martedì 7 dicembre 2010

La flora, la fauna e la monnezza

Il ritrovamento a Casale, accanto ad un cumulo di immondizia, del piccolo ghiro poi morto durante la notte, riporta  all’attenzione dei cittadini il mai risolto problema della scarsissima tutela ambientale e dell’inquinamento del suolo carinolese. Centinaia e centinaia di piccole e medie discariche stazionano dovunque: nei fossi, negli anfratti, agli angoli delle stradine di campagna, nei canali, nei burroni e dovunque vi sia uno spazio utile da poter usare. Oltre ad essere deturpanti, non sono affatto discariche innocue perché rilasciano nel terreno, con la pioggia, metalli dannosi che saranno a loro volta assorbiti dalle erbe e dalle piante, e andranno a finire nell’alimentazione umana e faunistica determinando un alto grado di mortalità della fauna selvatica. Un habitat naturale già compromesso dall’uso di prodotti chimici in agricoltura viene così ulteriormente aggravato  dalla presenza di centinaia di micro-discariche.

L’inciviltà dei cittadini, che continuamente sversano di nascosto i loro rifiuti nei posti più impensati, è un comportamento inaccettabile, ma ancora più inaccettabile è quello di coloro che dovrebbero sorvegliare e non sorvegliano, denunciare e non denunciano, far pagare e non fanno pagare, predisporre iniziative per lo smaltimento e misure di sicurezza per la tutela dell’ambiente e non lo fanno. Da che mi ricordi, nessun assessore all’ambiente ha mai preso veramente a cuore il problema e ha mai adottato delle serie misure per il risanamento e la tutela del territorio. Nessun assessore si è mai degnato di girare nei posti più impensati, indagare, osservare, valutare, prendere appunti per mettersi a studiare un piano per il funzionamento dello smaltimento rifiuti. Il loro ruolo di paladini dell’ambiente si è risolto solo al riscaldamento di una comoda sedia nella casa comunale. Non è così che si svolge un assessorato tanto importante.
Il ritrovamento del grazioso animaletto ha portato nella comunità un sapore di fiaba e di magia condiviso però solo dai pochi che comprendono e apprezzano l’importanza di una fauna sanamente selvatica, di una flora curata e non abusata.

E mentre si continua a vedere lo scempio dei nostri boschi mediante continui tagli abusivi, mentre si continua ad assistere all’indifferenza pubblica verso l’inquinamento del suolo e verso la distruzione della fauna, nel silenzio di case private si continua a tessere trame e a discutere su chi saranno i prossimi candidati a sindaco e a consiglieri.
Il fatto che saranno sempre le stesse persone a riproporsi mi preoccupa non poco.
Se non hanno avuto prima la sensibilità e l’ interesse necessari verso il problema, perché dovrebbero averlo adesso? Se non hanno fatto nulla prima per il risanamento del suolo e la cura dei boschi e della fauna selvatica, perché dovrebbero farlo adesso?
Non credo nella sensibilità ambientalistica di coloro che si propongono di nuovo come nostri amministratori proprio perché so di che pasta sono fatti. E proprio perché non ci credo, sorveglierò affinché chi avrà l’assessorato all’ambiente svolga il proprio dovere.

Gala

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan