lunedì 2 febbraio 2009

Il grande esodo non è mai finito



Il fenomeno dell’emigrazione ha portato milioni di italiani fuori dalle loro comunità, dai loro paesi e fuori dall’Italia. La grande emigrazione di fine ottocento e inizio novecento è stato un fenomeno sociale di vaste proporzioni che ha compromesso la crescita dell’economia del meridione perché la forza lavoro del Sud è stata portata altrove, contribuendo in maniera fondamentale alla crescita del paese che la ospitava.

Perché quello che è stato possibile fare per altri paesi o per il nord Italia non è stato possibile farlo per il meridione? Le risposte le conosciamo benissimo. Se ne parla da decenni. Se ne riempiono pagine e pagine di giornali, se ne fanno retoriche conferenze che non hanno mai cambiato la situazione….

Siamo sfaticati noi del Sud? Non credo. Quando ci troviamo altrove lavoriamo duro, mettiamo fuori capacità e uno spirito imprenditoriale che non sapevamo neanche di avere.

La risposta è molto più semplice: perché non c’è stata e non c’è la volontà politica di cambiare il meridione. A parole sì, ma non nei fatti!

Da quei disastrosi anni della grande emigrazione poco è cambiato. L’asse si è solo spostato. Prima ci si dirigeva verso i paesi d’oltre oceano; negli anni sessanta è stata la volta dei paesi europei, soprattutto Germania, Svizzera, Francia e Belgio; ora ci si dirige verso il Nord Italia. La gente continua ad emigrare, a lasciare le proprie famiglie, le proprie comunità, l’assolato Sud per trovare uno straccio di lavoro nel nebbioso Nord.

E’ uno stillicidio continuo di giovani che ci lasciano, di forze e di energie che ci abbandonano, di idee che si sradicano sempre più, condannandoci per sempre alla stagnazione economica e sociale.

Quello che è più grave in tutto questo, è che vanno a contribuire all’incremento dell’economia del Nord. E ora che il federalismo sembra una realtà molto vicina, l’abbiamo proprio meritata una cosa simile, nostro malgrado. Perché? Perché non siamo stati capaci di ribellarci alle piccole e grandi ingiustizie che hanno sempre dilagato a Sud. Le abbiamo subite, lamentandoci sì, ma abbiamo lasciato che venissero perpetrate continuamente, senza protestare come popolo. Non è la protesta del singolo quella che conta, è la protesta del popolo che fa la differenza. E noi non abbiamo saputo credere nella nostra forza di popolo meridionale e abbiamo lasciato che altri avessero il sopravvento sulle nostre vite, prendendo decisioni che riguardavano solo noi.

Siamo stati complici, nostro malgrado, con la mala politica, andando ad elemosinare posti di lavoro per noi o per i nostri figli dal politucolo di turno, contribuendo ad alimentare un meccanismo vizioso che, infine, si è ritorto contro di noi.

Abbiamo sempre abbassato la testa mentre invece dovevamo pretendere che lo Stato assente si occupasse del Sud in maniera più energica, inchiodandolo davanti alle proprie responsabilità. E forse la camorra non avrebbe trovato terreno fertile per crescere e prosperare. E ora cosa ci ritroviamo? Un’altra grande fregatura storica!

Che ironia! La ricchezza del grande Nord è fatta dalla forza lavoro del profondo Sud! E noi la prendiamo a quel servizio! Ancora una volta, come subito dopo l’Unità d’Italia, è il Sud che sfama il Nord, anche se può sembrare il contrario.

Noi meridionali non abbiamo mai capito una cosa: siamo noi ad avere il coltello dalla parte del manico, siamo noi che possiamo fare la differenza, ma è importante smetterla con quell’atteggiamento di sudditanza nei confronti di qualsiasi politico che ci propina la caramella per addolcirci la bocca e ci riempie di fandonie a cui abbocchiamo sempre, sia esso l’ultima ruota del carro o il Presidente del Consiglio. E’ importante sgombrare la mente da tante false convizioni.

E parafrasando i nostri amici di Virgolaz che dicono: Sud, si insisti, tu resisti! Io dico: Sud, si resisti, tu esisti!

Meridionale convinto

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan