martedì 29 gennaio 2008

Nobiltà Borghesia e......



Qualche decina di anni fa, non secoli, nel comune di Carinola vivevano numerose famiglie che si fregiavano del titolo di “don” o “donna” a seconda del sesso. Queste famiglie oltre a detenere il potere economico, logicamente non in egual misura, detenevano anche il potere politico. Tale potere veniva esercitato con tutti i difetti moderni del sottogoverno, o peggio. Il posto sul Comune di impiegato veniva assegnato al parente, i posti più umili agli altri. La maggioranza dei cittadini che per censo non appartenevano alla casta criticavano e biasimavano tale sistema ma lo accettavano molto più di oggi. La casta di allora, tra tantissimi difetti, da giudicare però nel contesto dei tempi, aveva un grandissimo pregio: il decoro. Era obbligatorio il comportamento decoroso nell’azione amministrativa in tutte le sue fasi. Era un obbligo associato a quello dell’onestà a cui nessun amministratore si sottraeva. A quella stagione seguì quella della borghesia che con il boom economico si moltiplicò a dismisura: avvocati, notai, medici, imprenditori ecc. Questa nuova casta logicamente oltre al potere economico si impossessò anche di quello politico. Il potere veniva esercitato per la parte negativa allo stesso modo delle caste precedenti con una forte attenuazione dei concetti di etica,decoro e onestà. In quel periodo tutto il popolo partecipava all’azione amministrativa esercitando un controllo pressante su di essa. Nel consesso comunale era sempre presente la rappresentanza della vecchia classe politica, anche se in misura minoritaria che assicurava un minimo rispetto dei principi morali. Dopo la stagione dei professori , di cui Prodi è l’ultimo esemplare rimasto, abbiamo la stagione degli attori: Berlusconi, D’Alema, Casini, Fini, Bertinotti. ecc. a Roma mentre a Carinola abbiamo: Di Biasio, Mannillo ecc. Per questi l’etica, il decoro sono termini sconosciuti, l’unica dote da ostentare è la faccia tosta e il sorriso beffardo a 35 denti. Con questa classe politica i principi di etica e decoro, per non parlare di altro, già attenuati prima che arrivassero loro, sono quasi spariti, non ci si preoccupa nemmeno dei più elementari servizi come l’igiene o la raccolta dei rifiuti lasciando gli abitanti a razzolarci dentro per mesi.

Anche in queste amministrazioni sono rimasti i rappresentanti di quelle famiglie che facevano dell’etica e del decoro il loro più grande impegno, preferendo morire di fame per non venire meno ad essi. Nell’amministrazione attuale di Carinola coloro che dovrebbero rappresentare i valori anzidetti dovrebbero essere Mazzucchi e Marrese, non certo Di Biasio che non si sa quali principi ha appreso oltre quello delle sceneggiate e delle pantomime. Soprattutto questi due se fossero rispettosi dei loro avi dovrebbero incalzare il sindaco e costringerlo a trovare una soluzione all’orripilante situazione della montagna di rifiuti che tengono ormai nel giardino di casa. Invece si sono appiattiti sulle posizioni del loro capo omologandosi a lui moralmente e non sanno fare altro che pigolare intorno a lui ripetendo incessantemente "Pascà ma quando lo fai arrivà l’esercito?”


Il Conte del Grillo

domenica 27 gennaio 2008

Muoia Sansone con tutti i Filistei


Le dimissioni di Mastella, nuovo Sansone della politica, hanno trascinato dietro di sé una prevedibile catastrofe: caduta del governo Prodi e conseguente sfiducia del Consiglio Regionale della Campania alla sciagurata giunta di Bassolino…. e l’esultanza della destra è inevitabile. Sic transit gloria mundi!
E’ da un anno e mezzo che si aspettava il capitombolo di questo governo, da prima che cominciasse a governare e, alla fine, è arrivato! E i cani, che non avevano mai mollato l’osso, si sono avventati su di esso con incredibile voracità.
Non è che le cose andassero effettivamente bene, ma il flemmatico Prodi ci stava provando a far girare la ruota nel verso giusto e faceva pena mentre, con stringato ottimismo, cercava di trascinare a tutti i costi il suo carrozzone carico di monelli indisciplinati e immaturi. Purtroppo, quando gli ingranaggi sono assemblati male, il movimento è lento, cigolante; la ruota si stacca dall’asse e cade… Patapuff!
L’ indagato Mastella, dagli occhi luciferini, ha fatto tenerezza quando declamava il suo amore per la consorte e la scelta di dimettersi per starle vicino e per difendere la sua onorabilità. Quasi quasi ci si credeva anche! Ma era tutto ben orchestrato, e le sue parole non erano in sintonia con il suo sguardo di giaietto: da esso traspariva il suo ruolo di prim’attore in tutto questo patatrac. Mastella sapeva esattamente che avrebbe provocato il distacco della ruota dal carrozzone della politica italiana: due più due fa necessariamente quattro, ma era proprio quello che voleva! In questo momento, lo scopo prioritario di Clemente non è certo la difesa dei cittadini italiani o la risoluzione dei loro problemi, né tantomeno la risoluzione del gravissimo problema campano dei rifiuti: è solo quello di pararsi il culo, suo e di sua moglie, mettendo un bavaglio alla Magistratura. E chi ha interesse a far tacere e magari riformare la Magistratura? Lui, sempre e solo lui, il Cavalier Berluska e la sua Band! Alleluja! Vedrete che alleanze si faranno sotto il cielo di Roma! Da rabbrividire!
E noi comuni mortali guardiamo i balletti della politica quasi con noncuranza, perché tutto sommato, con quella gente lì che si porta a casa 15.000 e più euro al mese solo riscaldando una sedia o sputandosi in faccia in diretta TV come i più biechi degli uomini, non abbiamo nulla a che fare. Loro dicono di essere i rappresentanti del popolo italiano. Mah!.. Sarà!...io non mi sento affatta rappresentata da questi individui!
Il popolo italiano, quello da mille euro al mese o anche meno, ha altri problemi: i soldi a fine mese che non bastano mai e non coprono le spese, le morti sul lavoro che non vengono evitate da nessuno, quelle in uno schifo di ospedale per una semplice operazione di tonsille o appendicite, figli che a trent’anni non riescono a trovare uno straccio di lavoro e vanno in depressione, delinquenti che ti trovi fin dentro il salotto di casa e t’ammazzano per quattro soldi, montagne di rifiuti che hanno avvelenato una delle regioni più fertili d’Italia e umiliato, davanti agli occhi del mondo, uno dei popoli più fieri del pianeta Terra. Questi e altri i veri problemi del popolo italiano. Ma ai nostri politici non interessano più di tanto e i loro bla bla bla senza senso non ingannano più nessuno. Li sopportiamo, fingiamo di crederci, ci divertiamo anche, tanto cosa cambia? Noi, con mille euro si vive e con mille euro si vivrà, e chissà quale magra pensione ci aspetta! Loro, invece, sono interessati solo ad acquistare il maggior numero di azioni: l’ ‘Azienda Italia’ fa gola a tanti e non saranno risparmiati colpi.
Agli italiani non gliene ne può fregare di meno della caduta del governo Prodi, tanto sanno perfettamente che i suonatori cambiano ma la musica è sempre quella. E chi fanaticamente difende un personaggio o un altro, sembra solo un povero illuso che suscita commiserazione.
Pessimismo? No, realtà! Nessun politico ha mai dato più di quanto ha preso.
La storia ci insegna che cadono i governi, cadono le gloriose teste coronate o meno, ma chi alla fine resta a difendere gli interessi del popolo è il popolo stesso che, tradito, ingannato, strumentalizzato, raggirato, si sveglia all’ improvviso e alza la voce. Come sta succedendo al popolo campano che sta difendendo con le unghie e con i denti il proprio territorio, ucciso e avvelenato dalla mala politica.
Bravissimo, popolo campano! Fatti sentire! E la tua voce, come squillo di tromba, si alzi fino a far crollare le mura di Gerico!



TALIA


giovedì 24 gennaio 2008

Impariamo dai Bambini...

Per chi ha commentato:

falciano, francolise... li il problema si è risolto forse perchè non c'è gente
che come voi fa ostruzionismo per partito preso... invece di criticare fate
proproste costruttive che fino ad adesso non ho sentito nemmeno u una!!!


Queste pagine sono estratte da un libro delle ELEMENTARI. Sarebbe utile che il sindaco e consiglieri vari di Carinola le leggessero! Vogliamo dargli il beneficio del dubbio e pensare che non e' perche' sono impegnati in tutte altre (meno sociali) faccende che non prendono provvedimenti per la differenziata, bensi' a causa delle loro (e di conseguenza nostre) limitate capacita' mentali. Visto che non sanno come si fa e soprattutto a cosa serve la raccolta differenziata magari possono imparare dai bambini...
.
.

clicca qui per scaricare il manuale della differenziata dei bambini delle elementari.
Piu' semplice di cosi, SI MUORE (ma davvero, e di tumore)
.
.
.
ps. per chi si sente un coraggioso e vuole vedere qualcosa che in altre parti e' gia' realta' ma da noi solo un miraggio, puo' cliccare qui per scaricare il progetto differenziata del Comune di Cigole (Brescia)
.
.
.
DoRaemon e Lamu'

mercoledì 23 gennaio 2008

Sull'intervento di prodi alla Camera

Credo che come me molte persone quando parla il nostro Presidente del Consiglio siano sopraffatti da uno sbadiglio inarrestabile seguito da una noia mortale che ci porta a cambiare canale... ho ovviato a questo problema "leggendo" il suo intervento in modo da non sentire quel senso di assopimento al suono della sua voce...
Posso dire che a fine lettura il mio unico commento può essere solo che non capisco come si possa essere così falsi e negare l'evidenza davanti all'Italia intera. Dico solo la mia opinione a prescindere dal colore politico che comunque non ho perché ormai si passa sempre dalla padella alla brace...
Io personalmente non mi rispecchio nel discorso del Presidente (che allego e vi consiglio di leggere) e nelle cose che "ha fatto" questo Governo. Posso dire che io personalmente ho più paura ad andare in giro per le strade da sola rispetto ad alcuni anni fa, non ho più soldi di prima, anzi, non noto nessun aiuto negli affitti o nell'aiutare le coppie o gli universitari, non mi hanno assolutamente tagliato l'Ici, non ho visto nessuna tutela particolare per l'ambiente a parte le ridicole domeniche senza auto (ma solo nei centri urbani) o la tassa per entrare a Milano (se paghi non c'è smog non lo sapevate?) e credo che un governo si debba rendere conto da solo se c'è un problema come quello dei rifiuti (che non è un problema di ieri) e non arrivare all'"emergenza" per poi far finta di risolvere il problema! come poi? con l'esercito? bella idea!!! e i responsabili di questa "emergenza"? non esistono! e nel frattempo che si provvede a cercare a chi affibbiare tonnellate di rifiuti che si fa? si organizzano per la raccolta differenziata? macchè! ora bisogna pensare a tenersi stretti nelle poltrone e allisciarsi in mezzo discorso alla Camera il ministro della Giustizia
inquisito... e bisogna ricordarsi una cosa... che è vero che fino al processo si è "innocenti" ma visto che c'è la "possibilità" che sia colpevole e condannato magari si potrebbe anche evitare di continuare a ribadire il proprio appoggio...visto che è il NOSTRO Presidente e quindi ci rappresenta... Insomma questi e altri pensieri peggiori mi sono passati per la mente leggendo il suo discorso... e ho capito che quasi quasi è meglio che abbia quella voce da prete insopportabile... almeno evito di ascoltarlo e sentire come ci prende per imbecilli... Scusate la nota polemica...

Clicca qui per il discorso del presidente del consiglio.

Lamu'

Il paese dei balocchi


E’ trascorso quasi un mese da quando il commissario per l’emergenza rifiuti ha autorizzato (intimato anzi) tutti i comuni a dotarsi di una discarica di stoccaggio temporaneo. Il sindaco di Carinola insieme ai suoi più stretti fidati, ma soprattutto esperti collaboratori quali il vicesindaco nonché delegato all’ecologia e l’assessore alla sanità nonché alla cultura, subito si è attivato, il sito ufficiale di Carabottoli, allestito anni fa proprio dall’attuale sindaco con finanziamenti pubblici è stato dichiarato inidoneo, non si sa da chi. Si vocifera che se quel sito veniva dichiarato idoneo sicuramente il sindaco sarebbe stato dichiarato inidoneo a camminare in quella zona da quelli del posto. Hanno individuato la cava dismessa di via per Cascano, inagibile perché a un km abita un grande elettore. Allora hanno pensato al deposito dismesso dell’ENEL (via del carcere): niente da fare, ad un km ci sono le suore anch’esse grandi elettrici. Allora località via Appia, non idoneo, ad un km c’è parco Libellula, 70 voti sicuri. Allora che fare? Idea grandiosa: portiamo i rifiuti a Selleccola insieme a quelli che già ci stanno. Il comitato antidiscarica subito si mobilita e minaccia insurrezioni e blocchi stradali prendendo posizione all’ingresso della strada. Il vicesindaco per protesta si dimette , anzi minaccia di dimettersi se…….E’ mai possibile che non sapessero che meno di un mese fa il sito era stato dichiarato inagibile dall’ARPAC? Sì che lo sapevano ma sindaco e soci devono giocare con i sentimenti della gente, prima si indica il posto dopo si cancella facendo il favore a Tommaso, ad Antonio, alle suore e a tutti i casanovesi dichiarando ai giornali che Selleccola non è idoneo. Intanto i rifiuti hanno raggiunto il primo piano delle case. Non c’è problema, con un manifesto informano che per adesso non vi sono sintomi di epidemie, ergo i rifiuti possono restare in strada. E’ mai possibile che queste persone che sono così solerti quando devono dare un incarico, nominare o nominarsi in qualche ente, poi fanno il giro dei quattro cantoni per non decidere? L’augurio è che lo facciano deliberatamente, il sospetto però è che non siano capaci altrimenti non ci troveremmo in queste condizioni. Basta guardare i comuni limitrofi, nessuno si trova nella condizioni di Carinola: per trovarne uguali , bisogna andare nell’aversano o nelle periferie degradate di Napoli. Fortunatamente a Falciano c’è stata la svolta, in modo che almeno nella zona c’è chi fa compagnia nella schifezza. Come è possibile che il comune sia caduto così in basso ? Il comune di Carinola era il comune più civile della zona da secoli. Sede di baroni, sede vescovile, dove sono nati politici illustri, magistrati, professori universitari, filosofi, grandi studiosi e soprattutto abitato da persone oneste e pulite. Adesso si trova in mano a ad attori che cercano solo di fare fumo senza realizzare niente di concreto e adesso ci stanno togliendo anche il decoro omologandoci ai napoletani e coprendoci della stessa vergogna . Ma è possibile che in un comune così vasto con così pochi abitanti non si trovi un sito per lo stoccaggio dei rifiuti come ha fatto Sessa, Cellole, Francolise,? Se non sono capaci di organizzare la differenziata perché non chiedono aiuto al sindaco di Francolise che è una persona disponibile? No loro devono fare i giochetti, sono politici fini, il loro senso della vergogna non è comune a quello della maggioranza del popolo. Logicamente se leggono queste note sorridono perché loro sono furbi, pensano questo non sa che tra poco arriva San Gennaro e una volta fatta pulizia sarà tutto dimenticato fino alla prossima crisi. Loro sono sicuri che tutti dimenticheranno le barzellette e le nefandezze di cui si sono resi protagonisti , credono di prendere in giro tutti. Chissà, il giorno del giudizio è vicino, può darsi che qualcuno le prossime feste estive se le veda in ultima fila.


Belfagor


domenica 20 gennaio 2008

Enigmi (2)

Questi sono due indovinelli distinti, ma hanno la stessa risposta:


C’è un pezzo di carne dentro una grotta oscura.


Sto sempre in casa, son coperta tutta, sempre son bagnata e mai asciutta .


:-) A Voi!

sabato 19 gennaio 2008

Sistema Mastella, sistema Campania


Sono ormai due giorni che leggiamo notizie e vediamo reportage di ogni genere sulla FAMIGLIA Mastella. Si è avuto uno spaccato dell’attività di questa grandissima FAMIGLIA che come ben si intuisce è composta, oltre al capo, in primis dalla coniuge presidente del consiglio della Campania, assessori e consiglieri regionali, da sindaci, prefetti, giudici del TAR e da un nutrito reggimento di funzionari di tutti i livelli. Tutti sono utili alla FAMIGLIA , dall’usciere al direttore generale, un ottimo capo sa che molte volte il bidello serve alla causa più del Rettore. Servire la causa, ma quale causa? Dai discorsi ufficiali si parla di difendere i poveri aumentando i loro salari, la libertà di tutti soprattutto dei più deboli, pensare al progresso del mezzogiorno ed a un radioso futuro di benessere per i giovani e le loro future famiglie. Questi i buoni propositi: purtroppo è difficile realizzarli per tutti, oltretutto poco conveniente far progredire tutto il popolo, conviene aiutare solo i membri della FAMIGLIA, quelli che le giurano fedeltà assoluta e assicurano il loro voto e quello di familiari e conoscenti, più voti più incarichi. E’ noto a tutti il contratto concluso con Bassolino alle ultime elezioni regionali, che in base al numero di voti raccolti avrebbe ricevuto in cambio tot assessorati, tot direzioni nelle ASL,tanti posti, tot avanzamenti di carriera ecc. I particolari del patto li sanno solo loro due, di preciso trapelò soltanto che se avesse avuto un notevole incremento di voti, come poi si è verificato, avrebbe ricevuto la presidenza del consiglio regionale, logicamente alla moglie che era stata inserita nei primi posti del listino, cosicchè nella peggiore delle ipotesi era eletta consigliere regionale. Quando nelle intercettazioni lo si sente minacciare Bassolino, non sono minacce, bensì il richiamo al rispetto dei patti. Non voglio tediare col racconto di tutta l’attività politica di Mastella, oltretutto non la conosco interamente, volevo solo darvi una vaga idea del sistema Campania. Un sistema che rende molto, politicamente ed economicamente, provate a sommare i lauti introiti dei coniugi, senza contare quelli dei figli, sto parlando di introiti legali….. più voti più soldi per tutti e incarichi da investire per nuovi adepti che portano altri voti e così fino a diventare ministro della giustizia con lo stesso giochetto pure a Roma. Restiamo in Campania dove Mastella detiene, penso io, il 20 per cento del pacchetto soldi pubblici e il restante ottanta chi lo detiene? La risposta più logica è: Bassolino, De Mita e Pecoraro, le percentuali non le conosciamo ma sicuramente non sono uguali. Tutta questa tiritera sicuramente avrà urtato la suscettibilità dei famigli, ma vorrei specificare che non sto scrivendo queste cose per condannare il sistema, non serve a niente, ma condanno i risultati di questo sistema. Che Mastella Bassolino Pecoraro e De Mita si dividano le risorse e i posti della Campania tra i loro famigli mi va bene e sono anche d’accordo con loro quando sostengono che i giudici non dovrebbero metterci il naso . NON sono d’accordo però quando gli uffici diretti dai loro famigli non funzionano, quando gli ospedali diretti dai loro direttori ammazzano invece di curare, quando si diventa primario o professore universitario solo in base ai voti che uno porta, quando i loro grandi esperti Facchi, Paolucci ecc. ci fanno vivere nella monnezza e cosa ancor più grave farci apostrofare nel mondo come zozzi napoletani. Su queste e su altre inefficienze analoghe non mi trovate d’ accordo e con me quelli che non appartengono alle vostre cosche cioè quelli che da questo perverso sistema che vi siete dato ricevono solo danni materiali e morali. Mi auguro che altri giudici indaghino sul restante 80 per cento del sistema politico campano e provvedano agli atti consequenziali, per i danni che apportano ai cittadini quotidianamente, non per i privilegi di cui godono. Ogni tanto i sogni si avverano, anche il procuratore di Napoli è anziano.
IL FRATELLO DI BELFAGOR

mercoledì 16 gennaio 2008

Links e Controlinks

Da qualche giorno sul sito casaleweb e' possibile vedere questo piccolo appunto:

"in genere segnaliamo i siti che ci impressionano positivamente, questa volta facciamo un'eccezione per questo sito che onestamente non ci piace. Naturalmente non vogliamo entrare nel merito delle posizioni politiche o di pensiero dei curatori, che peraltro non conosciamo. Naturalmente ognuno può esprimere sul web ogni genere di idee e posizioni, fortunatamente non c'è censura, e tutte le opinioni, anche non condivise, sono da rispettare. Quello che non ci piace è lo stile degli autori (o dell'autore) dei pezzi, che si firmano sempre con fantasiosi pseudonimi, mi sembrerebbe invece più corretto, soprattutto quando si scrivono cose anche di un certo peso, firmare gli articoli. Non ci piacciono gli appellativi, i nomignoli anche offensivi, con cui vengono derisi vari personaggi e politici locali e non, e, attenzione, non perchè vogliamo fare i difensori o perchè siamo sostenitori dell'uno o dell'altro, ma perchè non ci piace che il confronto politico o sociale scada a sequela di battute, lazzi e ammiccamenti da bar dello sport, perchè non ci piace chi spara nel mucchio per affermare in fin dei conti il solito qualunquistico e improduttivo concetto della politica arte di ladri e delinquenti. Ci piace pensare che la politica sia anche altro."

Iniziando col dire che rispettiamo il pensiero dell'autore, peraltro firmatosi come "la redazione" dopo aver fatto una filippica su come sia scorretto stare nell'anonimato, ci sembra che questo appunto rappresenti se non altro del materiale su cui riflettere.
Sono tante le cose che puo' rappresentare....Rappresenta la barriera inesorabile di chi dopo che gli hai detto tutto in faccia si limita a dire che non capisce, di chi loda il web per la liberta' che puo' apportare ma che poi vorrebbe che ci si autocensurasse, arrivando a tenere sulla prima pagina del proprio sito la bellissima e decantatissima Festa della Vendemmia di Casale, mentre la stessa Casale letteralmente annega in un mare di rifiuti (che non sono una catastrofe naturale, ma politica!). Rappresenta l'offendersi di fronte all'apposizione di nomignoli ai cosiddetti rappresentanti politici, come se fossero dei semidei intoccabili dei quali bisogna apprendere le arti dialettali nonche' i metodi finto-burocratici. Rappresenta la falsita' di chi ci accusa di sparare nel mucchio quando i giornali locali e nazionali vivono in un' altro mondo e sono ormai in simbiosi con la politica..... e se si trova qualche piccola verita', qualche autentica voce di popolo, qualche anche se sgrammaticata briciola di realta', subito la si addita come volgarita', vocio di bar, frizzi e lazzi, senza voler capire capire che il "ci piace pensare che la politica sia anche altro", che fa decantare il proprio vino mentre la munnezza e il percolato nutrono le vigne, mentre il parlamento fa un'ovazione ad un ministro della giustizia coinvolto in un'indagine giudiziaria, sta portando alla distruzione e all'implosione della societa'.
Siamo il frutto di tutto questo e, se vuoi, anche della munnezza. Togli noi, e i prossimi saranno cento volte peggio, caro casalepoliticallycorrectweb. Perche', anche se a te non sembra, stiamo cercando di contenerci.

La arredazione

lunedì 14 gennaio 2008

Enigmi

Non è futile occupazione, come taluni pensano, l’indovinare o sciogliere gli enigmi, richiedendosi acume di vedere e una certa facoltà riflessiva per poter conseguire in mezzo agli altri quella certa gloria, della quale è retribuito colui che ne vede la loro vera interpretazione.

Cominciamo con il primo:

La madre non è ancora nata e il figlio sta sul tetto.

A voi la risposta!

Per chi ha risposto : La caldaia da riscaldamente e il comignolo del camino. Te la diamo per buona! la risposta e' la fiamma e il fumo sul comignolo!

Indovina quest'altro!

A mezzanotte il silenzio suona tutto barbuto e barba non tiene, corona in testa e re non è, sperone al piede e cavaliere non è indovinate chi è?

indizio: ha il cappello rosso, e non è cardinale, ha la barba e non è eremita, ha gli speroni e non è cavaliere, suona il mattutino e non è sagrestano.

sabato 12 gennaio 2008

Il più grande dei privilegi - l'irresposabilità

Leggendo il gettonatissimo bestseller LA CASTA si ha una ampia cognizione dei privilegi che si sono arrogati i nostri attuali governanti dal più piccolo assessore al la presidenza della repubblica. Si legge che il Quirinale costa sette volte l’Eliseo, senza averne però la stessa importanza, che il Parlamento italiano spende più dei parlamenti delle maggiori nazioni europee messe insieme. I nostri politici godono di stipendi elevatissimi oltre a viaggi gratis in Italia e all’estero, indennità ,taxi, albergo, portaborse e ultimamente hanno chiesto anche una indennità di compagnia per la notte. A queste quisquilie bisogna aggiungere qualche presidenza o consigliere di amministrazione in uno degli innumerevoli enti inutili, per noi, ma utilissimi per loro. Nel libro però non viene citato il privilegio più grande di cui godono tutti i politici italiani che è l’irresponsabilità per gli atti che adottano. Nessuno è responsabile delle cose negative, in verità poche perché una stampa prezzolata ci racconta che tutto funziona alla perfezione in una nazione ricca moderna e felice. Se succede che un ministro licenzia un membro del C.D.A. della RAI e questi viene reintegrato dal T.A.R. se un altro ministro rimuove un generale e anche questo viene reintegrato o il governo cita una direttiva sbagliata in un decreto legge nessuno è tenuto a dimettersi , nessuno viene licenziato o semplicemente redarguito. L’opposizione lancia flebili proteste perché pensano di fare peggio se andranno al governo. Ma il massimo del privilegio dell’irresponsabilità lo possiamo verificare in questi giorni che stiamo vivendo l’ennesima crisi dei rifiuti in Campania. LE immagini di uno scandalo mai visto in nessuna parte del mondo, che fanno vergognare l’Italia , che comportano anche perdite economiche incalcolabili, immagini che sono la foto della cattiva amministrazione, dell’incompetenza, del dispregio assoluto del decoro e della salute dei cittadini che conseguenze comportano sul quadro politico? Nessuna. Il presidente della regione ammette una piccola responsabilità ma subito si affretta a dire che non si dimette, la nonna sindaco dichiara che ha fatto il suo dovere informando il capo del governo , questi prima di intervenire deve ultimare la settimana bianca, intanto la gente annaspa nell’immondizia con scuole chiuse ,sommosse ,malattie in aumento , chi è responsabile? Nessuno. Chi deve pagare le conseguenze di scadimento di immagine dell’Italia nel mondo? Nessuno. Con la loro faccia tosta si presentano pure in tv senza contraddittorio, a dire quello che si deve fare per risolvere la crisi , si presenta pure il pseudo ministro dell’ambiente( sic) che ci illustra come raccogliere le carte di caramella mentre ci troviamo in un mare di monnezza. Il Pecoraro è il quadro più eloquente dell’irresponsabilità basta guardare la sua faccia ambigua e irriverente con il suo ghigno abbronzato al sole dei congressi spesati,che dice fate bla bla tanto a me nessuno mi smuove . Come è possibile, hanno sperperato un milione di milioni di euro tra amici e conoscenti e adesso dicono che non sanno niente ,che loro non c’entrano è colpa dei commissari,ma chi li ha nominati i commissari? Chi li doveva controllare? Le risposte sono semplici , sono loro i colpevoli, ma loro si avvalgono del loro più grande privilegio: l’irresponsabilità delle loro azioni. Perciò non possiamo far niente se non sperare che passi presto questa emergenza e aspettare la prossima.



BELFAGOR

martedì 8 gennaio 2008

Commissariamento del commissario e altre bizzarrie...


“..Si bè, o bè.. forse bè.. si, si avete ragione però io non so poi fino a che punto la politica abbia colpa...”questi ed altri mormorii simili si sono sentiti durante conversazioni durate anche più di dieci minuti, dialoghi poi piombati come un fazzoletto di carta lasciato cadere a terra, magari vicino ad un cassonetto affogato sotto centinaia di sacchetti di spazzatura. Intanto, la Campania affoga sotto la politica, la camorra e la spazzatura. Si legge sui più autorevoli quotidiani che l’opposizione chiede le dimissioni di Bassolino, che gli intellettuali sono divisi, che in passato serviva questo e quell’altro, ora non ricordo cosa, ah si, serviva più critica rispetto ai problemi collegati all’ambiente, al ciclo dei rifiuti che è chiaro che in Campania esiste solo nei finanziamenti, riaffiora durante le conferenze stampa ed ora il nuovo piano per uscire dall’emergenza sarà attuato per i primi 120 giorni dal super commissario straordinario De Gennaro ex capo della polizia, affiancato dal generale di divisione Franco Giannini. Si certo come no, un altro cambio. Ah dimenticavo affiancati dai prefetti Pansa e Cimmino (quest’ultimo sempre sorpreso a ridersela durante gli incontri pubblici, chissà perchè). Si andrà avanti, certo, con la forza della polizia e dell’esercito, perchè ora deve finire l’emergenza, perciò spremiamo tutto ben bene che dopo non si ruba più. Eh! scusate, che dopo finanziamenti straordinari non ne arriveranno più. Si decideranno ovviamente i siti (per le eco-balle quelli decisi da Pansa, secondo la legge 87 del 2007 nel piano estivo), senza tenere conto naturalmente di quello che pensa la società civile. Oh forse questa volta sarà interpellata attraverso le istituzioni locali, e dunque attraverso le amministrazioni interessate per i siti inseriti nel piano del commissariato? Consentita interrogazione, in quanto tra i punti del piano operativo decretato da Prodi, vi è la volontà di affidare in un prossimo futuro la gestione dei rifiuti ai comuni. Certo, Pansa non aveva pensato di dialogare con i rappresentati dei comuni dove erano stati individuati i siti. Nooo, quando mai, ha fin’ora raccontato Pasquale Di Biasio. Pansa invece ha detto proprio il contrario l’altro giorno in prefettura durante la conferenza stampa. Intanto, tra i progetti a medio termine vi sono due importanti punti: il superamento dei consorzi in particolare nelle province di Napoli e Caserta(chissà perché, la camorra qui è riuscita più che nelle altre province) e l’ordine ai comuni di presentare nei prossimi due mesi un piano per la raccolta differenziata e di realizzare lo stesso nei sessanta giorni successivi, altrimenti saranno sciolti i consigli comunali e si passerà al commissariamento. A questo punto dopo questo assurdo tam tam di cambi al vertice, di politici che si sputano veleno a vicenda, crediamo che bisognerà avviare da parte dei cittadini consulte rappresentative (capito? rappresentative, significa senza gente che a maggio sarà nelle liste) per seguire, e aiutare a gestire, la differenziata e le scelte in materia ambientale, dimostrando in questo modo di voler veramente risolvere il problema, e poi a crudo isolare i responsabili della gestione passata, senza dimenticare nulla.


Manfredi dei’ Galeotti

lunedì 7 gennaio 2008

Un altro motivo per odiare la politica

Tralasciando motivi come: corruzione, falso in bilancio, abuso d’ufficio, raccomandazioni, clientelismo (con debito servilismo) che, parola dopo parola, crollano nel più spicciolo moralismo gratuito, mi piacerebbe analizzare un altro viscido approccio del sistema politico. Una dinamica non sempre ben focalizzata, che allo stesso tempo ne evidenzia ancor di più lo squallore delle metodologie usate. Tutto ciò che la mano santa e profumata della politica tocca, ne assume le sue sembianze. Mi spiego meglio... Consideriamo le associazioni di varia matrice, comitati, squadre sportive ecc. Nella loro purezza, uno dei motivi trainanti è la socializzazione e al contempo il raggiungimento di un qualche traguardo di qualsiasi tipo: vincere un torneo, organizzare una festa riuscita e divertente, sensibilizzare la gente su qualche tema. Gruppi fatti di persone, dunque, persone = voti e fin qui ci siamo. Ma l’elemento più torbido si mostra nel momento in cui la politica, per perseguire i propri fini elettorali vi entra e ne detta automaticamente le proprie regole di organizzazione. Un direttivo di un comitato, sfiorato dalla politica, diventa un piccolo consiglio comunale nostrano, caratterizzato da inciuci, bugie, intrallazzi, secondi fini, doppi giochi ecc. eclissando i veri propositi e fini di organizzazioni di qualsiasi tipo. O meglio, lo scopo rimane, ma solo come atto autocelebrativo-politico in caso di successo, mentre, in caso di fallimento diviene una barriera protettiva: cioè una maschera. E su questo si può ancora sorvolare, del resto è noto che moltissime associazioni e cooperative nascono esplicitamente dalla politica. Ma la cosa che più mi fa vomitare, è che tali dinamiche sputate dalla politica, assorbite dai direttivi di associazioni, comitati ecc. che alla vigilia delle elezioni magicamente si colorano di individui dichiaratamente politici, insozzano, frantumano, avvelenano, appiattiscono lo spirito delle persone che, spontaneamente si riuniscono per passione o divertimento o per occupare il tempo in paesi come il nostro, si trovano dinnanzi a una scelta: andarsene, per palesare il rifiuto di squallide dinamiche politiche; strafottersene e continuare con le proprie passioni; o semplicemente adeguarsi e conformarsi. In tutte e tre le opzioni: l’inaridimento dell’azione culturale insita nei principi dell’associazionismo. Quindi un altro motivo in più per odiare la politica e i suoi mezzi, soprattutto.

PONZIO


Sorvegliati molto speciali: I Frati Francescani

Siamo ancora nel decennio francese. Gioacchino Murat, Re di Napoli dal 1806 al 1813, anno della sua morte, non era una persona tanto di Dio. Le sue idee ultra moderne e rivoluzionarie cozzavano di brutto con quelle del clero, conservatrici e antiquate, che influenzavano pesantemente la vita sociale e politica del Regno. I suoi rapporti con la Chiesa non erano perciò affatto idilliaci, ma chi gli stava proprio sullo stomaco erano gli ordini mendicanti.
A che servivano, in fondo, tutti quei religiosi? A niente. Non avevano nessuna utilità sociale se non quella di pesare sulla comunità che doveva mantenerli.
E un Governo come quello francese, votato a migliorare le sorti della gente, non poteva tollerare chi non era di pubblica utilità.
Con sommo piacere, Murat continuò gli interventi del suo Governo che già aveva decretato l' espulsione dei gesuiti nel 1806, degli Ordini delle regole di S. Bernardo e S. Benedetto nel 1807 e ora, nel 1809, era la volta dei francescani.
Mendicanti si, ma avevano dei conventi e dei monasteri che erano una meraviglia. Pronti all' uso. E il Governo francese sapeva come usarli. D'altra parte, dove poteva far alloggiare tutte le truppacce che si era portato dietro? E dove situare i municipi, i tribunali, gli orfanatrofi e tutto ciò che era necessario alle nuove riforme? E' facile immaginarlo: nei conventi. La soluzione era dunque semplice e la trasformazione dei conventi in caserme, o altro, ancora più semplice: bastava cacciare via i religiosi.
In attesa di applicare la Legge che avrebbe soppresso gli ordini mendicanti, i religiosi erano tenuti sotto stretta sorveglianza.
Anche i frati del vostro bellissimo Convento di S. Francesco, che oggi potete ammirare restaurato, non sfuggirono alla sorveglianza: eccoli tutti 'schedati', insieme ai loro confratelli di Mondragone.



clicca sull'immagine per ingrandirla


Con il Real Decreto del 7 Agosto 1809, anche gli ordini religiosi francescani degli Osservanti, dei Riformati, dei Cappuccini e degli Alcantarini furono soppressi. I frati presenti a Casanova, nel Convento di S. Francesco e nell' Ospizio, sparirono dalla vita del paese. Preferirono tutti essere accorpati ad altre famiglie religiose non toccate dalla Legge e andarono alle loro nuove destinazioni. Uno solo rimase per qualche anno a Casanova: fra' Alessandro.
Potete trovarlo nelle registrazioni dei vostri registri parrocchiali come aiutante del parroco, don Fortunato Verazza.
Poi, anche lui sparì dalla scena del paese volando verso altri lidi.
Per il Convento, abbandonato alla sua sorte e alle truppe francesi, ebbe inizio una lunga e dolorosa epopea che solo recentemente si è conclusa.
Ma questa è un' altra pagina.

CLIO

p.s. Per consultare la trascrizione della schedatura dei frati scaricare il file "frati.doc" dalla sezione download oppure cliccare qui.

domenica 6 gennaio 2008

Il Grande Imbroglio - Antefatto

Pubblichiamo qui l'antefatto di una commedia in fase di scrittura che sara', se saranno trovati gli attori adatti, interpretata fra qualche mese nell'ambito dell'Estate Carinolese, con il patrocinio della nuova amministrazione comunale. Ogni riferimento a fatti persone o cose e' puramente casuale.
.
.
.


Il conte di Calenum, Biasox, illustre magistrato, quel giorno passeggiava nervoso nell’ampio salone del suo castello, da cui dominava la piazza e i suoi sudditi. Motivo delle sue preoccupazioni erano i bilanci economici stilati dal suo consulente finanziario, Abner da San Ruosi, il quale con un ghigno soddisfatto nel vederlo in difficoltà, gli aveva comunicato che le casse della contea erano state prosciugate per i prossimi dieci anni. Biasox, pensando e ripensando, si ricordò del suo amico Sandrino de Ricchioniis, vassallo del Re, che era alla ricerca disperata di un sito dove depositare lo sterco di cavallo prodotta in troppa abbondanza nel regno di Maradonia. Salì sulla sua carrozza argentata tirata da 20 poderosi cavalli e si recò da Sandrino, con cui si accordò di far portare il materiale nel suo contado in cambio di un alto incarico a corte per lui e due milioni di dobloni d’oro per la contea di Calenum, che avrebbe diviso con il proprietario dei terreni. Tornando verso casa pensava come impossessarsi dell’intera somma senza dare nulla all’eventuale proprietario del terreno, così si ricordò di un terreno di proprietà della contea, Carambottolis in Nocelletum, che lui conosceva benissimo per esserci nato. C’era pero’ un problema: i terreni in oggetto erano stati affidati in comodato d’uso gratuito ad un suo valvassino fedelissimo, tale Joan de Bufalaris, persona raffinatissima e coltissima, ma un po’ irascibile e che non avrebbe pensato due volte a tirargli il collo anche se difeso da mille soldati. Una persona normale non avrebbe saputo sciogliere il dilemma tra la borsa o la vita (ed avrebbe scelto la vita), ma Biasox, che era il più grande stratega politico mai nato, ebbe un lampo di genio e organizzò………………... Il Grande Imbroglio.
Intanto Sandrino de Ricchioniis aveva inviato un messaggero al console Panza de Ecobalarium, che era il responsabile del regno per lo smaltimento dello sterco con l’ordine verbale di portarla a Calenum.

mercoledì 2 gennaio 2008

Un effetto dell' abolizione del Feudalesimo e nascita del Territorio del Comune di Carinola

Io Clio, Musa della Storia, in questo nuovo anno ritengo che il popolo di Carinola, così duramente provato negli affetti e negli interessi, debba guardare un attimo indietro al suo passato per riscoprire la magia e la freschezza della semplicità, nonchè il rispetto reciproco che sembra aver perduto.
Vengo a ricordarvi, o carinolesi, che non perdere mai di vista le proprie radici è ciò che aiuta a ben crescere e a progredire pur conservando intatto il proprio carattere.
Vi regalo perciò una pagina della vostra Storia, e molte altre ve ne regalerò, affinchè possiate ritrovare in essa il giusto amore per la vostra terra e per voi stessi, e perchè possiate riappropriarvi di quella dignità che avete messo da parte. E poichè sembrate interessati in montagne, boschi e foreste.....A voi!

Buona lettura.

Provincia di Terra di Lavoro. Circondario di Carinola.
Verbale per il distacco di duemiladuecentoventuno moggia, tre passi e ventiquattro passitelli dei dieci canali dell' ex barone Sig. Duca Grillo per le due terze parti spettantino alla Comune di Carinola incluso in questo il compenso di 150 moggia di cese rilasciate al detto Sig. Duca e delle moggia 85, passi 19 e passitelli 6 dall' Uliveto piantato nel Canale delle Vaglie rilasciate all' istesso Sig. Duca.
Noi Giustino Conti, agente dipartitore demaniale del Circondario di Carinola, volendo mandare in effetti il distacco delle moggia 2221, passi 3 e passitelli 24 dei dieci canali dell' ex barone Sig. Duca Grillo nella Montagna di Montemarsico, cioè: Fossa Lupara, Cerchiello, Rivone Separa, la Pizza, Sant' Angelo, S. Maria, Le Mandre, Lo Ceraso e S. Martino, per le due terze parti spettantino in prezzo alla Comune per il compenso delle 150 moggia destinate a cese rilasciate al Sig. Duca, non men che delle moggia 85, passi 19 e passitelli 6 per l' uliveto piantato al Canale delle Vaglie di proprietà della Comune, rilasciati all' istesso Duca in virtù della sentenza dell' abolita Suprema Commissione Feudale, giusta la perizia fatta dall' agrimenzore sig. Paolo Vitolo, coll' intervento e presenza dell' arbitro del Sig. Duca, il Sig. Diego Leardi e l'antecedente verbale del dì 11 aprile 1812, essendo eccedenti oggi li 13 del mese medesimo, ci recammo al luogo col detto agrimenzore Sig. Vitolo e ancorchè coll' arbitro Sig. Leardi da noi invitato, il Sindaco Comunale Sig. Giacomo Rozera, i Decurioni Sig.ri Antonio Saraceni e Pietro Mazzucchi, con i testimoni fuori guardia Sig. Giacomo Apicerni di Casanova e il Sig. Giuseppe Broccoli di Falciano; quivi, essendo da detto Sig. Vitolo designato il confine dove giungono le giuste quantità di moggia 2221, passi 3 e passitelli 24, caduto dopo di sette canali che vengono inclusi nella suddetta quota e cioè: S. Martino, Ceraso, la Pizza, la Separa, S. Angelo, S. Maria e le Mandre, e propriamente nella linea che tira tra il suddetto ultimo settimo canale e parte dell' intervallo si frappone tra questo e l'altro denominato Olivone che spetta al Sig. Duca ed esce sotto l' arbusto che Nicola Prata di Falciano tiene di suo conto alle falde dei suddetti ultimi canali, quivi alla presenza del Sindaco, Decurioni e Testimoni ho proceduto e fatto procedere all' effettivo distacco della suddetta quantità di moggia 2221-3-19 facendo all' effetto scorciare un albero di quercia sistente in detto confine e scavare sotto di esso un fosso provvisorio per l'apposizione dei termini stabiliti, marmorei o di fabrica, nell' approvazione che si avrà dal Sig. Intendente della Provincia, facendo tirare su per il Monte l' istessa linea e scavar dei fossi provvisori per il medesimo effetto da mano in mano, alla dimostrazione dei confini indicati.
Avendo formato il presente verbale, ne ho dato lettura ai detti Sig. Vitolo, Sindaco Sig. Rozera, Decurioni e Testimoni che son passati perciò a sottoscrivere avendo trovato formata la verità.
Carinola lì tredici Aprile milleottocentododici. Seguono firme.

La pagina di Storia locale che vi ho appena dato risale al periodo napoleonico, a voi meglio noto come decennio francese poichè inizia nel 1806 e termina nel 1816 circa.
Quando i francesi occuparono il Regno di Napoli, prima con Giuseppe Bonaparte, fratello di Napoleone e poi con suo cognato Gioacchino Murat, vigeva ancora il feudalesimo: estesissimi territori e città, i feudi, erano nelle mani di un solo padrone, il barone, che aveva enormi poteri sulle vite degli uomini e sulle cose.
Con l'arrivo dei francesi, arrivarono nel Regno molte idee nuove nate sulla scia della Rivoluzione Francese da cui Napoleone veniva. Nuove riforme furono perciò necessarie per rimodernare la pesante e caotica impalcatura su cui si reggeva il Regno di Napoli. Le riforme più impellenti riguardavano la giustizia, le imposte e l' amministrazione civile, ma per attuarle il feudalesimo, nemico acerrimo di ogni rinnovamento, doveva sparire. E sparì ufficialmente con la legge del 2 Agosto 1806.
A seguito di questa legge che abolì la feudalità, nacquero nuove circoscrizioni territoriali e amministrative: le Comuni. E per far funzionare in maniera agevole questi nuovi organismi, venne adottato il moderno Codice Napoleonico che già operava in Francia.
Ma la piccola storia locale non sempre cammina con lo stesso passo della Grande Storia, soprattutto nella mentalità e nei comportamenti delle persone.
Nel 1812, la Comune di Carinola stava ancora disegnando il proprio territorio contendendolo all' ex barone, il Sig. Duca di Mondragone Gaetano Grillo, come testimonia la pagina data. In essa, i grandi nomi della Grande Storia vengono sostituiti da nomi e cognomi a voi più familiari, tra cui sono sicuramente vostri antenati.
La Grande Storia continuò il suo corso, come ben sapete (o no?), e di conseguenza anche la piccola storia: i Borboni ritornarono ancora per molti anni, il Codice Napoleonico diventò, con qualche ritocco, il Codice Ferdinandeo e il Decurionato( l' amministrazione municipale) ritornò ad essere chiamato Senato, ma le basi erano state gettate e la Comune di Carinola diventò infine il Comune di Carinola.

CLIO

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan