lunedì 10 novembre 2008

Perché mi piace Barack Obama

Il paese delle pari opportunità non ha smentito se stesso. Barack Obama, giovane afro-americano, è il primo presidente di colore degli Stati Uniti d’America. Obama è il sogno americano che diventa realtà, ma è soprattutto il profetico sogno di Martin Luther King  che si realizza. Quarant’anni sono passati da quando il pastore protestante statunitense arringava alle folle con la sua famosa “I have a dream” rimasta pietra miliare nella storia delle lotte per i diritti civili dei neri d’America.
In questi anni la democrazia americana ha galoppato, non tanto ai  livelli presidenziali, quanto nel cuore e nella mente degli americani.
Il cammino non è stato semplice: la democrazia americana, prima di arrivare ad Obama, è passata attraverso il sangue di Lincoln, dello stesso Martin Luther King, di Malcom X  ed è passata attraverso il difficile impegno sociale e politico di persone come Angela Davis, scomoda intellettuale afro-americana che delle battaglie per i diritti civili ne ha fatto un scopo di vita.
Tuttavia, Obama mi piace non perché è il primo nero a diventare presidente degli USA, ma perché racchiude in sé quello che ho sempre ammirato in una persona: la consapevolezza e il rispetto della propria appartenenza, la forza di volontà, l’impegno costante, la fiducia nelle proprie capacità.
Obama ha avuto le idee chiare fin da subito e non le ha celate. La sua sfida è quella di demolire l’idea di un’America imperialista, aggressiva e bellicosa che basa il proprio potere sulla forza delle armi per far crescere un’America nuova che basa il proprio potere sulla forza delle idee, sui diritti civili, sul rispetto dell’ambiente e degli altri.
E’ consapevole che gli americani sono abbastanza maturi da accettare questo cambiamento e il fatto che lo abbiano votato in massa gli ha dato ragione.
Dopo un personaggio negativo come Bush, considerato uno dei peggiori presidenti che l’America abbia mai avuto, Obama è certamente il meglio che l’America abbia mai partorito finora.
Mezzo bianco e mezzo nero, di umile famiglia che ha saputo guadagnarsi una dignità sociale, vissuto in parti diverse del mondo, con un cognome giapponese, Obama sembra essere il compendio di tutto il mondo, colui che racchiude in sé una globalità razziale e culturale senza precedenti. Ogni popolo, ogni persona si riconosce in lui. Forse è per questo che piace tanto.
Qualcuno lo accusa di non avere abbastanza esperienza politica per governare un paese grande e complesso come gli USA,  penso invece che lui sia abbastanza intelligente da saperlo e quindi si circonderà delle persone giuste. Ambizioso si, ma presuntuoso no.
Ce la farà perché crede in quello che fa, crede in se stesso e crede nella forza della democrazia, ma crede soprattutto nella forza della idee che possono essere grande veicolo di crescita sociale ed economica.
Molti paesi della civilissima Europa, tra cui l’Italia,  hanno ancora molto da imparare, sia per quanto riguarda l’applicazione della democrazia, sia per il rispetto reciproco che dovrebbero avere le parti politiche in causa.
L’Italia in particolare, sembra lontana anni luce da un comportamento veramente democratico, e per certi versi l'elezione di Obama a Presidente degli Stati Uniti mi rattrista nno poco guardando alla situazione politica del mio paese. 
Speranzoso

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan