giovedì 25 ottobre 2007

...Riflessioni...


Sono perplessa, e nel mio caso scrivere non vuol dire dare informazioni ma è la conseguenza di un bisogno di averne.
Sfoglio le pagine di stampa “alternativa”, mi considero dotata di buonsenso se provo orrore e rabbia nell’apprendere Terribili Verità costantemente insabbiate dal Potere (qualunque cosa questo voglia dire), poi mi sento a mia volta impotente perché non capisco come si possa spezzare la catena.
A questo punto arriva la confusione, perché non si può abbattere un nemico che non si conosce, lo sa anche un bambino.
È quindi d’obbligo chiedersi: ma cos’è veramente il Potere?
Sono gli uomini di potere? - un po’ scontato, forse.
O è forse un’ Entità Ultraterrena che si serve degli uomini per rigenerarsi costantemente? - carina questa, eliminerebbe ogni problema di tipo “morale”, ma forse è un po’ medievale…
O è un’altra di quelle grandi finzioni di cui l’uomo ha bisogno per non delirare di fronte alla propria totale incapacità di autocomprensione? – forse un po’ troppo scontata anche questa ipotesi e poi, parliamoci chiaro, non spiega proprio niente.
Dilemma troppo grande, passo ad altro perché comincio a sentirmi stupida.
Dicevamo delle Terribili Verità.
Che bello, anche queste portano ad un enigma: sono semplicemente impossibili da insabbiare completamente, o ne viene volontariamente lasciata una piccola traccia per far sì che poveri sventurati, credendo di essere portatori di Conoscenza e Libertà, in realtà stiano semplicemente avendo la loro parte nella Strategia del Terrore? Non voglio credere che sia così, un pensiero troppo qualunquista e che giustifica l’inattivismo. Eppure non riesco a non restare nel dubbio, e a volte immagino che tutte queste persone, in pericolo costante oppure addirittura martiri di grandi ideali, in realtà stiano solo facendo il gioco di ciò che vogliono combattere.
E il dubbio resta e si rafforza, perché la paura è debolezza (e debole è notoriamente il contrario di potente), e non si può non aver paura di fronte ad un ignoto che ogni tanto svela qualche sua parte, ed ogni tanto il suo contrario, entrambi devastanti.
L’Agnosticismo non è una via perseguibile, ho bisogno di decidere cosa è giusto e cosa sbagliato.
O almeno sapere in che direzione muovermi, così la mia vita sì che avrebbe un senso!
Insomma, mourir pour des idées c'est bien beau, mais lesquelles ? (G. Brassens)

Antiope

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan