giovedì 26 giugno 2008

Il venerdi' del villaggio

La Lara vien dai Carani
con le bollette fra le mani

Col suo cammin a tratti
reca un fascio di contratti.

Ormai fa come le pare
e aspetta la festa con le comare e,
domani,
col suo fare ostenterà il petto e il collare.

Siede con le compagne
a chiacchierar e a far lagne.

Con tanta devozione
fa aprir ogni portone

E con un pò di sane moine
fa sganciare tante lire.

Con la bionda e Antonietta per tutti i vicoli sgambetta

E con Pino e Tommaso prende tutti per il naso.

Dove si trova si fa sera raccontando la sua spesa

E novellando vien sovvenendo di quando la festa sta venendo

E la sera si deve ornare perché tutti vuol caricare

E tutta snella e fiera festeggerà
con don Carlo tutta la sera e,
lasciandosi nei pensier,
corre ancor a quello di ier.

Già l’aria imbruna
e sta ormai per sorgere la luna
or la banda suona con tanto sfizio
e alla festa si dia inizio.

Bocciato Leali e Tozzi,
sospirando aspetta Capozzi

E i fanciulli tutti insieme
a gridar di cambiar mestiere.
Intanto al tavolino il zappator
le lancia un risolino

Perché quando tutto sarà spento
verrà da tutti un gran lamento.

Tutti a gemere e bisbigliare che questa festa non è da fare

E c’è chi tanto le vuol male che invoca il temporale.

Ciascun in cuor suo fa crucci
e vede bello pure Ruocci.

Manca solo che tutto arzillo
si presenti pure Mannillo

E tutti e due con devozione
pensino a cambiare situazione.

Altro della tua festa non dirò
ma ti dico che farò

Questo venerdì è il più gradito
perché tutti insieme alziamo il dito

E fortemente attanagliati
gridiamo in coro ci hai stufati!

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan