mercoledì 28 settembre 2011

La banda dei cavi finalmente sgominata?


Finalmente identificati i fautori dei ripetutissimi furti dei cavi telefonici presso le frazioni di S.Donato e S.Ruosi. la notte scorsa le forze dell’ordine, pur non acciuffando i ladri, sono stati capaci di stilare un perfetto identikit dei fuori legge. La soddisfazione è tanta ma lo sgomento per la scoperta è sicuramente maggiore. In questi mesi i furti si sono avvicendati in maniera sempre più frequente e quasi sempre durante la vigilia di eventi politici di spessore, come può essere un consiglio comunale o eventi culturali e ludici all’interno dei confini comunali. I furti sono praticamente cresciuti in maniera esponenziale proprio con l’arrivo della nuova amministrazione. Due causalità che hanno insospettito non poco le forze dell’ordine che con molta pazienza e scrupolosità hanno accuratamente nascosto ai media le vere piste delle indagini. Tutti, pensavano che furti fossero stati compiuti dai soliti gruppi criminali di stampo albanese e/o rom. c’era chi, invece, additava come potenziali ladri alcune persone dalle condizioni disagiate del comune caleno. La realtà dei fatti ha zittito queste congetture superando decisamente l’immaginario collettivo e non solo.

Gli abili ladri ormai sono stati identificati e chi di dovere sta procedendo con l’iter necessario per sbrogliare una questione che, a conti fatti, si presenta burocraticamente e legalmente complicata nonché decisamente stramba. Dopo sere di appostamenti sono stati identificati i membri della banda del cavo e la scoperta ha provocato non pochi imbarazzi. La banda del cavo, così ribattezzata dalle forze dell’ordine, vede al suo interno nomi di spicco - ma facciamo un passo indietro, ricostruiamo le dinamiche della scoperta. Mentre buona parte dei cittadini era felicemente impegnata ad assaggiare vino e prodotti tipici, durante la festa della vendemmia a Casale, la banda approfittando della calma notturna entrava in azione. La tecnica è sempre la stessa: c’è chi taglia velocemente i cavi e chi regge la scala mentre, ben nascosta, una macchina con altri due elementi a bordo è pronta a scappare indisturbata e velocissima. Una tecnica semplice che in questi mesi ha sempre messo nel sacco le forze dell’ordine provocando non pochi problemi ai cittadini delle frazioni succitate. Ma questa volta, grazie all’azione investigativa, la banda è stata presa con le mani sui cavi. Una scoperta, ripeto, sensazionale che supera la realtà.

A tagliare i cavi, tenetevi forte, era il nostro caro sindaco Gigi . Proprio così, il sindaco di Carinola il quale non era da solo. Infatti Tony Pago reggeva la scala mentre ad attenderli nella macchina c’erano il Nardellino e il Grimaldone pronti a scappare via. Una procedura semplice e veloce ripetuta ben 11 volte nello stesso luogo.

Una scoperta sensazionale che per ora non viene commentata dalle forze dell’ordine. Tutto tace mentre alcune indiscrezioni riportano dichiarazioni da parte dei membri della banda, i quali giustificano i furti come “ atto necessario per ammorbidire, risolvere la forte crisi economica in cui versa il nostro comune”. Ed è proprio questa la tesi impugnata dal team di avvocati della banda del cavo. Tutti gli identificati minimizzano e non si pronunciano sull’accaduto anche se l’imbarazzo è forte. Dopo tale scoperta la popolazione si divide. Una gran fetta dei cittadini vede Gigi come Robin Hood, Grimaldone come Little John, Tony Pago come Frate Tac e Nardellino (causa esaurimento personaggi della leggenda anglosassone) come lo scemo della banda che nella tradizione cinematografica non manca mai identificandolo così in Capannelle de “I soliti Ignoti”. Nonostante i furti e le inevitabili difficoltà causate il popolo sta con la banda del cavo che, in nome del bene comune, ha deciso di rimboccarsi le maniche, anzi le forbici.

Gigi e i suoi anziché aspettare i fondi regionali promessi dal Grimaldone che mai arriveranno, hanno deciso di applicare metodi alternativi per la ricerca di fondi. Gli introiti racimolati dal rame, presente nei cavi, sembrano essere stati inseriti nel bilancio in modo da poter annunciare il lavoro di ottimizzazione dei costi sbandierata in questi mesi. Invece ecco la verità, ecco da dove proviene l’ottimizzazione economica del nostro comune. Aspettando risvolti invitiamo i lettori a non prendere posizioni e conclusioni avventate in merito, in quanto anche se i fini del gesto, quasi da romanzo, possono sembrare nobili, sempre di furto si tratta.
Identikit della banda del cavo

Fukocero

martedì 27 settembre 2011

Luigi il battista




Ormai sono mesi che imperversa la polemica politica sull'inefficienza ordinaria e progettuale dell'amministrazione comunale di Carinola. Come si sa essa è capeggiata da un personaggio alquanto singolare, un ideologo tra i migliori che abbiano mai calpestato il suolo carinolese. Sentirlo parlare quando illustra le sue idee  tutti restano a bocca aperta  speranzosi nella loro concretizzazione. Questa è la polemica giornaliera, l'amministrazione è ferma, ufficialmente perchè non ha fondi in bilancio. Se  si ascolta il sindaco ed il suo supervisore contabile sulla situazione finaziaria  si viene colti dall'irrefrenabile desiderio di mettere mano al portafoglio per aiutare questo povero comune. Come contraltare ci sono le dichiarazioni dell'ex sindaco che afferma di aver lasciato le casse comunali in perfetto ordine e forse anche troppo.. Chi ha ragione fra i due è difficile dirlo, in molti si fa luce una terza convinzione. Sono sempre di più quelli che considerano l'attuale sindaco di Carinola il battista di Grimaldi. Non bisogna intendere l'aggettivo nel senso meno nobile, cioè servitore maggiordomo, ma nel senso biblico. Giovanni riportato nei vangeli ,considerato santo dai cristiani ma anche dai musulmani e dagli ebrei,  fu denominato il battista che vuol dire precursore. Tale fu per Gesù Cristo, lui preparò  la via al Signore che arrivò dopo di lui. Grazie a lui riuscì a divulgare il suo pensiero ed a trovare tanti seguaci. Questo sembra il compito dell'attuale sindaco di Carinola stare fermo e risparmiare in modo che il suo successore possa fare miracoli che solo con i soldi si fanno.

Ogni giorno, tanti si convincono di questo assistendo all'inerzia di questo sindaco sempre più energico solo nel parlare. A Carinola non si parla di progetti, di personale, di mostre, manifestazioni culturali, occupazione giovanile, temi tanto cari a questo sindaco ma solo di risparmi, tagli ed aumento di tasse. Si è arrivati perfino a licenziare il comandante dei vigili per chiederne mezzo ad un comune limitrofo per risparmiare mezzo stipendio. Molti pensano che la carriera di Grimaldi nell'alta politica fra qualche hanno sarà conclusa e quindi dovrà accontentarsi di governare Carinola. Si pensa che alla scadenza del consiglio regionale attuale o anche qualche anno prima, si generi una crisi pilotata a Carinola con nuove elezioni dove Grimaldi si presenterebbe come sindaco. Allora si ritornebbe alla vita amministrativa normale, si troverebbero i fondi necessari per tutte le esigenze del comune, si tornerebbe a parlerebbe di Por e di Pon, termini sconosciuti a questo sindaco e sicuramente sarebbe assunto anche il nuovo comandante dei vigili, forse di Nocelleto. Questo quadro politico che vede l'attuale sindaco come il precursore di un altro  che porterebbe  un periodo dorato per questo comune sembra ogni giorno meno fantastico.

Ci si convince sempre di più che questo sindaco sia incapace di liberasi dalla cappa che lo tiene prigioniero ed inattivo facendo desiderare a tutti la sua sostituzione. La bocciatura di Russo come assessore, il licenziamento del comandante dei vigili, aggravata dalla mancata sostituzione, il concorso bloccato al settore lavori pubblici, il senso di sbandamento del personale, avalora la tesi del boicottaggio occulto a questa amministrazione. Senbra che il suo destino sia segnato, potrà anche restare in carica per qualche anno ma sempre ferma ed inefficiente. Questa inerzia aumenterà  l'attesa del messia che libererà il popolo da questa iattura e darà a tutti aspettative di benessere e progresso. Comunque l'attuale sindaco avrà la soddisfazione di restare nella storia per aver preparato le vie al vero sindaco. La sua opera non sarà vana e sarà ricordato per sempre come Luigi il Battista di Grimaldi.

Marco

Ancora furti di rame


Carinola. Ancora beffati da alcuni malviventi, che sicuramente ci hanno preso gusto. Rubati domenica sera i cavi Telecom, riallacciati nemmeno tre settimane fa: il caso sprofonda nel giallo se pensiamo che da dieci notti una pattuglia dei Carabinieri aveva gli occhi incollati al posto incriminato. Festa della Vendemmia, seconda sera, una corsa a Casale per intervenire su una scazzottata di giovinastri e i cavi spariscono. Le due frazioni di san Donato e San Ruosi ritornano per l’undicesima volta isolate dalla comunicazione. Ed ora chissà quanti giorni passeranno prima che gli operatori della Site tornino per riallacciare i cavi, tagliati sempre nello stesso punto, sulla provinciale 44, dove il sindaco Luigi de Risi aveva annunciato di voler piazzare una telecamera. Ovviamente l’annuncio è rimasto tale. Che cosa si nasconde dietro questo caso?La comunità è disperata, nonostante le pattuglie notturne delle forze dell’ordine le famiglie si sentono abbandonate. La soluzione potrebbe essere quella di interrare i cavi. In corso una petizione delle utenze interessate. Tuttavia il caso si trasforma in un tenebroso affare. La pattuglia dei Carabinieri non fa in tempo ad andare a Casale per intervenire, ed i ladri già entrano in azione. Troppo strano. Serve Scotland Yard?

Da Gazzetta di Caserta

Tensioni e consigli comunali


Carinola. Il sindaco Luigi de Risi cerca di guardare avanti, si precipita a fornire i dati positivi sulla manovra di bilancio, ma sa benissimo che è quasi impossibile provare a recuperare Antonio Russo, gruppo autonomo, distaccatosi un minuto dopo aver saputo della nomina dell’esecutivo, ovviamente quando scoprì di non farne parte. L’armonia dei primi giorni è andata irrimediabilmente perduta, ed ora a quattro mesi dall’ insediamento c’è da votare il riequilibrio di bilancio. Nessuno è in grado strappargli un’anticipazione sul voto, ma tutto fa pensare che l’ex assessore ai lavori pubblici passerà alcune ore sulle carte, soprattutto sui debiti fuori bilancio. Poi deciderà che fare. Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda troviamo Antimo Marrese, e così la compattezza ideale maggioranza corre su un filo di lana. Di certo occorrerebbe un riequilibrio politico, che azzerasse i malumori che serpeggiano all’interno, chiaramente visibili da tutti. Forse serve davvero un miracolo. Ieri sera l’incontro di gruppo, domani pomeriggio in Consiglio per approvare il provvedimento finanziario e per discutere di altre questioni, quali le due interpellanze prodotte dal consigliere Pasquale Galdieri, in merito alla nomina di Materazzo all’Utc, poi sospesa dal Tar, e il bando per l’arredo urbano. La maggioranza è alla prova, ma dovrà dimostrare di saper difendersi compatta  con una sola voce. Ci riuscirà? Vedremo. Intanto ieri sera in pentola bollivano numeri. Sempre più inseparabile dall’assessore alle finanze Tonino Pagano, il sindaco De Risi ieri ha annunciato con soddisfazione le novità di questa manovra, nella quale invita a leggere nelle minori spese di questi primi quattro mesi di amministrazione, la somma di 180.000 euro in meno “rispetto al trend degli ultimi tre anni, grazie alla nostra azione di rigore e di risparmio”. Ieri sera dunque la maggioranza avrà ascoltato dalla bocca dell’assessore Pagano le cifre di questo riequilibrio di bilancio, toccato la questione del decurtamento di centomila euro per il completamento del Palazzetto, per poi passare alle valutazioni individuali. Si è passato poi a parlare dei debiti fuori bilancio, su cui da parte della minoranza ed in generale della comunità ci sono gli occhi puntati: quali criteri saranno adottati, di che debiti si tratta, chi li ha fatti?Domani in consiglio si saprà tutto. Intanto il sindaco garantisce che i debiti “sono stati già attenzionati”, quasi a voler a rassicurare tutti che sarà passato sotto la lente dell’assessore Pagano, sempre più “vigilante” finanziario delle spese dell’Ente, braccio destro del sindaco. 

Da "Gazzetta di Caserta"

domenica 25 settembre 2011

In nome del popolo sovrano?

Negli ultimi tempi, una frase risuona sulla bocca dei leghisti e dei pidiellini, sempre più stonata, devo dire: “lo vuole il popolo”. Cosa vuole il popolo? La secessione? La separazione? Berlusconi? Quale popolo vuole tutto questo? mi chiedo. E cos’è il popolo per queste persone?

Sulla bocca dei politici questa parola è diventata astratta, inconsistente e serve solo a giustificare il loro tenace attaccamento alle poltrone per meri fini economici o le loro mascalzonate in nome di un popolo immateriale, incorporeo.

E invece il popolo esiste; e la maggior parte di esso non ha niente a che fare con quelli che si riempiono la bocca di questa parola. E’ quello che in realtà tira il carretto dell’economia italiana, quello che paga per le decisioni che altri prendono sulla sua pelle, quello che si fa un culo così per permettere a chi sta al governo di ingrassare a sue spese.

Mentre parte di popolo si dispera perché perde il lavoro e magari anche la casa, i signori della politica italiana non rinunciano ai loro scandalosi stipendi mensili né a nessuno dei loro immorali privilegi. Mentre i comuni lavoratori sono costretti a lavorare quarant’anni per avere uno straccio di pensione, ai signori della politica italiana basta una sola legislatura di cinque anni, una sola, per maturare una pensione da favola. Mentre un povero disgraziato che ha sbagliato viene messo per anni in galera, un delinquente politicante trova sempre il modo per aggirare la giustizia e uscirne come la povera vittima di un sistema troppo politicizzato.

Ma il popolo è anche quell’organismo fluido e molliccio che si lascia scomporre e ricomporre a piacimento dai troppo furbi; quell’organismo muto e svogliato che tutto sopporta, tutto digerisce, tutto metabolizza.

Fino a quando?... Sempre troppo a lungo.

Finché il popolo sarà così passivo e indolente verso tutto ciò che lo riguarda, ci sarà sempre un Berlusconi che cercherà di metterglielo in quel posto.

N. R.

mercoledì 21 settembre 2011

Una colletta per il Comune di Carinola

La musica è sempre la stessa, da anni “non ci sono soldi” nemmeno per le emergenze. C’è da aggiustare una strada? Non ci stanno soldi! C’è da pagare il contratto con l’Esogest? Non ci stanno soldi! Per fare una piccola festa? Non ci stanno soldi! Ed è sempre colpa dell’amministrazione precedente che ha sperperato tutto. Be’, qualcuno li sperpera i nostri soldi perché a pagare noi piaghiamo fior di quattrini, sia per l’acqua che per la monnezza e anche per l’ICI. E allora qualcuno ci sa dire che fine fanno i nostri soldi che non bastano mai, neanche a coprire un buco che si apre in una strada?
Visto che il nostro Comune è perennemente in deficit propongo una bella gara di generosità ai cittadini carinolesi: una colletta per asciugare le lacrime di questo disastrato Comune che piange sempre miseria. O forse è il solito vecchio modo di piangere i morti per fottere i vivi?... Si, è proprio quello!
Ormai non ci si può aspettare più niente di meglio dalle amministrazioni carinolesi se non quello di spararsi, magari con una gassosa. E farebbero più bella figura.
Non se ne può più di intrallazzatori, nullafacenti, bugiardi e maneggioni che continuano ad ingannare i cittadini, evitando di fare il proprio dovere: quello di amministrare PER i cittadini. Ma questa concezione esula dai nostri miseri amministratori. Che vadano a farsi benedire. Tutti!
Ci amministriamo da soli e faremo sicuramente meglio.

Nonsenepuopiù

sabato 17 settembre 2011

Debàcle tra ex innamorati

Carinola - Raccolta rifiuti, precipitano improvvisamente i rapporti fra Esogest Ambiente e amministrazione comunale: dopo uno scambio di note e di contestazioni nelle ultime settimane, ieri arriva una brutta lettera della società appaltatrice del servizio ecologico, che complica ulteriormente la situazione. Si parla di non ritirare più la frazione organica da lunedì 21 settembre, quindi si minacciano difficoltà di garantire la raccolta differenziata ed addirittura di interrompere il contratto per il trenta settembre prossimo. Dopo di che, il colpo finale, di prendere in considerazione la possibilità di licenziare i dipendenti provenienti dal cantiere di Carinola. Insomma, le persone assunte negli ultimi tre anni, residenti nel Comune. Né più né meno che una sorta di avvisaglia, giustificata col fatto che la società rivendica somme deficitarie relative agli anni scorsi. “C’è tutta una situazione in fermento –spiega il sindaco Luigi de Risi- per il momento non possiamo fare gran chè, tuttavia – suggerisce subito dopo- quello che posso dire ai cittadini è di insistere con la raccolta, ed evitare di abbandonare i rifiuti, soprattutto la frazione organica, nel caso in cui non venisse ritirata”. Ma la situazione è tutta in discesa, nonostante la percentuale di raccolta differenziata si aggiri intorno al 50%, con questi fatti, serve un colpo di coda. In parte la questione si può leggere fra i numeri. Secondo la Esogest il debito nei confronti dell’Ente ammonterebbe alla somma di un milione e duecentomila euro, stando ai calcoli di questa amministrazione invece non supererebbero i settecentomila euro. Difatti nella lettera protocollata giovedì mattina, si legge come la mancanza di un piano di rientro economico, faccia pensare alla società che il Comune non abbia intenzione di regolare i conti, da qui le difficoltà a pagare i lavoratori del cantiere. Il Comune invece nelle ultime contestazioni invita la società a rispettare tutti i punti del contratto, come ad esempio l’avviso il giorno prima dei luoghi dove avverrà lo spazzamento delle strade, in modo da poter verificare attraverso controlli. Tuttavia al centro della querelle non c’è solo una sfida a colpi di euro, poichè la questione si complica sulla possibilità pressoché imminente di provincializzare i servizi relativi ai rifiuti: dal primo gennaio 2012 potrebbe subentrare un maxi consorzio che pensa di gestire il ciclo dei rifiuti in tutti i comuni del casertano. La Gisec(Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani). Il sindaco De Risi, ha fatto sapere ieri che, insieme ad altri sindaci che hanno appaltato il ciclo a delle società private, ha altri progetti. Nella prossima settimana è stato indetto un incontro in Provincia per incontrare il Presidente Zinzi in merito alla faccenda. “ Quello che chiediamo è rivedere delle norme, ed affacciare la possibilità di ridare il servizio di raccolta ai Comuni”. Insomma, di entrare in un nuovo consorzio, non ne vuol sapere. In effetti, potrebbe essere un passo indietro di dieci anni, ai tempi del Ce4 ed Eco4. Ma questa è tutta un’altra storia.

Da "La Gazzetta di Caserta" 16 settembre 2011

mercoledì 14 settembre 2011

Gli arraffatutto

Prossimamente avrà inizio il quindicesimo censimento della repubblica italiana a cura dell'ISTAT. Questo evento è molto importante per fotografare il modo di vivere della popolazione italiana, dove lavorano e che lavoro svolgono, dove abitano e di quali servizi godono. Dalla lettura e dallo studio approfondito dei dati rilevati uscirà il quadro della situazione generale della vita del paese in  tutte le  sue sfaccettature. Lo studio della situazione attuale indurrà gli studiosi del settore a preparare i progetti utili all'ulteriore sviluppo della società italiana per i prossimi dieci anni. Questo lavoro di rilevamento è importante proprio perchè dai dati scaturiti dal censimento si avrà l'input per la stesura di tutti i grandi progetti, in ambito sociale ed economico.

La registrazione dei dati è effettuata da personale incaricato dal comune, i cosiddetti rilevatori. Scorrendo le pagine  internet sull'argomento si leggono i bandi di tanti comuni per reclutare il personale ad hoc, quasi tutte del centro nord: Milano, Roma le città più grandi e tanti comuni più piccoli, hanno pubblicato bandi per l'assunzione di  un numero di rilevatori necessari per il buon esito del lavoro. Per citare un dato, Roma ha bandito una selezione per 1935 addetti. I requisiti principali richiesti titolo di studio e status di disoccupato.

 Scendendo nei comuni meridionali si nota la quasi  totale mancanza di questi bandi, evidentemente queste categorie di persone, ovvero disoccupati con titoli di studio, in queste parti d'Italia non ce ne sono. Si comprende benissimo che questo è falso,  la verità è ben altra, nei comuni del sud impera la categoria degli arraffatutto. Dall'ora di straordinario fittizia allo straodinario elettorale questi gran lavoratori non si fanno scappare nulla. Anzi, non potendo esercitare il ruolo di scrutatori o presidente di seggio si fanno sostituire da figli e nipoti. Senza ritegno ed anche perchè senza controllo politico, quelli si accontentano della loro parte. Abituati ad arraffare, sempre ed in tutti i nodi, non rinunciano certo alla somma prevista per il censimento, anzi grande lotta per parteciparvi. Questa volta non possono farsi sostituire dai figli in quanto è necesario un bando pubblico, difficile da imbrogliare come i sorteggi per gli scrutatori. Allora eccoli pronti ad affrontare  pomeriggi di lavoro dopo una giornata di duro lavoro trascorsa a chiacchierare sul comune. Alla fine della campagna di rilevamento saranno stanchi ma felicissimi di aver arraffato qualche centinaio di euro nell'indifferenza dei politici ed anche dei giovani disoccupati. Questo è il sud, ora e sempre

Rilevatore romano

domenica 11 settembre 2011

Vendanges



Vendemmia in Francia, fra scoperte, lavoro e qualche suggestione. Mi iscrissi a giugno all’agenzia nazionale del lavoro francese con l’obiettivo di trovare un lavoro stagionale: dopo appena due settimane avevo già un contatto con un viticoltore, dal quale poi ho lavorato per dieci giorni insieme ad altri 25 vendemmiatori tagliando decine e decine di grappoli di rosso beaujolais, coltivati su 13 ettari di terreno, otto dei quali sarebbero andati per la sua produzione vinicola, cinque per la Cooperativa. Un’esperienza che voglio assolutamente ripetere se avrò la stessa fortuna nei prossimi anni, sperando che a me si aggiunga qualche amico.

Il lavoro è stato duro, ma tutto sommato la fatica non pesava affatto, l’atmosfera è stata fin dal primo giorno quella di una festa, in cui però tutti lavoravano con buona lena, aiutandosi gli uni con gli altri, pure scherzando, cantando, ma sempre rispettandosi reciprocamente. Un giorno tagliammo 14 tonnellate, circa 500 chili ciascuno. Quella sera il patron stappò delle bottiglie frizzantine per brindare al lavoro della rumorosa squadra che si andava affiatando, a tavola come nei filari, nel garage e nel Gite dove riposavamo. Un gruppo in cui c’erano studenti e studentesse universitarie per lo più, i quali chiuse le sessioni da maggio a settembre, mi spiegavano che riuscivano a trovare diversi lavori stagionali nel comparto dell’ortofrutta, con un  buon contratto. Nel gruppo però ho fatto amicizia anche con alcuni simpatici signori che da anni non riuscivano a rinunciare alla Vendemmia. Durante i primi tre giorni ci sorprese il maltempo: ma l’azienda di Franck Large era attrezzata di tutto punto. Giubbe e pantaloni impermeabili, quindi stivali per continuare a lavorare sotto la pioggia. Poi il sole inondò di luce e di calore le dolci colline del lionese, precisamente a Salles Arbuissonnas, un grazioso borgo medievale sommerso di vigneti di Beaujolais Villages. Trecento abitanti circondati da ettari ed ettari di vigneti. Un’economia forte, un’organizzazione funzionale, servizi comunali degni di questo nome. Davanti a tutto una forte unione d’intenti nella comunità, rappresentata da una Cooperativa di viticoltori che, fondata dal 1955, si occupa di tutto, dal processo di vinificazione alla vendita delle bottiglie. Ad ogni viticoltore della cooperativa viene dato un voto per la qualità dell’uva portata quel giorno, voto che poi inciderà sul suo ricavo finale. Ma la cooperativa è anche il luogo di divertimento per i vendemmiatori: a fine giornata ci si ritrova tutti lì per un lungo aperitivo fra schiamazzi, musica e tanto vino: rosso, bianco, frizzante e rosè.  

Un sogno il mio di poter fare una lunga vendemmia anche nella mia terra, tagliare il Falerno in grosse quantità, sapere che una cooperativa di produttori si sia attrezzata per i processi di vinificazione, imbottigliamento e vendita….
Che arrivino decine e decine di persone per compare al dettaglio il nostro Vino.
Che una grande festa, come quella della Vendemmia a Casale, coinvolga tutta la comunità del nostro addormentato Comune.

Michele Sorvillo   


giovedì 8 settembre 2011

Telegramma di fine estate.



 La Grangelsa è bruciata stop escluso il bar di s.donato il venerdì una palla che non finisce mai stop assessori muti stop Sindaco in vacanza da una vità stop Tonio Pagano organizza i tornei a Nocelleto stop qualcuno sposta panchine stop   giochi e carte di vario genere stop.    

Se per uno strano motivo non ci fossero più i telefoni (no! vista la situazione a s.donato non è un buon esempio, ricominciamo). Se internet non esistesse, questo sarebbe il telegramma che invierei  per informare un amico  lontano della situazione sociopolitica di Carinola. Poche frasi ma efficaci  per descrivere  l’azione amministrativa  di questo primo quadrimestre, targato gigi.  Per fortuna internet esiste ancora (quindi sandonatesi non lamentatevi e pensate ai bambini della Libia)  e possiamo analizzare quanto ci pare ciò che si è fatto a Carinola. C’è qualcuno che invita a lasciare i pc ed uscire, vivere della bellezza del nostro comune, della gioa, della vita di Carinola. Io sono sempre in giro e tutta stà festa non si è vista. Vabbè i tifosi sono tifosi e ci saranno sempre così come durante l’epoca Di Biasio, c’era gente che voleva ospitare personalmente la munnezza in casa propria. Il sadomaso a certa gente piace, c’è poco da fare, godere nell’essere umiliati che strane perversioni. Persone che se non le umili magari vanno a fare l’assessore con un altro che lo stratta ancora peggio. Ma questo è sesso estremo e io non posso non accettarlo, sono un moderno. Ritornando a noi, anzi al telegramma, diciamo che l’assessore all’ecologia, di cui non ricordo il nome, stava quasi chiudendo l’estate senza cenere tra i capelli e invece è partito il fuoco. Chi l’ avrebbe mai detto che a settembre la Grangelsa potesse bruciare. Assessore? tu lo sai dov’è la Grangelsa giusto? Certo che lo sai. Così come sai che nella manutenzione dei giardini  enzo gagliardi ha decisamente  più stile. Non hai proposto nulla nei confronti della questione boschi. Neanche una proposta, nemmeno a faverè come si suol  dire.  Ok, il danno è fatto, capita, del resto sei giovane è la tua prima esperienza, è estate, si esce con gli amici, si và a s. donato ecc ecc. Ma adesso perché non ti fai un giro sulla Grangelsa?. Telefona al tua amichetto di Casanova quello giovane come te? Come si chiama eeee coso di Spirito. Lo chiami e ti fai portare con il motorino sulla Grangelsa e in trenta secondi capisci da dove è partito l’incendio. Coso Di Spirito esperto di montagne ti dirà che il fuoco partendo dal terreno sottostante alla chiesa, “passeggiando” per il sottobosco ha determinato un forte e sciagurato incendio. Il terreno da dove è iniziato l’incendio, ti dirà coso di spirito, è una proprietà privata. Quindi visto che sei l’ assessore all’ecologia  prenderai le tue dovute considerazioni. Poi  scendi in paese e ti siedi tu e cose di spirito  sulle panchine e se passa nardelli fermatelo così vi bevete un bel gingerino alla faccia mia. Un bel quadretto, Qui, Quo e Qua ovviamente tutti sappiamo chi è zio Paperone.  Dopo ciò, mi auguro vivamente che l’assessore all’ecologia, in questi pazzi giorno estivi carinolesi,  abbia almeno menato la mazza, altrimenti non ha giustificazioni per l’indifferenza nei confronti delle questioni di sua pertinenza.
La sera una palla esagerata  tutti a rompersi le palle, facendo i vecchi durante la settimana aspettando il venerdì per andare a s. Donato e far finta di trovarsi a Milano Marittima. Questa la vita sociale carinolese.  Ma non è colpa dell’assessore alla cultura e spettacolo in quanto, prima di tutto, come dice tony, non ci sono soldi (e se lo dice tonino…….) e poi perché antonio giorgio, parliamoci chiaro, sta alla cultura come coraggio e libertà sta alla politica, lontani.  Ma non è un dramma assessore, lo sappiamo che volevi l’assessorato ai servizi sociali per fare case e cose sociali ma non è andata così, succede. Fare l’assessore alla cultura antò non è difficile, lo ha fatto pure mattia e la dottoressa, praticamente cani e porci ( è un modo di dire… mamma mia come siete maliziosi). Dai antò puoi farcela, non ascoltare quel tirchio di  tony, non ascoltare i tuoi coetanei ma ascolta chi è più giovane di te e vedi che anche senza soldi ma con idee fresche farai un figurone e farai schiattare a tutti quelli che ti prendono per i fondelli incluso grimaldone. Ci devi credere.
Tony  ormai a loop dice soltanto: non ci sono soldi. L’atro giorno educatamente ho salutato, lui d’istinto ha detto “ scusa non ci sono soldi” . Pensate,  si è così immedesimato nella parte che al bar non paga mai il caffè, scrocca in continuazione. Dice che non ci sono soldi o meglio che stamm guagliati. Che tradotto significa state guagliati. È vero tony I soldi non ci sono ma ci saranno, sono sicuro, sono ottimista. Ci saranno i soldi  per la segreteria, per  fare qualche clinica, per costruire qualche sgarrubbo di cemento grezzo e per tutte le puttanate che ti dice grimaldone e alla fine  dirai  che era meglio quando si stava peggio. Dai tony domani offro il caffè a tutti quindi anche a te, non sono razzista. E basta dire che tony ha dati i soldi ai ragazzi di Nocelleto per organizzare il  torneo di calcetto o per fare qualche festa fuori mano. Sono dicerie. Gossip estivo.
 Gigi e che ti devo dire. Ti hanno messo a far finta di fare il puc nell’ex ufficio di enzuccio,  stile basso napoletano, che tanto desideravi e, adesso, non parli più.  Ci manchi gigi dove sei? Ti vogliamo bene. Tutti ricordano  la tua allegria ai comizi. Dove sei gigi? ti aspettiamo.
Le carte di vario genere? Si, è stata l’estate delle carte. Carte intese da gioco, proprio come quelle utilizzate da coraggio e libertà nei loro graziosi tornei stile azione cattolica di vecchia scuola. Un po’ di ping pong, qualche stronzata su fb e tutti insieme a mangiare la pizza. Tutti, tranne  michelino che è più interessato ad infilarsi e fa anche bene, mangiare con monfreda non è cosa per stomaci delicati.  Ragazzi monfreda non si può vedere. Se il partito dei giovane deve essere rappresentato da monfreda allora propongo antimuccio come segretario ufficiale del partito dei bimbi. Antimuccio è decisamente più giovane. Ovviamente parlo  del lato estetico  e  non solo del profilo  intellettuale, sia chiaro. Antimuccio nonostante l’età sicuro ha più successo di monfreda e non sto parlando di politica. Poi, ci sono le carte intese come burocrazia. La burocrazia, che grande invenzione. Utile per gli abili maneggiatori trappola per i polli che si credono maneggiatori. Attenti ,le carte le devono giocare chi le sa toccare e tu massimo non sei uno di quelli.
Vedete che era meglio un telegramma.  

Facocero di fine estate.  


mercoledì 7 settembre 2011

La Confraternita del Purgatorio di Casanova attraverso lo statuto del 1786 - Parte II

Lo statuto che sostanzia la nuova fondazione della confraternita è preceduto da una supplica, redatta e sottoscritta dal notaio Giuseppe Matano, sottoscritta dal parroco della chiesa di san Pietro, sede della congregazione, Pasquale D’Errico, da altri notabili locali e da gente comune. Ciò a dimostrazione che nella confraternita risiedevano diverse categorie sociali della popolazione di Casanova, in virtù dello spirito di eguaglianza che vi regnava. La lettera porta a tergo il visto del Regio Cappellano Maggiore. Allo statuto, invece, furono aggiunte alcune condizioni e la clausola della sua non modificabilità previo il beneplacito reale da Isidoro Arcivescovo di Tarso, nel rispetto delle Reali Disposizioni del 1742 e del 1776.
Alla supplica seguono le regole della confraternita riassunte in nove articoli. La lettura del documento è interessante per comprendere com’era organizzata la struttura associativa. Nei diversi articoli sono dipanate due questioni fondamentali: le attività liturgiche finalizzate al suffragio delle anime del Purgatorio che i confratelli dovevano rispettare e l’organizzazione stessa della confraternita. Per quanto riguarda la prima questione, la “regola” stabiliva i comportamenti dei confratelli nelle diverse azioni che essi potevano e dovevano svolgere nel rispetto dei principi religiosi.

In questi punti si parla, infatti, della recita domenicale e nei giorni festivi dell’officio dè Morti e la recita del rosario tutte le domeniche sera in suffragio delle anime purganti. Queste manifestazioni prevedevano la partecipazione di un padre spirituale. L’organizzazione interna presumeva una figura cardine, individuata come priore. La funzione del superiore della confraternita era una carica annuale ricoperta da un membro della confraternita stessa, la cui elezione avveniva la prima domenica del mese di luglio.

A tal proposito, è d’uopo ricordare che nella confraternita, pur essendovi diverse figure istituzionali, tutte le decisioni importanti erano prese in ambito assembleare con la maggioranza dei voti dei presenti.
La votazione avveniva sempre a scrutinio segreto. L’assemblea eleggeva l’amministrazione della confraternita che, pena la decadenza, aveva dieci giorni per rendicontare l’operato della precedente amministrazione. Oltre al priore, eletto tra una rosa di nomi stabilita da tre “confratelli probi” nominati dal superiore uscente, erano eletti due assistenti, un segretario, un cassiere, due “razionali” col compito di supervisione dei bilanci della precedente amministrazione, e il “maestro dei novizi”.

Un ruolo molto delicato all’interno della confraternita era assunto dal Cassiere, che svolgeva la funzione di amministrazione dei beni e delle entrate che giungevano a beneficio della struttura. L’operato del cassiere era comunque vincolato al parere preventivo dell’amministrazione e dei confratelli.
Qualora il cassiere doveva investire piccole somme di danaro non superiori a 30 carlini, era tenuto a chiedere il consenso congiunto del Priore, degli assistenti e del segretario. Per somme superiori, invece, occorreva l’assenso dell’assemblea dei confratelli.

La confraternita, come stabilito dalle nuove norme frutto degli accordi tra Stato e Chiesa, non poteva acquistare beni con i propri fondi (Real Disposizione del 19 giugno 1776) e gli amministratori non dovevano avere debiti nei suoi confronti, tanto meno potevano avere rapporti di parentela fino al terzo grado con quelli uscenti. Si dovevano rispettare le mansioni proprie degli ecclesiastici che comunque erano diffidati dall’entrare nelle questioni della congrega. Il priore nominava il sacerdote che doveva presiedere alle funzioni sacre. Il numero dei confratelli doveva essere di 33, numero degli anni di Cristo e dei martiri, e la quota annuale di iscrizione ammontava a trenta carlini (come i denari, con i quali l’Iscariota, amministratore del gruppo degli apostoli, vendette Gesù ai romani).

L’ingresso di nuovi adepti poteva avvenire solo con la fuoriuscita di quelli già presenti all’interno della struttura per cause naturali o per espulsione. Il confratello, infatti, per non essere espulso doveva garantire la presenza in tutte le manifestazioni della Congrega salvo giustificati motivi. L’iscritto doveva partecipare alle adunanze e alle celebrazioni religiose, accompagnare il Sacramento agli infermi, accompagnare nei funerali i confratelli o le consorelle defunti prima della inumazione nella chiesa, far celebrare messe di suffragio per i confratelli estinti e che erano in regola con la retta, intervenire materialmente in favore dei poveri del paese dando però priorità ai confratelli. La prima ammenda per le assenze ingiustificate ammontava a mezza libbra di cera, per tre assenze al fratello veniva negato il Suffragio e, infine, se recidivo -su proposta del priore- l’assemblea, con la maggioranza dei voti ne decretava l’espulsione.

Uscito un confratello poteva entrarne uno nuovo. La formazione del neofita era compito del Maestro dei novizi e durava sei mesi dopo i quali, se non aveva fatto assenze ingiustificate, il maestro lo proponeva al priore, che a sua volta lo proponeva in assemblea, in seno alla quale si stabiliva se era degno d’indossare uniforme e accessori distintivi della Confraternita. L’acquisto della tonaca era a carico del fratello. Oggi la cappa della confraternita è una veste con cappuccio bianco con una mantellina nera che riporta, a sinistra, l’impronta con la Vergine del Suffragio. Nero è anche il cordone che cinge la tonaca.

Contestualmente alla nuova fondazione la confraternita, che evidentemente disponeva di discreti capitali, fece realizzare una propria cappella adiacente alla chiesa, dove per secoli aveva operato, e all’interno ospitò il Monte dei Morti. L’evento è celebrato nella lapide apposta nel tempietto che recita:

D.O.M.

AEDICULA QUAM SPECTES

SOLI EST INNIXA PIETATI

SODALIUM MONTIS MORTUORUM

CASALIS CASANOVAE

ANNO REPARATAE SALUTIS

MDCCLXXXVI

PAR.CO D. PASCHAL ERRICO

Tratto da: C. VALENTE, Una confraternita nell’antica diocesi di Carinola. La Confraternita delle Anime Sante del Purgatorio di Casanova di Carinola, Marina di Minturno 2004.

L’autore

Antiche confraternite laiche nella Diocesi di Carinola - parte I

In circa sette secoli di vita, la diocesi di Carinola ha visto la presenza, all’interno dei vari centri interessati dalla sua giurisdizione, di diverse confraternite, alcune delle quali ancora oggi sopravvivono. Le realtà antropiche (spesso solo piccoli villaggi) dell’ex diocesi calena erano: santa Croce e san Bartolomeo (uniti sotto la chiesa parrocchiale di santa Croce), san Donato e sant’Aniello (uniti sotto la chiesa parrocchiale di san Donato), san Ruosi e Ventaroli (uniti sotto la chiesa parrocchiale di S. Maria de Episcopia sostituita nella funzione nel 1722 dalla chiesa dei santi Filippo e Giacomo), Nocelleta (oggi Nocelleto, sotto la chiesa parrocchiale di san Sisto), Casale (con i suoi tre abitati - Santo Janni (san Giovanni), Casale di mezzo e Vignale, soggetti alla chiesa parrocchiale dei santi Giovanni e Paolo), Casanova (con i suoi tre abitati -Casanova, Carani e Lorenzi- sottoposti alla chiesa parrocchiale di san Pietro), Falciano (con i suoi due abitati di Capo e Selice sottoposti rispettivamente alle chiese parrocchiali di san Pietro e dei santi Rocco e Martino) e infine la Terra di Mondragone (con i suoi tre nuclei abitati di Mondragone, sant’Angelo e san Nicola, sottoposti rispettivamente alla Collegiata di San Giovanni, di san Rufino intra moenia, di sant’Angelo e di san Nicola).

Numerose realtà, dunque, caratterizzate dalla profonda povertà del luogo, soffocato da un rigido sistema feudale e da condizioni d’insalubrità. Fattori, questi, che per secoli hanno frenato lo sviluppo di queste terre. Volendo tracciare una cronistoria delle congregazioni del territorio attraverso le sparute fonti a tal riguardo, possiamo individuare le più antiche confraternite a partire dalla fine del XVI secolo. Grande aiuto alla ricerca è offerto dalle relazioni sullo stato della diocesi (Relationes ad limina) che i vescovi caleni, a partire dal 1589, dovevano presentare alla Sacra Congregazione del Concilio a Roma.
Le relationes ad limina furono lo strumento col quale la Chiesa, uscita dal Concilio di Trento (1545-1563), cercò di controllare l’operato e lo stato delle diocesi attraverso una descrizione delle istituzioni ecclesiastiche e della vita religiosa, a cura dei vescovi attraverso visite triennali delle diocesi di loro pertinenza.

Nelle “relazioni”, quindi, si descriveva non solo lo stato materiale delle diocesi, ma si dava traccia anche dei rapporti tra il vescovo e il Capitolo diocesano, dei rapporti con i religiosi locali, del funzionamento dei seminari, degli ospedali e di quant’altro rappresentava una struttura della chiesa operante nella diocesi, ivi comprese le confraternite dei laici. Attraverso questi preziosi documenti è possibile ricostruire lo stato delle diocesi. Nel caso di quella carinolese emergeva la triste realtà poc’anzi accennata, tanto che nemmeno la chiesa locale possedeva rendite cospicue.
Il regime di povertà, quindi, era piuttosto diffuso. In molti casi, infatti, furono gli stessi vescovi ad impiegare i propri denari per l’abbellimento della sede episcopale o di altre chiese del territorio diocesano. Prima di quella data, quindi, non è possibile rintracciare documenti che attestino la presenza nel territorio di associazioni cattoliche, lasciando tutto a ipotesi discutibili.

Nel 1590 il vescovo Nicola Antonio Vitellio riferisce, nella sua relazione, della presenza nella sua diocesi di alcune confraternite, quali: del S.mi Rosarij, di S.ti Rocchi, di S.ti Pauli; mentre a Carinola risultavano attive le confraternite del Sanctissimi Corporis Christi e dell’Annunciatione. Nella relazione del 1607, invece, risultano attive quelle del SS. Corpo, del Rosario e dell’Annunciazione e quelle del SS. Corpo e del Rosario nella chiesa dei frati francescani (complesso dell’Annunziata, ora di san Francesco) nella “Terra murata” di Mondragone.
Si può affermare, alla luce delle due relazioni sopraccitate, che dalla fine del XVI secolo nel territorio carinolese diverse erano le confraternite attive. Non è da escludere, però, che le stesse fossero attive prima di fine XVI secolo, com’è probabile che altre ve ne fossero state, ma che alla data della relazione di mons. Vitellio erano state ormai già destituite.

Del resto, queste associazioni laiche erano fortemente legate al contesto sociale, politico ed economico delle realtà in cui sorgevano e, se queste ultime non erano molto ricche, si assisteva al frequente “formarsi e concludersi” e a volte ricostituirsi a distanza di anni di tali movimenti legati alla preghiera e all’assistenza ai bisognosi. Ciò fa comprendere, in modo inequivocabile, quanto vivo, forte e costante fosse il “bisogno di Dio” nel territorio preso in esame. Bisogno tanto pressante da impegnare le popolazioni di queste terre, sebbene perlopiù povere e impegnate nel lavoro dei campi e della pastorizia per quasi tutto il giorno, nella ricerca di luoghi “fisici” oltre che spirituali per adorare il Padre. Stessa sorte, dunque, ha potuto subire la Confraternita delle Anime Sante del Purgatorio operante nella chiesa di san Pietro di Casanova. La realtà di Casanova doveva risultare alquanto attiva dal punto di vista religioso se, agli inizi del XVIII secolo, nella chiesa parrocchiale agivano ben tre congregazioni.

Da una descrizione dell’edificio parrocchiale del 1690, infatti, risultano attive nella chiesa le seguenti confraternite: del Monte dei Morti di Roma; del SS. Rosario unita al Santissimo. La confraternita del Monte dei Morti disponeva di un altare dedicato alla Vergine del Suffragio, posto sulla parete di fondo della navata laterale sinistra partendo dall’ingresso. L’altare era utilizzato per svolgere tutte le funzioni proprie della confraternita. Vi era anche un economo, col compito di provvedere alle spese e agli introiti.
Le entrate erano date da alcune somme a cadenza fissa e, quando queste venivano meno, la confraternita traeva sostentamento dalle offerte caritatevoli. Sempre nella chiesa, sulla parete di fondo della navata laterale di destra vi era l’altare della confraternita del SS. Rosario, unita a quella del Santissimo, ognuna con proprio economo e con una rendita annua di cinquanta ducati.

La confraternita del Purgatorio, al 1690, possedeva un altare nella chiesa di san Pietro dedicato alla Vergine del Suffragio (una tela di buona fattura dell’artista Geronimo Boccia, che ancora oggi si conserva nella chiesa, posta sulla parete di fondo della navata di sinistra) e cosa ancora più importante era legata al Monte dei Morti di Roma. Da ciò che resta nella chiesa parrocchiale, si può affermare che la Confraternita era abbastanza ricca, visto che la sua cappella era dotata di un pregevole altare in marmi policromi del XVIII secolo. Anche la confraternita di Casanova, come quelle del SS. Crocifisso e del Monte dei Morti della vicina Sessa Aurunca fondata nel 1575 e di quella della Rocca di Mondragone, era legata all’Arciconfratrenita del SS. Crocifisso in san Marcello al Corso, a Roma, la cui origine risale al 1519.

Essere legati ad una confraternita più grande implicava vantaggi di diversa natura per la confraternita “satellite”. Per ciò che attiene al Monte dei Morti si trattava di un’istituzione con lo scopo di raccogliere e gestire offerte e lasciti, onde poi utilizzarli per fini caritatevoli e per il sostentamento della congrega a cui era annesso. All’atto della nuova fondazione della confraternita casanovese nel 1786 all’interno della struttura esisteva un proprio Monte dei Morti. Circa l’origine della confraternita casanovese le tradizioni locali ne fanno risalire la fondazione prima di quella di Sessa Aurunca.

Purtroppo, niente di documentato ci porterebbe a rendere certa tale tesi e, pertanto, considerare quella in esame come la confraternita più antica della diocesi di Sessa in cui Carinola rientrava e rientra tutt’oggi, a seguito della soppressione della sede episcopale avvenuta nel 1818. “Antica” è, tuttavia, l’aggettivo usato per qualificare la confraternita nella Supplica del 1786 indirizzata a Ferdinando I di Borbone per farne accettare lo statuto presentato alla Real Camera di santa Chiara, organismo che i nuovi sovrani di Napoli sostituirono al Consiglio Collaterale, massimo organismo politico, amministrativo e giudiziario del viceregno. Alla supplica fu allegato il documento in cui si esponevano i fini religiosi, caritatevoli e le regole della Confraternita delle Anime Sante del Purgatorio. Nel territorio di Carinola solo due confraternite presentarono lo statuto per il riconoscimento regio: quella di Casanova e quella della Confraternita dell’Immacolata Concezione di Carinola.

È d’uopo, a questo punto, capire perché l’archivio della “Regal Camera S. Clarae” fosse, a partire dalla metà del XVIII secolo, pieno di richieste di riconoscimenti da parte delle centinaia di confraternite esistenti nel Regno di Napoli. A seguito del concordato stipulato tra Papa Benedetto XIV e Carlo III nel 1741, le confraternite passarono sotto il controllo dello stato e, pertanto, dovettero presentare ufficiale richiesta riconoscimento.
Si trattava, quindi, di una chiara volontà da parte del sovrano borbonico di controllare tutti i numerosi organismi ecclesiastici fonte d’ingenti patrimoni i quali, in più occasioni, avevano fatto gola ai sovrani europei, specie durante i periodi di crisi.
Le grandi confraternite, infatti, nella loro secolare esistenza avevano incamerato patrimoni immensi e non tassabili, perché sotto il diretto controllo della Chiesa. Bisognava, dunque, porre un freno allo strapotere finanziario di queste istituzioni. Laddove non riuscirono i sovrani dell’Ancien Régime intervennero i cambiamenti sociali e politici a seguito dei moti rivoluzionari scoppiati tra XVIII e XIX secolo e alle leggi eversive. Con i nuovi assetti socio – politici questi organismi furono fortemente perseguitati, fino a decretarne soppressione e confisca dei beni in favore dello Stato. Furono risparmiate solo le confraternite delle quali erano ben noti i fini caritatevoli e i cui beni furono comunque accorpati alle Congregazioni di Carità.

Tratto da: C. VALENTE, Una confraternita nell’antica diocesi di Carinola. La Confraternita delle Anime Sante del Purgatorio di Casanova di Carinola, Marina di Minturno 2004.

L’autore

domenica 4 settembre 2011

Cambiamenti per i commenti ai post



---------------------------------------------------------

Il Quiquirì è stato fino ad oggi un contenitore di opinioni e di idee, ma troppo spesso anche di screzi personali, di balordi e di tifosi, i quali con una mano condannano la "fogna dell'anonimato" mentre con l'altra calunniano e offendono le altre persone, sistematicamente in modo anonimo. 

La posizione del Quiquirì sulla legittimità o meno dell'anonimato è stata fino ad oggi chiaramente impostata sulla scelta di permetterlo. Ciò non perchè, come alcuni sostengono, si voglia permettere alle persone di tirare la pietra e nascondere la mano, ma per una semplice ragione: l'impossibilità di verificare la reale identità delle persone su internet. La sostituzione di persona, che è ben più grave dell'anonimato, continua a verificarsi su altri siti del carinolese e la nostra scelta è sempre stata quella di non rischiare di ricadere nello stesso grave errore. 

Recentemente, la diffusione massiva dei social network e in particolare di Facebook ci ha spinto a sfruttare l' esistenza di un numero sempre più alto di identità virtuali, che possono essere considerate abbastanza "sicure", e integrarle con il nostro sistema di commenti. Finalmente siamo riusciti a trovare una soluzione tecnica, che abbiamo messo on-line. 

Sono quindi aboliti i commenti anonimi. Si potrà continuare ad inviare post anonimi attraverso il nostro modulo SCRIVI, ma i commenti ai post dovranno essere fatti attraverso l'accesso ad uno a scelta tra Facebook, Twitter, Intensedebate, Wordpress o OpenID. Per qualunque domanda tecnica relativa all'utilizzo di questi networks scriveteci pure un'email all'indirizzo redazione@ilquiquiri.com.

Ovviamente assieme all'anonimato abbiamo eliminato anche la moderazione dei commenti: ognuno si prende la piena responsabilità di ciò che scrive. 



Nucleo Base


---------------------------------------------------------


sabato 3 settembre 2011

Casanova nel XVII secolo. Una vicenda tragica!

…La realtà di questo piccolo casale (Casanova) era passata alle cronache del Vicereame napoletano nel 1647, in occasione della rivolta fomentata dal garzone di pescheria “Masaniello”.
Il 28 luglio di quell’anno, infatti,Carinola prende parte attivamente ai moti rivoluzionari divenuti più aspri a seguito dell’uccisione una settimana prima di Tommaso Aniello. Nella sommossa, a Casanova è assalito un giudice di Capua che si trovava nel casale con i suoi soldati. La vicenda assume carattere tragico allorché, imprigionati sia il giudice che le milizie, uno dei soldati viene decapitato. A Casanova giungono Pietro di Lorenzo con il caporale Francesco Ferraro e la sua compagnia. “Circa 150 persone si dirigono a Casanova, dove si scagliano contro il caporione Paolo Pampena. A questi, «quamplurimos ictus scoppittorum iniecerunt in persona Pauli, qui fuit mortaliter sauciatus». Scoppia una furibonda battaglia tra la compagnia del capitano Pietro di Lorenzo e i Carinolesi accorsi, «in quo inter alios fuit interfectus Franciscum Sasso».

Nella battaglia cadono molti rivoltosi, fra i quali Giovanni Prata, uno dei capi, a cui è mozzata la testa, infissa su una picca e portato in giro per Sessa”. Nel 1648 mons. Casvaselice scrive: ora per le calamità dei tempi e i bisogni della gente si è resa impossibile l’esazione dei fitti e quindi poterli mantenere (si riferisce al sostentamento dei ragazzi e dei docenti del Seminario diocesano). Né io potevo soministare gli alimenti, perché a causa delle stesse Rivoluzioni (il vescovo fa cenno anche alle huius Regni Revolutiones) non solo ho perso tutto il Patrimonio e il reddito ecclesiastico ma la stessa casa vescovile e tutte le suppellettili a causa de Ladri compagni di Papone, con grandissimo pericolo per la mia vita per ben due volte. Era un periodo di crisi totale. La povertà in cui versava la gente del territorio era enorme e la stessa chiesa si vedeva privata delle rendite che le spettavano (in primis delle decime).

A rendere poi ancora più triste la situazione, al di là della rivolta generale -sfogo naturale di una situazione di crisi che coinvolgeva tutto il Viceregno- vi era il fenomeno del brigantaggio. Nelle terre carinolesi scorrazzava Domenico Colessa originario di Caprile di Roccasecca e passato alle cronache del tempo come il brigante Papone (forse in ricordo di Giacomo Papone, rivoluzionario di Pignataro del XIV secolo), il quale non disdegnò di abbracciare la causa antispagnola divenendo addrittura strumento delle mire francesi a subentrare nella Capitale cavalcando l’onda del malcontento popolare e assumendo l’incarico di “Colonnello Comandante del rivoluzionario popolo napoletano”. Papone era un guardiano di capre che passò a svolgere funzioni di gendarme. Arrestato per brigantaggio nel 1646, fu rinchiuso nelle carceri della Capitale del Regno. Un anno dopo, durante la rivolta di Masaniello, riuscì a fuggire dalla prigione, dandosi alla latitanza.

Da quel momento ha inizio la sua carriera di brigante: unendosi alla folta squadra di ladroni che faceva capo a Giuseppe Arezzo di Itri, scorrazzò incontrastato tra il Golfo di Gaeta e l’Abruzzo. Preso dallo spirito della rivoluzione contro i padroni e la chiesa (tentò anche di irrompere nell’Abbazia di Montecassino) amò definirsi “Generale della Serenissima Repubblica napoletana” e conquistò intere cittadine tra cui Itri, Fondi, Sperlonga, Sora, San Germano e Teano. In quest’ultima città, però, gli abitanti opposero al Papone una fiera resistenza. Entrato i contatto nel ducato romano con l’ambasciatore francese Du Val gli fu offerta la possibilità, approfittando della rivolta antispagnola, di sostenere l’invasione nel Regno di Napoli. A tal proposito fu nominato “Colonnello Comandante del rivoluzionario popolo napoletano”. L’esercito di Papone fu sconfitto ben presto dalle milizie fedeli alla Spagna e il comandante fu arrestato, torturato e il 26 agosto del 1648 fu ucciso in Piazza Mercato a Napoli. Il suo corpo fu completamente smebrato e sparso tra Sora, Caprile e i paesi vicini.

La realtà urbana

…Venendo da Carinola per l’antica strada che, uscita dalla porta del Castello, si divideva in due rami, uno per Sessa, incontrando il Real Cammino quasi al confine del feudo, e l’altro che scendeva verso occidente, passando poco lontano dalla collina di san Francesco si entrava a Casanova, il primo dei tre abitati costituenti l’attuale casale di Casanova.
L’ingresso avveniva probabilmente in corrispondenza dell’attuale seconda traversa di Via Nazionale, dove è ubicato un edificio che conserva, attraverso un portale, una splendida testimonianza di arte catalana. Ma l’ingresso all’attuale Casanova doveva avvenire anche in corrispondenzadell’abitato detto delli Carani, da una seconda strada che, staccatasi dalla prima poco dopo Carinola, costeggiava la collina di san Francesco per entrare nell’abitato in corrispondenza dell’attuale via Ten. Montano.

Di lì, poi, si originava un bivio da cui partiva un’altra strada, ora nota come via Giardini. Rispetto a Casanova e ai Lorenzi, Carani era l’abitato più grande. A testimonianza di ciò giungono le numerose abitazioni storiche, alcune delle quali dotate di emergenze architettoniche, poste lungo le diverse stradine che salgono sulla piccola altura dove si è sviluppato l’abitato.

Il terzo nucleo, invece, prendeva nome dalla ricca famiglia dei Di Lorenzo, che in esso risiedeva. Ancora oggi, all’interno del piccolo nucleo storico, assume particolare rilevanza l’abitazione di questi patrizi originari anch’essi di Sessa. “ I due palazzi dei Di Lorenzo, Antonio e Lucrezia, sono ancora di immediata fruizione, d’impianto cinquecentesco, con interventi tardo barocchi di minore entità e qualità artistica, sono parzialmente adiacenti fra di loro al di sopra della via detta à S. Marciano.

Quello che rimane più in vista nel panorama dei luoghi è datato 1592 (anno probabile di fondazione di Bernardo di Lorenzo di Carinola) ed estende la sua compatta articolazione compositiva su quattro lati raccordati da un vasto cortile. L’edificio, posto in posizione strategica ai limiti di un fossato, tra le due vie della Gran Celsa e dell’antica chiesa di S. Lorenzo, è in gran parte conservato nel suo impianto originario, ma spazialmente modificato nei rapporti in altezza per un innalzamento della linea di gronda. Questo intervento, insieme alla scala nel cortile del lato destro, e alla terrazza al di sopra della cappella seicentesca, potrebbero essere stati realizzati negli anni in cui era proprietario Antonio di Lorenzo.

Il palazzo del marchese di Civigliano, marito di Lucrezia, è oggi in parte proprietà dei Budetti, e la sua facciata completamente decorata a stucco con disegni geometrici si impone nello spazio della piazza del piccolo agglomerato. Nell’androne d’ingresso si ammirano alcuni particolari affrescati emergenti dal bianco delle pareti e dalla copertura a volta racemi ed uccelli all’intorno dello stemma presunto dei Caetani di Civigliano”. Per quanto riguarda l’antica chiesa di san Lorenzo, nell’Onciario al foglio 492 è censita con l’appellativo di S. Lorenzo spreca mogliere e come appartenente al Beneficio del casale di Casanova, al tempo già allo stato di rudere. Il palazzo dei Di Lorenzo, poi, alla stregua delle dimore patrizie conteneva anche una cappella privata che, nel caso specifico, era dedicata alla Madonna del Carmelo e fu edificata da Antonio Di Lorenzo nel 1635.

Casanova, come gli altri casali di Carinola sinora analizzati, nonostante fosse costituito da tre nuclei possedeva un’unica chiesa parrocchiale, quella di San Pietro. Ancora una volta si ripete la consacrazione di un edificio di culto all’apostolo Pietro che, in alternativa a Paolo, era molto venerato in queste terre. Così come la tradizione locale vorrebbe che Saulo fosse passato per questi luoghi, non di meno reputa valida la tesi che anche Simon Pietro abbia soggiornato nelle terre, aiutando i primi cristiani nella diffusione della fede, prima di sedere sulla Cattedra di Roma per poi subire il martirio della croce, tra il 55 e il 67.

La chiesa parrocchiale casanovese, di cui si hanno notizie sin dagli inizi del secolo XIV , era una struttura non molto grande, ma comunque dotata di tutti gli elementi necessari per l’amministrazione del culto. In essa, poi, a testimonianza della sua particolare importanza, risiedevano ben due corporazioni ecclesiastiche il cui scopo era, oltre allosvolgimento dell’esercizio delle pratiche prettamente religiose (messe, processioni, preghiere particolari) e della moralità cattolica, l’assistenz ai bisognosi, l’accompagnare e provvedere ai riti per defunti, i suffragi fino all’impegno per fornire la giusta dote alle giovinette povere. Le confraternite, com’era consuetudine, si riunivano negli edifici di culto all’interno dei quali si ritagliavano degli spazi per svolgere le loro funzioni celebrate spesso da preti secolari o regolari.

La confraternita del Monte dei Morti di Roma, il cui scopo principale era quello di accompagnare i defunti, faceva capo all’altare della Madonna del Suffragio. Quella del Rosario, invece, la cui diffusione in generale è dovuta ai domenicani, aveva in dotazione una cappella dedicata alla Vergine del Rosario e probabilmente il suo scopo principale era devozionale, anche se in generale svolgeva mansioni tipiche di una congregazione. Pio V istituì la celebrazione della Vergine del Rosario nell’anniversario della vittoria navale riportata dai cristiani a Lepanto nel 1571, attribuita all’aiuto della Madonna, invocata con la recita del rosario.
Particolare, della confraternita casanovese, è la tela probabilmente realizzata tra i secoli XVII e XVIII che ornava il suo altare, raffigurante la Vergine col Bambino che dona ai frati domenicani il rosario, contornata dai Misteri di Incarnazione, Passione e Resurrezione. La confraternita del Monte dei Morti, invece, era meno ricca: possedeva solo un economo e si manteneva con i contributi dei confratelli e con la carità.

Quella del Rosario, invece, sembra possedesse addirittura un’altra confraternita, dedicata al Santissimo. Dalla relazione sullo stato della Diocesi carinolese redatta da mons. Vitellio nel 1590, tra le confraternite presenti nel territorio si registra anche quella del SS.mo Rosario. Lo scopo, sin dal secolo XVI, quando tali congregazioni furono particolarmente privilegiate dalla Chiesa, era di invogliare il popolo ad assistere alle funzioni liturgiche, nonché di accompagnare in processione il Sacramento. Per tale motivo, quindi, quella del Rosario possedeva due amministratori i quali, a differenza di quella dei Morti, avevano il compito di gestire un patrimonio più cospicuo, che andava dalla rendita certa dei 50 ducati annui, a tutta una serie di altri introiti, sotto forma di offerte e proventi su beni non facilmente censibili.

Non si dimentichi che, proprio per gli ingenti patrimoni incamerati che le confraternite gestivano senza nulla versare allo stato, in un primo momento attirarono gli appetiti dei vari governi. Poi si giunse alla loro chiusura e confisca delle proprietà …
La crescita della popolazione casanovese (nel 1709 il nucleo ammontava a 630 anime) portò alla realizzazione di un’altra struttura religiosa, costruita verso la metà del XVIII secolo nella zona detta “Cappelle” all’interno del nucleo dei Carani. Di questa parla per la prima volta mons. Del Plato nella sua relazione del 1752: “In Casanova, oltre alla chiesa parrocchiale c’è un’altra chiesa sotto il titolo di S. Maria della Pietà de iure patronatus laicorum”. La chiesa, sorta per volontà di una congregazione, oggi è dedicata alla Madonna delle Grazie ed è sede della confraternita omonima.

Tratto da:
C. VALENTE: L’Università Baronale di Carinola nell’ Apprezzo dei Beni anno 1690 -
Marina di Minturno 2008, pp. 55-60

L’autore

giovedì 1 settembre 2011

Un Comune “arrepezzato”

Spesso mi viene in mente un libro che andava per la maggiore qualche anno fa: Io, speriamo che me la cavo. Un libro simpatico da leggere pur nella sua amara realtà. Mi piaceva particolarmente il tema di un bambino di Arzano che parlava della sua casa in cui tutto era “sgarrubbato”: le porte, le finestre, le pareti, la strada in cui si trovava. Tutto.
Ecco, quando passo in macchina per il Comune o cammino per le strade, mi viene in mente l’Arzano di quel libro.
Più che “sgarrubbato”, Carinola è un Comune “arrepezzato”, dove non c’è strada che non abbia le sue buche fatte e rifatte decine di volte e che a furia di essere coperte e ricoperte, sono diventate dei veri crateri, pericolose per uomini e mezzi.
La palma della strada peggiore l’ha sicuramente Via San Cristofaro a Casanova, la stradina che dalla piazza porta all’ufficio postale, molto usata dai pedoni, soprattutto dagli anziani quando vanno a riscuotere la pensione.

E’ un vero mosaico di toppe: piccole, grandi, scoscese, rialzate, bucherellate. Un cammino così malagevole che chi non sta molto attento rischia si inciampare ad ogni passo e rompersi l’osso del collo. Stessa cosa deve dirsi dei marciapiedi che, in alcune parti, sono completamente scomparsi tanto sono consumati e molte persone ci sono cadute senza, tuttavia, citare il Comune per danni. Troppo buone!
Qualche cittadino, davanti la propria casa, ha rifatto il marciapiede a proprie spese e questo non mi sembra affatto giusto. Non è giusto che nessuna amministrazione comunale si preoccupi non solo della salvaguardia dei centri storici, della tutela dell’ambiente, delle sicurezza delle strade, ma soprattutto dell’incolumità dei propri cittadini. Ci si ricorda di loro solo in periodo elettorale, poi passata la bufera, i cittadini ritornano ad essere dei “signor nessuno” e vengono abbandonati al loro destino.

Se proprio non siamo degni della più attenta considerazione sociale amministrativa, ci si diano almeno strade su cui possiamo camminare senza il rischio di cader ad ogni passo. Ci sono strade che non vengono toccate da decine di anni; marciapiedi che non hanno più visto una mano di manutenzione da quando sono stati fatti la prima volta. E non è una vergogna questa?
Mi domando quando e quale amministrazione vorrà farsi carico di rifare le stradine secondarie più malmesse e i marciapiedi per assicurare ai cittadini un cammino agevole e sicuro, ma nessuno sa darmi una risposta.
Forse, come recita una famosa canzone di Bob Dylan, le risposte alle nostre domande di cittadini vengono “soffiate nel vento” e non le udremo mai: non hanno consistenza.

Tamburine Man