domenica 16 marzo 2008

L' Eterno Ritorno


Ormai sono stati resi ufficiali e pubblici i nomi dei candidati delle rispettive coalizioni che cercheranno la vittoria elettorale e noi del Quiquirì che facciamo? La risposta è ovvia, LI SPUTTANIAMO.
Il programma elettorale dell’amministrazione uscente (qui sintetizzato) da come abbiamo visto in questi cinque anni è stato attuato, solo che è stato attuato al contrario. I nostri rappresentati (mentre scrivevo sta parola sono scappato a cesso per vomitare), credendo che i cittadini di Carinola soffrono di amnesia, torneranno a gridare dai balconi e scrivere sui manifesti le stesse cose dette e ridette, promesse e ripromesse 5 anni fa. Ma i nostri politucucci da quattro soldi non considerano il fatto che noi esistiamo da cinque anni ( ah, però!!!) e abbiamo conservato tutto.

Il piano regolatore, diversamente dai buoni propositi, manca all’appello e tornerà nuovamente come punto forte di propaganda dei rispettivi programmi. Qualche malizioso locale, notando che la mancanza di un piano regolatore non ha ostacolato la costruzione di decine di case e di un buon numero di ecomostri, ha addirittura insinuato che il piano non viene fatto apposta perché così il sindaco e i suoi scagnozzi possono così barattare concessioni edilizie con voti, ma noi a questo ovviamente non ci crediamo. E’ opportuno evidenziare che il Puc avrebbe dovuto interessarsi anche della parte ambientale ed infatti, come possiamo notare, sono state create non poche discariche abusive sparse per il territorio. Inoltre si parlava di recupero dei siti inquinati ed in particolare del recupero della cava di Casanova: ricordo ancora il nostro caro Gennaro Mannillo quando dal balcone nell’enfasi più toccante metteva all’attenzione dei presenti tale ambizione. Un recupero che purtroppo, vista l’ignoranza dei casanovesi che non hanno voluto le ecoballe, non si è attuato.
Sempre relativo all’attuazione del piano regolatore, nel programma si parlava, di sistemi di depurazione, creazione di parcheggi e segnaletica. Li avete visti? Io no. Anzi si, le fogne a cielo aperto di giù Casanova e per la strada di Carinola ecc.. sono un chiaro esempio di depurazione.
Poi, dopo il punto che riguardava l’attuazione del Puc, si parlava di una maggiore attenzione al settore agricolo visto che è la prima attività del territorio carinolese. Interventi come sussidi agricoli per gli agricoltori danneggiati dalle calamità naturali, miglioramento delle strade rurali e, come se non bastasse, promozione per la nascita di cooperative, realizzazione di mercati ortofrutticoli ed adesioni ad associazioni agro-turistiche. Le pesche di mia nonna più volte hanno subito delle gelate e non ha visto un soldo ( logicamente perché non conosce nessuno al comune). Questo per non parlare del miglioramento delle strade rurali degli amici e della nascita della cooperativa dell’amico Augusto Bertone che ha pulito una volta la villa e poi non sappiamo che fine abbia fatto. Per quanto riguarda la nascita dei mercati ortofrutticoli, credo che si riferisse ai verdummari, mentre non ho ancora capito che cosa sono le associazioni agrituristiche.
Tra i punti del programma, non poteva mancare la creazione di posti di lavoro, che si sono trasformati in deleghe di vario genere sempre e solo agli amici, giustamente, e l’attuazione di opere pubbliche, miglioramento dei trasporti, creazione di aree verdi a sostegno delle attività sportive usufruendo dei fondi regionali. I fondi sicuramente sono stati usufruiti, ma purtroppo mancano le cose proposte.
Successivamente si passa alle politiche sociali, che a carinola è solo il nome di un assessorato e niente più, visto che non si è fatto niente. Ci si proponeva di tutelare le fasce più deboli, cioè i più traffichini, la sensibilizzazione dei giovani per quanto riguarda la droga, e credo che i giovani carinolesi in merito a questo punto sono molto sensibili, e della sensibilizzazione alla raccolta differenziata che come vediamo funziona benissimo: tutti sanno infatti che frigoriferi e lavandini vanno buttati alla circumvallazione di Casale, mentre la munnezza normale sotto Santa Lucia. Abbiamo avuto talmente tanto successo che diversi falcianesi si sono uniti a noi e hanno deciso di buttarla li anche loro.
A questo punto del programma si arriva alla parte che preferisco, ovvero l’informagiovani, che non ho capito a che cazzo serve se non a dare un posto a qualcuno che porta voti. Tralasciando la parte che riguarda il tribunale, si arriva alla valorizzazione della cultura, del turismo e dei beni archeologici. Una valorizzazione attuata meravigliosamente con cinque anni di Mimì Palmiero per quanto riguarda la cultura e di abbandono degradante di tutti i siti storici del territorio come, un esempio per tutti, l’Episcopio in Foro Claudio, al centro di una speculazione edilizia ancora in atto, come la ristrutturazione di S. Francesco e della chiesa della Grangelsa che se le ristrutturava masto Michele era decisamente meglio...
Ma la cosa che fa più ridere e quando si parla di “turismo attuabile tramite tour operators che definiscano dei percorsi tra le bellezze naturali e storiche passando per la cucina carinolese”! Le bellezze ci sono, i monumenti anche, la cucina è buona, ma di tour operator in questi cinque anni non ne ho visti.
Il programma di Carinola Democratica a questo punto si conclude con una vera genialata, ovvero concretizzare un gemellaggio con una città catalana e la partecipazione all’iniziativa La città della Domenica del quotidiano “La repubblica” Non so se il comune ha partecipato all’iniziativa della testata nazionale e mi pare che l’unica volta che stava sul giornale era perché era stata scelta dal suo proprio sindaco come deposito per le ecoballe, ma sicuramente io non ho visto mai un catalano a Carinola se non qualche amico nostro venuto a trovarci a casa.
Chiaramente, tutto quello che è stato promesso non si è attuato e il programma, dopo una rispolveratina, tornerà nuovamente, così come le solite urla e le solite stronzate dai balconi.
A questo punto, per par condicio dovremmo sputtanare anche la lista “Insieme per Cambiare”, ma mi accorgo che sono più o meno gli stessi di Carinola Democratica. Anzi no, c’è Mattia Di Lorenzo e i suoi balilla che per tutto l’anno hanno rotto le palle con il documento programmatico, secondo il quale il candidato o sarebbe stato fascio o An correva da sola. Quindi, se 1 + 1= 2, o Gennaro è fascio o sono na masnada d’incoerenti e buffoni, così come il resto della coalizione che hanno sempre giurato odio eterno agli avversari e che oggi sono amici.
Tutto è uguale e nulla cambia. In conclusione riproponiamo un passaggio scritto dal quiquiri ben 5 anni fa e che ci fa una tristezza incredibile vedere che rimane ancora attualissimo.

Come già detto, non vogliamo entrare nel merito dei
contenuti dei due programmi elettorali, anche se
non possiamo fare a meno di notare che entrambi sono
caratterizzati da ambizioni eccessive, che vanno
oltre gli abbastanza limitati poteri di cui un'amministrazione
comunale dispone, e le cui tematiche
sono state inserite per motivi propagandistici più
che programmatici. Non è necessariamente una
critica, ci rendiamo conto che senza propaganda è
difficile catturare il consenso della maggior parte
degli elettori, ma preferiremmo, noi, che come tanti
altri non siamo pregiudizialmente legati al voto di
questa o quell'altra parte, che siano definiti obiettivi
più concreti (e quindi realizzabili) e che si smetta
di usare l'intero tempo che si ha a disposizione nei
comizi per attaccare gli avversari piuttosto che
esporre le proprie proposte…qualche fesso come
noi potrebbe pensare che sia un modo per eludere il
fatto che il programma è in realtà campato in aria.


DePoPA

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan