martedì 15 dicembre 2009

Caspita! E’ di carne!


Pensavo che il nostro Premier, nella sua onnipotenza e onnipresenza, fosse fatto di una materia non di questo mondo. Un insieme di fotoni sconosciuti che gli davano l’immortalità e quindi l’arroganza verso i comuni mortali non sintonizzati sulla sua lunghezza d’onda. Quel bel viso liscio super tirato, i finti capelli  sempre a posto, quello pseudo-sorriso stampato sul viso in tutte le occasioni offrivano  l’immagine di un super-eroe inattaccabile, ricomponibile, sempre in piedi, come Ercolino, il vecchio pupazzo di plastica di tanti anni fa.

E invece, con l’aggressione di Milano, patapuffete, tutto è crollato a culo per terra.

E’ proprio come noi! Fatto di carne che si lacera, di sangue che scorre, di ghigni di dolore. Caspita!

Mi dispiace, umanamente mi dispiace, perché qualsiasi tipo di violenza è condannabile, ma non voglio unirmi alla folla fanatica che adesso fa del Premier la povera vittima di una violenza alimentata solo da una parte politica, né voglio unirmi alle false commiserazione di tanti politici che si precipitano al suo cappezzale per portagli un ipocrito conforto e un’ipocrita solidarietà. Neppure voglio strapparmi le vesti o gridare allo scandalo, come stanno facendo  tanti leccaculo, per le oneste parole di Di Pietro che ha ricordato il ruolo di  istigatore di folle del Premier contro i suoi nemici, tutti “comunisti”, perché non si allineano al suo pensiero, e quello della Lega che non fa altro che alimentare sentimenti razzisti nel cuore degli italiani, dico io.

 No. Non è lui la vittima, anche se adesso cavalcherà l’onda della pietà umana per riguadagnare consensi. Lui, con un po’ di soldini, visto che ne ha tanti, si rimetterà subito a posto; avrà un viso nuovo, denti nuovi, un sorriso nuovo e sarà pronto a ricominciare come prima e peggio di prima.

Vittime, quelle vere, sono le migliaia di persone che stanno perdendo il lavoro e  stanno lottando con le unghie e con i denti per non perderlo; sono gli operai in cassa integrazione che non sanno se un lavoro lo avranno più e precipitano nella depressione più nera perché, alla loro età, la speranza non è più prevista; sono i giovani che il lavoro devono cercarlo col lanternino e non lo trovano o sono costretti ad andare via per crearsi una parvenza di vita; sono tutte le famiglie che, con uno straccio di stipendio, si arrabbattono giorno per giorno per mettere un piatto in tavola o mandare i figli a scuola; sono gli extracomunitari discriminati e spesso picchiati a causa del clima razziale alimentato dalla Lega; sono le centinaia di morti sul lavoro, a cominciare dalle sette vittime della Thyssen Krupp, le cui famiglie probabilmente non avranno neanche la soddisfazione di un po’ di giustizia se passerà la vergognosa legge sul processo breve; sono i morti delle strage di Piazza Fontana, di Piazza della Loggia, di Bologna, di Ustica, dell’ Italicus, per parlare di quelle più famose, che dopo tanti anni ancora stanno aspettando di avere dei colpevoli e dei mandanti che nessuno ha fretta di trovare.

E senza vergognarmi di dirlo chiaro e forte, è stato soprattutto lui, il nostro Premier, a creare questo clima di violenza che serpeggia nel Paese; lui che aggredisce e minaccia di continuo verbalmente i suoi oppositori politici; lui che non ha mai esitato a calpestare i diritti dei cittadini italiani per far valere i suoi; lui che parla di democrazia, ma sta instaurando una dittatura a 360 gradi; lui che ha pensato soprattutto a salvare se stesso e le sue aziende  con leggi ad personam, ma non fa niente per salvare dalla catastrofe i lavoratori italiani; lui che calpesta la legittimità del Parlamento e della Magistratura demonizzandoli e giustificare così le prossime schifose leggi volte a nullificare le azioni di queste due istituzioni; lui che vive come un satrapo assiro e vuole invece apparire candido, vittima di chissà quali congiure, contro la sua immagine;  lui che non sa dialogare con nessuno se non con chi accetta passivamente il suo volere e impone solo la sua volontà.

Mi dispiace, ma non riesco ad essere ipocrita. Pur condannando qualsiasi atto di violenza, un po’ di umiltà può fargli solo bene. Capire che anche lui può cadere e farsi male gli farà perdere quella smania di onnipotenza e riportarlo di nuovo entro quella dimensione umana che ha perso da tempo.

Nuvola Rossa

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan