giovedì 28 febbraio 2008

Biasox, IL PRINCIPE della politica

Il conte di Calenum, dell’omonima contea, si crogiolava al sole seduto nel suo giardino in una bellissima giornata di ottobre. Anche nel lieve torpore che lo avvolgeva pensava a quali affari poteva realizzare nella gestione della contea e si beava e compiaceva della sua abilità. All’improvviso fu destato da un servitore che gli annunciava l’arrivo di un messaggero del re di Maradonia del cui territorio la contea di Calenum faceva parte. Il cavaliere, latore del messaggio, appena al cospetto del conte dopo essersi cimentato in un vistoso inchino si limitò a dire “da parte del re don Antonio de Scampia” e si allontanò. Rimasto solo il conte Biasox lesse, anche se lentamente, tutta la pergamena e, cosa riprovevole per lui, imprecò sottovoce. Nel messaggio c’era scritto senza mezzi termini che lui doveva essere insignito di un’altra carica e al suo posto doveva essere nominato un reggente. Fin qui nulla di terribile, anzi, ma la missiva concludeva che la nomina doveva essere ratificata dal voto dei servitori della gleba per dare l’impressione di essere un governante illuminato. Il conte pensò ai lavori che aveva in itinere da appaltare e principalmente al grosso affare che aveva ideato sui cimiteri che a breve doveva concretizzare. Il reggente lo aveva in mente, tale Antimus Mutus de Casalibus , suo valvassore da anni fedele e silenzioso, ma c’erano altri due aspiranti al trono della contea, il duca Giano de Fontanavecchia e il cerusico di corte don Luigi de Santa Cruz. Questi due, penso' Biasox, se si alleavano potevano influire sui servitori della gleba e ostacolare la designazione del suo delfino in pectore..... La mattina dopo convocò il duca Giano e senza tanti preamboli per sembrare il più sincero possibile gli giurò sui suoi avi che un mese prima del suffragio popolare sarebbe stato lui il designato a succedergli. Dopo un paio d’ore convocò anche il dottor Luigi de Santa Cruz facendogli le stesse promesse e gli stessi giuramenti sugli stessi avi: logicamente da entrambi aveva preteso il più stretto riserbo su quel colloquio. La moglie del conte, che aveva sentito tutto e non comprendeva i sotterfugi del consorte, lo apostrofò: "ma con quale faccia prometti la stessa cosa a tre persone ?" Il conte Biasox si fece serio e con tono professionale le disse: "mia cara, “ il fine giustifica i mezzi " e irritato si allontanò. Restò alquanto alterato fino a sera anche mentre, seduto dietro la sua immensa scrivania, provava a scrivere. Dopo un po’, stanco, per appisolarsi ricorse al suo anestetico personale, un libro. Ne prese uno a caso, lesse il titolo ed era "IL PRINCIPE" di Nicolò Machiavelli: lo sfogliò e fu colpito proprio dalla famosa frase – il fine giustifica i mezzi- sbalordito esclamò “ Questo è un plagio!! l’originale è mio!”
...continua....
Il Conte del Grillo

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan