domenica 9 maggio 2010

La risata di Biasox

Una sera di fine Aprile, i villici che abitavano nel contado di Nocellum nel tenimento della contea di Calenum furono destati dal sonno da forti schiamazzi provenienti dalla casa di cittadella di don Juan de Bufalirinis. Le risate e gli schiamazzi durarono tutta la notte ma nessun servo della gleba osò protestare per paura di ritorsioni, poichè era ormai di pubblico dominio la notizia che il conte Biasox stava per tornare al governo della contea. Il giorno successivo comunque tutti furono informati su cosa fosse successo nella notte. Un  buttero di don Juan aveva origliato alla porta del salone delle feste e riferito quello che aveva sentito, motivo delle fragorose risate. L'ospite d'onore della serata ed anche animatore era stato il conte Biasox , venuto per festeggiare la defenestrazione del duca Giano Trifronte dal palazzo della contea. Il conte, per l'occasione, invece di bere il solito vino fragolino prodotto nelle sue vigne bevve, e abbondantemente, il falerno di Paganicus, il suo futuro contabile di corte. L'effetto del Falerno non si fece attendere ed il conte, di solito misurato e riservato, si sciolse e si diede a lazzi e risate sguaiate insieme a tutti i commensali. Incominciò col ricordare l'allontanamento dal palazzo del duca e del suo fidato alleato, don Mattia detto il Gerarca di Sinistra, entrambi dopo giorni di assedio da parte degli altri vassalli di Biasox  che erano rimasti  assediati per giorni difesi solo dai due  gemelli Ustascia, fedelissimi e sanguinari sicari del gerarca.  Quindi aveva ricordato la loro  fuga dal palazzo nottetempo, il tutto accompagnato da fragorose risate.
Biasox continuò dicendo che quella fuga era una sua grande vittoria ottenuta grazie alla sua abilità ed alla conoscenza profonda che aveva dei vassalli e valvassori  di Calenum che lui considerava suoi sottomessi. Era convinto che questi  mai avrebbero riconosciuto un altro capo all'infuori di lui. Ricordò che aveva designato come successore Antimus Mutus perchè appena trascorso l'anno sabbatico presso il ministero delle acque, quegli si sarebbe dimesso, favorendo il suo rientro incruento sul trono di Calenum. Le cose erano andate diversamente in quanto Giano Trifronte con l'aiuto di altri vassalli si era attribuito il titolo di reggente arbitrariamente e non solo non voleva dimettersi per favorire il ritorno del conte legittimo, ma addirittura tramava per tenersi la contea per tanti anni ancora e forse per sempre. Biasox disse che lui, prima di tutti, aveva intuito le mire di Giano pertanto con l'aiuto dei suoi fidi servitori lo aveva costretto all'abbandono. La prima occasione che servì ad avvelennare i rapporti fra i congiurati fu l’ arruolamento dei nuovi pretoriani, detti “pretorianini”, necessari per rigiovanire una guarnigione ormai diventata un lazzaretto. Raccontò come d'accordo con Tigellino, il comandante dei pretoriani, suo fedele servitore, avesse deciso i nomi degli arruolandi. Scelse tutti amici e parenti di Giano e Mattia il Gerarca oltre al proprio nipote in modo da far credere a tutti che li avesse scelti Giano e in accordo con Biasox stesso. Calmate le risate, rivelò anche un retroscena noto a pochi e cioè che avesse chiesto a Tigellino di far passeggiare ogni giorno il nipote in alta uniforme per le strade di Nocellum per sobillare gli abitanti a lui ostili contro Giano ed i suoi alleati. E così successe: Antonio il Russo, vassallo di Nocellum presso la contea, già da tempo era divorato dall'invidia per i successi di Giano e incominciò a tramare contro di lui. Contemporaneamente, il conte rivelò  di aver inviato un suo fidato servitore a promettere per l'ennesima volta il suo posto a don Luis de Santa Cruz, il suo ex cerusico di corte. Tra risate sempre più forti al pronunciare quel nome rassicurò tutti che quello ci aveva creduto ancora una volta e i risultati erano sotto gli occhi di tutti. Le risate arrivarono al culmine quando rivelò che don Luis si credeva furbo in quanto aveva acconsentito ad una analoga promessa di Maximus Grimaldellus Electoralis, altro vassallo emergente, che pure gli aveva promesso il trono di Calenum  pensando così di servire due padroni con un solo tradimento. Biasox ormai aveva perso ogni freno, beveva e rideva dei suoi vassalli  che a turno cercavano di  ergersi a suoi pari senza immaginare  che erano tutti delle marionette i cui fili erano manovrati  dalle sue mani.
Continuò col raccontare quello che era stato il massimo del suo piano ovvero la finta scissione con Antimus Mutus. Questo suo capolavoro, per raccontarlo Biasox ci mise molto tempo, perchè non riusciva  a trattenersi dalle risate e quasi si sentì male. Aveva costretto Antimus Mutus a dichiarare pubblicamente di non essere più un suo vassallo cosicchè Giano Trifronte lo blandisse con promesse  e lo considerasse un suo alleato. Biasox rivelò che questa era stata la mossa vincente, i pretoriani o i lavori di Kasanovia erano serviti solo per aizzare gli animi dei servi della gleba e dei valvassori e creare il clima di scontro ma quella era stata la mossa risolutiva. Giano Trifronte, sicuro di avere Antimus Mutus e gli altri due “cavalier Nessuno” dalla propria parte, si scontrò con Antonio il Russo e don Luis pur sapendo che questi erano spalleggiati dai servi di Maximus Grimaldellus, ma ignaro delle intenzioni di Antimus Mutus. Questo gli fu fatale in quanto fu costretto ad abbandonare il palazzo.
Gli schiamazzi svegliarono per l’ennesima volta i servi della gleba quando, nel cuore della notte, alla cena si presentò strisciando sulle ginocchia l’infido Abner, il quale depose ai piedi del conte una penna d’oca in segno di assoluta e perpetua fedeltà, nascondendogli però che la sera prima aveva fatto la stessa cosa con Maximus Grimaldellus.
Tutti gli astanti inneggiarono al genio strategico del conte e continuarono a brindare  e schiamazzare per tutta la notte ripromettendosi di ripetere la festa ancora più in grande, di lì a poco, quando il conte sarebbe rientrato in possesso del suo legittimo trono della contea di Calenum.

Il Conte del Grillo

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan