venerdì 28 novembre 2008

Lettera da Milano

Cari Quiquirìni,

qui é la Redazione Immaginaria di Virgolaz che vi scrive da Milano.

Il 28 novembre prossimo (stasera, ndr) dedicheremo il nostro appuntamento mensile di musica, arte e socialità al "Sud ribelle & protagonista". Lo faremo un po' perché una parte dei partecipanti ai nostri gruppi di lavoro fa parte della cosiddetta "2G" meridionale (con ben due membri dal comune di Carinola), un po' perché giudichiamo il momento sufficientemente propizio per parlare in modo non omologato delle piccole e grandi mafie, organiche al modello sociale che ci sommerge, che inquinano in vario modo le nostre esistenze.

Proporremo con tutta la semplicità di cui siamo capaci una nostra narrazione collettiva basata su brevi letture di Roberto Saviano, Musiche dal Sud (prevalentemente Pino vecchio stile & tradizione napoletana), "Immagini & Parole" pescate -tra l'altro- dal vostro sito. Tanto per rimanere in tema, a pochi metri da noi si svolgerà uno spettacolo di una nota scuola milanese di musica e danza africana con la quale stiamo concordando ulteriori ponti di solidarietà creativa.

Ci rivolgiamo a voi perché pensiamo che l'unica reazione possibile allo stato delle cose sia quella che proviene dal basso, perché apprezziamo i blog aperti a tutte le posizioni, perché leggendovi spassionatamente abbiamo fatto nostri nuovi punti di vista e perché, in ultima istanza, "the revolution is faceless".

Nel percorso che ci ha portato a questo appuntamento abbiamo studiato quintali di carta (inviata in parte alla redazione quiquirìna) e ci siamo progressivamente scoperti presuntuosi nel pensare di riuscire a produrre una convincente sintesi informativa che non fosse "provinciale", scontati e qualche volta retorici nelle proposte, ingenui razzisti nella collocazione geografica del concetto "mafia" e inadeguati nella visione complessiva del problema.

Inizialmente pensavamo di lanciare al mondo una provocazione antimeridionale o filo-camorrista nel tentativo di "desavianizzare" Saviano, che oggi incarna il simulacro del dogma della lotta a gomorra con cui molti pensano di mettersi la coscienza a posto senza nemmeno alzarsi dalla poltrona (e soprattutto lasciando a Roberto tutti i rischi del caso).

Pensavamo così di scremare tra i sommersi e i salvati della cultura mafiosa e di fare uscire allo scoperto tutti i potenziali "Saviani" che pure esistono e conducono ogni giorno la propria lotta personale contro l'impero del male a Milano come a Carinola.

Ci siamo resi conto dell'enormità della nostra ambizione e abbiamo scoperto che la realtà é più surreale di ogni possibile provocazione.

Era necessario fare un passo indietro e ripartire da capo tutti assieme.

Eccoci dunque qui, "in braghe di tela", a chiedervi con tutta l'umiltà di cui siamo capaci un messaggio per fare un passo avanti nel nostro ragionamento, un contributo culturale costruttivo per mettere un altro tassello nel mosaico della resistenza alla barbarie. Garantiamo che lo faremo rispettosamente nostro, lo tratteremo con riguardo e lo inseriremo nelle doverose repliche a tutti coloro che ci chiederanno conto di che ruolo pensiamo di svolgere nella battaglia contro il "sistema".

Perchè non si può stare sempre a guardare.

La Redazione Immaginaria




 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan