mercoledì 28 settembre 2011

La banda dei cavi finalmente sgominata?


Finalmente identificati i fautori dei ripetutissimi furti dei cavi telefonici presso le frazioni di S.Donato e S.Ruosi. la notte scorsa le forze dell’ordine, pur non acciuffando i ladri, sono stati capaci di stilare un perfetto identikit dei fuori legge. La soddisfazione è tanta ma lo sgomento per la scoperta è sicuramente maggiore. In questi mesi i furti si sono avvicendati in maniera sempre più frequente e quasi sempre durante la vigilia di eventi politici di spessore, come può essere un consiglio comunale o eventi culturali e ludici all’interno dei confini comunali. I furti sono praticamente cresciuti in maniera esponenziale proprio con l’arrivo della nuova amministrazione. Due causalità che hanno insospettito non poco le forze dell’ordine che con molta pazienza e scrupolosità hanno accuratamente nascosto ai media le vere piste delle indagini. Tutti, pensavano che furti fossero stati compiuti dai soliti gruppi criminali di stampo albanese e/o rom. c’era chi, invece, additava come potenziali ladri alcune persone dalle condizioni disagiate del comune caleno. La realtà dei fatti ha zittito queste congetture superando decisamente l’immaginario collettivo e non solo.

Gli abili ladri ormai sono stati identificati e chi di dovere sta procedendo con l’iter necessario per sbrogliare una questione che, a conti fatti, si presenta burocraticamente e legalmente complicata nonché decisamente stramba. Dopo sere di appostamenti sono stati identificati i membri della banda del cavo e la scoperta ha provocato non pochi imbarazzi. La banda del cavo, così ribattezzata dalle forze dell’ordine, vede al suo interno nomi di spicco - ma facciamo un passo indietro, ricostruiamo le dinamiche della scoperta. Mentre buona parte dei cittadini era felicemente impegnata ad assaggiare vino e prodotti tipici, durante la festa della vendemmia a Casale, la banda approfittando della calma notturna entrava in azione. La tecnica è sempre la stessa: c’è chi taglia velocemente i cavi e chi regge la scala mentre, ben nascosta, una macchina con altri due elementi a bordo è pronta a scappare indisturbata e velocissima. Una tecnica semplice che in questi mesi ha sempre messo nel sacco le forze dell’ordine provocando non pochi problemi ai cittadini delle frazioni succitate. Ma questa volta, grazie all’azione investigativa, la banda è stata presa con le mani sui cavi. Una scoperta, ripeto, sensazionale che supera la realtà.

A tagliare i cavi, tenetevi forte, era il nostro caro sindaco Gigi . Proprio così, il sindaco di Carinola il quale non era da solo. Infatti Tony Pago reggeva la scala mentre ad attenderli nella macchina c’erano il Nardellino e il Grimaldone pronti a scappare via. Una procedura semplice e veloce ripetuta ben 11 volte nello stesso luogo.

Una scoperta sensazionale che per ora non viene commentata dalle forze dell’ordine. Tutto tace mentre alcune indiscrezioni riportano dichiarazioni da parte dei membri della banda, i quali giustificano i furti come “ atto necessario per ammorbidire, risolvere la forte crisi economica in cui versa il nostro comune”. Ed è proprio questa la tesi impugnata dal team di avvocati della banda del cavo. Tutti gli identificati minimizzano e non si pronunciano sull’accaduto anche se l’imbarazzo è forte. Dopo tale scoperta la popolazione si divide. Una gran fetta dei cittadini vede Gigi come Robin Hood, Grimaldone come Little John, Tony Pago come Frate Tac e Nardellino (causa esaurimento personaggi della leggenda anglosassone) come lo scemo della banda che nella tradizione cinematografica non manca mai identificandolo così in Capannelle de “I soliti Ignoti”. Nonostante i furti e le inevitabili difficoltà causate il popolo sta con la banda del cavo che, in nome del bene comune, ha deciso di rimboccarsi le maniche, anzi le forbici.

Gigi e i suoi anziché aspettare i fondi regionali promessi dal Grimaldone che mai arriveranno, hanno deciso di applicare metodi alternativi per la ricerca di fondi. Gli introiti racimolati dal rame, presente nei cavi, sembrano essere stati inseriti nel bilancio in modo da poter annunciare il lavoro di ottimizzazione dei costi sbandierata in questi mesi. Invece ecco la verità, ecco da dove proviene l’ottimizzazione economica del nostro comune. Aspettando risvolti invitiamo i lettori a non prendere posizioni e conclusioni avventate in merito, in quanto anche se i fini del gesto, quasi da romanzo, possono sembrare nobili, sempre di furto si tratta.
Identikit della banda del cavo

Fukocero

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan