martedì 14 dicembre 2010

I Due Marescialli


Nei prossimi giorni, ma già oggi e nei mesi a venire ancor di più, il Comandante dei Vigili Urbani di Carinola, il sempre verde Colonnello Mario Tuozzi, avrà un bel da fare. Il carico di lavoro cui quotidianamente deve fare i conti e attrezzarsi , inventandosene una più del diavolo, per smaltirlo è già notevole e nulla potrà evitare che si appesantisca ancor di più. E allora saranno guai. Anche perché come se non bastasse la enorme mole connessa alla specificità del corpo,  ci si mette pure uno straordinario aggiuntivo “fuori ordinanza”, tutto carinolese, che onestamente non riguarda il Comandante ma  più specificamente alcuni suoi subordinati che hanno deciso di trasformarsi, e non ne vogliono sapere  di desistere,  in propagandisti politici, ponendo con forza una questione, anche questa paradossale, anzi grottesca e , manco a dirlo, endemica. Di che si tratta? E’ presto detto. Alcuni Marescialli della Polizia Municipale carinolese si sono rimboccate le maniche, cosparso il capo di cenere maturando la ascetica convinzione di  apportare il  loro contributo alla crisi drammatica in cui versa la sanità  nazionale, con particolare riferimento alla incentivazione e al  potenziamento del corpo degli infermieri. Inventati dalla”Corona” inglese ai tempi dei gloriosi fasti imperiali, gli infermieri hanno trovato nei suddetti  Marescialli dei Vigili i loro paladini locali che, pur di dare un fattivo contributo al corpo, non  hanno esitato ad immolare quegli scienziati dei loro figli a tale causa umanitaria chiedendo un piccolo, ma proprio piccolo, sostegno ad un altro missionario, in questo caso della politica,  che risponde al nome del Consigliere regionale Massimo Grimaldi. Anch’ egli votato al rassodamento della pattuglia infermieristica italiana, l’ onorevole nostrano si è sprecato per dare una mano ad i Due Marescialli , assicurando ai loro fanciulli, un corso, si badi bene,  non un posto, da infermiere. Ed in cambio gli zelanti Vigili hanno promesso, e lo stanno mantenendo  non risparmiando fatiche, di spendersi e spandersi  in lodi sperticate a quel tronfio palloncino locale che dicesi onorevole. Sicchè, con tanti problemi che attanagliano il nostro territorio comunale, molti dei quali  di pertinenza  proprio dei Vigili Urbani, nati appunto nell’ Urbe  eterna  degli Imperitori, i due Marescialli si dedicano in divisa e non, in servizio e fuori, a tessere le lodi al Massimo onorevole nel tentativo, tanto grottesco quanto grossolano e per certi versi deprimente se non drammatico, di tirargli la voltata per l’ affermazione alle imminenti amministrative a cui il Massimo ha deciso, facendosi comandare dal cuore(………..), di candidare la spampanata Rosa nocelletese, già servitrice col codazzo familiare, composto da fratelli, fratellini e congiunti di ogni ordine e grado, presso la corte del fu “Grande” Pasquale Di Biasio negli scorsi 15 anni. La domanda nasce spontanea, direbbe Lubrano. Egregio Comandante Tuozzi  è possibile che  due suoi subordinati solo perché hanno avuto dei privilegi personali facciano pubblicamente attività politica, osannando la deplorevole pratica della raccomandazione e lei non ne sappia niente?
E se Lei lo sapesse, come fermamente crediamo, perché non butta di getto due righe e le spedisce alla Procura per  porre fine ad un malcostume conclamato in cui due Vigili ammettono, in pubblico, in privato, in divisa e non, di aver beneficiato dell’ avvilente istituto della raccomandazione, grazie ai buoni uffici dell’ onorevole, senza tema di essere sanzionati?
E’ legittimo e politicamente corretto, che solo perché due signori hanno fatto i loro porci comodi assicurando ai rispettivi figli un “qualcosa”, diciamo cosi, debbano mettersi ad imbonire le gesta di un  onorevole che invece di pensare alla nostra comunità si getta a capofitto nella biasimevole spirale della raccomandazione?
Si attendono risposte. Dal Comandante e non solo! 

Lupowolf

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan