giovedì 12 novembre 2009

Randagismo: una piaga periodica

Pubblichiamo oggi questo post pervenutoci una settimana fa e che tratta del problema del randagismo. Esso contiene delle idee interessanti per contrastare in modo civile il fenomeno e ci dispiace non averlo pubblicato prima anche perchè nel frattempo sembra che qualcuno abbia voluto adottare metodi ben più drastici e infami, ossia ammazzare i cani avvelenandoli.

La redazione

iscriviti al gruppo facebook "denunciamo i bastardi che avvelenano i cani a Casanova"


--------------------------------------------------






Periodicamente si ripresenta in tutto il Comune e a Casanova in particolare il problema del randagismo. Attualmente, decine di cani abbandonati di grossa stazza girano per le strade del paese in condizioni di totale anarchia. Fanno un po’ paura tutti questi grossi animali lasciati a se stessi e la sicurezza dei cittadini mi sembra alquanto trascurata.
A guardarli uno alla volta, queste bestie sembrano innocue, ma nel momento in cui si riuniscono in gruppo non so se si possono più considerare inoffensivi. D’altra parte, non sarebbe affatto la prima volta che torme di cani affamati attaccano cittadini inermi. Le persone più a rischio sono chiaramente le donne e i bambini che non saprebbero far fronte a un eventuale allarme canino.
Purtroppo quando c’è sul territorio una bestia di sesso femminile, il randagismo si autoalimenta fino a diventare un problema  molto serio, soprattutto di notte quando  si raggruppano  orde di cani che diventano molto aggressivi.
Che fare? Eliminare la causa del problema?
Assolutamente no, ma il problema si potrebbe affrontare in tantissimi modi per arginarlo e tenerlo sotto controllo. Prima di tutto censire la popolazione canina in ogni frazione del Comune, poi costringere i legittimi proprietari di cani a denunciare i loro animali, quindi  sterilizzare le femmine randagie per evitare una riproduzione indiscriminata.
E’ anche vero che molti cani vengono abbandonati da gente non residenti nel nostro Comune, ma ciò non toglie che il problema esiste, si alimenta da solo e diventa poi problema nostro.
Ci sarebbe anche un altro modo di affrontare il problema e che potrebbe vedere la collaborazione di varie istituzioni presenti sul territorio. Propongo, infatti, di costruire un canile nei pressi del Penitenziario e affidarlo alle cure dei detenuti di Carinola. Al progetto si potrebbe arrivare con un protocollo d’intesa tra il Comune, il Penitenziario e l’Azienda sanitaria. Con un progetto simile, non solo si terrebbe il fenomeno randagismo sotto controllo, ma si offrirebbe ai detenuti l’opportunità di acquisire competenze specifiche nel settore della cura e del mantenimento degli animali che potrebbero anche tradursi, al termine della pena, in eventuali impieghi presso canili e strutture specializzate.
Che ne dite? E’ una cattiva idea?

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan