giovedì 12 aprile 2007

Vigili.... vigilate e lasciateci vigilare!

"Ci sono ancora menti aperte tra i giovani di Casanova "; "Finalmente si muove qualcosa tra i giovani casanovesi ". Questi sono solo alcuni dei commenti fatti al Quiquirì al momento di ritornare in scena. Peccato che molti dei quali dapprima avevano commentato così positivamente il nostro ritorno, si siano poi resi conto di avere, come si suole dire, qualche scheletro nell'armadio, per cui con il passare del tempo e con l'apparire di qualche “scomodo” articolo hanno ben pensato di cercare qualche modo per tarpare le ali a questi ignobili insetti che si interpongono tra loro e tutte quelle graziose “mariuolate” che senza di noi forse non si scoprirebbero o che meglio si ignorerebbero. Beh.. a questo punto qualcuno potrebbe domandarsi il perché di queste righe e lo dico subito.. Pretendono che la redazione del Quiquirì chieda dei permessi per distribuire i “foglietti illustrativi”, per dare una qualsiasi definizione, nel comune di Carinola. Non sembra però che questo lo chiedano a giornaletti di vario tipo, come quello dell'Azione Cattolica o qualsiasi tipo di propaganda che ci portano a volte fin dentro casa. C'è dunque da chiedersi il perché di questo. Forse qualcuno pensa che inquiniamo??? O che l'inchiostro utilizzato sia nocivo per le falde acquifere del nostro super ben conservatissimo territorio??? O che ci procuriamo la carta da qualche camorrista della zona?? Io non penso... mi sovviene che chi non ci puo' comprare vorrebbe con molto piacere distruggerci, incastrarci, come tutti abbiamo pensato dopo le parole del leggendario comandante dei vigili di Carinola, che in linea con le direttive dategli sicuramente da qualche “alto” capo politico, ci richiede autorizzazioni per il Quiquirì. La cosa che più mi da fastidio in realtà è solo il fatto di vedere quella banda di vecchi grassoni, requisito essenziale per essere vigile nel nostro comune, doversi smuovere tanto per cercare di insidiare la nostra redazione, quando vediamo da anni che per tutte le altre cose per cui realmente servirebbero non muovono un dito. Ovviamente non parlo delle varie feste patronali che tutti, dal primo all'ultimo, aspettano con ansia per potersi godere con tranquillità la festa e in più intascarsi un comodo e “meritato” straordinario. Né parlo di far multe alle persone che senza cinture fanno cento metri in auto. Parlo magari degli incidenti di quest'estate, provocati dalle vacche del “matrecciano” al quale ovviamente, al momento degli incidenti, nessuno ha pensato; della pulizia dei cigli delle strade, alla quale dovrebbero supervisionare, e a tutte queste “piccole” cosucce che ai lor signori sembrano di minore importanza. Ed in realtà chi li biasimerebbe? Chi si abbasserebbe a tanto? Fare il proprio lavoro.. see!! Ma che dite?! Qui tutti vogliamo la libertà di fare quello che più ci pare, un po' come il famoso architetto inventore della spettacolare ristrutturazione della fontana vecchia. Quello che emerge da queste righe e dai fatti che accadono nel nostro comune, è che tutte le iniziative, di qualsiasi tipo, sono ben volute, esaltate e viste sotto una sorta di forma propagandistica, solo fino a quando non intralciano i loschi affari che i vari politicanti e non, del nostro comune, cercano di nascondere alla meglio, anche quando divengono più evidenti del sole in un pomeriggio d'estate.




Smirne Smirnorum

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan