mercoledì 5 settembre 2007

La Sagra dell'Olio a Casanova

Si è felicemente conclusa la terza edizione della sagra dell’olio tenuta a Casanova. La manifestazione, molto bene organizzata come le precedenti, ha avuto una grossa partecipazione anche dai paesi limitrofi. Nella consueta conferenza tenuta da tecnici competenti è stato spiegato come si produce un olio extravergine di qualità: giusta maturazione alla raccolta, trasporto, come si aumenta il valore con l’iscrizione D.O.P. all’ente certificatore e le autorizzazioni necessarie per l’imbottigliamento. Non è stato spiegato pero’ come e a chi vendere questo prodotto ottimo e certificato. I lavori al contrario si sono conclusi con la proposta di prevedere nel bilancio comunale una somma più sostanziosa per la sagra dell’olio 2008 per istituire un premio aperto ai produttori di olio a livello industriale, cioè l’antitesi del prodotto pregiato di nicchia che si produce a Casanova di Carinola. Invece di sprecare ulteriori risorse economiche con premi inutili si potrebbe bandire un finanziamento annuale a favore di qualche frantoio della zona con mentalità imprenditoriale aperta e disposto a rischiare qualche euro. Questi dovrebbe provvedere al disbrigo di tutte le formalità burocratiche necessarie per tutti i produttori che aderirebbero all’iniziativa, ritirare le olive controllandone la qualità, imbottigliare e commercializzare. Il pagamento ai produttori potrebbe avvenire anche alla fine della campagna di vendita, il ritardo nella riscossione sarebbe compensato dal prezzo maggiorato.
Questo è l’unico modo per commercializzare ad un prezzo equo un olio che è tra i migliori d’Italia, soprattutto legalmente, in quanto la vendita di olio sfuso è vietata dai regolamenti comunitari.
Questa è una proposta concreta: il resto sono chiacchiere, anche se ben fatte. Alla fine questa idea, a nostro avviso più costruttiva e fattibile rispetto alle parole in libertà del convegno della sagra, sarà destinato ad essere giudicato l’ennesima provocazione del “giocattolo quiquiri” privo di effettiva credibilità. Forse è vero. E’ solo un gioco, ma un gioco serio diversamente dalle parole pronunciate dalle solite facce che per il terzo anno di fila puntano il dito verso i medio piccoli coltivatori, colpevoli di non aver uno spiccato senso imprenditoriale. Io credo che per risollevare le sorti dell’economia agricola carinolese non basta aspettare un dibattito di un sagra di fine estate (nata per capriccio politico) alla presenza di quattro gatti assopiti dai soliti discorsi. Prima parla il patron della sagra con i soliti discorsi di rito, poi è il turno dell’agronomo di turno che con sigle e “innovativi” metodi di produzione assopisce i quattro gatti presenti, quindi è la volta del solito “frantoiano” il quale dice che più di quello non può fare per poi passare la palla al politico di turno che si butta a capofitto nella propaganda politica, un concorso e festa e farina per tutti che ombrano la forca sul nostro collo. O meglio la forca pende sugli agricoltori che da anni versano in uno stato di semi abbandono, in una condizione agonizzante che non vede improvvisi rinsavimenti. Parole, parole, parole cantava Mina ed solo questo che ne viene fuori. Scaricare le colpe di un mancato decollo dell’economia agricola locale verso i medio piccoli coltivatori credo che sia offensivo verso tutti coloro che da anni lavorano il proprio appezzamento di terra senza un’assistenza continua. Non preoccupatevi, l’anno prossimo ci sarà nuovamente la sagra dell’olio, (poi chissa’, magari la nuova amministrazione ha il suo bacino elettorale in qualche altra produzione...) che dirà sicuramente qualcosa di nuovo, cioe’ che la situazione è ulteriormente peggiorata. Con questo non voglio dire che non debba essere ripetuta la sagra, ma non bisogna illudersi che oltre alla musica e ai piatti tipici eventi del genere possono effettivamente tangere sulla situazione agricola carinolese. Mio padre dice che chi parla di agricoltura con giacca e cravatta difficilmente si è mai sporcato i piedi di terra. Rimanendo nell’orbita delle citazioni mi viene in mente il finale di un racconto nostrano, ovvero: “hai mai vistu i zencheri e mete?”*.

* hai mai avuto occasione di vedere un manipolo di zingari impegnati nel faticoso lavoro della mietitura?”.

Aitaniegliu

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan