venerdì 16 gennaio 2009

Pugnali nei fumi lunari

rue montfer, inserito originariamente da Il Quiquiri.

Nella triste storia che si avvia alla conclusione, forse abbiamo dimenticato di dire la cosa più importante. Come avviene per ogni grossa metropoli dai ritmi febbrili, violenti e allucinati, dagli immensi viali, anche in questa, vivevano due persone che si stavano cercando da diverso tempo.

L’unica cosa che desideravano davvero era di amare nella più totale esplosione dei sensi, in modo assoluto. Ed è importante questo perché in una epoca sconfitta come la nostra, dove Amore è spesso ubriaco di languore in qualche isola sperduta nel Mediterraneo, è sempre più raro trovare due giovani che dopo il primo e unico sguardo incrociatosi per puro caso e per un solo attimo abbiano poi compreso che dovevano cercasi irrimediabilmente. Anche nei sogni. Ma dove si sono incontrati? Sono belli forse?Questo non c’interessa, quello che ora è importante è che Daniel dopo esser sfuggito a quel agguato demoniaco, perchè ormai di demoni pensava si trattasse, triste e combattuto come non mai, decise di telefonare a l’unica persona che in questo momento avrebbe potuto capirlo. Sua madre.

Entrò allora in un bar dove i network stavano parlando della pioggia, della situazione di emergenza proclamata dal sindaco e di quale scenario i metereologi andavano profilando nella città per le prossime ore. Subito dopo parlavano dei morti di Gaza. Naturalmente non vi portò la minima attenzione a nessuna delle cose che quel pagliaccio urlò per tutta la diretta. Anche il barista era col naso all’insù quando Daniel gli chiese di poter usare il telefono per una chiamata extraurbana, e una sambuca. La mamma non ebbe alcun dubbio: suo figlio aveva incrociato un dannato d’Amore, molto pericoloso e che sapeva trovarlo. E quindi, che cosa poteva fare? La risposta di quella megera mezza-turca fu esattamente questa: doveva seguire il fumo lunare. E riagganciò augurando al figlio di avere fortuna. Daniel sapeva benissimo che quelle parole che non significavano niente, dovevano avere un seguito, per forza. Si, doveva seguire qualcosa, ma cosa? Che cazzo è ora il fumo lunare, se la luna non c’è neanche in cielo!


Eppure..Uscì, dimenticò di pagare come sempre, salì sulla metro in direzione di Gare de Lyon, voleva vedere il fiume e poi chissà magari anche lei ripassava ogni tanto in quella strada..Ma doveva muoversi, si stava facendo tardi. Passò davanti Notre-Dame e nel cielo le nuvole erano sempre viola. Poi in una strada sul retro della piazza il suo cuore si fermò. Un pugnale di rose. Sotto un balcone di un vecchio palazzo si stava riparando la ragazza dagli occhi neri. Decise di andargli vicino, le avrebbe detto qualcosa, ma di tutto quello che poi si dissero non ne sapemmo più nulla. Sappiamo solo che si persero tra i matti e tra i borghesi di Parigi, tra scultori e bancari e politici radicalmente corrotti.Tra puttane e mariti fedeli. Tra cagne e fogne. Sfumarono nella notte e poi d’improvviso la luna nel cielo piegò le nuvole e le nascose dietro al mare per molti giorni ancora…Poco dopo un bambino che aspettava la metro con suo padre vide un uomo sui cinquant’anni elegantemente vestito di nero che camminava di spalle, perdendosi nel buio dei binari della metropolitana.



Lo Sceicco Bianco

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan