mercoledì 6 febbraio 2008

La tela di Penelope di Calenum

Il conte di calenum Biasox dell’omonima contea nel regno di Maradonia passeggiava nervoso nel salone del suo palazzo. Tutto il giorno aveva ricevuto i numerosi valvassori e valvassini e tutti gli avevano fatto la stessa lamentela. Ormai erano due mesi che lo sterco di cavallo non veniva raccolto poiché gli sversatoi del regno erano saturi e non ne erano stati approntati di nuovi e la contea era sommersa dallo sterco. Nel contado di Carani il palazzo della sua più fedele valvassina era assediato dallo sterco e anche lei, anche se con molta deferenza, gli aveva porto le sue rimostranze. L’onta più grande l’aveva subita il pomeriggio quando alcuni servi della gleba invece di riverirlo come al solito, avevano sibilato alcune invettive tra cui aveva inteso chiaramente “faccia di zoccola” Lui invece di far intervenire le guardie e farli arrestare, anche perché era in vigore un suo editto che vietava qualunque tipo di protesta, fece finta di non aver sentito. La sua magnanimità era dettata dalla consapevolezza delle condizioni veramente schifose in cui teneva i suoi sudditi e voleva evitare qualunque innesco di rivolta. Tutto quello sterco nelle strade della contea stava provocando malori ai vecchi ed ai bambini e c’era il timore che si avesse un ‘epidemia. Ma quello che lo preoccupava di più non era certo la salute del popolo ma il crescente spirito di rivolta dei sudditi che lui notava in pericoloso aumento. Oltre agli insulti sibilati i villici nottetempo avevano sversato lo sterco sotto la sua abitazione in tale quantità che avevano bloccato il transito dei carri per mezza giornata. Immerso nei suoi pensieri continuava a girare nella stanza senza pausa, cosicchè la consorte , dama premurosa e innamorata , nonostante le sue stravaganze ed altro, gli portò una tazza di brodo che lui rifiutò dicendo di avere lo stomaco chiuso per il nervosismo. La consorte visto che non riusciva a calmarsi e a riposare gli porse un libro preso a caso nella fornitissima biblioteca consigliandogli di leggerlo, sicura che si sarebbe addormentato come aveva sempre fatto alla sola vista di un libro. Quella sera invece, causa le preoccupazioni ,non si addormentò incominciò a leggere stentatamente in quanto per lui la cultura era tempo rubato all’esercizio del potere. Il libro era l’Odissea. Alle prime pagine pensò : Ma chi è questa gente di cui non ho mai sentito parlare ma che me ne importa di fatti successi secoli fa! E così sfogliava e leggeva qualche frase ad ogni capitolo. Così facendo arrivò al capitolo che narrava di Penelope che per resistere alle proposte di matrimonio dei suoi superbi pretendenti aveva promesso di sposarli quando avesse finito di tessere il velo nuziale con le proprie mani. Biasox si illuminò in volto e nonostante leggesse stentatamente per le sue note carenze culturali, comprese benissimo il significato e immediatamente progettò un piano analogo per risolvere i problemi che lo assillavano e si addormentò profondamente . Svegliatosi riposato convocò i suoi valvassini informandoli che avrebbe risolto personalmente il problema di dove depositare lo sterco e di dare notizia ai servi della gleba che la soluzione era ormai questione di pochi giorni . Così incominciò a tessere la sua tela dicendo che avrebbe firmato l’editto dell’ubicazione del sito a condizione che i proprietari fossero d’accordo. La mattina indicava un sito e la sera, tramite suoi fidati tirapiedi aizzava i proprietari a protestare per non farlo realizzare guadagnando per ogni sito indicato una settimana . Indicò Carabottolis, Cascanum, San Biagius,strada consolare Appia , fiume Riello, Santa Fortunata, tutti contestati dai proprietari o dai confinanti e lui era costretto a strappare l’editto e prepararne un nuovo . Finalmente il console generale del regno per lo sterco aprì un grande deposito a poche leghe di distanza dalla contea . Biasox si adoperò a far pulire la contea in pochi giorni facendo trasportare tutto lo sterco che si trovava nelle strade della contea nel sito indicato. Tutti gli riconobbero il merito di aver fatto il possibile per risolvere la terribile crisi ma di non esserci riuscito prima per colpa di altri. E così tra i salamelecchi dei valvassori e dei valvassini e gli applausi dei servi della gleba continuò a regnare per tanti anni ancora.

Il Conte del Grillo




 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan