martedì 25 maggio 2010

Metodo pdl: Caserta come Carinola

E’ un pdl molto esigente e vendicativo quello che ci troviamo ad avere a Caserta dove, in più di cinquanta giorni, non si è riusciti a formare  un’ amministrazione provinciale. Grazie a chi? Ma al pdl naturalmente, nella persona di Nicola Casentino che della Campania  è il nuovo imperatore.
Allearsi col pdl, come è accaduto  al neo e ormai ex presidente provinciale Zinzi (UDC) per avere un successo sicuro, può rivelarsi una vittoria di Pirro. A chi non vuole sottostare ai voleri della dittatura pidiellina non resta che farsi la valigia e andarsene, tanto non esiste alcuna forma di dialogo o ragionamento che tenga con quella parte. 

Quello che è successo a Carinola al sindaco Mannillo, è quindi successo anche a Caserta, a Zinzi. E’ il nuovo metodo pdl che sta facendo scuola? O è una manovra quella di Zinzi? Può darsi; anzi sicuramente sarà una di quelle manovre che in politica sono tanto necessarie per arrivare ad uno scopo. Lo sa Zinzi, lo sa Mannillo. Tutto dipende dallo scopo che si intende raggiungere e dal come aggirare gli ostacoli.

Unica amministrazione provinciale ancora senza governo, Caserta ha dovuto affrontare da subito la guerra intestina e gli attacchi del Pdl che dettava legge nella composizione della giunta. Cosentino pretendeva nella giunta casertana alcuni sindaci di matrice pdl, mentre Zinzi non ha voluto sindaci nella sua giunta.  Non credo, comunque, che questo sia l’unico motivo. Come in tutte le cose, c’è sempre la goccia che fa traboccare il vaso. Appare comunque chiaro che il pdl vuole il monopolio della provincia di Caserta, mettendo nei posti che contano suoi uomini, mentre Zinzi non vuole  accettare il ruolo di secondo impostogli dagli alleati. E così si è andati avanti con i soliti balletti del tira e molla, senza giungere ad una conclusione accettabile. Nonostante il larghissimo consenso ottenuto  nella provincia di Caserta, il centro destra non riesce a rendersi  credibile agli occhi degli elettori, che assistono sdegnati alla solita lotta per le spartizioni delle poltrone, dando alla politica delle alleanze una connotazione fallimentare.

Il risanamento ambientale, la gestione dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia, la lotta alla disoccupazione, il rilancio dell’agricoltura, la predisposizione delle infrastrutture sono solo alcuni dei grossi problemi che affliggono la Provincia e che aspettano di essere affrontati. Ma senza un’ amministrazione provinciale forte e coesa, non c’è possibilità di affrontarli e risolverli.

Ma c’è la volontà politica di  affrontarli seriamente? Uh, su questo ho i miei dubbi.

Siamo alle solite? Si siamo alle solite. Il tanto acclamato “governo del fare”, non è altro che il governo delle intimazioni, del potere imposto che non si interessa veramente  di  risolvere i problemi, quanto di  risolverli a modo suo.

Se per evitare ricatti ed imposizioni è opportuno dimettersi, ben vengano le dimissioni di Mannillo e di Zinzi che possono riuscire a riportare un po’ di democrazia in questa mascherata dittatura.

Osservatore 

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan