martedì 21 agosto 2007

Sindacatura agli sgoccioli: facciamo un bilancio.


Puntando ad un analisi generale dei presunti miglioramenti che le amministrazioni Di Biasio hanno portato al comune di Carinola nei quasi dieci anni di governo è una cosa ardua e difficile. Sfiderei chiunque privato cittadino, e dunque con nessun interesse politico, a dire, cosi’ su due piedi, che il nostro comune ha avuto dei visibili miglioramenti o se è rimasto invariato in molti settori (ambiente, vivibilità urbanistica, opere pubbliche funzionali, cultura, politiche sociali e agricole), o se è il caso addirittura di parlare di fallimento totale. E’ un fatto importante cominciare a munirci di idee solide per quanto riguarda il lavoro amministrativo svolto fino ad ora, poiché fra qualche mese, pensiamo a dicembre-gennaio, saranno tappezzati muri di slogan e volti, alcuni di questi di nostra conoscenza alcuni nuovi, che vorranno il nostro voto per andare ad amministrare il nostro comune. Bisogna, dunque, prima che ciò avvenga operare una sorta di bilancio amministrativo che vada nella direzione di contenuti sentiti e dunque veritieri. Prima di continuare è giusto che anche l’opposizione abbia un giudizio negativo o positivo che sia, in quanto anch’essa ha un enorme lavoro da svolgere ed è quello di fare in modo che vengano rappresentati tutti i cittadini che hanno preferito affidarsi agli avversari dell’attuale maggioranza. Per non essere portati ad esprimere un giudizio generale che forse non può tenere conto dei vari settori, cominceremo a darlo nei vari spicchi di potere, che poi alla fine sono i vari assessorati delegati per l’ambiente al vicesindaco Gennaro Mannillo (ds); cultura dott. Elisa Mazzucchi (margherita); lavori pubblici il sindaco Pasquale Di Biasio; politiche agricole Argene Merola (sdi); istruzione Vincenzo Ceraldi udeur; assessore al personale(ovvero controllo dei dipendenti comunali) Mario Nicolò Margherita; politiche sociali Antimo Marrese. Questa è la giunta comunale che delibera su tutte le questioni inerenti alla vita amministrativa. Ora sulla scorta delle divisioni operate sopra e se credete opportuno dare un giudizio, se volete anonimo, potremmo aprire un dibattito on-line che potrà aprirci nuovi dubbi, chiarirci degli altri e che sarà certamente produttivo per quello che sarà il nostro giudizio per i prossimi volti che si presenteranno alla nostra porta per chiederci il voto. Fino ad ora penso di non essere stato legato a nessun vincolo verso politici di turno, e godendo di una materiale indipendenza politica posso quindi, come ho già avuto modo di ribadire in altre sedi (anche ufficiali), esprimere il mio giudizio quasi interamente negativo delle ultime due consiliature targate Pasquale Di Biasio: per un importante motivo ed è quello che vede il comune di Carinola lontano da uno sviluppo economico e socio culturale, indipendentemente da fattori esterni, tanto promesso dai balconi nelle passate campagne elettorali. Se volete potrei andare molto più a fondo, ma tempo ce n’è, e per ora mi fermo qui. Per quanto riguarda l’opposizione anche qui le cose sono bollenti, in quanto su non poche questioni , quelle più sotterranee, la minoranza non si capisce perché non batte il ferro finchè è caldo, diversamente da quanto è accaduto per esempio sull’incompatibilità, poi risolta, di Di Biasio per la doppia carica di sindaco e presidente del consorzio idrico. Io penso che anche per la minoranza il mio giudizio è quasi interamente negativo. Ai posteri il giudizio.



Micco de’ Carani

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan