lunedì 11 gennaio 2010

Resoconti e risvolti

La vicenda polo scolastico, soprannominato campus, sta svelando il vero volto della maggioranza che ha vinto le ultime elezioni amministrative comunali a Carinola.
Come da più parti ipotizzato , sembrava inevitabile che prima o poi si sarebbe giunti allo scontro frontale fra anime diametralmente opposte costrettesi a convivere per abbattere un potere costituito nel quale molti di loro, in passato, si erano riconosciuti.
Spesso la delusione o il mancato raggiungimento di un obbiettivo porta a prendere decisioni affrettate, mossi più da uno spirito di vendetta che da un progetto amministrativo credibile e realizzabile.
Qualche anno fa, nel momento in cui la scettro passava da Pasquale Di Biasio ad Antimo Marrese, alcuni rappresentanti del partito democratico si sono sentiti defraudati e hanno ritenuto passare il guado e schierarsi contro, sostenendo una coalizione civica, marcatamente di centro-destra, almeno nei suoi componenti, come poi ampliamente dimostrato dall’adesione in massa nel PDL, fatta eccezione del Sindaco e della dottoressa Zampi, rispettivamente PSE (Sinistra e Libertà) e UDC, con la speranza di abbattere i vecchi amici e sostituirsi a loro nella gestione della cosa pubblica comunale.
Fin qui tutto era sembrato filare liscio, Mannillo Sindaco, De Risi Vice Sindaco, Micillo, Giacca e Russo con posizioni di rilievo, Di Lorenzo, capo indiscusso della destra Carinolese nominato Assessore e l’On Grimaldi che ha piazzato pedine importanti ai fini della maggioranza con, credo, 4 consiglieri al suo attivo e qualche Assessore , quando all’improvviso viene fuori la delibera che vuole assumere 14 vigili urbani a tempo determinato: questo episodio ha fatto scattare la prima scintilla, in quanto due dei sei Assessori , tra cui De Risi , si erano dichiarati contrari e di fatto non hanno partecipato alle sedute di Giunta che ne deliberavano l’assunzione.
I “vigilini” hanno prestato servizio per un primo periodo a cavallo dell’estate, poi sono stati temporaneamente congedati per essere di nuovo riassunti e tuttora in servizio sulle strade comunali.
Digerita questa pillola, probabilmente amara, ecco che arriva il pomo della discordia, in quanto quello che sembrava essere un regalo fatto all’Amministrazione Comunale grazie all’intercessione dell’On Oliviero, esponente di spicco del PSE, partito in cui milita il Sindaco di Carinola, nonché consigliere Regionale dell’area alto Casertano, invece di essere accolto come tale si è dimostrato una mina vagante che passa di mano in mano col rischio di brillare da un momento all’altro.
Il finanziamento, che originariamente doveva essere realizzato all’altezza dell’incrocio sulla provinciale che da Carinola porta a San Donato, così come recita il progetto originario approvato in Regione, e che in una fase successiva ha subìto diverse prese di posizione circa la sua ubicazione, è giunto alla decisione definitiva, in quanto supportata da una delibera votata in consiglio comunale che vuole farla nascere nell’area in cui oggi sorge la scuola elementare di Carinola, sennonché durante il dibattimento in aula consiliare è saltato fuori un terreno, ex eca , di cui non tutti sembra fossero a conoscenza, di cui il Comune addirittura potrebbe disporre a titolo gratuito.
Il motivo del contendere sembrava essere, perché con questo fatto nuovo è tutto da riscrivere, l’ubicazione in primis e successivamente, ma non per questo di secondaria importanza, la dicitura polo unico scolastico, dove unico stava per abolizione di tutte le asilo, elementari e medie comunali che sarebbero dovute confluire in un unico istituto capace di offrire una soluzione ottimale a tutti gli studenti disseminati sul territorio.
A quanto pare però il finanziamento di due milioni di euro, se pur cospicuo, non risulterebbe sufficiente al completamento dell’opera, ed inoltre non tutti sarebbero d’accordo sull’accentramento delle elementari in un unico polo, per cui la maggioranza consiliare , ad eccezione dell’opposizione e del consigliere/assessore De Risi, ha votato una delibera che andrebbe a finanziare, almeno nell’immediato, la sola costruzione della nuova scuola media, abbandonando momentaneamente l’idea del campus, tanto cara all’assessore.
De Risi, a sua volta ha ritenuto, in seguito a questa votazione, dimettersi sia da Assessore che dal partito del PDL giudicando scorretto il comportamento dei suoi colleghi di partito, che non solo hanno votato la delibera “scuola media” ma non hanno mostrato solidarietà al loro esponente, che ha deciso con un fantastico colpo di scena, di andare a collocare tra i banchi “vuoti” della opposizione, provocando lo stupore di tutti i presenti.
Se crisi non è poco ci manca, perché ora bisogna surrogare o reintegrare l’assessore dimissionario che al momento sembra non voler tornare sui suoi passi, per cui nel caso di una sostituzione si andrebbero a sbilanciare gli equilibri faticosamente raggiunti, dal canto suo il Sindaco potrebbe essere tentato a nominare una figura più vicina alle sue posizioni politiche, in quanto essendo gran parte dei consiglieri di maggioranza approdati in un unico partito, cambiando il quadro iniziale della lista civica, avendo incassato un voto contrario dal suo vice, vedono il Primo Cittadino alquanto isolato in Consiglio per cui alla ricerca di un nuovo sostegno in giunta capace di riequilibrare i rapporti di forza, anche in virtù del voto contrario incassato da De Risi sulla votazione della delibera .
Ad oggi non ci è dato sapere qual è l’orientamento che sarà seguito e siamo sulla scia delle ipotesi e solo quando si concretizzerà la decisione potremo scoprire le reazioni e le contromosse che la parte “lesa” vorrà adottare .
Intanto, a quanto pare, il Dr De Risi stando alle notizie fin qui lette, sembra voglia dare battaglia, da oppositore, specie sul destino del Polo scolastico, e sta adoperandosi per verificare la fattibilità sull’area emersa durante la seduta consiliare, intanto, fuoriuscito dal PDL sembrerebbe alla ricerca di una nuova collocazione politica che lo vedrebbe vicino a Rutelli che in campo nazionale a provocato una scissione dal PD creando un movimento centrista che strizza l’occhio anche all’ ‘UDC di Casini.
La situazione è in continuo fermento ed i risvolti, a ridosso delle Regionali, possono essere imprevedibili, in quanto le forze dovranno convergere sui propri candidati e dimostrare la reale consistenza elettorale raggiunta alla luce dei due anni di amministrazione conseguiti, solo dopo si potranno emettere verdetti e fare ipotesi anche in prospettiva comunale , qualora le cose dovessero precipitare e quindi rimettere tutto nelle mani degli elettori.
Noi siamo spettatori passivi e ci auguriamo che si faccia solo e sempre l’interesse della collettività, indipendentemente da ambizioni personali e sete di potere fine a se stesso, per cui auguriamo a tutti gli attori di questa vicenda di essere scrupolosi esecutori di un mandato che li vuole deputati a fare gli interessi dei cittadini indipendentemente dal colore politico e dalle vicende personali .
Alla luce di tutto ciò il Sindaco si è ritrovato vittima di un malanno che lo ha costretto alle cure, e che speriamo le renda presto alla vita pubblica, ora più che mai, intricata da vicende politiche personali ed in prospettiva di una battaglia amministrativa senza esclusione di colpi , in cui è di vitale importanza dimostrare il peso specifico di ogni gruppo politico operante sul territorio, per programmare, anche, il futuro del Comune di Carinola.
Auguri Sindaco!

Snupy


 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan