sabato 1 dicembre 2007

La scomparsa dei fatti

Sotto i tendoni, tra rosari e comizi, la gente è stufa di aspettare. E stamattina l’ennesimo “prodigio”: due quotidiani diversi hanno riportato due opposte versioni. Secondo Il Mattino Vaglie è ormai il sito prescelto; sul Corriere del Mezzogiorno si parla invece di Carabottoli.
Tutto ciò conferma quella che sembrava essere soltanto una supposizione dei più scettici: i fatti (e i documenti) scompaiono nel nulla. Mentre mi chiedevo perché, il giornalista Marco Travaglio mi ha risposto così:

C’è chi nasconde i fatti perché non li conosce, è ignorante, impreparato, sciatto e non ha voglia di studiare, di informarsi, di aggiornarsi.
C’è chi nasconde i fatti perché non vuole rogne e tira a campare galleggiando, barcamenandosi, slalomando.
C’è chi nasconde i fatti perché si sente embedded, fa il tifo per un partito o una coalizione, non vuole disturbare il manovratore.
C’è chi nasconde i fatti perché se no lo attaccano e lui vuole vivere in pace.
C’è chi nasconde i fatti perché fra poco ci sono le elezioni.
C’è chi nasconde i fatti anche a se stesso, perché ha paura di dover cambiare opinione.
C’è chi nasconde i fatti perché così poi qualcuno lo ringrazia.
C’è chi nasconde i fatti perché spesso sono tristi, spiacevoli, urticanti, e non bisogna spaventare troppo la gente che vuole ridere e divertirsi.
C’è chi nasconde i fatti perché così poi magari ci scappa una consulenza col governo o con la Rai o con la Regione o con il Comune o con la Provincia o con la Camera di commercio o col sindacato o con la banca dietro l’angolo.
C’è chi nasconde i fatti perché altrimenti è più difficile voltare gabbana quando gira il vento.
C’è chi nasconde i fatti perché è nato servo e, come diceva Hugo, “c’è gente che pagherebbe per vendersi”.
(M. Travaglio, La scomparsa dei fatti, 2007)
Che dire, con così tante buone ragioni…
Crisalide

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan