sabato 17 gennaio 2009

Grazie Michele


Prima di esprimere il mio pensiero sulla puntata di giovedì scorso di "AnnoZero" e sulle polemiche che ne sono seguite, premetto che non sono un grande estimatore di Michele Santoro, in quanto lo considero politicamente fazioso. Però ammiro gli uomini coerenti: essere coerente significa rispettare le proprie idee e principi anche quando si rischia di essere licenziato, emarginato o addirittura aggredito fisicamente.

Nell’ultima trasmissione Santoro ha mostrato il volto eroico della coerenza, sfidando il novanta per cento dei capobastone d’Italia, chiaramente indifferenti al dramma del Medioriente o addirittura complici di stragi di innocenti. La trasmissione ha voluto dimostrare la realtà di una operazione sconsiderata e criminale perché condotta contro civili inermi, affamati e infreddoliti. Nello stesso studio ho visto l’eroina del giorno, una stronza per sua ammissione, recatasi lì per farsi bella agli occhi di chi conta, e sono rimasto arcicontento che Santoro glielo abbia detto davanti a milioni di spettatori. Pochi sanno che quella scrive sul giornale La Stampa, notoriamente a capitale ebraico, e inoltre aspira ad incarichi in Rai di competenza dei presidenti della Camera e del Senato, incarichi che sono in scadenza.

Sono ormai ventuno giorni che l’esercito più attrezzato del mondo, anche se non il migliore (i “terroristi” libanesi qualche hanno fa ne misero a nudo la fragilità), bombarda senza tregua quel campo di concentramento. Sì ho detto bene, campo di concentramento, come quelli nazisti. L'intera zona della Striscia di Gaza è infatti recintata e circondata dagli Israeliani su tre lati e dai loro amici egiziani dal restante lato. Nessuno dice questo, altrimenti dovrebbero spiegare come è possibile ricevere armi in queste condizioni, e lasciarsi sfuggire che sicuramente uno dei due stati lo permette. Spiegando questo, si farebbe comprendere anche che sono obbligati ad essere scudi umani, non potendo allontanarsi dalla zona dei combattimenti come hanno fatto in Libano o in qualunque altra zona di guerra dove si ha la possibilità di farlo. Riguardo ai famosi missili di Hamas, posso garantire che una qualunque ditta di fuochi artificiali ne possiede di più potenti: la dimostrazione sono i risultati distruttivi che l’inviato RAI si affanna a mostrare, piccoli buchi e qualche persona intronata. Lo stesso inviato parla quotidianamente di guerra, di diritto di Israele a difendersi, di armi che possono distruggere Israele. Alcuni fanno notare notare che questo Pagliara è lì da anni perché gradito agli israeliani, dei quali legge volenterosamente i servizi che gli scrivono (in questi giorni l’esercito), e si pensa che addirittura sia sul libro paga dei servizi segreti israeliani. Il suo predecessore, Paolo Longo , che non si prestava a queste schifezze, lo hanno spedito in Cina, il posto più lontano da quei luoghi. La coerenza non paga.

In questi giorni di “guerra” ho assistito, oltre che a alla vergogna del corrispondente che non si è mai avvicinato ai luoghi dei massacri parlando però come se li vedesse, a tavole rotonde di giornalisti ricattati o in vendita come la suddetta stronza, esperti militari e tuttologi vari, tutti schierati sulla stessa linea: giustificare qualunque azione dell’esercito israeliano. Resto inorridito nel sentirli, parlano di distruzioni di edifici e di massacri di bambini con la stessa sensibilità con cui si parla della distruzione delle arance in sovrapproduzione. A questi soldati dell’informazione deviata si sono uniti i generali, cioè i politici capeggiati da Fini e Gasparri e tutti gli altri colonnelli. E’ mancato Ferrara, assente forse perché non poteva fare la primadonna.

Per me è uno scandalo: come si fa a solidarizzare con chi sta perpetrando dei massacri di donne e bambini? E' come incitarli ad eliminarne il più possibile e diventarne complici. Se comprendo Fini, detesto Veltroni, Fassino e quelli di sinistra che si sono accodati a lui. Fini lo comprendo perché lui è un fascista, quindi razzista, specialmente con quelli di pelle scura, quindi si possono ammazzare. Ma Veltroni che porta la sua pensione ai bambini africani, è deprecabile che giustifichi il massacro dei bimbi palestinesi. Grazie Michele che glielo hai detto, non ti preoccupare, ti ha capito, anche se fa finta di no.

Con quanto ho scritto non voglio essere tacciato di essere filo palestinese da qualche "nero" che mi legge: io sono italiano, e l' Italia è una nazione che tradizionalmente e costituzionalmente ripudia la guerra come mezzo per dirimere le questioni tra i popoli e non ne considera nessuno come nemico. Per fare questo, la prima condizione deve essere la corretta informazione dei fatti, e chi sbaglia deve essere biasimato e se necessario condannato. Per una corretta informazione si deve mostrare il bombardamento delle sedi della croce rossa, ospedali compresi, i bombardamenti delle sedi ONU sotto gli occhi del suo segretario generale, il massacro per settimane di donne e bambini, oltre alla costrizione di milioni di persone in campi di concentramento. Non vogliono che vediamo queste cose per non suscitare il nostro sdegno contro gli esecutori materiali e contro chi li spalleggia divenendone complici.

Perciò grazie Michele per averci provato a dare una informazione più corretta. Nascondere i crimini non serve, la storia insegna che prima o poi si pagano. Grazie anche a nome degli italiani che lavorano in quei posti e che rischiano la vita sotto le bombe israeliane e grazie a questi nostri politici irresponsabili anche per mano di qualche palestinese.

TeleVisionista

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan