venerdì 30 gennaio 2009

il mondo alla rovescia

Sarebbe semplicemente assurdo pensare di trattare qui la crisi del mondo carnevalesco dei nostri miseri anni, i cui sintomi decadenti forse si possono già rintracciare subito dopo le visioni ribelli e meta-culturali degli anni settanta. Ma forse possiamo capire quei rapporti rovesciati e rovesciabili.
Pensiamo ora per un momento solo a quei rapporti grotteschi che il popolo del medioevo mistificava continuazione, re-inventava nei riti civili, le beffe alle istituzioni, ai re, ai conti e poi ai vari podestà. Certo, appartengono a qualcosa di così lontano e che ora noi potremo forse solo immaginare sfogliando storie letterarie, nelle leggende della civiltà occidentale, trovare i segni di questo tempo mitico.
E pensare che le azioni carnevalesche e i relativi riti avevano un ruolo così fondamentale per l’uomo del medioevo. Il riso e la beffa dominava riti civili e religiosi. Un profondo ed assurdo cerimoniale di motivi con impulsi primitivi, finiva per travolgere il popolo in festa, a cui nessuno poteva pensare di sfuggire. Al carnevale non si assiste, si vive, scrive Bachtin. Una tempesta onirica, in cui il mito viveva, in cui i folli erano tutti. Noi viviamo ora , ma di Tv e di notizie, di soap e talk. Lavoro-preparare la cena-lavarsi denti. Fare il letto.Scopare. Morire. Tutto qui?Dov’è il riso?Dov’è finita l’utopia, la libertà, l’eguaglianza di tutti?
Insomma dov’è il mondo alla rovescia? Veniamo brevemente al riso. Abbiamo smesso di ridere per svariate ragioni, ma la conseguenza peggiore è che il riso, frutto di una sottile espressività lucida e burlesca, ha una funzione molto importante nella vita sociale che noi abbiamo sottovalutato. Forse dimenticato. Facciamo un esempio. All’epoca alcuni pezzi firmati pseudonimi riconoscibili di questo Blog, facevano ridere, erano, diciamo satirici, ma sottendevano una verità lucida, smascheravano semplicemente comportamenti falsi e ipocriti della classe politica.Ora sono diventati rarissimi. Era semplicemente una visione critica.
Ebbene non vi è dubbio che la crisi del riso ha finito per contaminare anche il quiquiri. Fra tutti quelli che ne trovano maggiore giovamento è l’attuale maggioranza. Mannillo è più vispo che mai. Mattia è un grande appaltatore di feste e festarelle. De Risi c’è e non c’è, e Massimo s’incazza con questi. Bene nulla di nuovo, solita routine. Lo sapevamo dall’inizio e il bello forse deve ancora venire.Un tempo nel giorno di carnevale il popolo eleggeva re e regine per burle. Ebbene, sembra proprio che questi qui l’abbiamo eletti sul serio, ma provano gusto a farsi burle tra loro e quindi anche a noi. Nessuno osa nemmeno più ridere? Il mondo si è rovesciato di nuovo.

Lo sceicco Bianco.

impegni elettorali

CARINOLA. UN AMMINISTRAZIONE CHE SI MUOVE PIANO (COLPA DI UN PASSATO CATASTROFICO) MA CHE STA RISPETTANDO GLI IMPEGNI ELETTORALI.

Cari amici del quiquiri,
Carinola è cambiata. Tutti conoscono la storia della discarica di SELLECCOLA - sarebbe stato certamente meglio se non ci fossimo mai trovati a parlare di questa vicenda dal retrogusto amaro ma, all'interno di quella che è sicuramente una brutta storia, è importante prendere atto della positiva notizia di oggi. FINALMENTE SONO ARRIVATI I CAMION che porteranno via quell'ammasso di rifiuti che stagnavano li da ormai 3 anni. Bisogna dare atto a quest'amministrazione targata Mannillo che ancora una volta ha mantenuto il Suo impegno elettorale. Ora rimane da sistemare l'annosa vicenda cimiteri, colpo di coda di DI BIASIO che aveva già da tempo il sentore che per la sua " casata" la politica a carinola era finita! Bravo assessore all'ecologia.....

RDC

mercoledì 28 gennaio 2009

Quale cambiamento



Cambiamenti e Attese, inserito originariamente da BeneToZi.



La parola ‘cambiamento’ è senz’altro quella più usata ed abusata in questi ultimi tempi, soprattutto dalla classe politica carinolese.

Tutti i partiti politici parlano di un cambiamento, tutti i candidati a qualcosa promettono un cambiamento. Anche il popolo e il popolino lo vorrebbero, ma nella loro realistica visione delle cose, sanno perfettamente che per loro non cambierà mai niente.

Che significato vorremmo dare a questa parola?

Quando la sento, francamente mi preoccupo. Comincio a pensare a palazzoni che crescono come funghi, a ruspe che spianano zone di montagna, a una crescita abnorme della zona abitativa, a zone verdi che scompaiono, a un traffico insostenibile e a tante cose che sono come incubi nella mia mente. Non sono uno di quelli che anelano ad una radicale trasformazione della tranquilla vita di ogni giorno del nostro Comune. Opterei piuttosto per un miglioramento.

Molti di noi si accontenterebbero veramente di poco: che i servizi pubblici fossero più efficienti; che le scuole fossero più accoglienti e sicure per i nostri ragazzi; che il look dei nostri paesini venisse curato e abbellito col dovuto rispetto storico; che i fossi lungo le strade comunali venissero ripuliti prima della stagione delle piogge; che le strade fossero quindi praticabili anche in caso di pioggia intensa e non trasformati improvvisamente in fiumane capaci di travolgerti; che il servizio trasporti Angelino non ti lasciasse a piedi quando hai bisogno di andare alla stazione ferroviaria; che illustri sconosciuti non stessero sempre a sversare monnezza e ingombranti davanti alle carreggiate di terreni privati o negli anfratti più nascosti delle strade vicinali; che la Fontana Vecchia diventasse un luogo ameno e ridente, con un bel lavatoio chiacchierino; che la strada del Convento di San Francesco, e non solo quella, venisse rifatta, visto lo stato pietoso in cui è ridotta (mi scusino i concittadini carinolesi se nomino solo luoghi di Casanova: sono quelli che conosco meglio, ma tutti i luoghi del territorio mi sono cari).

Tuttavia, il cambiamento che veramente vorrei vedere nella vita del Comune è una concreta presenza giovanile capace di farsi rispettare e considerare, respingendo qualsiasi tentativo di strumentalizzazione da parte dei furboni della politica. Vorrei che fossero loro a prendere in mano le sorti del nostro Comune, ringiovanendolo nelle metodologie e nelle aspettative, ma purtroppo, sono anche quelli che meno si lasciano coinvolgere. Preferiscono andare via. Che altro potrebbero fare?!

Da quello che noto osservando la vita della Nazione, sono proprio i giovani i primi a scendere in piazza e a protestare contro le ingiustizie della casta politica, responsabilmente preoccupati del loro futuro e del benessere del paese, ma sono anche quelli più disgustati dalle realtà politiche locali da cui cercano di stare lontani.

Credo invece che, nella gestione della cosa pubblica, sia importante la presenza di giovani determinati, con idee fresche ed entusiasmo vivace, capaci di ravvivare la vita sonnolenta del nostro Comune dando gli impulsi giusti per una crescita sempre migliore.

Ecco, il cambiamento che vorrei è proprio questo: un Comune giovane, attivo, vivo, responsabile, attento alle problematiche dei cittadini di qualsiasi fascia d’età, capace di sfruttare le risorse del territorio e creare qualche posto di lavoro, di sfruttare le intelligenze e le abilità dei singoli e delle associazioni, capace di prestare la massima attenzione al rispetto dell’ambiente e alla cura del patrimonio artistico, capace di creare in tutti i cittadini il piacere di vivere in questo posto invece di costringerli a fuggire. Ma perché questo avvenga, penso che ognuno di noi dovrebbe fare la propria parte.

Mister No

domenica 25 gennaio 2009

27 Gennaio: giorno della memoria (e della dimenticanza)


Quello che resta di un genocidio.2, inserito originariamente da IsabellaR..

Ormai è prossima la data dedicata alla memoria del genocidio degli Ebrei perpetrato dal regime nazista.

Il ricordo di quelle efferatezze è utile e necessario per far riflettere tutti su quegli orrori. Serve mostrare le immagini di quella tragedia e discuterne, non solo per condannarle ma anche per suscitare l’impegno di tutti ad evitare che si ripetano simili atrocità. Indubbiamente, istituire una giornata della memoria ès tata una iniziativa lodevole perchè fa in modo che alle nuove generazioni resti impresso quello che non dovrebbe mai avvenire.

In questi giorni, mentre si ricorda la terribile tragedia degli Ebrei , si dimenticano tutti gli altri terribili genocidi facendola diventare anche la Giornata della Dimenticanza. Bisogna dimenticare tutti i genocidi che hanno macchiato di tanto sangue la storia recente e meno recente. Si deve dimenticare il genocidio armeno del 1915-16 che portò alla quasi distruzione di quel nobile popolo. Si deve dimenticare il genocidio degli assiri dello stesso periodo storico di quello armeno. Si deve dimenticare il genocidio Greco durato ininterrottamente dal 1908 al 1923. Si deve dimenticar il genocidio degli italiani dell’Istria nel 1945 che furono sepolti vivi nelle foibe a migliaia. Si deve dimenticare il genocidio dei musulmani di Sebrenica in Bosnia considerati un fastidioso intralcio al nuovo ordine balcanico. Dobbiamo dimenticare il genocidio di milioni di cambogiani avvenuto pochi anni fa. Dobbiamo dimenticare i genocidi attuali nel Darfur e non bisogna nemmeno accennare alla tragedia palestinese che vede quello che resta di un popolo costretto a vivere in campi profughi e bombardato a tempi alterni.

Non si comprende il motivo di questa voluta dimenticanza: quasi un razzismo strisciante che fa distinzioni tra le razze dei morti. Ricordare le vittime di una razza o nazionalità, dimenticare quelle di altre ritenute forse inferiori e da non tenere nella stessa considerazione. Forse la spiegazione di questo oblio è molto più semplice: sono poveri, e la povertà è una colpa che si paga con la dimenticanza e la cancellazione dai capitoli della storia. Come nella vita di tutti i giorni, chi ha più possibilità prevarica il diritto di chi ha poco o niente e anche come vittime di una tragedia si conserva lo status di superiore.

Mi auguro un cambiamento che faccia si che ci si convinca che i morti sono tutti uguali e quelli morti per la stessa causa sono ancora più uguali. Ci si deve augurare che il giorno del ricordo e della dimenticanza sia sostituito con la giornata della memoria e della condanna di tutti i genocidi mettendo in atto protocolli internazionali atti ad evitare il ripetersi di simili tragedie. Se non sarà possibile la realizzazione di quanto sopra auspicato si spera almeno che in quel giorno le persone di buona volontà si ricordino per un attimo, oltre che degli Ebrei, anche di tutte le altre vittime innocenti della follia umana.
ProCopio

venerdì 23 gennaio 2009

Carinola radiosamente cambiata

In questi giorni siamo stati affascinati dalle immagini  della pomposa cerimonia di insediamento del neo presidente degli STATI UNITI Barack OBAMA. Le emittenti televisive di tutto il mondo hanno mostrato la folla, veramente oceanica, che assisteva estasiata e  acclamava il proprio idolo! In tutti i volti inquadrati si leggeva la speranza e la fiducia di un  futuro migliore, materiale e spirituale. Anche la maggior parte degli abitanti della terra  si sono sintonizzati sulle stesse aspettative positive. A CARINOLA ci è tornata alla mente la sera del venerdì precedente le ultime elezioni amministrative. In quella serata , nella piazza di CASANOVA fu eletto per acclamazione l’attuale sindaco dott. Gennaro MANNILLO. Quella sera si visse nel nostro  piccolo comune  l’avvenimento che in questi giorni sta interessando il mondo! Tutta la popolazione compatta acclamò  il nuovo sindaco che  in tutta la campagna elettorale aveva promesso un taglio netto col passato! Aveva promesso di voltare pagina, come OBAMA nei confronti di BUSH si impegnò a cancellare il ricordo della politica deludente del suo predecessore. La fiducia riposta in lui  non è andata delusa: a nove mesi dalla sua elezione si può affermare che Carinola è veramente cambiata e radiosamente! Supportato da una squadra di assessori di tutto rispetto, il sindaco  in nove mesi ha cambiato il volto del comune. Ha iniziato con l’avvio della raccolta differenziata, che come magia è stata attuata in un giorno è andata a regime in poco tempo. Con un servizio impeccabile, affidato ad una ditta seria, in poche settimane le nostre contrade sono tornate linde e ordinate come tanti anni fa!  Subito ha dato impulso a tutte le   attività  economiche e culturali  favorendo ed assecondando le entusiasmanti iniziative dei suoi effervescenti assessori. Il segreto del successo dell’ OBAMA di Carinola è stato proprio questo: aver messo le persone giuste al posto giusto. Il vulcanico  assessore  alla cultura Mattia DI LORENZO è stato un vero e proprio asso nella manica con le innumerevoli iniziative che ha proposto e realizzato in così poco tempo, tutte riuscitissime! Sagre, mostre, eventi musicali, conferenze, restauro di monumenti, costruzione di nuovi,  tutto ciò che si può definire il meglio della cultura ha fatto passerella a Carinola. Tra tutte le iniziative si ricorda la performance di una delle più grandi cantanti liriche che risponde al nome di Katia RICCIARELLI!!! Il dinamico assessore allo sport nel suo campo non è stato da meno sostenendo  mini olimpiadi, memorial di calcio, scuola di calcio, scuola da tennis da tavolo e tanto altro. Da menzionare per questo assessorato un pregio particolare e cioè quello di aver contenuto sempre le spese, molte volte a costo zero come l’esposizione della coppa del mondo di calcio nella sede comunale!!! Accanto a questi gli assessori all’agricoltura e alla sanità e ai lavori pubblici. I prodotti dell ’agricoltura carinolese  sono stati valorizzati e promossi in campo nazionale e addirittura  europeo con una mostra a LUGANO! Nel campo della sanità è stato messo a punto un piano capillare all’avanguardia di assistenza per gli anziani e un monitoraggio sulla salute dei neonati. L’assessore ai lavori pubblici ha fatto la sua parte nel rinnovamento licenziando il tecnico consulente della amministrazione precedente e ha dato incarico ad un nuovo tecnico di completare tutte le opere in corso nel più breve tempo possibile oltre a progettarne di nuove. Anche la criticata SEGRETERIA del SINDACO ha dato il suo apporto al successo dell’amministrazione. Il team molto affiatato  oltre che assicurare una  presenza continua consentendo risposte rapide ed efficaci ad ogni  emergenza, costituisce una fucina di idee e di progetti per il Sindaco! Veramente si può affermare che per CARINOLA la svolta c’è stata ed in un modo veloce oltre che meraviglioso! L’auspicio è che questo sistema virtuoso che si è instaurato a Carinola sia esportato nei comuni viciniori e da questi all’intera regione che ha tanto bisogno di una svolta positiva.

Avv. Trafficozzi

Dalla parte dell’uomo

Ho visto dei bambini piangere atterriti. Non mi sono affatto chiesta se erano palestinesi o israeliani.
gaza
Erano bambini.

Ho visto delle mamme disperarsi e urlare. Non mi sono affatto chiesta se erano palestinesi o israeliane. Erano mamme.


Ho visto soldati che lanciavano missili, guidavano carri armati, sparavano, combattevano. Non mi sono affatto chiesta se erano palestinesi o israeliani. Erano uomini.

Fino a quando si può assistere impotenti a simili massacri? Fin dove la mente umana può arrivare a concepire piani e mezzi di distruzione e a desiderare lo stermino dei suoi simili? Fin dove la mente può tollerare tutto questo?....

Non posso fare a meno di ricordare la semplice e stupenda risposta del nostro caro padre Michele ad un giornalista che gli chiedeva lui da che parte stesse. “Dalla parte dell’uomo”, rispose padre Michele senza esitazioni.

Dalla parte dell’uomo.

Dalla parte dell’uomo che non ha colore e non ha fede politica; non ha nazionalità e non ha religione ma è solo e semplicemente ‘uomo’. Dalla parte dell’uomo che ha il diritto di esistere e popolare la terra al di là dei confini territoriali e politici che noi vi mettiamo; al di là delle barriere sociali che noi vi erigiamo; al di là del colore della pelle e della fede religiosa per cui combattiamo, al di là di qualsiasi schifosissimo interesse economico che ci porta a sentirci padreterni e a schiacciare col piede chi pensiamo ci dia fastidio. Dalla parte dell’uomo che ha il diritto di utilizzare le risorse naturali della Terra, senza elemosinarle, perché la Terra appartiene a tutti e le sue risorse non possono diventare mezzi di potere nelle mani dei pochi.

Dalla parte dell’uomo che ha diritto ad una striscia di patria, un pezzo di terreno, un morso di pane, un sorso d’acqua, un minimo d’istruzione, una casa. Che ha diritto ad una vita.


Non si può semplicemente dire ‘io sono filo israeliano o sono filo palestinese’ legittimando le azioni dell’una o dell’altra parte: bisogna fare in modo che si arrivi ad un accordo, che si arrivi alla Pace a cui entrambi hanno diritto.

gaza
Certo, in chi osserva da lontano questa tragedia, la ragione elabora e percepisce le piccole o grandi differenze che si celano in questo interminabile conflitto: qualcuno gioca più sporco dell’altro perché ha più mezzi per farlo e perché ha il sostegno di una potenza mondiale il cui presidente ha forse dato l’ultimo colpo di coda prima di ritirarsi a vita privata, ma non si può e non si deve giustificare la guerra. Mai.

gazaIl cammino dell’Umanità è passato attraverso brutture inaudite che però, ora, non sono più tollerabili. Nell’attuale mondo globale, il raggiungimento di un grado di civiltà accettabile andrebbe usato per aiutare ad evolversi chi non è ancora riuscito a farlo, per combattere la povertà che noi stessi contribuiamo a spargere, per raddrizzare le distorsioni di sistemi ingiusti. Usare la nostra miglior civiltà e i nostri più sofisticati mezzi per reprimere i più deboli è solo stoltezza.

Abbiamo il dovere morale di costruire la Pace, ma la Pace si costruisce solo se si assicura a tutti i popoli la possibilità di un’esistenza a cui vanno garantiti rispetto e dignità.

Galatea

mercoledì 21 gennaio 2009

Per Roberto

Caro Roberto,


ho letto il tuo articolo “Costumi e società” e il tuo pensiero mi ha dato numerosi spunti di riflessione. Tuttavia, visto che in onore delle nuove tecnologie il tuo sito non mi dà la possibilità di commentare, lo faccio da questo.

E’ vero, è davvero impressionante lo sviluppo dell’informazione locale su internet, specialmente nelle nostre zone, dove i giornali locali non parlano d’altro che di morti ammazzati e di serrande di negozi divelte dalle bombe: tutte cose dalle quali noi fortunatamente ci sentiamo lontani anni luce pur essendo fatti veri che succedono a pochi chilometri da noi. Ed è vero che è abbastanza scoraggiante dover spendere un euro e passa solo per leggere del tale politico che dichiara tale cosa e il giorno dopo l’altro politico che gli risponde, creando la consueta, sterile, trita e ritrita polemica politicantesca tipica del modo di condurre i fatti amministrativi dalle nostre parti. Da qui l’aumento dei “clic” sui siti che, in modi e forme diverse, si occupano delle questioni locali.

Non riesco però ad essere soddisfatto dalla presente situazione come tu dici di essere, usando un “noi” che non capisco se si tratti di un pluralia maiestatis o se sia riferito ad un non ben precisato gruppo di pionieri carinolesi della rete.

Il problema di fondo è che l’accesso alle nuove tecnologie non ci ha cambiato di una virgola: la nostra mentalità è rimasta uguale ed identica. Poter mandare affanculo questo o quel politico su un blog, o darsi l’aria da intellettuale su un sito, prendersi meriti, dare colpe e segnalare problematiche non ha cambiato il nostro modo di pensare e soprattutto non ha cambiato la nostra visione egoista e a breve termine. Una visione che abbiamo forse ereditato dai Borboni, qualcuno dirà.... non lo so, ma so che la possibilità, che è già di per sè remota, di vedere lo sviluppo del nostro paese e di smettere di salutare gente che parte e non torna più, scompare sempre di più, ogni giorno, nonostante siti e blog.

Il terzo millennio parte da noi e dalle prospettive che ci vogliamo dare come collettività. Se manca un progetto, se quando ci sono le elezioni chi si mette in mezzo sa già che deve contribuire a far funzionare un “sistema” già ben avviato e collaudato, e chi lo vota sa già quello che deve avere in ritorno, se ognuno pensa solo esclusivamente ai cazzi propri, noi andiamo verso il Medioevo, altro che terzo millennio.

E’, la nostra, la tipica mentalità del “furbo” che alla fine si trova ad affogare nella sua stessa melma.

Ma ora smetto di assilarti con queste “chiacchiere” e ti lascio con l’ augurio che il sito del quale fai parte possa crescere e prosperare proprio come quelle radio locali di cui racconti (quali sono?) e che possa essere anch’esso assorbito da un Network nazionale. Credo non si tratti di una vana speranza in quanto la formula che adotta è proprio quella di un grande giornale come il Corriere della Sera: 80% di elogio dei potenti di turno, speziando qua e là con l’intervento critico, ma sempre “moderato”, di qualcuno che sembri antagonista e alternativo (quel ruolo lo fai tu), e soprattutto senza dimenticare la pancia... con tante feste, sagre, allegria e strizzando l’occhio alla “cultura” (sempre con sbafata finale, però).

Con il potere possiamo essere spesso complici inconsapevoli, e questo mio intervento lungi dal voler essere un attacco personale, vuole metterti in guardia da questo.

Infine, visto che parli di libri, sarei molto lieto che me ne consigliassi qualcuno e colgo l’ occasione per raccomandarti vivamente la lettura di La democrazia e la legge ferrea dell'oligarchia : saggio sociologico, di Robert Michels.


Saluti


FuoriTempo

lunedì 19 gennaio 2009

In arrivo il Vitello d’Oro

Vitello d'oro

Molto presto, probabilmente anche Carinola avrà il suo Vitello d’Oro: la coppa del mondo.
Resterà tra noi per una settimana e tutti potranno adorarla, perché è lei, proprio lei che ci ha riscattato agli occhi del mondo ridandoci stima e credibilità!
Sicuramente i festeggiamenti che si faranno intorno a questo idolo saranno tanti ed andranno ad ingrossare la vanagloria di chi pensa di aver fatto un’azione unica per la comunità e le tasche di chi gira, come satellite, intorno al pianeta sport, in questo caso il calcio.
E’ questa la valenza che vogliamo dare a questo avvenimento?  Credo sarà proprio così.
Se non fosse stato così, il nostro assessore allo sport avrebbe organizzato ben altri tipi di manifestazioni, per ben altri scopi….ma l’ottica che anima lo sport carinolese non sembra avere uno sguardo molto lungo.
Vorrei ricordare al nostro giovane assessore che ogni sport che oggi si pratica in Italia e in ogni altra nazione nasce da quel mondo classico greco che ci ha regalato le Olimpiadi, manifestazioni sportive così importanti e foriere di pace che tutto si fermava quando c’erano i giochi olimpici. Le armi tacevano e i nemici diventavano amici per gareggiare l’uno contro l’altro con determinazione, ma con correttezza sportiva. I giochi olimpici dell’antichità erano le tregue moderne, e i popoli greci, stanchi di combattere, li aspettavano e chiedevano  con insistenza.
Dopo secoli, lo sport ad alti livelli ha perso quello spirito di crescita fisica e morale che lo caratterizzava e il calcio, in particolare, è diventato un mezzo infame per far girare capitali, ma tutto può avere un senso se solo noi vogliamo. Dipende dalla valenza che vogliamo dare alle cose.
Voglio farti notare, caro assessore allo sport, che in una parte del Pianeta ci sono due popoli che si stanno massacrando, a torto o a ragione, per non parlare di altri conflitti sparsi per il mondo di cui nessun mezzo d’informazione parla.
Le notizie e le immagini che colpiscono i nostri occhi e le nostre orecchie ci fanno inorridire e in molte parti del globo si protesta a pieni polmoni per fermare questo massacro.
Mi sarei aspettato da te un’iniziativa di responsabilità e anche di coraggio. Sei giovane, dovresti avere nobili ideali.
Mi sarei aspettato che tu avessi riunito tutti i giovani sportivi di Carinola e avessi organizzato una forte manifestazione in favore della Pace, magari una maratona o una fiaccolata intorno al territorio comunale, facendo venire in quel caso la Rai,  per dare testimonianza ed essere di sprono a tanti altri piccoli comuni che pensano sia inutile fare qualcosa.
Ma non lo hai fatto e non lo farai.
Questa amministrazione è troppo allineata con chi pensa che gli israeliani abbiano ragione e abbiano il diritto di difendersi, sterminando i palestinesi.
Beh, io credo che non esistono israeliani e non esistono palestinesi; esistono solo due popoli che hanno entrambi il diritto di esistere e lo potranno fare solo se si raggiungerà la Pace. Una seria, duratura, condivisa Pace.
Il mondo deve aiutarli a trovarla questa benedetta Pace che in quella parte della Terra, a noi cristiani tanto cara, sembra essere sconosciuta. Perciò caro assessore, lo sport è importante, importantissimo ma solo se diventa strumento di vera crescita, di aggregazione, di accoglienza, di tolleranza per l’altro e solo se aiuta i nostri adolescenti ad immagazzinare i valori su cui deve ruotare l’Umanità, altrimenti è qualcosa di assolutamente sterile e soggettivo. 
Senofonte


sabato 17 gennaio 2009

Grazie Michele


Prima di esprimere il mio pensiero sulla puntata di giovedì scorso di "AnnoZero" e sulle polemiche che ne sono seguite, premetto che non sono un grande estimatore di Michele Santoro, in quanto lo considero politicamente fazioso. Però ammiro gli uomini coerenti: essere coerente significa rispettare le proprie idee e principi anche quando si rischia di essere licenziato, emarginato o addirittura aggredito fisicamente.

Nell’ultima trasmissione Santoro ha mostrato il volto eroico della coerenza, sfidando il novanta per cento dei capobastone d’Italia, chiaramente indifferenti al dramma del Medioriente o addirittura complici di stragi di innocenti. La trasmissione ha voluto dimostrare la realtà di una operazione sconsiderata e criminale perché condotta contro civili inermi, affamati e infreddoliti. Nello stesso studio ho visto l’eroina del giorno, una stronza per sua ammissione, recatasi lì per farsi bella agli occhi di chi conta, e sono rimasto arcicontento che Santoro glielo abbia detto davanti a milioni di spettatori. Pochi sanno che quella scrive sul giornale La Stampa, notoriamente a capitale ebraico, e inoltre aspira ad incarichi in Rai di competenza dei presidenti della Camera e del Senato, incarichi che sono in scadenza.

Sono ormai ventuno giorni che l’esercito più attrezzato del mondo, anche se non il migliore (i “terroristi” libanesi qualche hanno fa ne misero a nudo la fragilità), bombarda senza tregua quel campo di concentramento. Sì ho detto bene, campo di concentramento, come quelli nazisti. L'intera zona della Striscia di Gaza è infatti recintata e circondata dagli Israeliani su tre lati e dai loro amici egiziani dal restante lato. Nessuno dice questo, altrimenti dovrebbero spiegare come è possibile ricevere armi in queste condizioni, e lasciarsi sfuggire che sicuramente uno dei due stati lo permette. Spiegando questo, si farebbe comprendere anche che sono obbligati ad essere scudi umani, non potendo allontanarsi dalla zona dei combattimenti come hanno fatto in Libano o in qualunque altra zona di guerra dove si ha la possibilità di farlo. Riguardo ai famosi missili di Hamas, posso garantire che una qualunque ditta di fuochi artificiali ne possiede di più potenti: la dimostrazione sono i risultati distruttivi che l’inviato RAI si affanna a mostrare, piccoli buchi e qualche persona intronata. Lo stesso inviato parla quotidianamente di guerra, di diritto di Israele a difendersi, di armi che possono distruggere Israele. Alcuni fanno notare notare che questo Pagliara è lì da anni perché gradito agli israeliani, dei quali legge volenterosamente i servizi che gli scrivono (in questi giorni l’esercito), e si pensa che addirittura sia sul libro paga dei servizi segreti israeliani. Il suo predecessore, Paolo Longo , che non si prestava a queste schifezze, lo hanno spedito in Cina, il posto più lontano da quei luoghi. La coerenza non paga.

In questi giorni di “guerra” ho assistito, oltre che a alla vergogna del corrispondente che non si è mai avvicinato ai luoghi dei massacri parlando però come se li vedesse, a tavole rotonde di giornalisti ricattati o in vendita come la suddetta stronza, esperti militari e tuttologi vari, tutti schierati sulla stessa linea: giustificare qualunque azione dell’esercito israeliano. Resto inorridito nel sentirli, parlano di distruzioni di edifici e di massacri di bambini con la stessa sensibilità con cui si parla della distruzione delle arance in sovrapproduzione. A questi soldati dell’informazione deviata si sono uniti i generali, cioè i politici capeggiati da Fini e Gasparri e tutti gli altri colonnelli. E’ mancato Ferrara, assente forse perché non poteva fare la primadonna.

Per me è uno scandalo: come si fa a solidarizzare con chi sta perpetrando dei massacri di donne e bambini? E' come incitarli ad eliminarne il più possibile e diventarne complici. Se comprendo Fini, detesto Veltroni, Fassino e quelli di sinistra che si sono accodati a lui. Fini lo comprendo perché lui è un fascista, quindi razzista, specialmente con quelli di pelle scura, quindi si possono ammazzare. Ma Veltroni che porta la sua pensione ai bambini africani, è deprecabile che giustifichi il massacro dei bimbi palestinesi. Grazie Michele che glielo hai detto, non ti preoccupare, ti ha capito, anche se fa finta di no.

Con quanto ho scritto non voglio essere tacciato di essere filo palestinese da qualche "nero" che mi legge: io sono italiano, e l' Italia è una nazione che tradizionalmente e costituzionalmente ripudia la guerra come mezzo per dirimere le questioni tra i popoli e non ne considera nessuno come nemico. Per fare questo, la prima condizione deve essere la corretta informazione dei fatti, e chi sbaglia deve essere biasimato e se necessario condannato. Per una corretta informazione si deve mostrare il bombardamento delle sedi della croce rossa, ospedali compresi, i bombardamenti delle sedi ONU sotto gli occhi del suo segretario generale, il massacro per settimane di donne e bambini, oltre alla costrizione di milioni di persone in campi di concentramento. Non vogliono che vediamo queste cose per non suscitare il nostro sdegno contro gli esecutori materiali e contro chi li spalleggia divenendone complici.

Perciò grazie Michele per averci provato a dare una informazione più corretta. Nascondere i crimini non serve, la storia insegna che prima o poi si pagano. Grazie anche a nome degli italiani che lavorano in quei posti e che rischiano la vita sotto le bombe israeliane e grazie a questi nostri politici irresponsabili anche per mano di qualche palestinese.

TeleVisionista

venerdì 16 gennaio 2009

Pugnali nei fumi lunari

rue montfer, inserito originariamente da Il Quiquiri.

Nella triste storia che si avvia alla conclusione, forse abbiamo dimenticato di dire la cosa più importante. Come avviene per ogni grossa metropoli dai ritmi febbrili, violenti e allucinati, dagli immensi viali, anche in questa, vivevano due persone che si stavano cercando da diverso tempo.

L’unica cosa che desideravano davvero era di amare nella più totale esplosione dei sensi, in modo assoluto. Ed è importante questo perché in una epoca sconfitta come la nostra, dove Amore è spesso ubriaco di languore in qualche isola sperduta nel Mediterraneo, è sempre più raro trovare due giovani che dopo il primo e unico sguardo incrociatosi per puro caso e per un solo attimo abbiano poi compreso che dovevano cercasi irrimediabilmente. Anche nei sogni. Ma dove si sono incontrati? Sono belli forse?Questo non c’interessa, quello che ora è importante è che Daniel dopo esser sfuggito a quel agguato demoniaco, perchè ormai di demoni pensava si trattasse, triste e combattuto come non mai, decise di telefonare a l’unica persona che in questo momento avrebbe potuto capirlo. Sua madre.

Entrò allora in un bar dove i network stavano parlando della pioggia, della situazione di emergenza proclamata dal sindaco e di quale scenario i metereologi andavano profilando nella città per le prossime ore. Subito dopo parlavano dei morti di Gaza. Naturalmente non vi portò la minima attenzione a nessuna delle cose che quel pagliaccio urlò per tutta la diretta. Anche il barista era col naso all’insù quando Daniel gli chiese di poter usare il telefono per una chiamata extraurbana, e una sambuca. La mamma non ebbe alcun dubbio: suo figlio aveva incrociato un dannato d’Amore, molto pericoloso e che sapeva trovarlo. E quindi, che cosa poteva fare? La risposta di quella megera mezza-turca fu esattamente questa: doveva seguire il fumo lunare. E riagganciò augurando al figlio di avere fortuna. Daniel sapeva benissimo che quelle parole che non significavano niente, dovevano avere un seguito, per forza. Si, doveva seguire qualcosa, ma cosa? Che cazzo è ora il fumo lunare, se la luna non c’è neanche in cielo!


Eppure..Uscì, dimenticò di pagare come sempre, salì sulla metro in direzione di Gare de Lyon, voleva vedere il fiume e poi chissà magari anche lei ripassava ogni tanto in quella strada..Ma doveva muoversi, si stava facendo tardi. Passò davanti Notre-Dame e nel cielo le nuvole erano sempre viola. Poi in una strada sul retro della piazza il suo cuore si fermò. Un pugnale di rose. Sotto un balcone di un vecchio palazzo si stava riparando la ragazza dagli occhi neri. Decise di andargli vicino, le avrebbe detto qualcosa, ma di tutto quello che poi si dissero non ne sapemmo più nulla. Sappiamo solo che si persero tra i matti e tra i borghesi di Parigi, tra scultori e bancari e politici radicalmente corrotti.Tra puttane e mariti fedeli. Tra cagne e fogne. Sfumarono nella notte e poi d’improvviso la luna nel cielo piegò le nuvole e le nascose dietro al mare per molti giorni ancora…Poco dopo un bambino che aspettava la metro con suo padre vide un uomo sui cinquant’anni elegantemente vestito di nero che camminava di spalle, perdendosi nel buio dei binari della metropolitana.



Lo Sceicco Bianco

giovedì 15 gennaio 2009

...il giorno dopo


caffe', inserito originariamente da Il Quiquiri.


Dalla parte sinistra della parete del salotto l’umido stava partorendo qualcosa di velenoso che avrebbe certamente ammazzato un elefante se lo avesse inalato, pensò in quel momento Daniel, steso sul divano mentre aspettava di potersi fare una doccia calda. La pioggia continuava a cadere minacciando di strisciare in casa sua. Di tutta quella notte finita solo all’alba gli vennero in mente gli occhi stanchi e quasi assenti di Suzanne, la cameriera del caffè Torrente, dove aveva passato quasi tutta la serata, per poi finire a letto con Lucilla, ora sotto la doccia. Insieme a due pittori conosciuti nella metropolitana aveva cenato con appetito in una tranquilla trattoria appena fuori il Quartiere Latino, scolato un paio di bottiglie di vino rosso e quindi si erano recati, per ripararsi dalla pioggia, al caffè, dove in attesa che il locale si riempisse avevano preso le carte da scala e naturalmente si erano messi d’accordo, in segreto, di giocare d’azzardo. Grappe carte e sigarette, tutto questo era durato senza che i tre se ne accorgessero per quasi due ore fino a quando al tavolo si avvicinarono, quasi per caso due giovani morette, ballando sulle note della fisarmonica che da qualche minuto aveva preso a suonare ballate gitane, in fondo al caffè.

Possiamo? Fece, dolcemente, la più alta, sedendosi a fianco di Marcello- ormai- disse-fin quando non smetterà di piovere dovremmo imparare a morire nei locali..

Perché morire?domandò Daniel alle due arrivate.

ponte sulla SennaMa non ribatterono e di tutta risposta decisero di ordinare da bere. Voi che prendete? chiese l’altra ragazza, che intanto si era tolta il cappello, mostrando dei foltissimi capelli neri. Una bottiglia di vino..E così avevano stregato la notte tra i fumi dell’alcool per finire poi sotto un ponte a fumare oppio. Erano in quattro ora, l’altro l’avevano perso nel caffè. Marcello accompagnava la moretta ad un motel, mentre Daniel e Lucilla avevano deciso di aspettare l’alba.

Ho finito sono pronta-fece Lucilla in quel momento- ma devo scappare comincia il turno fra dieci minuti, ti lascio il numero, che svolazzando si fermò sul mobiletto accanto al divano dove Daniel contava i soldi vinti a carte. Decise allora di chiamare qualcuno per farsi pulire casa. Dall’altra parte della cornetta gli avevano assicurato che entro dieci minuti avrebbero mandato un ragazzo filippino. Quando questi bussò Daniel ebbe un sussulto, si ricordò dell’incubo, poi degli occhi, di quella risata tuonante venuta dal fondo dei pozzi infernali, e infine di quella fanciulla che aveva intravisto nell’incubo e che doveva assolutamente trovare. Andò ad aprire e di fronte si trovò un ragazzo filippino che prese subito a lavorare. Dopo dieci minuti bussarono di nuovo. Il ragazzo andò ad aprire e di fronte si trovò, indovinate un po’, quello strano tipo, che si diresse verso la camera da letto, dicendo, seraficamente, buonasera signor Daniel, disturbo forse? …. Solo che ora nessuno di noi sta sognando. Dammi i tuoi occhi, mi occorrono: lei deve trovare me…Daniel sbarrò gli occhi e indietreggiò di qualche passo. Quel sinistro personaggio gli si fiondò addosso con le mani, pronto a strangolarlo. Il filippino scappò. Ma Daniel si liberò con una ginocchiata nello stomaco, e uscì di casa prendendo il cappotto. Dove vado?Non posso certo andare alla polizia mi crederebbero pazzo… Mi serve un’arma, una pistola devo trovarla a tutti i costi…..

continua......

Lo sceicco Bianco
rain warrior

martedì 13 gennaio 2009

dreams in the rain...

alone in the rain
Foto di Andrea Gasparro

Dreams in the rain...


tutto questo sara' dimenticato,


come lacrime nella pioggia..


e' tempo... di fuggire



La pioggia non smetterà più di cadere. O forse per tanto tempo ancora credette di sentirla venir giù. Aveva appena terminato di leggere La fanciulla dagli occhi d’oro di Balzac, messo su un disco di Franz Liszt, quando qualcuno bussò alla sua porta. Bussò una seconda volta. Allora si alzò dal letto e si diresse verso l’ingresso notando un colpetto di tosse. Chi mai poteva essere alle cinque di pomeriggio? Buonasera signore- lo salutò subito un uomo sui cinquant’anni, scarno in viso ma vestito all’inglese in maniera impeccabile e strano a credersi non aveva addosso un segno della pioggia..

Che cosa desidera?-gli chiese Daniel senza troppa convinzione.

-Mi servirebbe una cosa..sono venuto apposto da molto lontano e..

Mi scusi – lo interruppe senza paura quel giovane dal crine fulvo- ma io non la conosco e non so proprio chi lei sia. Ma proprio mentre stava per chiudere la porta in faccia allo sconosciuto, una lacrima cominciò a rigare il viso di quell’uomo misterioso.

I due rimasero qualche attimo uno di fronte all’altro senza parlare. Poi lo sconosciuto prese a parlare di nuovo, stavolta però arretrando di un passo agitò dei guanti neri, assai consumati. E disse placidamente: - Se mi permetterete di entrare un minuto vi spiegherò in poche parole quello di cui ho bisogno.

-Prego entrate pure.

Il vecchio poté notare quanto quel giovane aveva in quel periodo in odio la cura della casa. Tutto era in un disordine quasi insano. Il divano somigliava ad un grosso pezzo di formaggio mangiucchiato. Un odore di muschio e di tana copriva tutti gli altri odori mentre pile di libri circondavano come un’ alcova il suo letto. Quadri e disegni davano un qualche segno di distrazione e poesia a quelle tre stanzette umide, mentre il resto era coperto o da sporco o da polvere che sarebbe poi diventata altro.

I due intanto si erano seduti in cucina al piccolo tavolo e Daniel preparava una tisana all’arancio.

Dopo che ebbe fatto il primo sorso il vecchio disse di chiamarsi Osvaldo, raccontò che veniva da un paesino della Germania e che era cieco da alcuni giorni.

-Ah- fece Daniel- così lei è tedesco e parla così bene l’italiano.

-Mia madre era italiana di origine siciliana precisamente. Ora a me servirebbero i suoi occhi. Il motivo non posso rivelarglielo ma può immaginare perché mi son permesso di chiederli proprio a lei..

-A dir la verità non l’ho compreso. Ma comunque i miei occhi mi occorrono, devo finire di leggere tutti quei libri che vede laggiù.

-Ah, ma se è per questo li potrà leggere con tutta tranquillità. A me servono per qualche ora giusto il tempo che smetta di piovere e poi glieli riporterò.

-Non le credo e comunque no.

A questo punto i due si alzarono e Daniel andò verso la porta, la aprì e fece cenno al vecchio di uscire.

-Bene, mi dispiace- fece il vecchio, ma lei con quegli occhi non amerà mai nessuno. La sua anima è cieca e vede io pur essendo cieco vedo meglio di lei. Volevo solo provare i suoi occhi e far carezzare le labbra di una fanciulla, dai capelli neri come gli occhi. La sua pelle..

-Davvero?ecco li prenda.. la prego io aspetterò qui..Il vecchio scappò con una risata mefistofelica quando Daniel di colpo si svegliò e capì che s’era di nuovo addormentato di pomeriggio. Si tocco il volto e vide le sue mani. Dopo essere passato sotto la doccia si vestì con cura, prese l’ombrello e uscì di casa, dopo due settimane di pioggia, in cerca di quella fanciulla. La notte lo rapì come un sogno alato.



continua.....


Lo Sceicco bianco.
summer rain

sabato 10 gennaio 2009

Questione di stile

Si parla con soddisfazione della giornata del 7 Gennaio a Carinola e si tessono le lodi di ogni aspetto che l’ha contraddistinta, pur con l’inclemenza del tempo.

Gli ottimi prodotti tipici locali, il Gruppo Folk di Casanova, i vigili urbani in alta uniforme, il coro dei bambini, la straordinaria pulizia del capoluogo, le stupende voci del tenore e della Ricciarelli hanno attirato nel capoluogo una folla enorme … Tutto bello, tutto perfetto.

In tutta questa perfezione, c’è stato però un neo di cui non si parla: il comportamento dei cittadini carinolesi.

Credo, invece, sia proprio opportuno parlarne. Se è vero che i panni sporchi si lavano in famiglia, è anche vero che parlare di un problema è già un po’ come risolverlo.

Ho assistito con sgomento ad un episodio molto avvilente, paragonabile solo ad un’invasione di cavallette o alla calata dei vandali: il momento del buffet!....

Mai visto qualcosa di così umiliante!... Persone che si avventavano sul cibo con voracità, come non avessero mai visto tanto ben di Dio o come non fossero appena passate le feste natalizie che ci hanno tenuti tutti a stomaco ben pieno. Una ressa incredibile!

I bambini del terzo mondo avrebbero avuto sicuramente un comportamento più corretto. La fame, quella vera, rende discreti e timidi.

Episodi sconcertanti si sono verificati: torte rubate dal tavolo per la paura di non averne una fetta o per portarsele a casa, mozzarella che veniva nascosta, capoccioni che prenotavano alimenti da portare via come fossero al ristorante, vino ed olio sparito nel nulla, come per magia, gente che riempiva piatti capaci di sfamare dodici persone….

Le signore che erano dietro il tavolo e che hanno preparato tanta buona roba, sono rimaste letteralmente sconvolte e hanno asserito che mai più parteciperanno a qualcosa di simile!

Nonostante l’Amministrazione ce la stia mettendo tutta per dare a Carinola un volto signorile e all’altezza dei tempi, certe cadute di stile dei cittadini ci riportano indietro di anni, anzi secoli. Non ai tempi della guerra, quando pur si soffriva la fame con dignità, ma ai tempi delle caverne, quando l’animalità la faceva da padrone sull’uomo. E questo non è affatto edificante.

La manifestazione è senz’altro riuscita, ma quella stonatura ha rovinato un po’ la serata. Se dovessi fare un esempio, direi che è stato come far indossare un vestito di Armani ad un selvaggio.

Il vestito è perfetto nel taglio e nella forma, ma il selvaggio rimane quello che è.

Non è la prima volta che si verificano episodi simili. Questo mi fa pensare a tre cose: o Carinola non ha raggiunto un sufficiente livello di civiltà ed in tal caso bisogna provvedere; o è un Comune che soffre la fame ed anche in questo caso bisogna provvedere; oppure nel dna del carinolese si annida il gene della strafottenza e della maleducazione. E questo è più allarmante.

C’è anche un quarto pensiero che mi sfiora la mente: tutto ciò che viene pagato da altri è più buono e va sicuramente assaggiato, ad ogni costo. Ma c’è modo e modo di farlo!

Tra le tante cose a cui pensare, l’Amministrazione ha anche questa su cui riflettere: prima di rifare il look al Comune e prima di inserirlo in un circuito competitivo, credo sia opportuno dare a molti cittadini carinolesi delle belle lezioni di stile.

Un cittadino molto disgustato

venerdì 9 gennaio 2009

Loro, gli Altri..... e noi.

In questi giorni di festività natalizie i muri del comune di Carinola sono stati tappezzati di manifesti di vario genere - in verità non tutti affissi negli spazi appositi – alcuni dei quali mi hanno incuriosito molto. 

Oltre ai manifesti pubblicitari e a quelli augurali dell’amministrazione comunale, ve ne erano molti affissi da “Loro”, cioè la vecchia amministrazione, defenestrata nell’ultima tornata elettorale, che hanno pensato bene di lanciare il proprio messaggio il giorno di Natale. A Capodanno hanno invece risposto gli “Altri”, cioè gli amministratori in carica. “Loro” contestavano la nomina del nuovo consulente dell’ufficio tecnico comunale: oltre a confutare la legittimità del provvedimento, contestavano anche il nome del prescelto, in quanto, a loro dire, reo di una grave mancanza nei riguardi dei Carinolesi. Il nuovo consulente infatti qualche anno fa ebbe dal commissariato per i rifiuti un incarico per uno studio di fattibilità sull’uso della cava di Casanova come discarica. 

Gli “Altri” hanno risposto, con lo stesso mezzo, che il consulente non serve per la monnezza, capitolo ormai chiuso, ma per implementare il procedimento dei lavori pubblici che va a rilento. Oltre a queste risposte, diciamo così di ordine tecnico, hanno contestato anche la data scelta per l’affissione, il giorno di Natale. Con un giro di parole hanno rimproverato a “Loro” di essere poco cristiani nonostante appartengano a partiti di quella ispirazione. 

Queste le ragioni di “Loro” e di quegli “Altri” - ma chi rappresenta NOI? NOI intesi come cittadini, che dovrebbero essere guidati e difesi sia da Loro che dagli Altri. Si ha l’impressione che parlare di rifiuti dopo tanto tempo si voglia solo creare un polverone per non aprire gli occhi ai gattini, che saremmo noi. E’ per lo meno sospetto che non si discuta pubblicamente del licenziamento dell’ing. Montanari, che sembra sia stato costretto alle dimissioni dal nuovo assessore ai lavori pubblici Russo, addirittura contro il volere del sindaco. Il peccato di Montanari, per gli Altri , sarebbe quello di aver collaborato per anni col sindaco uscente. Dico io: visto che e’ un tecnico, non si comprende il motivo per cui avrebbe dovuto ostacolarlo invece di concorrere alla realizzazione dei progetti proposti. Per noi se un tecnico è bravo nel risolvere i problemi tecnici che si presentano ed è capace di procurare finanziamenti necessari per le opere pubbliche, dovrebbe essere inamovibile. Le voci su questo ingegnere in tal senso sono state sempre positive. 

Comunque, al meglio come al peggio non c’è mai fine, pertanto se il nuovo tecnico, Perillo, è più capace, è un bene che sia chiamato a sostituire il dimissionario forzato. Se sarà capace di migliorare il funzionamento della macchina comunale ben venga.
Se fossero queste le ragioni, noi sosterremmo questo tipo di discussione per l’interesse di tutta la comunità carinolese. Invece si ha la sensazione che “Loro” abbiano interessi con l’ex consulente e gli “Altri” li vogliano creare col nuovo consulente e noi non siamo presi in considerazione per niente. Speriamo che, come asserito nel manifesto degli “Altri”, cambiando i musicanti cambi anche la musica, ma di solito è sempre la stessa.

TUMM ACC

mercoledì 7 gennaio 2009

Circenses sine pane

Anch’io volto pagina. Ogni sera. Quando mi siedo accanto al fuoco e posso prendere tra le mani un libro.
La lettura mi distende e mi riappacifica con me stesso. Mi prepara ad un buon sonno.
Perciò scelgo con cura i libri da leggere prima di andare a letto. Evito i gialli e i libri particolarmente drammatici, mentre preferisco quelli distensivi come la letteratura da viaggio.
Credo che l’ Amministrazione Comunale la pensi come me: non bisogna sovraccaricare il popolo di ulteriori problemi; è opportuno invece distendere gli animi, creare le condizioni per rilassarsi, divertirsi senza pensare troppo; fuggire dalla realtà per rifugiarsi in un mondo di strombazzamenti natalizi, processioni in pompa magna, concerti e concertoni con nomi altisonanti capaci di impressionare i semplici e non solo. Alla grande!
Mai abbiamo avuto tante solenni distrazioni, neanche nei migliori periodi dibiasiani, quando si cercava di offuscarci il cervello prima della stoccata finale.
Che sia una strategia comune a tutte le amministrazioni comunali carinolesi che si susseguono? Impressionare il più possibile per evitare brontolii e malcontenti.
La maggioranza del popolo, si sa, è superficiale. Si attacca al fatuo. Si lascia convincere da ciò che vede. Più una cosa lo colpisce favorevolmente, più si parla bene del potere in carica. 
E allora diamogli il fatuo.
Cavolo! Katia Ricciarelli! E quando te la sognavi una come lei a Carinola?
Bravo Gennaro. Bravo Mattia. Brava tutta l’Amministrazione che ci da la possibilità di godere della voce di una primadonna come quella senza pagare un centesimo!....
E la facciata è salva. Nuova, lucida, splendente. Impressionabile.
Ma se solo mi azzardo a guardare all’interno del palazzo, vedo le cose di sempre: mura sporche e cadenti, infissi rotti, cose che cadono a pezzi. Mah!
Questo libro l’ho già letto decine di volte e conosco a memoria il finale.
Meglio chiuderla qui questa pagina. Definitivamente.
Giovenale

lunedì 5 gennaio 2009

Invidia o Perfidia

Uno strano foglietto passa di mano in mano in questi giorni, destando la curiosità e anche il disgusto nelle persone. Vi si racconta un’astrusa favoletta fatta di topini, topine, micette miao miao, pastorelli e pecorelle, sartine e crispelle…. sulla falsa riga di questo blog a cui ha cercato di rubare lo stile.

Molti hanno infatti pensato che fosse fotocopia di qualche articolo pubblicato sul Quiquiri e subito hanno puntato il dito, additando come colpevole un blog che non c’entra proprio niente.

Invece le signore e signorine (donne sono!) non si sono servite del mezzo mediatico per gettare il proprio veleno sulla vittima, o meglio, le vittime, ma hanno fatto tutto da sé.

Come ratti paurosi e prudenti si sono mosse di notte, con circospezione e, camminando sotto sotto i muri, hanno distribuito il proprio capolavoro di perfidia… O invidia?

Ancora una volta la commissione festa, composta di molte donne, è fatta bersaglio di tante accuse gratuite che fanno un po’ stizzire.

Ah le donne! Quando si accorgono che le altre possono diventare potenziali rivali in qualche cosa, non risparmiano colpi e, da tenere fatine, si trasformano in terribili janare!

Personalmente, vedo in questa commissione, persone che lavorano e si impegnano molto per la buona riuscita della festa; se poi ogni tanto si concedono una pausa mangereccia per ritemprarsi dalla fatica, non ci vedo assolutamente nulla di male.

Ma il maligno mette radici nell’animo femminile.

Evidentemente chi accusa pensa di poter fare meglio e gioca tutte le carte per creare problemi all’attuale commissione. Siamo sicuri che, qualora entrassero in gioco loro, troverebbero tutte le porte aperte? Bah!

Da questa bagarre paesana, anche divertente se vogliamo, non posso fare a meno di trarre una riflessione. Tolto l’aspetto religioso, non sono mai stato un fanatico delle feste patronali, ma tutto questo me le fa apprezzare ancora meno.

Non credo che la nostra Protettrice abbia bisogno di feste come noi le intendiamo; ancor meno ha bisogno di questi sentimenti che animano la festa a Lei dedicata.

Le nostre cattiverie trasferiamole in altri campi, in politica magari (o è proprio quella che si nasconde sotto un velo di religiosità?), ma lasciamo al sacro almeno una parvenza di rispetto.

Cri Cri

venerdì 2 gennaio 2009

Buon 3009 a tutti

Oggi, primo gennaio 3009, festeggiamo l’arrivo del nuovo anno scambiandoci  i sempiterni auguri di un anno migliore del precedente, di prosperità e pace.
Sono trascorsi ormai quaranta anni dall’ultimo conflitto mondiale e, fortunatamente, stiamo vivendo un periodo storico abbastanza tranquillo dopo i lutti e le distruzioni causate dalla guerra.
Lo stato guida del mondo amministra le sorti del mondo con giustizia e lungimiranza, sedando con la forza eventuali tensioni e nello stesso tempo elargendo aiuti umanitari per i popoli bisognosi.  
La Cina, uscita vittoriosa dal conflitto mondiale, è il baluardo della democrazia e la esporta in tutto il mondo, con tutti i mezzi, bombardamenti compresi. L’alleanza militare e politica con l’Iran e l’India, nonché la circospetta neutralità della Russia e del Giappone,  che hanno permesso la sconfitta della coalizione dei paesi occidentali,  si e’ concretizzata con la creazione di un immenso  esercito comune, che difende e  impone  la democrazia in  tutto il mondo.
Allo scoppio del conflitto, si era temuto per la distruzione totale della terra a causa delle migliaia di bombe atomiche stipate negli arsenali di tutte le nazioni. Fortunatamente ciò non è avvenuto, anche grazie alla  bravura degli strateghi cinesi coadiuvati dai loro scienziati. Il segreto e la chiave del successo fu un piccolo strumento chiamato "immobilizzatore", che permette di neutralizzare tutti i congegni elettrici ed elettronici. Il lungo raggio di azione dell’apparecchiatura fu un tragico inconveniente per gli occidentali, abituati ormai alla guerra “virtuale” basata sui computer, alla quale i soldati prendevano parte comodamente seduti ad una console di gioco...  ma non per i cinesi e gli islamici, i quali erano presenti in misura massiccia in tutto il mondo. Durante i decenni precedenti avevano invaso,silenziosamente e incessantemente tutto il mondo, così che ad un ordine prestabilito bloccarono tutti i mezzi degli avversari. A quel punto fu un giochetto per l’alleanza orientale distruggere tutte le basi e i mezzi del nemico fermi a terra e, in meno di un anno, occuparono tutto l’occidente.
I presidenti e i re delle potenze occidentali, insieme ai ministri e i generali, furono imprigionati e giudicati. Furono sottoposti a regolari processi pubblici in tribunali indipendenti e difesi da avvocati di fama.  Il tribunale li riconobbe tutti colpevoli di crimini contro l’umanità, condannandoli all’impiccagione. Fu impiccato prima i presidente degli Stati Uniti, seguito dal re della Gran Bretagna e il suo primo ministro, poi quelli di  Germania, Francia, Spagna, Belgio e altri capi di staterelli minori che si erano uniti a questi. Unica eccezione fu fatta per i governanti italiani, condannati solo ad alcuni anni di carcere in quanto a  pochi giorni dalla conclusione del conflitto avevano cambiato alleanza schierandosi con la Cina (molti di loro avevano anche cambiato religione).
Purtroppo, nonostante la democrazia portata loro col sangue di molti cinesi, alcuni terroristi sono ancora attivi ed attentano alla pace organizzando attacchi e manifestazioni. Spesso lanciano bottiglie incendiarie contro i carri armati, che sono costretti a mitragliarli e distruggere le loro case; lanciano pietre contro i soldati, che sono costretti a falciarli.  Proprio pochi giorni fa, in alcune zone di Israele hanno costruito dei mortai con cui lanciano razzi che arrivano fino a dieci km, per cui l’aviazione è stata costretta a bombardare eliminando un migliaio di terroristi.
Auguriamoci che il nuovo anno porti a più miti consigli questi fanatici o che il nostro glorioso esercito democratico decida di eliminarli tutti in modo da garantire la pace e del mondo.
Mai nei secoli una democrazia ha garantito la libertà dei popoli come questa: unico neo sono i programmi televisivi. Ogni giorno qualche canale trasmette avvenimenti di un millennio fa, che sembrano costruite dalla propaganda governativa. Ogni giorno mostrano bombardamenti sui civili di Bagdad, di Beirut, massacri nei villaggi e nei campi profughi palestinesi, l’eccidio di migliaia di bambini. Spesso fanno vedere un grande campo di concentramento con più di due milioni di persone chiuse dentro, circondato da carri armati e centinaia tra aerei ed elicotteri e navi che li bombardano. Molti dei miei compatrioti non credono a quei filmati, in quanto pensano che le autorità militari, civili e religiose sarebbero sicuro intervenute per impedire quelle atrocità. Si, probabilmente si tratta solo di propaganda. Bisogna farsene una ragione, ogni democrazia ha qualche sfasatura, anche questa bellissima del 3009.
Le RoI


 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan