domenica 9 marzo 2008

Appello per il non voto

Siamo perplessi. Siamo delusi. Siamo stufi. Tutto nuovo, niente di nuovo.
Le liste che sfilano sotto i nostri occhi non annunciano il rinnovamento che si sperava in questo Comune. Sono solo un insieme quanto mai eterogeneo di numeri prima che di persone, a garanzia di una continuità che, francamente, non vogliamo.
Speravamo di vedere persone nuove e non ci sono. Speravamo di vedere giovani che volessero prendere a cuore le sorti di questo Comune e non ci sono.Che i ragazzi non si sentano ancora pronti a scendere in campo è comprensibile, ma che rinuncino a decidere del loro futuro e di quello del nostro Comune è inammissibile. Prima o poi dovranno farlo, oppure rassegnarsi ad andare via

Intanto a maggio si va a votare!
Votare o non votare? Questo è l’ amletico dubbio che si affaccia alle menti di molti. Lo leggo nei vari blog nostrani, lo sento nelle chiacchiere delle persone.
Dare un voto a una persona e ad una lista significa dare la propria fiducia. Significa accettare di essere rappresentati nei propri desideri, nei propri diritti e anche nei propri doveri. Significa credere nelle stesse cose!
Nelle stesse cose?...
Allo stato attuale, io non credo che ci siano i presupposti per dare fiducia a chicchesia.
Le ultime vicende hanno messo sotto gli occhi di tutti l’inefficienza e l’opportunismo della nostra classe politica, espressione di quell’altra classe più grande che, a livello regionale e nazionale, ha permesso il tracollo della Campania.
Che cosa ci ritroviamo oggi tra le mani? Un territorio disastrato, crescita zero nelle politiche sociali, giovanili e agricole, tasse tra le più alte che esistano, nessuna prospettiva di lavoro per i nostri giovani che continuano ad essere costretti a partire, la ‘confortante’ presenza della camorra persino nei nostri cimiteri.
A chi dovremmo dare questa fiducia e perché?!! Per continuare a farci tartassare e prendere per i fondelli? No, grazie!
Chi mi vuole rappresentare deve venire incontro alle MIE esigenze di cittadina, deve assicurarmi un futuro dignitoso ed onesto, deve crearmi tutte le opportunità di benessere possibili e immaginabili, deve mettermi in condizione di starci bene in questo territorio, deve proteggerlo affinchè io ci stia bene e deve garantirmi i servizi più elementari a un costo accessibile.
E’ stato fatto tutto questo? NO!
I vari politicanti, ora, mi vengono a promettere la luna nel pozzo. Io so benissimo che la luna nel pozzo non c’è e se cerco di prenderla, affogo.
Credo che invece della fiducia, i nostri amministratori, o pseudo amministratori, abbiano bisogno di una bella lezione, in modo che possano finalmente farsi un serio esame di coscienza e cominciare a riflettere. E allora NON VOTIAMO!!! Annulliamo la scheda! Con questo gesto di protesta esprimiamo il nostro dissapore, la nostra delusione, il nostro malessere gridando loro: NO, non ti voto perché non ho fiducia in te! Non mi sento rappresentato da te. NON SEI ALL’ALTEZZA DI RAPPRESENTARMI!!! Non crediamo nelle stesse cose!
Chi mi rappresenterà?... Io mi rappresenterò! Io parte di un popolo, io cittadina, io persona.
Chi ci ha rappresentato durante le ben note vicende delle ecoballe? Il sindaco forse? O il vice sindaco? O i consiglieri? Chi si è presentato non ha mai convinto. NON AVEVA argomenti per convincere!
Ve lo dico io chi ci ha rappresentati: NOI ci siamo rappresentati! Noi con la nostra costante presenza, noi che facevamo le notti in bianco al freddo, noi che ci alzavamo alle quattro del mattino per dare il cambio, noi che abbiamo trascurato tutto per proteggere le nostre Vaglie e la nostra dignità di cittadini offesi e trattati come imbecilli.
Freschi freschi tornano i soliti noti, a promettere mare e monti, a propinarci le loro verità, immemori di un passato troppo recente e angoscioso per essere dimenticato.
Pretendono che noi li crediamo???


TALIA

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan