domenica 2 marzo 2008

Carinola: un comune che muore?

Ho la sensazione, un po’ angosciosa, che Carinola stia per morire, che sia diventato troppo vecchio prima ancor di diventare giovane. D’altra parte, con più di mille anni alle spalle, questo comune comincia a mostrare i suoi acciacchi. Eppure, nonostante la storia anche di tutto rispetto, Carinola non è mai cresciuto come forse avrebbe dovuto e potuto, né nell’economia, né nel turismo, né nel sociale. Forse perché il gene della sudditanza si è piazzato troppo solidamente nel nostro DNA ed ha compromesso una crescita, che in altri luoghi, sarebbe stata florida.

E’ un comune che vivacchia alla meno peggio, e a furia di vivacchiare è diventato decrepito.
Ora ci si appresta a rinnovarsi, se così si può dire… Rinnovarsi?... Credo che sia più un’ operazione di lifting che altro. Stessi volti di sempre, stessi sorrisi stiracchiati. Stesso interesse di difendere i propri interessi. Mancano volti nuovi. Mancano forze giovani. Energie fresche e disinteressate.
I giovani, quelli in gamba, quelli che potrebbero cambiare le sorti di questo comune, purtroppo, non sono più qui. Hanno dovuto cercare una vita altrove prima che, essi stessi, diventassero vecchi a furia di aspettare qualcosa che non arrivava mai. Forse avrebbero dovuto perseverare? Mah!...
Ho percepito, in questi giorni, un sommovimento giovanile che cercava di organizzarsi, di proporsi, ma come tutte le cose fatte in fretta, non avrà purtroppo seguito. O se l’avrà, non cambierà di molto la situazione. L’ esperienza insegna che tutto quello che nasce sull’onda dell’emotività è destinato ad avere vita breve. Questo non è da biasimare; l’interesse e l’amore dei giovani per il proprio territorio è da apprezzare. Così come è da apprezzare anche la rabbia che li spinge a voler fare, a voler dare il proprio contributo pur di difendere la propria terra dalle grinfie di chi non l’ha saputo fare o l’ha fatto male.
La politica è però un piatto che va servito freddo. E’ un’arte che richiede preparazione, organizzazione, ma questo non significa che debba scoraggiare le nuove generazioni dallo scendere in campo. Anzi. E’ importante che i giovani si lascino coinvolgere per portare sempre quell’aria di rinnovamento e di alternanza necessaria a rendere vitale il nostro comune. E per questo bisogna prepararsi facendosi conoscere, ascoltando la gente, comprendendone le difficoltà e i problemi, non con l’arroganza e la presunzione di chi crede di poter poi risolvere tutto, ma con l’umiltà di chi vuole imparare per poi poter aiutare.
Un minimo di preparazione è necessaria se si vuole raggiungere un qualche risultato. Come dice una persona a me molto cara: andare in guerra con una cerbottana non è la stessa cosa che andarci con un cannone.
Non sono nella posizione o all’altezza di dare consigli, ma invito tutti i giovani di buona volontà a non desistere. Subiamoci altri cinque anni di palude Stige, ma non lasciamoci impantanare definitivamente e nel frattempo, organizziamoci, prepariamoci, e chissà che anche per noi non arriverà il momento di riveder le stelle!

Galatea

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan