia provenienza fin dentro il centro di un paese, anziche' (ahime) sacrificare dei terreni di proprieta' demaniale devono spiegarci perche'. E cosi pure il sindaco.

Ricordiamoci comunque che non e' finita.

Raccontate la vostra, e se volete mandate le vostre foto: saranno inserite nella nuova sezione Galleria Foto nella barra laterale.



sabato 24 novembre 2007

Dispaccio serale (3)








Clicca sull'immagine per vedere le altre foto della protesta (photos by antiope e anto)
.
.
.
.
.
.
.
Riunione all’oratorio Emmaus di Casanova. I consiglieri e i cittadini presenti hanno potuto sentire per l’ennesima volta ciò che ormai nel paese si sa, e di cui vergognosamente il più importante giornale del sud Italia, il Mattino, non ha mai parlato, arrivando oggi a sostenere che Casanova si è rassegnata: nel momento in cui il sindaco fu informato della scelta di Carinola come luogo in cui individuare un sito di stoccaggio, egli indicò la Cava di Casanova.
Mettendo da parte le differenze politiche e i servilisimi vari sembra che i consiglieri casanovesi siano finalmente giunti alla decisione alla quale li avremmo voluti vedere arrivare già da qualche tempo: al consiglio comunale di domani mattina presenteranno la proposta di un sito alternativo, Carabottoli, a posto della Cava di Casanova. Si sono inoltre impegnati a rassegnare le proprie dimissioni (cosa che potrebbe provocare la caduta dell’intera giunta), se la proposta non dovesse raccogliere la maggioranza dei voti in consiglio comunale.
Vorrei per il momento sospendere il giudizio, e aspettare domani, ricordando loro che comunque ormai non hanno più scuse.


Sgrinchio



Le ragioni di un'alternativa

In merito alla questione Vaglie dirò in queste righe cose mediamente inutili alla causa. De Franciscis ha infatti già ribadito la propria indisponibilità a seguire una via d’uscita di conciliazione con il Commissario Pansa, insistendo sul diniego totale alla messa a disposizione di siti utilizzabili per lo stoccaggio di ecoballe in provincia di Caserta. Da questa posizione difficilmente si muoverà: il suo “no a Carinola” è semplicemente conseguenza diretta del suo “no a Caserta”. Niente siti alternativi a quello della località Vaglie quindi, ma solo ricorsi e “resistenza”(!). Ogni eventuale considerazione sulla possibilità di altri percorsi è, ad oggi, bellamente superflua.
Nonostante ciò ritengo comunque utile esporre le ragioni che mi hanno indotto a sposare a più riprese quella che sin dall’inizio di questa storia mi era parsa una valida azione che stavano proponendo alcuni cittadini carinolesi: l’indicazione di un sito alternativo a Vaglie, ubicato nel Comune di Carinola. Tale esposizione, lo riconosco di nuovo, è oggi del tutto ininfluente e terribilmente demodè, ma allo stesso modo convengo che l’abitudine ad evitare di riflettere a posteriori, sia quando è “oramai troppo tardi” sia quando “abbiamo già vinto”, ha portato in casi analoghi a compiere inesorabilmente errori evitabili la volta successiva. Di Storia, diceva una mia mai dimenticata insegnante, val bene sempre discutere, anche se non la si può cambiare.
E allora, anche se ormai ciò appartiene alla storia, va detto che, nel mese di Novembre dell’anno 2007, nella comune ed indiscutibile intenzione di tutti i cittadini di Carinola di scongiurare l’installazione di un impianto di stoccaggio nella cava di Casanova disposta dal potentissimo (l’unico che può derogare la LEGGE!!!!) Commissario Alessandro Pansa, un gruppo di essi suggerì un’altra via: quella che avrebbe voluto l’individuazione di un sito alternativo sul territorio provinciale (compreso il territorio carinolese) da parte del Sub-Commissario Sandro De Franciscis. Nella testa di tali individui albergava innanzi tutto la convinzione che si stava commettendo un errore: l’opposizione da parte di molti cittadini alla nascita del sito di stoccaggio a Casanova era esclusivamente incentrata su una questione di appartenenza territoriale (“No alle ecoballe a Carinola”, “No alle ecoballe a Casanova”, seguito dal defranciscisiano “No alle ecoballe a Caserta”). L’illogicità e l’“illogistica” del sito di Vaglie in quanto troppo vicino al centro abitato nonché troppo difficile da raggiungere dai mezzi su gomma, sono sembrate essere relegate alla funzione di utili argomentazioni di sostegno alla causa e mai elevate a causa stessa. Mi spiego: si combatteva contro l’installazione di una discarica a Carinola e a quel fine si argomentava che si era scelto un posto troppo prossimo alle case; più giusto invece sarebbe sembrato a molti il condurre una battaglia contro l’installazione di siti troppo vicini alle case (ovunque questo avvenisse) e conseguentemente essere contrari alla discarica che si stava predisponendo a Carinola. Tra le due posizioni (che assolutamente convergevano) la seconda appariva anche a me più credibile. E chissà se tale maggiore credibilità avrebbe potuto essere una sensazione avvertita anche da Sua Eccellenza Alessandro Pansa. Alle orecchie del Prefetto, invece di uno scontato “NO ALLE ECOBALLE A CARINOLA” (da affiancare agli innumerevoli no territoriali già pervenuti) o di un ancora più netto (e a questo punto insolente) “NO ALLE ECOBALLE A CASANOVA”, poteva giungere un’altra protesta: “NO ALLE ECOBALLE IN PROSSIMITA’ DELLE DIMORE” oppure “NO ALLE ECOBALLE VICINO ALLE SCUOLE E AI BAMBINI”. Protesta di diversa formazione e, probabilmente, di maggiore spessore, che per lo meno avrebbe evitato che Sua Eccellenza, in una sfottente intervista rilasciata al TG3, bollasse quella di Carinola come la più ovvia delle rivendicazioni, analoga a quella di Acerra, di Atena Lucana, di Ariano Irpino ecc. ecc. ecc.. Una cantilena, è apparso voler dire il Prefetto, a cui oramai aveva assuefatto l’udito e a cui non poteva dare importanza per ovvie ragioni. Ho creduto anche io che un dissenso improntato diversamente, che non si fosse fermato al “noi le ecoballe non le vogliamo”, che magari dalla protesta poteva trasformarsi in proposta, avrebbe avuto un’efficacia immediata diversa. Avremmo per lo meno guadagnato tempo, ed eravamo in ore drammatiche.
Se si fosse seguito tale filone sin dall’inizio della vicenda, come qualcuno proponeva, si sarebbero tuttavia (ed è qui che certi altri si sono improvvisamente tirati indietro) dovute seguire delle condotte consequenziali e assumere posizioni derivate che a molti (probabilmente ai più, per numero ed importanza) facevano arricciare il naso. Se si diceva che l’unico problema era quello di non installare impianti di stoccaggio in prossimità di case e scuole, si lasciava aperta la possibilità teorica di utililizzare spazi dotati di idonee distanze che si trovassero in Provincia di Caserta e, perché no, anche nel Comune di Carinola. Da ciò nasceva l’incompatibilità con gli assunti irremovibili di chi ha interpretato la lotta esclusivamente dal punto di vista dei confini di municipio (con tanto di invito pubblico ad evitare frazionismi) che tale possibilità esplicitamente escludeva.
Ma chi voleva lottare unicamente per la difesa di parametri di sicurezza e di tutela della salute e non per mera difesa di contrada non poteva porsi (se non a costo di compiere nefandezze intellettuali che avrebbero per sempre minato la propria credibilità) in posizione contraria all’individuazione di eventuali siti nel proprio territorio provinciale o addirittura comunale, qualora questi siti tali parametri rispettassero. Anzi, per rafforzare le proprie ragioni, alla ricerca di tali siti avrebbero dovuto partecipare propositivamente. Ecco quindi che, nell’invito che coloro che la pensavano in quel modo avrebbero voluto rivolgere immediatamente al Sub-Commissario de Franciscis di rintracciare in provincia un sito alternativo e con parametri idonei, non potevano escludere l’eventualità che tale sito sostitutivo di Vaglie si trovasse proprio nel Comune di Carinola e che rispondesse (ad esempio) al nome di “Carabottoli”. Tale località è quella del Comune di Carinola innegabilmente più distante dalle case e dai nuclei abitati sia del Comune di Carinola sia dei comuni limitrofi . Chi dice che il parametro principe per rendere possibile l’installazione un sito di stoccaggio deve essere la distanza dal centro abitato (e che sull’assenza di tale parametro fonda la sua contrarietà al sito di Vaglie), implicitamente indica Carabottoli come “possibile”. Possibile si è detto, non “auspicabile”.
Questo avrebbero dovuto fare, in buona sostanza, i cittadini e l’Amministrazione secondo alcuni, compreso il sottoscritto: indicare un’area possibile nel proprio territorio ed esortare tutti gli altri Comuni ed Enti Locali della provincia di Caserta a fare altrettanto nel loro. Al Sub-Commissario poi sarebbe spettata la scelta definitiva, da prendere in un’assemblea plenaria di tutti i Sindaci casertani.
In quella sede sarebbero poi stati rimessi in gioco anche quei siti che nella oramai famosa circolare prot. 26525 venivano indicati dallo stesso Commissario delegato “potenzialmente idonei”.
Ricapitolando, alcuni di coloro che ora parteciperanno alla “resistenza” ad oltranza avrebbero agito in questa maniera:
1) subito dopo aver appreso la notizia dell’individuazione di Casanova, i Cittadini e l’Amministrazione Comunale, con le procedure più consone (Consiglio Comunale? Ordinanza?), dopo aver considerato e dimostrato (relazione tecnica di parte) che il sito Vaglie è clamorosamente non idoneo ad ospitare il sito di stoccaggio in quanto posizionato estremamente vicino al centro abitato, avrebbero potuto chiedere la convocazione ad horas di un’assemblea plenaria di tutti i sindaci della Provincia di Caserta, presieduta dal Sub Commissario on. De Franciscis, onde discutere l’elaborazione di parametri di buon senso per la ricerca di un sito alternativo sul territorio provinciale;
2) in tale sede la posizione dell’Amministrazione Comunale di Carinola sarebbe stata quella di considerare non negoziabile il parametro della distanza minima di 800 metri dal centro abitato per istallare un impianto di giacenza rifiuti di qualsiasi tipo;
3) nella stessa convocazione dell’assemblea, il sub.commissarioDe Franciscis avrebbe dovuto ordinare (i sub commissari hanno poteri superiori di imporre ordinanze) ad ogni sindaco di indicare eventuali siti rispondenti ai parametri scelti (con particolare riferimento a fogli catastali non compromessi urbanisticamente) che dovessero trovarsi nei territori amministrati, oltre a quelli già considerati potenzialmente idonei dalla nota 26525;
4) il Comune di Carinola avrebbe potuto da subito, in un’ottica di non sottrarsi alle proprie responsabilità e ai propri doveri nei confronti dell’emergenza rifiuti e in segno di profondo spirito di collaborazione con il Commissario ed il Sub-Commissario, il sito di Carabottoli come il sito potenzialmente idoneo indicato dallo stesso Comune di Carinola;
5) Il sub-commissario De Franciscis avrebbe quindi operato una scelta definitiva tra le proposte pervenute dai vari sindaci e quelle già contenute nell’elenco.
A chi dice che i Sindaci non avrebbero risposto all’invito di indicare un sito con i giusti parametri nel proprio territorio, è necessario ricordare che le mappe catastali sono di gestione comunale e che alla domanda “esiste nel vostro territorio in luogo posto in un foglio non compromesso urbanisticamente?” o a domande similari, i sindaci non avrebbero potuto sottrarsi.
La nostra indicazione sarebbe inoltre servita quale esempio per gli altri e come testimonianza di non preconcettualità.
Agendo così avremmo insomma ottenuto il grande risultato di rimettere tutto immediatamente in gioco, e oggi, probabilmente, ci troveremmo di fronte una situazione diversa.
Con il nostro senso di responsabilità avremmo “costretto” ad altrettanta responsabilità gli amministratori e i cittadini degli altri comuni e lo stesso Sandro De Franciscis. Si sarebbe trovata, infine, una soluzione definitiva e, credo, tra i tanti siti “possibili” difficilmente sarebbe stata scelta l’area di “Carabottoli”.
Vi ho raccontato il perché, da subito, il sottoscritto si è schierato con coloro che invocavano l’indicazione di un sito alternativo nel Comune di Carinola.
Se proprio non meritiamo la ragione, spero di aver contribuito a far riguadagnare a coloro che l’hanno pensata come me un minimo di rispetto. La nostra era una posizione frutto di un ragionamento. W Carinola.
L'olandese

Dal letame non nascono più fiori

Nell'agenda politica mondiale l'ambiente è una priorità stabile. Tutti convengono che, a questo punto, i verdi hanno esaurito il loro ruolo. Anche gli americani notoriamente contrari a Kyoto vanno rivedendo le loro posizioni. La situazione dell'ecosistema mondiale è ormai ad un punto di non ritorno. Per la cultura ambientale si può e si deve fare di più.Ma la nostra provincia e la nostra regione, caso ormai noto a livello planetario, è indietro. Troppo. E' arrivato il momento di fare quello scatto di orgoglio che nelle situazioni più difficili permette di recuperare posizioni altrimenti pregiudicate. Si tratta di esercitare tutta la virtù italica per evitare il collasso più completo. La responsabilità maggiore ovviamente è da imputare agli organi istituzionali preposti alla informazione, istruzione e formazione dei cittadini. Chi non ha innestato nelle giovani menti il germe della cultura ambientale è colpevole anche delle conseguenze di ciò. E' arrivato forse il momento di prenderne coscienza e di porre in essere le azioni necessarie per evitare il perpetuarsi di tali insopportabili lacune. Senza di ciò le nostre terre saranno sempre più invase da rifiuti di ogni genere fino al collasso totale per cui in un futuro ormai prossimo si potrebbe rinunciare all'idea di tenerle pulite (da qualche parte già si è in tale situazione). Allo stesso modo la politica locale deve fare quanto è nelle proprie possibilità fissando obiettivi ragionevoli e raggiungibili e vigilando che i servizi ci siano e siano efficienti.Soprattutto deve cominciare a parlare con i cittadini dei loro problemi, mettendo in cima alle sue priorità la difesa dell'ambiente e il recupero dei siti contaminati. Lo scarso controllo sul territorio denuncia che tali siti sono molti di più di quelli ufficalmente conosciuti e classificati. Anche sulle vendite dei terreni andrebbe attuato un severo controllo ambientale, come pure sui siti normalmente incolti. Attenzione massima ci dovrebbe essere anche per gli studi epidemiologici e per le cause di decesso.Inspiegabilmente nemmeno di ciò abbiamo notizia. Quale il rischio di ammalarsi vivendo nel nostro territorio? Io ho sentito solo allarmanti dati in ordine ad alcuni indici di inquinamento in alcuni comuni della Campania (v. Voce della Campania) . Se questi suggerimenti non saranno prontamente recepiti è difficile anche solo immaginare un futuro. L'ambiente sembra sopportare ogni angheria ma, a veder bene, non è così. La battteria usata gettata in discarica sarà ancora lì tra 100 anni(forse più) mentre potrebbe essere raccolta separatamente e riutilizzata. I metalli pesanti, le sostanze tossiche e nocive, quelle radioattive provocano danni nemmeno quantificabili e pertanto andrebbero gestiti con le dovute accortezze.Perchè ciò non avviene? Perchè raccogliamo i rifiuti come si faceva trnt'anni fa? E' possibile che tutti siamo così ciechi? Oggi abbiamo opportunità di informazione che mai l'uomo ha avuto a disposizione ma anche il maledetto vizio di "tirare a campare" per pigrizia o per quieto vivere. Ma senza l'impegno consapevole da parte di ognuno questa battaglia, forse una delle più importanti che l'uomo combatte dalla sua comparsa sulla terra, sarà vana. L'ambiente e la sua tutela devono diventare priorità condivise, imprescindibili punti fermi nella cultura di ogni cittadino. Per vivere c'è bisogno del verde, dell'acqua, del sole. Senza c'è solo la morte. Siamo invasi dall'immondizia, ormai, e Natale si preannuncia fetido per le notizie che giungono dal fronte della dissennata gestione dei rifiuti in Campania e per le vicende note che colpiscono la nostra comunità. Troppo poco forse si è fatto su questo fronte e allora? Bisogna tutti, accantonate le polemiche sterili e strumentali, le spaccature insensate e personalistiche, le accuse becere e demagogiche, rimboccarsi le maniche e trovare la forza di andare avanti perchè ... "domani è un altro giorno" e forse c'è ancora una speranza. Tra un momento non ci saremo più ma resteranno i rifiuti che abbiamo prodotto EVITIAMO CHE CIO' VADA A DANNO DI CHI VERRA' DOPO DI NOI
Wangfu

venerdì 23 novembre 2007

Dispaccio serale (2)

Da stamattina fino ad ora (ore 20:40), il blog ha registrato circa 850 visite.
La media giornaliera è di 100.
Cosa significa?
Significa che la gente è alla disperata ricerca di informazioni, di certezze, di verità.
La verità, gente, non la troverete qui, purtroppo.
Sarebbe normale che la verità venisse fuori dai nostri "amministratori", che invece a quanto pare sono intenti solamente a difendersi gettando fumo negli occhi, raccontando barzellette e mettendo uno contro l'altro.
Ma ora non c'è tempo per le barzellette.
Non credete alle balle che vogliono farvi credere che oramai la decisione è rimessa ai tecnici del Commissariato di Governo. E' solo un modo per togliersi da dosso responsabilità che ormai rimarranno appiccicate a queste persone per tutta la vita. La verità è che basta una telefonata del sindaco al Prefetto per far finire questa storia.
Oramai che è appurato che Carinola ospiterà una discarica (come noi abbiamo detto dall'inizio, venendo accusati di essere quelli che volevano la discarica), DOBBIAMO COSTRINGERLI a farla il più lontano possibile dal centro abitato.

E che si dica senza avere paura: CARABOTTOLI!

Sgrinchio

giovedì 22 novembre 2007

Dispaccio serale

Decine di persone "assediano" la casa comunale. Caos e carabinieri, minacce e urla, risentimento e vergogna.

Mettiamo un po' d'ordine. Questi sono i fatti.

Nessuno, credo, vuole pensare che il sindaco ha indicato Carinola per ospitare le balle. Solo un pazzo lo farebbe.

Eppure, nel momento in cui e' stato informato (scelta fatta, anche se non ufficialmente, da De Franciscis) che era stata scelta Carinola come luogo in cui individuare un sito di stoccaggio, ha indicato Casanova.

Questo puo' essere letto in diversi modi. puo' averlo fatto a scopi politico elettorali in quanto, come dice qualcuno, a Casale (Cese) ci abita il prossimo candidato vicesindaco del centrosinistra e una cosa del genere lo avrebbe "bruciato" all'istante, e Nocelleto perche' e' ovviamente il bacino elettorale primario dello stesso Sindaco. Oppure, volendo essere meno maligni, puo' averlo fatto perche' credeva che, essendo la Cava di Casanova vicinissima all'abitato, sarebbe riuscito con i suoi poteri di amministratore ad evitarla in base a ragioni igienico-sanitarie.

Qualunque sia la ragione, credo dobbiamo per un attimo mettere da parte tutto questo.
Il punto fondamentale e', al momento, il fatto che il prefetto ha detto che, se non sara' al piu' presto indicato un sito alternativo, lunedi vengono le ruspe.

La conferenza dei servizi di domani mattina ci chiarira' qualche dubbio, si spera.

Buona serata

Sgrinchio

mercoledì 21 novembre 2007

NUN TE REGGHE CHIU'

Commenti definitivi e senza appello. Definizioni certe e convinzioni granitiche. Io in verità in questa fase ne ho poche. Forse sono un semplice. Se si farà il sito a Casanova poi si troverà chi l'ha voluto, chi lo ha sponsorizzato e perchè. Rimane una sola cosa certa: la politica che fa male alla politica e genera l'antipolitica è proprio questa di Vaglie. Quella che si dichiara contraria ma che non esprime una posizione, sia pure impopolare. Quella messa in campo, per intenderci, dal Presidente De Franciscis. Già Presidente della provincia e uomo della speranza della nuova stagione casertana, appare totalmente incapace di cogliere l'istanza vera del territorio che è quella di avere un governo affidabile e sicuro, al riparo da pressioni e strumentalizzazioni di qualsivoglia tipo. Il suo comporamento rimane inqualificabile perchè denuncia l'assoluta mancanza di una visione d'insieme del territorio e della pianificazione strategica delle sue risorse.Impotente nell'affrontare i problemi e passivo nella loro soluzione viene fuori dalla vicenda di Vaglie come il vero sconfitto, il leader senza leadership, il comandante senza esercito e, volendo essere cattivelli, "il casertano tipico".
Allora alla fine di questa breve considerazione viene spontaneo dire Vaffanculo a tutti: DC PSI PC AN PD CL e chi più ne ha più ne mette.
Ma il nodo vero e proprio è che non si è ancora trovato come risolvere il problema dei problemi (il metaproblema) da cui originano tutti gli altri problemi. Nessuno, infatti, riesce a dare una risposta seria alle seguenti domande: chi può sostituire oggi la politica nelle scelte per il governo del territorio? Il super potere concesso ad un qualunque funzionario dello stato?(Dio... spero proprio di no.... anche perchè allora.. dei politici che ce ne facciamo? ) tutto il resto è vanità... chiacchiere e facile strumentalizzazione.
HI

martedì 20 novembre 2007

E' finita?


“La linea politica ha fallito”. Queste sono le prime battute del vicesindaco Mannillo che verso l’una di notte congela, ancor più di quanto già non fosse, il presidio. Così il vicesindaco, appena tornato da un’incontro con De Franciscis, riassume il non cambio di rotta del Presidente della Provincia. All' incontro notturno erano presenti il sindaco e altri carinolesi di cui non si conosce ancora l’identità. Un incontro che ha spento ancor di più la fiamma della speranza che, ormai piccolissima, non può che gettarci nella rabbia più feroce.

De Franciscis, da quanto riferito da Mannillo, non cambia la sua linea politica nei confronti del commissario Pansa e la sua non scelta condanna inevitabilmente Casanova. “Stranamente” Carabbottoli risulta non idoneo e a decretarlo è addirittura l’ARPAC, massima autorità regionale per quanto riguarda la protezione ambientale, mentre per la cava di Casanova abbiamo il no dell’ASL sbandierato dal sindaco come grande mossa offensiva per evitare le ecoballe. Ecoballe che se non vi sarà un miracolo dell’ultima ora riempiranno la cava. Un no dell’ASL non così forte come il sindaco ha detto, in quanto pieno di "potrebbe", "forse", "ma" ecc ecc che potrebbe (appunto) diventare semplice carta straccia. Del ricorso al Tar non si sa praticamente più niente, e intanto c’è gente che fino ad oggi applaudiva il sindaco accusando chi voleva azioni concrete di essere soggetti privi di fiducia che hanno come unico obiettivo quello di dividere la cittadinanza. Persone da isolare, facinorosi che vogliono la discarica, questo si diceva verso coloro che provavano a non pensarla come il Sindaco. Invece, a quanto sembra, i criminali sono proprio i nostri rappresentanti o meglio il nostro Dux, il quale, senza mezzi termini, ci ha preferiti alle bufale dei Capezzuto e c’è gente che sbatte le mani ad ogni sua bugia. Eco-balle a pioggia, questo ci danno, e i cattivi chi sono? Quelli che hanno sempre chiesto siti alternativi? o quelli che per una delega, una poltrona in comune sono pronti a vedere tutto il Monte Massico piene di balle di munnezza? Sono triste e stanco vado a letto e forse…………..

lunedì 19 novembre 2007

Aspettando Godot....


Tre giorni di manifestazione, o meglio tre giorni di passeggiate ecologiche mentre le ore passano e le eco-balle si avvicinano. Consigli comunali straordinari decisamente poco straordinari che slittano per motivi decisamente straordinari, riunioni di maggioranza decisamente poco di maggioranza, vista la presenza di individui che fino a prova contraria non sono stati eletti. Comitati che nascono si sciolgono e poi rinascono, comitati che si spaccano e si riuniscono, comitati moderati che fanno gli estremisti, comitati estremisti che fanno i moderati, tanto alla fine chi decide non sono i comitati. Notti di ansia e nervi a mille, vino, carne e paura di fronte ai falò che spezzano il freddo, mentre tutto diventa occasione per fare politica. Piccoli gruppi che bisbigliano in silenzio, presunte spie e spie vere. Un comune spaccato in tre parti che si logora sempre di più. Nocelletesi che annunciano di menare le mani se si parla di Carabbottoli, Casalesi che annunciano di sferrare calci si parla di Cese, Casanovesi stupidamente educati che aspettano e basta. Un sindaco che quando non sente più applausi preferirebbe restare a casa. Tanta voglia di parlare al microfono per poi dire sempre le stesse cose. Si dice no alla discarica e poi ci si limita ad aspettare una mano dal cielo che miracolosamente ci salvi. Terreni intoccabili, persone intoccabili, decisione vaghe e ambigue. Una cittadinanza dall’applauso facile narcotizzata da finti salvatori. Paura, nervosismo, rassegnazione ma tanto alla fine….. tutto si risolve, oppure no. Si parla di azioni forti, ma l’unica cosa forte è la grappa o al massimo la salsiccia…… e alla fine si aspetta soltanto. Aspettare le eco-balle oppure un grande festa per lo scampato disastro? Decisamente la seconda, anche se i minuti passano e si aspetta ancora.

Depopa


domenica 18 novembre 2007

Ruspe Vaglie




Vignette
di
WANGFu

Cosa è Carinola?





Di parole se ne stanno spendendo tante, forse troppe, in questi tormentati giorni durante i quali siamo di fronte all'ipotesi di una discarica nella cava di Casanova, nel pieno centro del paese. Uno dei rischi che corriamo, a prescindere dall'esito di questa vicenda, è quello di essere accomunati, nell'immaginario collettivo, a luoghi oramai famosi solo per il fatto di ospitare discariche (ad es. Acerra, S.Maria la Fossa, Lo Uttaro ecc. ecc.).


Non credo di poterne aggiungere altre, anche per mancanza di argomenti e sopratutto di aggiornamenti sulla questione, visto che purtroppo sono lontano dal paese. Credo che a volte meglio delle parole possano parlare le immagini (clicca sulle immagini per ingrandirle)


























foto aerea di Carinola. Sulla destra si può vedere la cava di Casanova.












Convento di S.Francesco, Casanova






































centro di Carinola.











S.Maria in Foro Claudio, Ventaroli










S.Maria in Foro Claudio, interno

















S.Maria in Foro Claudio, affresco.







Convento di S.Martino, Casanova-Falciano










foto aerea di Casanova.





Sono poche, ma credo diano l'idea che questo non è il posto adatto ad ospitare QUESTE:



venerdì 16 novembre 2007

Balle sotto la pioggia...


Doveva scendere una pioggia continua per rinfrescare le idee a questi quattro polticanti che subiscono decisioni- ma questo forse si saprà alla fine di questa drammatica vicenda- dall'alto, dai "Padre eterni", che sicuro hanno diavoletti spregiudicati dalle nostre parti. A questo punto "Sandro" se ha una coscienza e onestà intellettuale dovrebbe convocare di corsa un consiglio provinciale e fare quello che Pansa-che non è un dittatore- gli ha chiesto -ultimamente al tg3 -di fare , ovvero collaborare per evitare un collasso a Carinola, già troppe volte sbattuta, come una puttana di periferia.
Manfredi

domenica 11 novembre 2007

Sceneggiate Casanovesi

Avevte assistito al comizio di piazza improvvisato venerdì? Perchè di comizio si è trattato...e di che altro sennò?Una vergogna nauseabonda in tutti i sensi dal mio soggettivo punto di vista! I motivi?
1-Colossale sfilza di cazzate rifilateci dai rappresentanti sia della giunta che dell'opposizione, che non hanno sprecato la minima parola sul da farsi concreto.In compenso però si sono strenuamente impegnati a difendere ciascuno la propria personale estraneità ai fatti e a lamentarsi di come malamente sono stati trattati dalla popolazione...poverini!!!Di Lorenzo, che pena, raccontava che dalla manifestazione di qualche anno fa è stato addirittura cacciato via sotto scorta... a calci in culo ti dovevano cacciare!!!!
2-Pochezza culturale, per non dire analfabetismo, di qualcuno "politici" ospiti... Paolo Cevoli col suo assessore a Zelig fa un baffo!!!!
3-Maggioranza dei cittadini intervenuti interessata più ad applaudire il proprio leader che a chiedere coerenza e azione!
4-Dimostrazione dell'elevato "livello di bestialità" tra la folla...e chi c'era sa di cosa parlo.Detto questo, lapidatemi pure, ma non smentisco il mio cinico disfattismo: la discarica si farà,certo che si farà!!! Perchè? Perchè i nostri politici non conoscono altro linguaggio che quello della propaganda elettorale e comincio seriamente a credere che non sappiano cosa voglia dire essere cittadini...chissà, il "potere" delle cariche che ricoprono avrà dato loro alla testa! Quindi nessuna speranza di azione da parte loro. Non riusciranno a collaborare serenamente per risolvere il problema....Saranno impegnati a punzecchiarsi (sulla nostra pelle però!) come già dimostrato.Assodato che (improbabile miracolo a parte) i politici non ci saranno, tocca allora alla cittadinanza! L'occupazione del luogo? Io non ce li vedo proprio i casanovesi col sacco a pelo, a dicembre, a dormire sotto le stelle!!!! Ce ne saranno sicuramente, all'inizio, di irriducibili combattivi... ma il numero degli occupanti diminuirà gradualmente.. Quanto si resisterà allora? Una settimana? E poi?No, il casanovese non è un uomo d'azione, è un uomo di lingua...il suo motto è "armiamoci e partite!".Non me ne vogliate...magari sarò una poveraccia che non merita la stima dei suoi conterranei, ma sono realista.Se poi mi sbaglio (e spero tanto sia così), farò pubblicamente mea culpa e vorrà dire che i Casanovesi "residenti" (perchè chi ha potuto è scappato!) sono ancora un popolo capace di sorprendere positivamente qualcuno, (tra cui la sottoscritta) e non solo animali da bar!Buonanotte a tutti, Elettra.
P.S. Redazione, non me ne volere!!!!
Elettra

mercoledì 7 novembre 2007

Cava di Carinola?

Non crediamo di poter commentare ancora ma ci limitiamo a riportare quanto stasera scrivono le agenzie di stampa. Se venite a conoscenza di ulteriori dettagli vi preghiamo di commentare a questo post.

(ANSA) - ROMA, 7 NOV - Per uscire dell´emergenza rifiuti in Campania si sta lavorando ad ´un´ipotesi normativa che consenta di chiudere le vicende pregresse´. E´ quanto afferma una nota di palazzo Chigi al termine dell´incontro presieduto dal premier Prodi per trovare una soluzione alle vicende campane. Sono stati individuati 9 siti: Casamarciano e Chiaiano in provincia di Napoli, Buccino e Baronissi (Salerno), Morcone e Casalduni (Benevento), Cava di Carinola (Caserta), Petrulo Irpino e Lioni (Avellino). Tra i siti che verranno scelti, cinque dovranno essere attrezzati per poter diventare discariche, perch resta confermato - come tra l´altro gia´ stabilito dalla legge - che ogni provincia dovra´ avere una discarica.Quanto all´ipotesi normativa su cui si sta lavorando, l´obiettivo e´ quello di ´trasformare´, almeno sulla carta, le ecoballe - di proprieta´ della Fibe ma poste sotto sequestro dalla magistratura - in balle in modo da poterle inertizzare e utilizzarle, ad esempio, per ricostituire morfologicamente le cave. (ANSA).

Per uscire dell'emergenza rifiuti in Campania si sta lavorando ad 'un'ipotesi normativa che consenta di chiudere le vicende pregresse che tutt'ora incidono negativamente sulla questione'. E' quanto afferma una nota di palazzo Chigi al termine dell'incontro presieduto dal premier Romano Prodi per trovare una soluzione alle vicende campane. All'incontro hanno partecipato anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta, il ministro dell'Interno Giuliano Amato, il commissario straordinario per l'emergenza, prefetto Alessandro Pansa, il direttore generale dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente Giancarlo Viglione, il capo dipartimento per lo sviluppo delle economie territoriali Francesco Boccia. Presenti anche il presidente della Campania Antonio Bassolino, i presidenti delle province di Napoli, Benevento e Caserta e il sindaco di Napoli Rosa Russo Jervolino. 'Al termine di una discussione ampia e approfondita - afferma Palazzo Chigi - si e' stabilito di lavorare alla definizione di un'ipotesi normativa atta a chiudere le vicende pregresse che tuttora incidono negativamente sulla questione rifiuti'. Contemporaneamente, 'il prefetto Pansa completera' rapidamente il piano per l'uscita dell'emergenza, prevista per la fine dell'anno'. L'individuazione di nove siti di stoccaggio provvisorio da cui verranno scelti quelli che entreranno in funzione il 20 dicembre dopo la chiusura di Taverna del Re, norme che consentano di trasformare gli oltre sei milioni di ecoballe (che sono eco solo sulla carta) attualmente presenti in Campania in balle, in modo cosi' da poterle utilizzare nella ricostituzione morfologica delle cave e la conferma della fine dello stato di emergenza il 31 dicembre. Sono questi i tre punti principali di cui si e' discusso, secondo quanto si e' appreso, nel corso della riunione tenutasi a palazzo Chigi sull'emergenza rifiuti nella regione. Per quanto riguarda i siti, il commissario straordinario Pansa ha presentato a palazzo Chigi una lista gia' sottoposta alle autorita' locali. Ai presidenti delle province pero' sono state concesse ulteriori 24-48 ore per informare i cittadini e condividere con il commissario le scelte. Pansa avrebbe indicato come siti Casamarciano e Chiaiano in provincia di Napoli, Buccino e Baronissi in provincia di Salerno, Morcone e Casalduni in provincia di Benevento, Cava di Carinola in provincia di Caserta, Petrulo Irpino e Lioni in provincia di Avellino. Tra i siti che verranno scelti, cinque dovranno essere attrezzati per poter diventare discariche, perche' resta confermato - come tra l'altro gia' stabilito dalla legge - che ogni provincia dovra' avere una discarica. Quanto all'ipotesi normativa su cui si sta lavorando, l'obiettivo e' quello di 'trasformare', almeno sulla carta, le ecoballe - di proprieta' della Fibe ma poste sotto sequestro dalla magistratura - in balle in modo da poterle inertizzare e utilizzarle, ad esempio, per ricostituire morfologicamente le cave.

Redazione Il Quiquiri'

martedì 6 novembre 2007

...un mare di guai... un mare di idee...


Che cosa è che in questi plumbei giorni veramente desideriamo per il nostro prossimo futuro? Cosa davvero ci auspichiamo che accada per noi stessi e per quelli che vi abiteranno, nel nostro Paese, nel nostro comune? Naturalmente, queste enormi domande potrebbero interessare non solo quelli che sono “lontani”, ma forse anche coloro che pensano più o meno di stabilizzarsi per il futuro in Italia, o più precisamente qui a Carinola. Ma non credo che potranno interessare coloro che hanno già tante volte tergiversato in merito. Giovanni Sartori, recentemente, ha cercato di fare un’analisi, in pochi minuti, sull’attuale situazione politico-istituzionale durante la trasmissione “Parla con me”. Ebbene- sorvolando per fretta i giudizi sul governo Prodi- dopo aver giudicato come “ l’ultima spiaggia il Pd”, consiglia ai nostri parlamentari di adottare per la riforma elettorale il sistema tedesco, come il più attuabile e forse in grado di portare, in futuro, una ventata di rinnovamento nei partiti, attraverso un sistema proporzionale-preferenziale, con soglia di sbarramento al 5%. Questo mi sembra almeno un inizio che questi grassi coccodrilli dovrebbero sforzarsi ad approvare in tempi rapidi. Intanto, sono sicuro, che nessuno avrà ancora pensato alla prima domanda con cui inizia questa pallida serie di periodi. Oppure no, starete già pensando di chi è la colpa, e saprete certamente indicare “questo o quello” per questa o quell’altra cosa. “Si il sindaco una volta ha fatto questo!! lo giuro!!..no!non è vero, è stato quell’altro!!” E’ certamente questo l’atteggiamento che richiederebbe la situazione. Bravissimi, davvero. O forse no è il mio atteggiamento,carico di preclusioni, a suggerire questa probabile reazione. La verità, probabilmente, è che seppur ci importa di chiederci cosa vogliamo per il nostro futuro, preferiamo rimandare la risposta. Preferiamo l’incerto al certo. Un vecchio una volta mi disse che nella vita la cosa più importante fosse farsi le domande giuste, il resto sarebbe venuto provando a rispondervi con onestà e coraggio. Dialogando continuamente con noi stessi e con gli altri dunque. Ma riflettendoci bene forse la mia non è una domanda che può entrare nella categoria delle “domande giuste”. Ma io provo a rispondervi. Quello che mi auspico è che a questa maledetta congiuntura politico-economico, fradicia di pioggia infetta- che spesso nella storia si è presentata alle porte degli uomini- vi si opponga il coraggio, la libertà che da sempre ci hanno fatto voltare pagina. E’ vero il nostro contributo può essere minimo, ma non potrà mai essere, se dato con forza di spirito, vano, illusorio. No, questo la storia non lo insegna. Ebbene, perché cosi’ immobili, stanchi, vinti, davanti a tanta bellezza della nostra italica terra. perché non provare a cambiare le cose. Come? Su questo io sto provando a rispondere, cominciando a farmi delle domande. Chi si presenterà nelle liste come consigliere, chi come sindaco di Carinola, chi sostenitore di entrambi coi propri voti per sperare di prendere una delega, che cosa ci racconterà stavolta? La solita storiella? Ebbene di questi credo che non ne abbiamo bisogno. Bisogna invece che si faccino avanti dei nuovi, anche senili, ma con coraggio negli occhi ed onestà nell’animo. E se questi non esistano a Carinola, e bisognerà prima disegnarli? Ebbene allora penso che chiunque sia d’accordo con me, sarà anche d’accordo ad opporci, con ogni mezzo consentito, ad un nuovo tracollo quinquennale. Altrimenti vuol dire che siamo già in “ un mare di guai”, come sostiene lo stesso Sartori.

Manfredi delle Mattinate


 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan