martedì 19 giugno 2007

Il neorealismo a Carinola

Non è certamente convinzione comune, anche se si potrebbe tranquillamente cominciare ad affacciare l’idea che intendo proporre, che i Consigli comunali (come tutte le possibilità pubbliche che un politico ha a disposizione) sono le occasioni migliori per mettere in pratica tutti le maschere apprese nei laboratori teatrali, che i nostri politici instancabilmente seguono. Non è una stronzata: i politici sono i migliori interpreti. Divenuti artisti dopo anni di sudato lavoro..cenette in una notte di mezz’estate (magari a Roccamonfina), lunghissime campagne elettorali (magari anche in comuni vicini) ora battibeccano come acide zitellone. Certamente più si va in alto e più può cogliere la finezza della fesseria, com’è ben articolata la bufala che si deve far credere ai possibili elettori, in modo da persuaderli a votarli alle prossime elezioni. Ma a noi di questi non importa, a noi interessano i nostri. I nostri hanno più o meno questa dizione : “perché noi, si noi, cambieremo il mondo, spazzeremo via l’attuale classe dirigente guidata da tredici anni da Pasquale Di Biasio..” E’ possibile che queste son parole che potrebbero uscire dalla bocca di un Mattia Di Lorenzo il giovane di An che...

“oh no per carità lasciamo in pace Di Biasio...tutti con lui ce l’hanno.” E queste di chi saranno..? Un momento non perdiamo il filo. Parlavamo di arte, di teatro e perché no di spettacoli. L’ultimo spettacolo davvero interessante, l’ho visto a Palazzo Petrucci venerdi’, c’era quel regista famoso... “Aspetta, come si chiama, ora mi sfugge quel neo-realista francese.. Ah si.. Ora ricordo.. Pascal Di Bià, famosissimo a Cannes! Come ho fatto a non ricordarlo subito..”

Si, si proprio lui. Ha diretto magnificamente. Basti evidenziare la rapidità della conclusione, la fine, il senso della caducità della vita ...Si in effetti quel consiglio comunale è durato il tempo di un caffè e di una sigaretta. Realismo puro. Tre gli interventi: Mattia, lui, e di nuovo Mattia. Sembra adatto per un titolo di un film, non credete?..” un momento, scusa, era il titolo del film che hanno proiettato venerdi’ a Palazzo Novelli, non ricordi..?”. Ma non essere ridicolo, e stai attento a quello che dici!! “tu lo stai dicendo, e poi pure se fosse? O almeno in passato sono stati vicini, io ho sentito che sono stati anche a cena fuori, d’amore e d’accordo?E poi come si fa a rappresentare cosi’ bene una performance, se regista e attore non sono d’accordo almeno sulla poetica del film, sulla sceneggiatura..?” Eh beh, in effetti hai ragione, anche Fellini e Mastroianni erano tanto vicini....Ma qualcosa ancora non mi convince, o forse si....Voi che pensate?Per concludere voglio solo ricordare il prossimo spettacolo a fine Giugno. Tanto oramai la stampa ha esclusivamente questo compito, quello di ricordare, riportare le loro finte, patetiche, parole..

Micco de’ Carani

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan