venerdì 27 febbraio 2009

La fase B


Ho l’impressione che da un po’ di tempo su questo blog ci si stia allontanando dalla realtà, per dedicarsi a discorsi astrusi e senza fondo di realtà: chi “santifica” il sindaco e chi lo vorrebbe sulla graticola, chi si lamenta dell’immondizia nascosta qua e la, chi predica di diverse concezioni dell’amore addirittura!

Scherzo ovviamente ma, ironie a parte, voi non avete capito niente cari miei! Secondo voi Mannillo pensa a queste filosoferie da studiosi? Al Mannillo ora interessa tutt'altro, ossia di attuare la fase B del suo vero programma elettorale. Quale era la fase A? Vi chiederete…. Beh semplice, l’obiettivo della fase A era, semplicemente, vincere le elezioni, e può essere quindi considerata “mission accomplished”.

Allo scopo di compiere la prima fase, tuttavia, il nostro eroe ha dovuto fare patti con praticamente tutto e il contrario di tutto: amici, parenti, nemici, alleati ed ex alleati, perfino con le farmaciste, una delle tante famiglie intime di Grimaldi. Tant’e’ che il giorno della vittoria elettorale molti ricordano ancora che in certi punti del Comune non era facile capire se ad essere diventato sindaco fosse stato Gennaro Mannillo o Massimo Grimaldi.

Da ciò nasce un problema fondamentale: dove si può andare con una coalizione di gente che, politicamente parlando ma in alcuni casi anche umanamente, si schifa a vicenda? Ecco che il buon Mannillo, da bravo “raccoglitore di palle al balzo” (opportunista, direbbero i maliziosi), si appresta ora a estirpare le erbacce che gli si arrampicano alle caviglie e che lo lasciano con i piedi bloccati, e attende il momento opportuno.

La ghiotta occasione gli si sta presentando con le imminenti elezioni per il consiglio europeo.Tutti gli adepti del centro destra carinolese, infatti,  ci tengono a presentarsi uniti in un unico gruppone della PDL, e per svariati motivi: chi vuole essere eletto presidente (Antonio Russo?) per aspirare a qualche incarico provinciale, chi per essere  ricandidato alle elezioni regionali (Grimaldi?) dietro la sponsorizzazione di un simile gruppo e aspirare anche ad una eventuale riconferma, chi (Di Lorenzo?) semplicemente per prendersi la paternità di tutto il numero dei suffragi per spenderli nelle segreterie del partito.

Il Mannillo, da bravo navigatore, invece di assistere aspettando l’onda che lo potrebbe, se non travolgere, almeno ridimensionare, parte all’attacco e sfrutta l'occasione per realizzare la fase B del suo progetto politico. Allora ecco che comincia a pontificare sul nuovo assetto dei gruppi e della lora nuova collocazione nel consiglio comunale con gli assessorati spettanti. Per fare la nuova assegnazione o ripartizione, a seconda dei punti di vista, è necessario "l'azzeramento degli incarichi attuali".

Di Lorenzo, nelle affermazioni del sindaco fatte pubblicare subito dai giornali, ha sentito puzza di bruciato ed ha compreso che il vero obiettivo del cosiddetto "azzeramento" e' il suo partito. Le varie farfalline che si posano di fiore in fiore e qualche volta anche su qualche cacca gli hanno riferito di incontri di Mannillo con Grimaldi e suoi collaboratori. Siccome è bravo in matematica politica, ha intuito il piano di nuove alleanze per isolarlo, o come minimo per togliere un assessore ad  Alleanza Nazionale per darlo a qualcuno di sua diretta "appartenenza" (Pia Zampi?). Egli ha quindi subito ha preteso il mantenimento dello status quo delle cariche attuali, ma la schermaglia continua e i risultati si avranno a breve.

Su chi vincerà ci sono pochi dubbi: sicuramente il Mannillo che attualmente, eliminato Pasquale Di biasio, è una spanna più in alto degli altri per furbizia e tempestività.

I momenti inaspettati sono spesso motivo di confusione per gli sprovveduti, mentre sono grandi occasioni per chi sa cosa vuole. Ma una domanda e' lecita: cosa vuole?

mercoledì 25 febbraio 2009

Walter, grazie comunque


Sono passati pochi giorni dall’abbandono di Veltroni dalla carica di segretario del partito democratico ma si ha l’impressione che sia passato un tempo lunghissimo. A dare questa impressione e' stata l' immediatezza dell’elezione del suo sostituto, oltre alla chiara volonta' di archiviare al più presto la sua breve esperienza.
Stranamente, invece di seguire come di prassi i tempi lunghi della politica italiana, in pochi giorni si sono riuniti tutti i capi e capetti del partito ed hanno conferito al vice gli stessi poteri del segretario, forse anche di piu'. Il povero Walter era partito fiducioso, pensando di realizzare il sogno di costruire un partito nuovo, riformista in opere e non in chiacchiere. Il suo entusiasmo ha dovuto cozzare con gli interessi particolari dei sempiterni capobastone proprietari dei pacchetti di tessere. Come gli azionisti di una società, con la detenzione di un certo numero di tessere condizionano la vita di un partito a loro piacere. Così, su ogni argomento in discussione, ognuno di questi azionisti occulti (nemmeno tanto), ha imposto la propria linea di condotta. Si ricorda, uno per tutti, il caso Englaro, su cui la linea del partito si è clamorosamente spaccata come in tante altre occasioni tra l’anima cattolica e quella laica, invece di quella della ragione.
Quando un partito non è coeso, o almeno non dà la sensazione di unità, è difficile da far accettare agli elettori. Inoltre, nelle varie proposte in campo economico, sulla sicurezza, sulla scuola, sulla giustizia e sulla responsabilità dei giudici è stato costretto da queste lobby interne a pronunciare troppi "ma anche". Su tutti i problemi ha indicato sempre la via giusta da seguire ma poi ha sempre dovuto virare bruscamente perché costretto verso il fatidico "ma anche". Questa affermazione vuol dire restare immobili nel passato a sostenere le posizioni di chi in questa situazione di stallo in cui si trova l’Italia sguazza e si arricchisce e che perciò non pensa certo di modificare.
Alla fine, vista l’impossibilità di incidere sulla volontà dei vari capobastoni, ha dovuto gettare la spugna e confessare di non avercela fatta e di non farcela in futuro. Comunque tutti anche gli avversari hanno dovuto riconoscere il suo sforzo nobile di riformare questa politica italiana ridotta ormai ad uno stato a dir poco vergognoso. Comunque sia, il suo seme innovatore ha dato vita all’embrione di due coalizioni abbastanza omogenee. Come è giusto che sia, ha vinto ed avuto gioco facile la coalizione più omogenea e che ha saputo proporre agli elettori soluzioni più vicine ai loro problemi. Se queste soluzioni promesse in campagna elettorale siano state o saranno poi messe in atto, è un altro discorso da trattare a parte. Seppur nel fallimento del suo meraviglioso progetto di unire tutti gli italiani di buoni sentimenti e di buoni ideali in un progetto comune, comunque gli dobbiamo riconoscere il grande merito della semplificazione del panorama politico italiano.
Oltre a questo, come conseguenza ha il merito di averci liberato da tanti arruffapopolo che sotto varie sigle, comuniste, ambientaliste, consumatori, pensionati e altre fantasie, hanno avvelenato la vita degli italiani con politiche inutili e demagogiche. Questi orfanelli del potere per il potere, quando hanno l’occasione di parlare in pubblico, non lesinano le loro velenose invettive contro il povero Walter. La sua colpa è quella di averli appiedati e fatti tornare nella loro dimensione normale, che è la nullità (anche se qualcuno come Giordano ha ancora la scorta: forse gli è rimasta per difenderlo dai possibili scapaccioni degli operai che diceva di voler difendere e che invece ha finito di affamare con l’aumento indiscriminato delle tasse messo in atto dal suo amico Visco).
Perciò, nonostante il fallimento del suo progetto, tutti devono dire grazie Walter per aver liberato gli italiani da questa calamità che risponde ai nomi di Pecoraro, Giordano, Bertinotti, Diliberto, Mastella, senza parlare del segretario dei socialisti, di cui non ricordo il nome, che dall’alto del suo 0,5 per cento teneva in scacco un governo. Grazie Walter, comunque grazie, anche a nome dei redattori politici dei telegiornali che ogni giorno erano costretti a nominare uno per uno questi parassiti della politica italiana.

Cipputi

lunedì 23 febbraio 2009

Un diverso amore…..

casanova




La diversa visione delle cose crea sempre qualche problema, qualche equivoco, qualche malumore.

A volte i migliori amici diventano nemici perché hanno una visione diversa sullo stesso argomento, da ciascuna delle parti ritenuta verità e non si accetta con pace il confronto.

Come mai ci sono tali diversità di vedute?

Prima di tutto per una diversa cultura dei soggetti, poi per una diversa formazione e una diversa educazione, ma io pongo sopra a tutto: per un diverso amore. Per che cosa?.... Ora lo vedremo.

Le critiche rivolte all’attuale e all’ex amministrazione comunale vengono sempre considerate inopportune, cattiverie di chi non ha nulla da fare e vuole fare solo del male.

Forse in alcuni casi può essere vero, ma queste considerazioni non sono assolutamente corrette.

Chi critica sa benissimo cosa fa e perché lo fa, che piaccia o no, così come sa benissimo che ciò che muove le sue critiche è l’amore per la propria gente e per il proprio territorio, che si creda o no.

Questo, tuttavia, non è ciò che le amministrazioni gradiscono. Forse perché sono mosse da un diverso amore. Un amore che si basa prima di tutto su una convenienza.

Le amministrazioni si circondano sempre di persone servizievoli e servili perché gradiscono chi dice sempre si e chi approva sempre ciò che si fa. E quando passa per strada o sta nel bar un possibile sospettato, queste persone lo trapassano coi loro sguardi come fossero coltelli.

Ma non si può tacere per evitare quegli sguardi.

A queste persone non passa neanche per l’anticamera del cervello che forse quel sospettato è qualcuno che ama e rispetta il proprio territorio più di loro, è qualcuno che ama e rispetta la propria gente più di loro che invece sono così solidali e che, per un concetto sbagliato di amore, col loro silenzio-assenso, diventano complici di ingiustizie e scelleratezze.

I vecchi ancora dicono: chi ti ama ti fa piangere, chi non ti ama ti fa ridere…

Nonostante i proclamati cambiamenti, niente è cambiato; solo i protagonisti. Oggi, a godere i benefici e l’attenzione di questa amministrazione è il Gruppo Folk che, suo malgrado, è stato tirato in politica (sigh!); avvocati vari a cui è stato promesso un incarico comunale; un’ associazione musicale che gode di un’ottima parentela col primo cittadino e tutto il sistema satellitare che ha contribuito a far brillare la nuova amministrazione.

Ok… tutto questo va benissimo. Purtroppo la politica questa è! Ma è anche solo questo ciò che si vede.

A noi non ce ne può fregare tre sassi se, oggi, ad essere considerate, sono queste persone invece che altre. Quello che invece ci frega è che venga messo al primo posto il CITTADINO e il TERRITORIO e poi tutto il resto. Invece questo non è mai avvenuto e non avviene.

Io non riesco a stare zitto davanti a stupidaggini come la coppa del mondo a Carinola e tante panzane varie e poi girarmi intorno e vedere monnezza, monnezza, monnezza.

Non riesco a stare zitto di fronte al fatto che ci sono famiglie che non arrivano neppure alla metà del mese e devono dignitosamente affidarsi alla carità dell’ istituzione Chiesa, mentre l’istituzione Comune non cerca una minima soluzione.

Non riesco a stare zitto di fronte al fatto che non si arrivi ad assumere quattro vigili perché i giochetti politici non vanno in porto….

E non posso stare zitto di fronte alla chiusura dell’amministrazione e al fatto che non ci si apra ai cittadini disponibili e si dica loro: “il problema è questo. Aiutateci a risolverlo.”

Carinola, purtroppo, non è un Comune che funziona, così come Caserta non è una Provincia che funziona, così come la Campania non è una Regione che funziona.

Mah! Che dire?.... amici come prima e più di prima. Io sono sempre disponibile a dare una mano per il mio Comune, se solo posso essere utile a qualcosa. E senza alcuna ricompensa.

Mister No

giovedì 19 febbraio 2009

sulle tracce dell'ultimo santone del sud Italia..


    Sono ore queste di agitata trepidazione e di grandi emozioni, di partenze improvvise dove l’Oriente sembra essere la rotta più battuta. La folla è in delirio, gli uomini organizzano grandi falò mentre alcune donne si toccano il grembo pensando probabilmente a Lui. Qualche ora fa infatti, a conferma di quanto sapevamo, è giunta un’ ambasceria dal Gibuti, arrivata in groppa a degli enormi cammelli. Sembra la scena di un Kolossal ma è la pura realtà. Si tratta forse di due possenti guardie del corpo che stanno ora accompagnando uno sciamano dai tratti somatici antichissimi, condotto per le scale del comune dal colonnello Josè Mario Tuozzi. Ma prima di andare avanti ripetiamo quella che è la notizia del giorno. Da fonti molto vicine al suo team possiamo confermare che il sindaco di Carinola Gennaro Mannillo è da due giorni chiuso con pochi seguaci nella stanza del comune, in un stato di grande allucinazione in cui, dicono concordi medici e santoni, potrebbe rivelare una grande illuminazione per il genere umano. Sono arrivate le televisioni nazionali e internazionali già da qualche ora, ma nessuno ancora è riuscito ad entrare e vedere il “figlio del ventunesimo secolo”. Così è stato battezzato dai media il nuovo messia della politica, l’uomo del cambiamento, “vestito di sabbia e di bianco”, come direbbe il cantautore genovese.
    Alcune fonti ufficiose parlano di una grande alcova, con zanzariere giunte dal Sudamerica, che pare sia stata installata nella stanza del sindaco al posto della scrivania, con cuscini a terra e incensi profumati sempre accesi, in modo da permettere il crearsi di un ambiente naturale per la levitazione, che pratica una volta al giorno.
    Ma la domanda che tutti si pongono ora è come sia potuto entrare improvvisamente in questo stato di tranche? Ebbene la scienza concorda su questa versione: siamo a metà febbraio ed esattamente un anno fa si stavano formando le due liste per le amministrative in questo comune della provincia di Caserta. Ebbene tenetevi attaccati alle sedie prima di sentire questa cosa: Gennaro Mannillo aveva bevuto a sua insaputa un potente filtro magico che gli ha consentito di lasciare Pascale il Grigio (suo ex cobelligerante politico) per allearsi con Marcantonio il Russo. Il filtro però, versato nel vino da un’accattivante donna senza scrupoli, sarebbe dovuto durare per cinque anni. E invece cari lettori, la mole protomaschia di quest’uomo ha fatto in modo che sia durata solo anno.
    Cosicchè,  finito di colpo l’effetto ma scopertosi sindaco, Gennaro Mannillo è caduto in un profondissimo stato di tranche, invoca la terra d’India, parla una lingua sconosciuta formulando illuminazioni che ambasciatori da tutto l’Oriente cercano ora di interpretare. Intanto è calata anche questa notte senza che nessuno abbia capito quello che questo nuovo santone vuole consegnare a questa gente, ammaliata oramai da una leggenda vivente. Verremo a conoscenza di una profezia? Un segreto inconfessabile dell’umanità? Una nuova religione?
Non resta che rimanere a Carinola per scoprire come andrà a finire questa storia incredibile.



Da RaiNotte “Speciale Santoni”, martedì 17 febbraio 2009, servizio di Marcello Nespolillis.


Guru
un'immagine del santone durante un momento di meditazione

mercoledì 18 febbraio 2009

I Sette Ministri


C’era un sole accecante il giorno che decisero di trascinare in strada i sette ministri per fucilarli.Uno di questi aveva come una febbre tifoide e stava morendo. Tossiva rumorosamente e aveva la faccia rubizza. Soffriva già di suo così vistosamente che i soldati esitarono un poco prima di metterlo in riga con gli altri perché gli pareva di fargli un piacere a ucciderlo a quel modo.

Allo stesso ministro sembrava non importare e non riusciva a stare in piedi, alla fine dovettero sparargli dall’alto verso il basso, come si fa con una bestia alla quale si vuol bene e non si vuole che soffra ancora.
Affrontarono la fine con coraggio, erano il vecchio regime che veniva eliminato ed era giusto che non si lasciassero andare. Mantennero una certa distanza dalla morte, e l’affrontarono con rigore. Sapevano che le cose non sarebbero andate meglio di come andavano prima, perché una crisi profonda come quella che si erano trovati ad affrontare non si risolve accoppando qualche ministro, ma tutto quel trambusto era una cosa nuova e la gente parve vederci una soluzione.
Fu una mattanza rapida, senza ultimi desideri. Nessuno di loro disse niente, e quando uno dei ministri, quello più esile, esperto di pubblica amministrazione, sembrò voler lasciare un messaggio, o semplicemente dar vita ad un estremo lamento per come erano stati trattati, il leader Mariano gli seccò la gola con uno sguardo, così di tutto quello che avrebbe voluto dire, non restò che uno starnuto. Qualunque cosa avessero detto, in quel luogo senza claque, si sarebbe mischiato alla polvere, mentre se qualcosa in quella cava sarebbe potuto rimanere, quello era certamente il silenzio. Lasciar parlare solo i passi della milizia, e i loro grilletti arrugginiti, solo il latrato dei cani in attesa di cibo servito al volo, lasciare sfogo a quegli attimi tanto contriti quanto tristi, questo sarebbe potuto rimanere, non il lamento o il rimprovero inutile dell’ultima ora.
A sparare erano in otto, ed erano tutti volontari, qualcuno si sarebbe beccato qualche pallottola in più.
I sette ministri indossavano il saio ufficiale, mentre i fucilieri, radunatisi in fretta, indossavano abiti civili e diversi. Non essendoci stato il tempo di escogitare una divisa, erano venuti a cambiare la storia con camicie a quadroni e pantaloni di velluto a coste. Erano all’incrocio senza cappello e le redini in mano. Quando fu il momento lo capimmo dagli uccelli che si sparpagliarono allarmati dagli scoppi dei fucili. Udimmo gli spari in lontananza e tutti ebbero solo voglia di tornare a casa.
Le rivoluzioni serie si fanno con le armi, perché da quelle serie non si torna mai indietro tutti interi.
La moglie di uno dei ministri, paradossalmente il più vecchio, che si occupava di agricoltura, aspettava un bambino. Per mesi non si era fatto altro che speculare. Si diceva che avesse pagato un ragazzo affinché gli desse un erede. Si era soliti aggiungere che lo avesse pagato più del pattuito, e che lo avesse poi costretto a lasciare la zona perché diversamente da quanto aveva immaginato, non ne reggeva la vista. Ma queste erano chiacchiere e nessuno poteva davvero sapere quanto fossero vere. Ciò che restava con certezza era una moglie gravida di troppo dolore e il desiderio di un figlio tanto a lungo covato che a niente era servito. Questi uomini non erano stati presi durante il sonno, strappati alle loro famiglie nel cuore della notte, ma per una barbara e forse anche sadica ragione, si era lasciato che sapessero, che trapelasse la notizia che presto sarebbe accaduto ciò a cui adesso assistevamo. Sapevano che non sarebbero scappati, e forse in qualche modo se lo auguravano, per poterli così più facilmente denigrare. Proprio perché lo sapevano, era probabile che ognuno di loro avesse fatto qualcosa che gli sarebbe mancato, come fare sesso o farsi una bella abbuffata, ma mi piaceva credere che fossero giunti alla risoluzione timorati e puri e non sudici e spavaldi.
I corpi furono ammassati uno su l’altro, e furono bruciati con la benzina. I cani ci restarono male e presero a guaire per il tanto spreco. A ognuno di noi sembrò oltraggioso non poterli piangere su una tomba, ma non lo dicemmo. Immagino che la storia in divenire tenda a voler cancellare quello che solo dopo con tanto sforzo cercherà di ricostruire e ricordare. Forse un giorno qualcuno avrebbe sentito il bisogno di chiedere scusa per quanto avveniva, ma sapevamo che nessuno di noi sarebbe mai vissuto tanto a lungo.

Pier Angelo Consoli

lunedì 16 febbraio 2009

In saecula saeculorum


La chiesa cattolica ha superato felicemente e in ottima salute il secondo millennio di vita. Nei due millenni trascorsi, ha attraversato tante traversie, subìto anche persecuzioni a volte feroci, ma ha sempre resistito ed e' sopravvissuta.
Sicuramente c’è qualcosa di soprannaturale a sorreggere questa sua secolare vitalità, lo devono riconoscere anche i non credenti. Ma oltre alla mano divina è anche il modus vivendi di questa sacra organizzazione che le permette di perpetuarsi nei secoli. Come un giunco che cresce sulla riva di un fiume, quando arriva la piena si piega, la fa passare e subito dopo si erge più vitale di prima. Oltre alla mano divina è la consuetudine della Chiesa ad assecondare il potente di turno che le permette di sopravvivere. Il potente di turno sparisce e la Chiesa resta più forte che mai a dominare il mondo. E’ successo con Costantino e gli imperatori cristiani che si sono susseguiti dopo di lui fino ai gli anni più vicini a noi. Senza andare troppo lontano, osserviamo il comportamento della chiesa nei confronti del nazismo che teneva in mano il controllo dell’Europa. Nessuna condanna da parte del Papa, anzi assidua partecipazione dei propri cardinali alle manifestazioni del regime. Quel modo di agire era dovuto per non inimicarsi il padrone indiscusso del momento che, volendo, poteva pregiudicare la vita della Chiesa. Così il dittatore e il suo regime sono spariti ma la Chiesa è rimasta ancora più smagliante. Le critiche postume non scalfiscono la sua forza e dopo tanti anni dai fatti è anche facilissimo confutarle in quanto le vittime ormai sono tutte defunte.

Arrivando ai nostri giorni la storia si ripete: abbiamo uno stato egemone nel mondo, gli U.S.A., e il suo braccio armato, Israele, che agisce illegalmente fuori da ogni regola internazionale. Stato illegale perché non rispetta le risoluzioni dell’ONU – www.terrasantalibera.org- e con la propria forza occupa territori non suoi seviziando e imprigionando i legittimi abitanti che sono i palestinesi. La chiesa che fa? Invece di condannare questo stato per le nequizie che compie, condanna un proprio vescovo perché ha contestato il numero di Ebrei morti nella seconda guerra mondiale. Si fa una questione di numero invece che di atti criminali, come se si dovesse avere un rimborso, perciò più alto è il numero di vittime rivendicato più alta la ricompensa.
Questo Papa ha inoltre il complesso di essere tedesco per cui ritiene tutti i tedeschi colpevoli dell’eccidio degli ebrei, anche quelli che non sanno di che si parla. Ogni giorno predica la pace nel mondo facendo finta di non sapere che non esiste pace senza giustizia. Lo Stato che agisce fuori della legalità internazionale deve essere stigmatizzato ed isolato. La chiesa che dice di parlare alle coscienze dovrebbe asserirlo con forza, invece ogni giorno chiede scusa per qualcosa. Scuse che vengono sollecitate con un atto di imperio e di protervia. Se non china la testa non può recarsi in pellegrinaggio in quello Stato (che e' la terra santa a tutti i cristiani) e allora, per avere il visto, deve chinare la testa.

Così facendo, come nel secolo scorso si legittima di nuovo l’operato di un regime sanguinario le cui ultime vittime sono ancora calde e alcune ancora senza sepoltura. Si dirà che la chiesa è per il perdono, ci si dimentica che il perdono si può avere solo seguito al pentimento. Non è questo il caso: infatti non solo non sono pentiti ma sono pronti a commettere nuovi crimini più atroci.
Prego come credente affinche' nel momento in cui il papa stringerà quelle mani assassine avvenga il miracolo che entrambe si tingano di sangue. Se non sarò esaudito per questo miracolo mi auguro almeno che in quel momento venga assalito da rimorso e almeno arrossisca.

Questi sono desideri di persone semplici, non di chi porta sulle spalle la ragione di stato che gli impone questi comportamenti. Solo questo modo di muoversi nei confronti dei potenti permette alla chiesa di perpetuare la propria esistenza ed il proprio potere nei secoli dei secoli.

un cattolico

giovedì 12 febbraio 2009

A wonderful world



clicca sull'immagine per visualizzare il mosaico.
Pazienta un po' per il caricamento completo.
Per la galleria cliccare qui




La grossa ruspa scava, scava, scava….da giorni e giorni.

La Montagna eretta con i bisogni e i desideri dei carinolesi sembra non aver mai fine. Due anni dei tanti diversi sentimenti accumulati lassù, non sono pochi. E Selleccola, con uno spirito di sacrificio straordinario, li ha accolti senza lamentarsi; subendoli, coccolandoli, cullandoli, proteggendoli. In silenzio, come una mamma. Non è così che si fa con i figli?

Mentre la ruspa insacca e butta in un camion tutti quei buoni sentimenti ormai ridotti in una poltiglia colante, io dall’alto di monte Pecoraro osservo e ogni tanto ne vedo schizzare fuori qualcuno…

Il più invadente ed esuberante è senz’ altro il piacere per la buona tavola che, con gioiosa prepotenza, vuole primeggiare sugli altri e impillacchera il suolo col suo fertile umore.

A spintoni, ma senza troppa fatica, cercano di farsi strada anche gli altri e li riconosco tutti: l’ignoranza, l’incoscienza, l’irresponsabilità, la strafottenza, l’indifferenza, l’inciviltà….

Sono tutti là, uno accanto all’altro, a comporre questo bizzarro monumento al sentimento del carinolese moderno.

Su tutti però sovrasta un sentimento che non mi è nuovo in questo Comune ed è prerogativa delle amministrazioni comunali: la stoltezza.

Esso sventola come una bandiera su quella Montagna di Vergogna.

Tra qualche giorno Selleccola sarà definitivamente sollevata da quel suo ruolo di custode, ma intanto, un altro sentimento si fa strada in seno all’ex e all’attuale amministrazione comunale: la vanagloria.

Si celebrano, tramite manifesti e blog, i propri meriti per essere riusciti a liberare Selleccola da una tale incombenza. Non si riesce, però, a stabilire a quale delle due amministrazioni appartiene il merito di quest’azione: se all’ attuale, che l’ha messa in atto, o all’altra che ne aveva presentato richiesta già da un anno.

Tranquilli! Non litigate per queste inezie!

I cittadini carinolesi non amano questo tipo di cose, lo sapete bene. I cittadini carinolesi sono gioiosi, festaioli, allegri, amanti del buon cibo e del buon vino e non vogliono far torto a nessuno. Vogliono essere amici di tutti, vivere tranquilli e spensierati nel luogo che amano, che curano con la massima attenzione e che rispettano.

Mentre voi amministratori siete sempre stati occupati in quelle noiose discussioni per stabilire a chi appartengono effimeri meriti, loro hanno ben pensato di rallegrare il Comune in cui vivono, costellando l’intero territorio carinolese di vivaci colori: giallo, rosso, blu, verde, azzurro….

Con l’allegria e la grande civiltà che li distingue, vi hanno lasciato tutto QUESTO.

Peglina, Terralba, Cimitero, Sant’Arcangelo, Grangelsa, Creta sono diventati oasi colorate che il solo vederle allieta il cuore e tutto grazie ai cittadini che, consapevoli dell’impegno continuo delle amministrazioni in ben altri problemi, hanno deciso fare da soli.

Perciò amici amministratori, siete appena arrivati e già litigate per i meriti?

Eeeeh! Non avvilitevi: ce ne sono ancora tanti da conquistare!

Lancillotto

mercoledì 11 febbraio 2009

Per non dimenticare Giovanni.


Quasi un anno fa, precisamente il 13 febbraio del 2008, il popolo di Casanova fu sconvolto dalla notizia della morte di uno dei "suoi figli": il Maresciallo Giovanni Pezzullo ucciso in un agguato in Afganistan. Tutta l'Italia si commosse per la morte di questo ragazzo semplice che amava i Nomadi e che faceva il suo lavoro con umanità ed abnegazione, tutti ci commuovemmo nell'ascoltare le parole della figlia Giusy che con la voce rotta dal pianto salutava quel suo papà-eroe e tutti aderimmo al suo appello di mettere un tricolore alla finestra come segno di partecipazione al grande dolore della famiglia.
Io casanovese D.O.C. , anche se attualmente vivo altrove, passando per le vie del mio paese non nego di aver pianto vedendo tutte quelle bandiere listate a lutto ma non nascondo di aver provato anche un sentimento di orgoglio nel vedere la grande partecipazione della gente. Ora ad un anno di distanza il mio appello è questo: il 13 di febbraio mettiamo un tricolore alle finestre! come Giovanni amava fare per i caduti di Nassirya, sarà un modo per non dimenticarlo ma soprattutto per onorarne la memoria!





Casanovese

martedì 10 febbraio 2009

Se scappi dalla guerra o dalla miseria….


...vieni in Italia, il paese solidale e accogliente per antonomasia. Troverai ad accoglierti una panchina della stazione dove potrai stabilire la tua dimora e trascorrervi le lunghe notti invernali protetto da spesse e calde coperte di cartone. Nessuno ti dirà nulla o si accorgerà di te, non preoccuparti. La gente ti passerà vicino senza vederti o, tutt’al più, lanciandoti uno sguardo fugace. Non devi temere di essere sgridato, preso o scacciato perché gli italiani non sono persone che creano problemi. Nessuno verrà a chiederti se hai dove stare, se hai mangiato, se hai freddo, da quanto tempo non ti lavi. Semplicemente ti ignorano.

Puoi dormire tranquillamente sulla tua panchina alla stazione.

Poi, durante la notte, sicuramente verranno due o tre ragazzi di buon cuore che, vedendoti, penseranno tu possa avere freddo. E allora non ci penseranno due volte: ti verseranno addosso della benzina e ti daranno fuoco….

Questo particolare Governo poi ama i clandestini e fa di tutto per aiutarli.

Versa finanziamenti a pioggia sui CPT  che hanno proprio la funzione di accoglierti e aver cura di te per qualche tempo. Se riesci ad attraversare il Mediterraneo e ad approdare sulle coste italiane, sicuramente ti porteranno in uno di questi CPT e lì troverai gli amici di questo Governo che gestiscono il Centro con grande zelo. Ti accoglieranno a braccia aperte, ti sfameranno, ti vestiranno. Con una felicità senza uguali ti vorranno ospitare il più a lungo possibile, almeno tre mesi, finché non saranno espletate le procedure di identificazione, perché tu sei il loro amico, il loro lavoro, il loro finanziamento, il loro pane e non ti lasceranno andare tanto facilmente.

Se poi hai la fortuna ti essere portato a S.Foca, il CPT gestito dalla Caritas, avrai un trattamento anche migliore e potrai percepire la vera carità cristiana. Lì, per non lasciarti andare via, ti ammazzeranno di botte e tu, musulmano o altro, resterai sorpreso nel constatare fino a che punto può arrivare l’amore cristiano per il proprio prossimo.

Ma questo Governo ha voluto essere ancora più magnanimo con te e ha approntato una Legge per prolungare fino a diciotto mesi la tua permanenza nei Centri di Primo Trasferimento…

Purtroppo non è passata.

Ci pensi se invece fosse passata? Diciotto mesi passati in ferie, sempre seguito e scortato da un carabiniere educatissimo.

Per tanti mesi avresti potuto dormire tranquillamente sul pavimento, insieme a centinaia di altri come te, pigiati l’uno accanto all’altro in un abbraccio solidale, avvolti in un candido lenzuolo. Avresti respirato quell’aspro odore di ammoniaca che sembra urina, ma che in realtà è un ottimo disinfettante che fa tanto bene ai polmoni. Avresti mangiato carne in scatola o carne cruda di maiale, una nuova ricetta approntata dai gestori di S. Foca per gli amici musulmani.

In quei mesi ti avrebbero ridato un nome, un volto, un’identità, una condizione economica e sociale: quella dalla quale eri partito. Ma ci saresti ritornato in aereo.

L’altra Legge per fortuna è passata. Quella che ti riconosce il diritto di stare male e recarti negli ospedali italiani per essere curato da bravissimi e sensibilissimi medici. Ti tratteranno come un bambino: ti visiteranno, ti cureranno, ti guariranno e poi, per tua somma felicità, ti denunceranno.

Ma io ti conosco: schivo come sei, non vuoi dare fastidio; non vuoi tutta questa attenzione intorno a te e non ti farai curare. Tu ami l’assoluta libertà: l’essere niente, l’essere nessuno, senza casa, senza lavoro, senza assistenza. Qualcuno che esiste e non esiste. Qualcuno che è evanescente come un sogno destinato a scomparire.

Dai, unisciti al Clan…. Vieni in Italia: paese di Santi, di eroi  e di….mafiosi.

ClanDestino

sabato 7 febbraio 2009

Silvio come sei buono!

N.B. Questo post deve essere letto solo da persone che conoscono il significato della parola ironia


Caro Silvio

Se qualcuno aveva dei dubbi sulla tua smisurata bontà, in questi giorni ha dovuto ricredersi. Nonostante tu sia impegnato diurnamente a combattere la crisi economica che ci assedia, a gestire la tua azienda , a distruggere la delinquenza, i giudici deviati e le bande di comunisti che scorazzano nel nostro paese, ti sei impegnato a risolvere il caso del giorno. 
Mi riferisco al caso Englaro, uno dei  tanti che tu affronti ogni giorno. Grazie al tuo intervento il dramma personale di un padre è diventato un problema nazionale. Tutti dicono la loro su di un caso che doveva restare circoscritto ad una stanza di ospedale.  Tutti  danno giudizi  medici e legali  dividendosi tra pro e contro le richieste del padre nel silenzio assordante del super pagato garante della privacy. Immediato il tuo intervento risolutore per rispondere all’accorato appello del popolo. Dopo aver letto i risultati dei sondaggi che ti dicevano  quali   tesi sosteneva la maggioranza degli elettori, subito  hai suffragato la loro richiesta con un decreto legge. Seguendo lo slancio generoso del tuo cuore hai ignorato la sentenza di quei giudici bacucchi della cassazione che avevano dato un giudizio esaustivo e risolutivo, per loro ma non per te. Col tuo slancio di bontà hai ignorato gli inviti alla cautela del Quirinale che prospettavano l’incostituzionalità dell’atto. Spinto dall’ incommensurabile  bontà del tuo animo hai obbligato i tuoi ministri a votare un decreto sull’argomento.  Hanno votato tutti perché apprezzano la tua sconfinata bontà, ma soprattutto per non essere licenziati. 
Il tuo sforzo tempestivo   e  generoso per adesso non è riuscito a fermare la mano di chi vuole togliere la vita ad una bella ragazza piena di vita.: così  infatti me la mostrano le tue televisioni,  mentre invece  i sinistri, tuoi oppositori, raccontano di un corpo  informe allo stato vegetale da diciassette anni. Per screditare il tuo generoso intervento parlano di cure mediche al limite dell’ossessione e che quel corpo informe vegeta solo per merito di macchine. Io non li credo. Ti ringrazio per aver seguito  la spinta del  tuo irrefrenabile senso di bontà  che ti impone di fare qualunque tentativo per impedire quello scempio. Oltre al decreto ti ringrazio per aver mandato gli ispettori del ministero del lavoro a controllare  l’operato dei medici di quell’ospedale invece di perdere tempo nei cantieri  a verificare le condizioni di lavoro degli operai. So benissimo che tutto questo lo fai solo per bontà  e non per avere riconoscimenti ma ti ringrazio lo stesso. Insieme a me hai il plauso di monache, preti, vizzoche, vescovi associazioni umanitarie, volontari vari e da parte di  tutti i buonisti che sono una maggioranza schiacciante in questa nazione. 
Bene ha fatto il Vaticano ad  elogiare il tuo comportamento con un atto ufficiale ed a manifestare  la delusione per le eccezioni di costituzionalità avanzate dal capo dello stato.  Mi dispiace che non puoi dedicarti ai nostri  seri problemi  giornalieri che ci preoccupano capisco che devi seguire il tuo cuore nel risolvere questo  dramma che mina la vita della nazione.  Quel padre snaturato che vuole l’ assassinio della figlia deve essere biasimato e condannato da tutti perché  non possiede  un briciolo dei nobili sentimenti di cui è infarcito  invece il tuo animo. 
Grazie Silvio per aver manifestato ancora una volta il tuo vero volto che alcuni scambiano per opportunismo politico invece per me è solo immensa bontà e generosità .

Parini

giovedì 5 febbraio 2009

Una fiaba dei nostri tempi


ZambiaAlcuni anni fa, in un paesino molto, molto piccolo, composto da poche casupole costruite con pareti di fango mescolato a ramoscelli e con il tetto formato da erba seccata al sole, viveva una famigliola composta dal papà, la mamma e un figlioletto di cinque anni.
Nel loro villaggio non esisteva la luce elettrica, non il telefono e della televisione avevano soltanto sentito parlare. Le macchine che passavano da quelle parti erano una rarità e costituivano un evento di cui si sarebbe parlato per giorni e giorni.
Ogni mattino e ogni pomeriggio la donna si recava al fiume con due grandi brocche per prendere l'acqua da usare durante il giorno. Il bimbo la accompagnava, tutto fiero di poterle essere utile e, per rimanerle vicino, era obbligato a correre…ma questo non gli impediva di parlare, scherzare, raccogliere fiori con cui fare un mazzetto da donare poi alla mamma.
La loro vita scorreva semplicemente….non sentivano il bisogno di avere altre cose oltre a quelle poche che possedevano: un semplice giaciglio, una coperta per le notti fredde, un fuoco sempre acceso, poche galline libere di razzolare per l'aia assolata e alcuni piccoli maialini, compagni di gioco prediletti del bambino.
Il papà stava quasi tutto il giorno lontano da casa e tornava sull'imbrunire con il risultato della sua fatica: frutti raccolti durante il cammino, legna e, quando la fortuna lo assisteva, una piccola preda con cui variare il menù. La mamma si dedicava alla famiglia: oltre all'acqua pensava a raccogliere la legna, a cucinare, a coltivare alcune verdure nel piccolo orto e ad accudire al bambino.
Quando veniva il momento in cui il bimbo era sottoposto, suo malgrado, al rituale del bagnetto, il che avveniva puntualmente ogni giorno in riva al fiume, era bellissimo vedere la tenerezza con cui, più che lavarlo, lo accarezzava parlandogli dolcemente. Una luce accendeva i suoi occhi, riflettendo una gioia interiore che, pensava, niente e nessuno avrebbe mai spento.
Alla sera la famiglia si univa ai vicini e, tutti insieme, si stava intorno al fuoco, sotto un cielo stellato e con una luna che illuminava con discrezione. Era questo il momento magico della giornata: gli adulti raccontavano degli avvenimenti del giorno mentre i bambini, abbandonati i giochi, ascoltavano con occhi rapiti.
Non di rado il più anziano tra gli uomini presenti, iniziava un racconto dove alla realtà si mescolava la leggenda e per i più giovani era questo il momento più bello…..prima di essere mandati, con loro grande disappunto, a dormire.
Come tutte le favole, anche questa ha una fine…. l'unica differenza è che, rispetto alle storie che tutti noi conosciamo, il finale non è quello che avremmo voluto ascoltare.
Il bambino che si guardava intorno con gli occhi pieni di meraviglia, che raccoglieva fiori per la mamma, che giocava con una palla fatta di stracci... non c'è più.
È stato colpito da una banale malattia, una di quelle che molti nostri figli hanno avuto e dalla quale si guarisce senza problemi: l'unico problema era che questo bambino viveva in uno sperduto villaggio africano.
Bastava un semplice antibiotico… è morto tra le mie braccia.
Ho chiamato questo racconto "fiaba", anche se fiaba non è, perché le favole contengono sempre una morale e quindi un insegnamento.
Ma forse ho usato questa parola con la speranza che ci faccia fermare un minuto in più a riflettere e ci insegni che il mondo non è solo quello intorno a noi.
Albino


Zambia,  una piccola amichetta

martedì 3 febbraio 2009


Il 2008 è considerato dagli scaramantici un anno sfortunato, in quanto bisestile. Le loro previsioni negative si sono avverate per tutte le attività, tranne però che per quella enologica, che anzi non aveva mai visto un’annata migliore.
Quest’annata, eccezionale per tutti i vini, lo è stata ancora di più per il vino Falerno. Quando si parla di Falerno, i veri intenditori si riferiscono alla zona pedemontana a sud del monte Massico, nei tenimenti di Mondragone, Falciano e Casanova. La parte nord non viene esclusa per motivi campanilistici o altro, ma semplicemente proprio perché esposta a nord. L’uva, in quella zona, gode del calore dei raggi solari per molte meno ore dei terreni ubicati a sud, che sono più vocati anche perché non sono interessati dai venti freddi provenienti dal nord.
I vigneti di questa zona sono piccoli appezzamenti, quasi tutti per uso familiare, e il vino viene prodotto col metodo tradizionale . Il metodo è semplice: si pigia l’uva e si procede alla spremitura, dopo quattro o cinque giorni se primitivo, sette o otto giorni se Falerno rosso, senza fare nient’altro che aspettare qualche mese per il primitivo e un po’ di tempo in più per il Falerno rosso. Se si ha l’occasione di assaggiare qualche vino di quelli prodotti in casa seguendo regole non scritte tramandate dai tempi dei tempi, si saprà a cosa ci stiamo riferendo. Il risultato è sempre buono ma quest’anno sicuramente è ineguagliabile e chissà fra quanti anni si potrà godere della stessa meraviglia.
Se si assaggia il vino di Nicola sicuramente si sentiranno tutti profumi del castagneto unito a quello di violette , di prugne e di albicocco. Se si assaggia quello di Gennaro si sentirà il profumo delle querce unito a quello del mirto e delle ginestre. Se si beve quello di Gaetano ti manda in estasi e ti fa sognare. Quello di Pasquale, dopo il primo bicchiere senti l’impulso irrefrenabile di degustare il secondo. Sublime il vino di Concetto, non il Merlot, (una bestemmia per la zona del Falerno), ma quello dell’”arusto”. Assaggiandolo, per incanto ci si sente sdraiati accanto a Trimalcione nell’antica Roma davanti ad una tavola riccamente imbandita.
Un posto di rilievo per il vino di Franco: questo vino, col suo colore rubino e col suo effluvio di mille aromi ti trasporta in un’altra dimensione, ti fa sentire una piacevole sensazione di calore ed un impellente desiderio di amare. Tutti i Falerno prodotti col metodo tradizionale, assaggiandoli trasmettono un messaggio di gioia, di forza e amore, oltre ad un messaggio culturale che scaturisce dalle leggende che accompagnano da millenni questo vino celestiale se si ha la predisposizione per recepirlo.
Questo vino miracoloso, prodotto in questo modo, fra tanti pregi ha due grandi difetti: se ne produce poco e il suo impareggiabile bouquet dura solo pochi mesi. Il Falerno artigianale, infatti, con i primi caldi primaverili incomincia a cambiare, secondo gli esperti in meglio, ma comunque non è lo stesso nettare che si degusta di questo periodo.
Quindi bisogna affrettarsi a visitare coloro che, pur senza comprenderne a pieno il valore incommensurabile, posseggono tale tesoro. Bisogna affrettarsi per toccare con mano, anzi con il palato, questo miracolo del vino Falerno che ogni anno si ripete nelle nostre zone.
Sbrigatevi, la primavera è vicina.

Lucullo

lunedì 2 febbraio 2009

Il grande esodo non è mai finito



Il fenomeno dell’emigrazione ha portato milioni di italiani fuori dalle loro comunità, dai loro paesi e fuori dall’Italia. La grande emigrazione di fine ottocento e inizio novecento è stato un fenomeno sociale di vaste proporzioni che ha compromesso la crescita dell’economia del meridione perché la forza lavoro del Sud è stata portata altrove, contribuendo in maniera fondamentale alla crescita del paese che la ospitava.

Perché quello che è stato possibile fare per altri paesi o per il nord Italia non è stato possibile farlo per il meridione? Le risposte le conosciamo benissimo. Se ne parla da decenni. Se ne riempiono pagine e pagine di giornali, se ne fanno retoriche conferenze che non hanno mai cambiato la situazione….

Siamo sfaticati noi del Sud? Non credo. Quando ci troviamo altrove lavoriamo duro, mettiamo fuori capacità e uno spirito imprenditoriale che non sapevamo neanche di avere.

La risposta è molto più semplice: perché non c’è stata e non c’è la volontà politica di cambiare il meridione. A parole sì, ma non nei fatti!

Da quei disastrosi anni della grande emigrazione poco è cambiato. L’asse si è solo spostato. Prima ci si dirigeva verso i paesi d’oltre oceano; negli anni sessanta è stata la volta dei paesi europei, soprattutto Germania, Svizzera, Francia e Belgio; ora ci si dirige verso il Nord Italia. La gente continua ad emigrare, a lasciare le proprie famiglie, le proprie comunità, l’assolato Sud per trovare uno straccio di lavoro nel nebbioso Nord.

E’ uno stillicidio continuo di giovani che ci lasciano, di forze e di energie che ci abbandonano, di idee che si sradicano sempre più, condannandoci per sempre alla stagnazione economica e sociale.

Quello che è più grave in tutto questo, è che vanno a contribuire all’incremento dell’economia del Nord. E ora che il federalismo sembra una realtà molto vicina, l’abbiamo proprio meritata una cosa simile, nostro malgrado. Perché? Perché non siamo stati capaci di ribellarci alle piccole e grandi ingiustizie che hanno sempre dilagato a Sud. Le abbiamo subite, lamentandoci sì, ma abbiamo lasciato che venissero perpetrate continuamente, senza protestare come popolo. Non è la protesta del singolo quella che conta, è la protesta del popolo che fa la differenza. E noi non abbiamo saputo credere nella nostra forza di popolo meridionale e abbiamo lasciato che altri avessero il sopravvento sulle nostre vite, prendendo decisioni che riguardavano solo noi.

Siamo stati complici, nostro malgrado, con la mala politica, andando ad elemosinare posti di lavoro per noi o per i nostri figli dal politucolo di turno, contribuendo ad alimentare un meccanismo vizioso che, infine, si è ritorto contro di noi.

Abbiamo sempre abbassato la testa mentre invece dovevamo pretendere che lo Stato assente si occupasse del Sud in maniera più energica, inchiodandolo davanti alle proprie responsabilità. E forse la camorra non avrebbe trovato terreno fertile per crescere e prosperare. E ora cosa ci ritroviamo? Un’altra grande fregatura storica!

Che ironia! La ricchezza del grande Nord è fatta dalla forza lavoro del profondo Sud! E noi la prendiamo a quel servizio! Ancora una volta, come subito dopo l’Unità d’Italia, è il Sud che sfama il Nord, anche se può sembrare il contrario.

Noi meridionali non abbiamo mai capito una cosa: siamo noi ad avere il coltello dalla parte del manico, siamo noi che possiamo fare la differenza, ma è importante smetterla con quell’atteggiamento di sudditanza nei confronti di qualsiasi politico che ci propina la caramella per addolcirci la bocca e ci riempie di fandonie a cui abbocchiamo sempre, sia esso l’ultima ruota del carro o il Presidente del Consiglio. E’ importante sgombrare la mente da tante false convizioni.

E parafrasando i nostri amici di Virgolaz che dicono: Sud, si insisti, tu resisti! Io dico: Sud, si resisti, tu esisti!

Meridionale convinto

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan