venerdì 18 aprile 2008

Il re è morto…viva il re!


Le elezioni amministrative del 13 e 14 aprile 2008 hanno causato un doloroso passaggio di mano del potere comunale, a lungo desiderato dalla maggior parte del popolo carinolese. E quando il popolo comincia a dare segni di insofferenza verso il potere istituzionale, beh, allora c’ è da aver paura.
Erano già diversi anni che l’insofferenza popolare serpeggiava da un paese all’altro, soffermandosi in qualche frazione in particolare, ma ciò che certamente ha determinato il tracollo dell’ amministrazione Di Biasio è stata la vicenda delle ecoballe e quella della gestione dei cimiteri, che, per i cittadini, sono state il non plus ultra.
Le mura del palazzo del potere hanno cominciato a tremare quando il popolo ha iniziato a protestare apertamente contro la nuova gestione dei cimiteri e Mannillo, consapevole del malcontento generale, si è staccato dalla maggioranza per tentare l’avventura che gli era stata negata, quella di diventare sindaco, trascinandosi dietro anche De Risi. Le avventure, si sa, sono sempre rischiose e per arginare al massimo i rischi, è necessario prendere delle precauzioni, anche drastiche. L’alleanza con la destra è stata certamente una precauzione necessaria, vincente bisogna dire, ma Mannillo è e rimane un uomo di sinistra. La regia di Grimaldi poi, è stata fondamentale!

In questa tornata elettorale, non ci è stata data una grande varietà di scelta, è vero, ma Mannillo è stato più scaltro ed ha inserito nella sua lista qualche faccia nuova, cosa che non ha fatto Di Biasio che, forse stanco dei lunghi anni trascorsi in poltrona, ha i riflessi un po’ appannati. Quell’uno o due volti nuovi schierati da Di Biasio non sono risultati molto credibili, anzi, hanno dato ancora di più l’impressione di stare lì per difendere interessi di parte.
La gente aveva deciso di cambiare e lo ha fatto. A nulla sono valse le varie accuse di tradimento che sono state fatte a Gennaro Mannillo attraverso manifesti e manifestini o dai balconi. A nulla sono valse le varie tattiche persuasive messe a punto per catturare la buona fede degli elettori, a nulla il feroce mercanteggiare voti con l’ uso di regali, a volte anche consistenti, e a nulla sono valsi neanche gli ultimi tentativi di brogli elettorali, a Casanova e a Nocelleto, mediante l’ andare e il venire di una scheda, che entrava in cabina già segnata e ne usciva bianca! O bigliettini che volavano dalla finestra del bagno e su cui erano scritti i nomi delle persone che ancora dovevano votare e che così potevano essere avvicinate!
Questo voler detenere il potere a tutti i costi, fino a rasentare l’illegalità, è quello che ha disgustato i cittadini carinolesi che ormai, già da tempo, non vedevano più, negli amministratori, le persone capaci di rappresentarli nei loro diritti o difendere i loro interessi, ma vedevano in loro i componenti di una lobby comunale nauseante, il cui unico scopo era quello di tenersi ben stretto il piccolo potere e i privilegi che erano stati loro concessi dal padre padrone e guadagnarne magari altri in cambio di una improbabile fedeltà! Niente per nessun cittadino comune è mai uscito da quelle mura. Nessun posto di lavoro è mai stato creato per qualche giovane capace del nostro comune, costretto ad andarsene via e portare altrove le sue abilità e conoscenze, perché mai niente è stato messo regolarmente a concorso come dovrebbe esser fatto in un comune democraticamente serio. I posti di lavori vengono usati come merce di scambio e dati a chi conviene di più: alla figlia di quell’ impiegato, alla moglie di quell’altro, al marito di questa qua. Quello lo mettiamo a fare l’impiegato, a quell’altra le facciamo fare l’assistente sociale, a questo qui lo mettiamo nell’ufficio tecnico, a quello lì lo mettiamo a fare il vigile purchè se ne stiano buoni e portino voti!
Questi sono gli andazzi del palazzo e il popolo lo sa bene! I conti erano stati fatti già da lungo tempo, ma come si sa, il diavolo fa le pentole e non i coperchi. Tutto è andato a farsi benedire e la lobby dispersa. Per il momento. Ne nascerà un’altra? Chissà! Certo, gli uomini cambiano ma i giochi rimangono sempre gli stessi. E chi è rimasto fregato adesso, deve darsi da fare e cercare di farsi amici i nuovi arrivati. Non si può mai sapere… per ora assisteremo ad altri giochetti. La lotta per le investiture è prossima e sarà aspra. Chi saranno gli assessori?....Mah! Una cosa è certa... vi teniamo d'occhio fin dall'inizio stavolta!
Grillo parlante

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan