giovedì 15 gennaio 2009

...il giorno dopo


caffe', inserito originariamente da Il Quiquiri.


Dalla parte sinistra della parete del salotto l’umido stava partorendo qualcosa di velenoso che avrebbe certamente ammazzato un elefante se lo avesse inalato, pensò in quel momento Daniel, steso sul divano mentre aspettava di potersi fare una doccia calda. La pioggia continuava a cadere minacciando di strisciare in casa sua. Di tutta quella notte finita solo all’alba gli vennero in mente gli occhi stanchi e quasi assenti di Suzanne, la cameriera del caffè Torrente, dove aveva passato quasi tutta la serata, per poi finire a letto con Lucilla, ora sotto la doccia. Insieme a due pittori conosciuti nella metropolitana aveva cenato con appetito in una tranquilla trattoria appena fuori il Quartiere Latino, scolato un paio di bottiglie di vino rosso e quindi si erano recati, per ripararsi dalla pioggia, al caffè, dove in attesa che il locale si riempisse avevano preso le carte da scala e naturalmente si erano messi d’accordo, in segreto, di giocare d’azzardo. Grappe carte e sigarette, tutto questo era durato senza che i tre se ne accorgessero per quasi due ore fino a quando al tavolo si avvicinarono, quasi per caso due giovani morette, ballando sulle note della fisarmonica che da qualche minuto aveva preso a suonare ballate gitane, in fondo al caffè.

Possiamo? Fece, dolcemente, la più alta, sedendosi a fianco di Marcello- ormai- disse-fin quando non smetterà di piovere dovremmo imparare a morire nei locali..

Perché morire?domandò Daniel alle due arrivate.

ponte sulla SennaMa non ribatterono e di tutta risposta decisero di ordinare da bere. Voi che prendete? chiese l’altra ragazza, che intanto si era tolta il cappello, mostrando dei foltissimi capelli neri. Una bottiglia di vino..E così avevano stregato la notte tra i fumi dell’alcool per finire poi sotto un ponte a fumare oppio. Erano in quattro ora, l’altro l’avevano perso nel caffè. Marcello accompagnava la moretta ad un motel, mentre Daniel e Lucilla avevano deciso di aspettare l’alba.

Ho finito sono pronta-fece Lucilla in quel momento- ma devo scappare comincia il turno fra dieci minuti, ti lascio il numero, che svolazzando si fermò sul mobiletto accanto al divano dove Daniel contava i soldi vinti a carte. Decise allora di chiamare qualcuno per farsi pulire casa. Dall’altra parte della cornetta gli avevano assicurato che entro dieci minuti avrebbero mandato un ragazzo filippino. Quando questi bussò Daniel ebbe un sussulto, si ricordò dell’incubo, poi degli occhi, di quella risata tuonante venuta dal fondo dei pozzi infernali, e infine di quella fanciulla che aveva intravisto nell’incubo e che doveva assolutamente trovare. Andò ad aprire e di fronte si trovò un ragazzo filippino che prese subito a lavorare. Dopo dieci minuti bussarono di nuovo. Il ragazzo andò ad aprire e di fronte si trovò, indovinate un po’, quello strano tipo, che si diresse verso la camera da letto, dicendo, seraficamente, buonasera signor Daniel, disturbo forse? …. Solo che ora nessuno di noi sta sognando. Dammi i tuoi occhi, mi occorrono: lei deve trovare me…Daniel sbarrò gli occhi e indietreggiò di qualche passo. Quel sinistro personaggio gli si fiondò addosso con le mani, pronto a strangolarlo. Il filippino scappò. Ma Daniel si liberò con una ginocchiata nello stomaco, e uscì di casa prendendo il cappotto. Dove vado?Non posso certo andare alla polizia mi crederebbero pazzo… Mi serve un’arma, una pistola devo trovarla a tutti i costi…..

continua......

Lo sceicco Bianco
rain warrior

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan