giovedì 28 luglio 2011

Biasiox e la magia di Calenum


Si era appena placata l’ira di Biasiox, dopo le elezioni che lo avevano visto sconfitto nella grande battaglia per il controllo di Calenum e la contea sembrava vivere un momento di pace. Biasiox era preso ad organizzare e rifocillare il suo esercito per preparare una nuova, lunga e sanguinosa battaglia. 
Aveva convocato presso la sua corte tutti i crociati suoi soldati con lo scopo di impartire loro le prime lezioni che lo avrebbero riportato come Re sul trono della gran piazza di Calenum. Ma aveva un serio problema. Doveva sradicare dal suo esercito tutti quei caporali che lo avevano tradito in passato e nominare nuovi caporali, giovani e forti per comandare indisturbato. Era un compito complesso perché tra i caporali c’era anche donna Antonella de Bufalinis, la più sveglia tra i sui discenti. Non ce l’avrebbe mai fatta a non fornirgli almeno un posto da capo truppa. Non dormiva la notte e pensava a tutti i suoi compagni di ventura per cercare quello justo, quello che poteva aiutarlo. 
La notte prima dell’elezione del suo esercito rimase sveglio, chiamò il suo nocchiere di fiducia e disse di preparare il carro per la partenza. Salì sul carro e parlando al suo nocchiere lentamente esclamò:  “nulla è più desolante che percorrere queste terre che erano state mie…” lo pensava e se lo ripeteva masticando triste quelle parole fra i denti, nel procedere lento del lungo cammino.

     “Ho condotto l’esercito alla vittoria, ho spianato la città, non ho lasciato nessuno che possa raccontare d’esser rimasto vivo… e questa è la ricompensa…! La ricompensa di chi ho creato e fatto diventare forte con il mio sangue.  Ma la colpa di tutto, è di Giano Trifronte che con il suo alto tradimento ha spianato la strada al conte de Grimaldellis Elettoralis. E ora? E ora viene da me a chiedere perdono. Vuole lottare accanto a me di nuovo. Come se io non conoscessi la sua voglia di eliminarmi. No. No. Non è maturo per farmi fuori. Ma lo utilizzerò in futuro e me ne libererò come lui ha fatto con me. "

Mentre fantasticava su questo, esclamò 

- fermati!!! Ho trovato la soluzione. Portami subito dallo stregone di Nocellum. Solo una sua magia può salvarci. Incontrò lo stregone a mezzanotte precisa. Scese dalla diligenza e si inginocchiò davanti ad un albero. Esclamò 

- aiutami e sarò sempre a tua disposizione. 

Lo stregone con una folta barba, gli appoggiò una mano sulla spalla e disse:

- so tutto. Domani scatenerò la mia forza.

Biasiox salutò e andò via sereno. Quella notte dormì tranquillo, come se lo stregone lo avesse anestetizzato. 
Al risveglio i giochi erano pronti. Antonia de Bufalinis si presentò alla grande urnà con i suoi uomini, circa venti che dovevano portarla a essere caporale del gruppo. Votò e votarono. 

A dieci km dall’urna lo stregone sibilò: 

- VULPEM PILO MUTARE, NON MORES.   

I giochi erano fatti.
Aprirono le urne e vennero eletti i 7 soldati fidati di biasiox, anche se Donna Antonia era sicura dei suoi uomini. 

Biasiox corse dallo stregone e questo disse : hoc unim scio, me nihil scire, e sparì. 


(continua)

CAIO GRACCO

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan