lunedì 31 ottobre 2011

Malcontento generale

Il malcontento impera da nord a sud in quasi tutte le classi sociali, che si vedono tartassate da ogni lato. I diritti dei lavoratori e dei cittadini si fanno sempre più aleatori fino a scomparire del tutto. La società italiana sembra andare verso una nuova forma di schiavismo dove la casta la fa da padrone e i cittadini sono gli schiavi che subiscono ogni sorta di soprusi, che vengono venduti e rivenduti finché servono. Abbandonati a se stessi quando non servono più.
Il malessere che serpeggia in tutta la Nazione suscita scioperi, manifestazioni, proteste più o meno violente contro i governanti, ma anche contro certi amministratori che non hanno considerazione dei problemi reali dei cittadini. E allora la distanza tra le due parti si fa sempre più grande, incolmabile, e la possibilità di intendimento sempre più difficile.

I cittadini carinolesi, dopo la batosta della bolletta dell’acqua, si sentono ancora una volta traditi, abusati, approfittati e protestano come possono nelle piazze, nelle strade, nei bar, nei negozi. I vaffa… e ri pozzun’accire volano in sordina, ma anche ad alta voce perché qualcuno non ha la minima paura di sbraitare contro gli amministratori e l’Equitalia che pescano continuamente e pesantemente nelle tasche dei carinolesi, senza regole e senza tener conto di nulla.

Qualcuno, più ingegnoso o più furbo, si diverte a scrivere volantini e li lascia dove può, invitando la gente a svegliarsi, a protestare, facendo anche capire che non è vero che non ci siano soldi nelle casse comunali, ma che questa amministrazione avrebbe ereditato dalla precedente un milione e trecentomila euro. Sarà vero?

Se sia vero o no, a noi poveri cristi non è dato di saperlo perché la politica carinolese, come quella nazionale, naviga sotto sotto, in acque scure. Una cosa però è senz’altro vera: che i cittadini non sono soddisfatti né dell’operato di quest’ amministrazione né della poca considerazione che essa ha per loro. E' un'amministrazione senza infamia e senza lode, che se non ci fosse affatto sarebbe la stessa cosa.

Il baratro tra l'istituzione Comune e i cittadini si fa dunque sempre più profondo. Ci sarà mai qualcuno che riuscirà a colmarlo?.... possibilmente, non di monnezza.

Sisalvichipuò!

sabato 29 ottobre 2011

Teano si, Teano no....

La maggioranza respinge la mozione Pdl sul ritiro della delibera d’indirizzo, che ha partorito la Convenzione sulla Polizia Municipale con la città di Teano, con soli sette voti a favore dell’irricevibilità della mozione stessa, così come proposto dal sindaco Luigi de Risi.
Ma in aula scoppiano scintille, Antonio Russo si assenta dall’aula al momento del voto, Antimo Marrese si astiene, e pochi minuti prima il vicesindaco Luigi Verrengia, con un intervento niente affatto sibillino, apre ad una ridiscussione interna della questione Convenzione. Piovono tanti “se” e parecchi “ma”; la maggioranza scricchiola palesemente in Consiglio comunale.
La tensione sale. Ma andiamo con calma. Tutto comincia dalla lettura di un documento in cui il sindaco ha spiegato come la delibera non si possa revocare in quanto “ è un atto di indirizzo, quindi non si è sostanziato in effetti concreti” e ancora che la “delibera non ha generato nulla”. Dunque “la revoca è irricevibile”.
Fin qui tutto bene, ma le grane per Luigi de Risi vengono dalla sua stessa maggioranza. Antonio Russo, con un intervento pacatissimo quanto duro, dice in poche parole che “il percorso va rivisto, questa soluzione non è praticabile sia per motivi tecnici che politici”, quindi apre dubbi sulla legittimità stessa della Convenzione fatta attraverso la normativa dell’Unione dei Comuni: “Ma Carinola e Teano non sono nella stessa unione”, annuncia secco l’ex assessore ai lavori pubblici. Insomma, Antonio Russo, senza giri di parole, avverte il sindaco che sulla Convenzione non intende seguirlo. E a lui fa eco Antimo Marrese, quindi il vicesindaco Luigi Verrengia che nel tentativo di mediare si lascia sfuggire - forse volutamente - troppi se e tantissimi forse sulla futura approvazione della Convenzione.
Il messaggio è chiaro. Dalla minoranza poi nulla di buono. Pasquale Galdieri, con dati alla mano, mette in difficoltà il sindaco sul rapporto costi benefici di questa scelta di fondersi con la Polizia Municipale di Teano, invocando alla fine una proroga del comandante Mario Tuozzi. Sulla votazione poi il capogruppo Pdl Franco Giacca abbandona l’aula prima che tutti avessero alzato la mano, probabilmente provato dall’impossibilità di replicare, ma forse ancora di più dalle parole del sindaco, che a proposito della mozione dice che “è scritta male”.
Prova a metterci una toppa il capogruppo Impegno in Comune Rosa di Maio, ma ormai la frittata è fatta. L’assessore provinciale, unica voce per ribattere a tutti – interni ed esterni – e a tutto, ripara sull’attacco dell’Unione dei Comuni, in quanto non sarebbe vincolante, quindi parla di una “Convenzione temporanea”. Infine però sui pareri del responsabile Comando Vigili , spiega che pur avendo “grande rispetto per il Comandante, è un parere non necessario, in quanto non vincolante”. E Mario Tuozzi, seduto in platea, arriccia il naso.

giovedì 27 ottobre 2011

Prova d’esame: il maltempo

Il maltempo incombe su tutt’Italia in maniera davvero disastrosa. Diversi morti e dispersi in Liguria. Strade che si trasformano in fiumi in piena, trascinando tutto quello che trovano lungo il cammino, compreso le persone. Un mare d’acqua e fango si intrufola nei campi, nelle case, nei sottoscale, nei portoni. Le auto si accavallano una sull’altra come fuscelli, trascinate da una furia che niente può arginare; i muri crollano; le strade si spaccano; le montagne franano; Pompei si sbriciola.
Le immagini che vediamo nei Tg sono semplicemente terribili e fanno davvero paura. Soprattutto dovrebbero far tremare gli amministratori, che da quelle immagini dovrebbero ricavarne un potente stimolo alla prevenzione, almeno là dove è possibile. E forse molti lo fanno, chissà. Ma i carinolesi? Sonnecchiano, come sempre.

Ieri, 26 ottobre, giornata di pioggia intensa. Tornando in auto dal lavoro, l’acqua piovana mi correva incontro come un torrente, non avendo dove incanalarsi. Dico: ma ci vuole così tanto a ripulire i canaletti di scolo dei fossi in modo che l’acqua posso incanalarsi in essi?

In paese la situazione non era migliore. Dai punti alti del paese scorreva un fiume d'acqua piovana che le caditoie stradali, completamente ostruite, non raccoglievano. Allora l'acqua scorreva lungo la strada, insinuandosi dove la pendenza le portava.
Ma non si dovrebbero ripulire periodicamente le caditoie? L’ultima volta che l' ho visto fare sarà stata una ventina d’anni fa, se non di più.

Non è un tempo sufficiente per ripulirle?

Ogni anno ripetiamo le stesse identiche cose, ed ogni hanno, immancabilmente, nessun amministratore ne prende nota.
Noi speriamo sempre di cavarcela da questi disastri idro-geologici, ma se dovesse verificarsi qualcosa di simile, anche in piccolo, non credo che i responsabili se la caveranno così a buon mercato. Non potranno dire che non erano stati avvertiti.

Cassandrino

venerdì 21 ottobre 2011

Dichiarazioni ing. Cestrone

Invito la redazione a pubblicare le seguenti dichiarazioni dell'Ing. Vincenzo Cestrone, che ho tratto dalla bacheca del Gruppo Facebook "Tribuna Politica Territoriale On Line". Trattasi di argomentazioni molto attuali, in quanto è di questi giorni la polemica intorno alle cartelle del canone acqua potebile ed acque di rifiuto, che stanno pervenendo ai cittadini, e che hanno riacceso l'attenzione sulla mancaza di depuratori nella rete fognaria carinolese. Si precisa che l'Ing. Cestrone ha inteso, nell'ultimo mese, e sempre utilizzando le pagine del notissimo social network, rendere note altre incredibili verità su alcune opere pubbliche di cui l'Amministrazione Comunale di Carinola guidata dal Sindaco Luigi De Risi sta provocando l'interruzione. La pubblicazione avvenga, se necessario, con la citazione del "trasportatore web", ossia il sottoscritto, che si assume da ora ogni responsabilità riflessa. Cordialità. Emiliano Polia

RIQUALIFICAZIONE DELLA RETE FOGNARIA del COMUNE DI CARINOLA (CE) – REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE – Considerazioni dell’ing. VINCENZO CESTRONE, progettista.

Il sottoscritto ing. VINCENZO CESTRONE, nell’anno 2009, sotto l’Amministrazione dott. Mannillo, veniva incaricato dall’U.T.C., congiuntamente ad un altro ingegnere, di interessarsi della riqualificazione del sistema fognario comunale, curarne le progettazioni e trovarne i finanziamenti, in quanto l’Ente con i propri fondi non può sostenerne la spesa.
In adempimento di ciò, provvedeva a rilevare tutto il sistema fognario comunale (a sue spese e senza ricevere 1 euro dall’Ente), al fine di elaborare una progettazione Preliminare di circa €. 9.000.000,00, che veniva approvata dal Commissario Prefettizio, subentrato nel frattempo, per le note vicende al Sindaco dott. Mannillo.
Pertanto, considerato che tutto il territorio comunale è privo di impianti di depurazione, e nell’intento di risolvere il grave problema igienico - sanitario da sempre esistente e porre fine ad un inquinamento sistematico del sottosuolo e delle arterie fluviali del territorio, sempre senza aver percepito 1 euro dall’Ente, il sottoscritto ingegnere redigeva n. 3 progettazioni definitive di Impianti di Depurazione a servizio di tutto il territorio comunale.
Dette progettazioni, per essere finanziate, dovevano essere inviate urgentemente alla Regione Campania, ma da mesi giacciono nelle stanze dell’U.T.C., dal momento che nessuno si è interessato di guardarli e di trasmetterli agli uffici competenti, sebbene per l’inquinamento sistematico dell’ambiente gli amministratori sono anche passibili di gravi procedimenti penali.
La soluzione, a costo zero per l’erario comunale, del problema DEPURAZIONE, affrontato per la prima volta solo dalla passata AC, grazie alla grande intuizione dell’ex. Sindaco dott. Mannilo, dell’ex. ASS. Russo, e del Geom. Marrese (Ex. Dirigente dell’U.T.C.), non sembra quindi interessare l’attuale classe dirigente comunale.
Dunque, malgrado il progetto redatto dal sottoscritto (ripeto senza essere pagato) sia di oggettiva rilevanza pubblica e la sua realizzazione non dovrebbe essere messa in discussione dai diversi schieramenti politici che fisiologicamente si avvicendano nella gestione della vita amministrativa di una comunità, così non è stato.
Addirittura qualche grande personaggio dell’attuale amministrazione lascia intravedere reati o illegittimità per il sottoscritto per aver redatto a costo zero (dal momento che nessuna competenza professionale gli è stato pagata, né ha presentato parcella), delle progettazioni (anticipando forse qualche migliaio di euro di soldi propri), che avrebbero risolto definitivamente il problema della depurazione e dell’inquinamento ambientale per tutto il territorio comunale.
Al contrario, con una fattiva collaborazione tra il sottoscritto e l’A.C., i depuratori sarebbero già stati tutti finanziati e il territorio comunale (tutti i cittadini carinolesi) ne avrebbe tratto un enorme beneficio.
In conclusione per il disinteresse amministrativo (vari sono stati i solleciti del sottoscritto a cui nessuno degli amministratori ha dato mai risposta), Carinola, sta perdendo una grossa opportunità.
Rispondere a precise logiche di potere, mettere persone incompetenti in posti di grande responsabilità, non produce niente. Io da tempo ho detto basta a tale sistema dei ricatti, rimanendo impassibile al politico di turno: costi quel che costi in quanto, lo ricordo a qualcuno, la professionalità e l’etica non hanno prezzo: sono dei valori.

giovedì 20 ottobre 2011

Incompetenti o strafottenti?

Sono in arrivo le cartelle esattoriali relative al consumo di acqua delle famiglie carinolesi. In arrivo perchè non ancora tutti l'hanno ricevuta. Quando la consegna sarà completata gli uffici comunali saranno pieni di cittadini giustamente infuriati. Giustamente perchè la cartella riporta il riferimento al consumo di acqua dell'anno 2009 mentre sembra sia riferita anche ad altri due anni.
Bisogna procedere con i “se” ed i “sembra”, perchè anche da una lettura attenta non si evince che l'importo non sia relativo solo all'anno 2009. Ovviamente gonfiando la cifra relativa all'acqua potabile si gonfia anche l'importo relativo alla voce acque reflue ed a quella relativa alla depurazione. La cifra che ne esce, per chi non ha fatto attenzione al consumo, è logicamente esorbitante. Non essendovi il dettaglio delle somme, sono giustificate anche le lamentele in quanto si pensa al consumo di un solo anno.

Sorvolando sul perchè a Carinola l'acqua debba essere pagate tre volte, se non quattro, comprendendo anche la tangente da versare al consorzio di bonifica di Caserta; sorvolando sul fatto che non esistono i depuratori e si paga la depurazione; sorvolando sul perchè si faccia pagare una tassa aggiuntiva sulle acque reflue quando è pacifico che la maggior parte dell' acqua è usata per servizi domestici e quindi defluisce, quello che è ancora più incomprensibile è il perchè venga stilata una cartella in modo così confusionario. Per mancanza di tempo? Per mancanza di personale? Le tesi, come al solito, sono disparate ma le più accorate sono o l'incompetenza o il dispregio dei cittadini trattati da sudditi. Non si sa quale tesi sia la più accreditata, nell’uno o nell'altro caso, per i responsabili non cambia nulla. non è prevista alcuna sanzione per chi materialmente ha compilato quelle cartelle, non è prevista alcuna punizione per i politici che dovrebbero controllare l'operato dei dipendenti.

Quando si parla di casta intoccabile non ci si illuda che siano solo i parlamentari o i magistrati: è molto più ampia. Unica soddisfazione, per chi se la può permettere, portare negli uffici comunali una vivace protesta, senza esagerare, altrimenti si viene messi alla porta. Tutto questo nell'indifferenza di gran parte della cittadinanza carinolese, non per mancanza di coraggio, ma semplicemente perchè loro il problema acqua non lo hanno. Come mai? vi chiederete. Semplicissimo: non hanno il contatore e quindi non ricevono nessuna cartella, la loro acqua lasciano che la paghino gli altri.

Ercolino

I conti non tornano

Ancora un pezzo dalla Gazzetta di Caserta per tenere informati i nostri lettori sugli ultimi sviluppi della complicata situazione tra il Comune di Carinola e la Esogest che sembra non trovi la strada verso una conciliazione tra le parti, con conseguente disagio della cittadinanza.

*****
Carinola. Altro incontro con Luca Sorbo, ma nulla di fatto. I rapporti non migliorano, ma più che altro i conti non tornano. “ Loro hanno delle cifre, noi delle altre. Vedremo come andrà a finire” spiega l’assessore alla finanze Tonino Pagano, impegnato in queste ore anche con il bilancio consuntivo da portare al prossimo consiglio comunale. Ma intanto il braccio di ferro con Esogest prende le movenze di una noiosa telenovela: lunedì mattina scontro sulle cifre, l’assessore Pagano lancia la sfida di rescindere il contratto e di riscriverlo. Luca Sorbo non accetta.
A complicare i rapporti le difficoltà di pagamento dell’Ente alla società, i controlli sui servizi, la delicata faccenda Selleccola, sulla quale si è andati a finire in Tribunale. “C’è un loro ricorso, dopo che l’amministrazione si è opposta alla loro citazione in giudizio. In ballo ci sono trecentomila euro che loro chiedono per la bonifica, ma non esiste che l’Ente sborserà questa spropositata cifra” Insomma, lo scontro, come spesso accade nelle pubbliche amministrazioni, finisce sul terreno finanziario, terreno però che sembra minato per la Esogest, che ha incontrato sul suo cammino un assessore alla finanze disposto a tutto pur di assicurare risparmi per l’Ente, determinato a cancellare la parola sprechi dal vocabolario dell’amministrazione. Dal piano finanziario a quello pratico. Ieri mattina si annuncia uno stato di agitazione dei dipendenti per il mancato pagamento delle buste paga. In pomeriggio si riesce a mediare, ma la frazione Casanova alle diciotto del pomeriggio sembra una piattaforma per discariche di indifferenziato. A complicare le cose i cani randagi, attirati, sebbene sia secco indifferenziato, da odore di cibo. Le strade sono sporchissime, i cittadini protestano. Infine conto alla rovescia per l’arrivo degli ultimi dati sulla raccolta differenziata, dopo i buoni risultati per la plastica del mese scorso, e la percentuale in generale attestatasi sul 50%. Imperativo chiudere per il trentuno dicembre con una percentuale superiore al 51%, pena una sanzione aggiunta della Provincia, la quale si prepara a gestire con la GISEC, il ciclo integrato dei rifiuti in Terra di Lavoro.
Le associazioni ambientaliste sollecitano l’assessore all’ecologia Fabio Passaretti a promuovere prima di fine anno almeno un convegno per sensibilizzare sulle tematiche della differenziata.
Dal giovane assessore apertura e disponibilità a collaborare.

Dalla Gazzetta di Caserta

lunedì 17 ottobre 2011

La casta zittisce gli indignati

Sono due giorni che tutti i media, carta stampata e televisioni, dibattono dei gravi incidenti di Roma durante la manifestazione degli indignati. Cinquecentomila persone, forse più, sabato scorso hanno marciato su Roma per gridare la loro indignazione nei confronti dei potenti che governano il paese. Intelligentemente, le loro proteste non erano rivolte esclusivamente ai governanti di turno, ma a tutta la casta politico-finanziaria che schiavizza gli italiani che non vi appartengono.
Sono partiti da tutta Italia, isole comprese, per gridare la loro rabbia ed i loro insulti nei confronti di chi ha rubato il loro futuro. Contro chi non solo ha cancellato il futuro. ma non ne promette nessun altro, per incapacità e perchè loro stanno bene così. Preoccupati da questa marea arrabbiata che stava per riversarsi sulla capitale hanno studiato le contromosse per mettere il silenziatore a quelle, che anche per loro, sono giuste proteste e rivendicazioni.
Conoscendo la beata innocenza della gioventù che in gran parte formava la massa dei manifestanti, la casta ha messo in atto la strategia più opportuna per neutralizzarli. Loro sanno benissimo che nei cortei di manifestanti spontanei si mischia di tutto, dal ragazzotto ingenuo fino al terrorista. Quindi per raggiungere lo scopo è bastato non fare nulla.
Non ci è voluto molto ai più scalmanati per capire che il servizio d'ordine era carente, anzi del tutto assente. La conseguenza è stata un sacco di Roma in piccolo, perchè circoscritto a piazza San Giovanni e dintorni. Hanno iniziato una decina, visto che quelli avevano mano libera, da poche decine sono diventati centinaia.
Dopo che li hanno fatti sfogare per alcune ore sono arrivati gli eroi di Maroni che hanno riportato la calma. Ormai quello che si doveva fare era fatto, l'operazione era perfettamente riuscita. Subito sono usciti dalle tane tutti i politici lanciando i loro anatemi contro i nuovi barbari. La curiosità è stata che tra i primi a condannare c'è stato il sindaco di Roma che sulle manifestazioni di piazza ha creato la sua fortuna politica, seguito dai degni compari, Gasparri e La Russa. In ultimo la ciliegina del ministro degli interni che ha elogiato il prefetto ed il questore fino all'ultimo poliziotto per la splendida operazione portata a termine.
Dal loro punto di vista è andato tutto benissimo, adesso e per giorni si parlerà dei danni alle auto, della Madonna in frantumi o del crofifisso divelto. Nessuno ha ricordato o discuterà delle motivazioni che ha spinto tante persone al sacrificio di recarsi a Roma. Nessuno ha parlato delle aspirazioni e dei progetti cancellati, addirittura hanno tolto loro anche lo sfizio di gridare buffoni ai loro tiranni. Giustamente meritano elogi il prefetto ed il questore, nell'essere riusciti a tappare la bocca a tanta gente. Nemmeno un milione di poliziotti sarebbero stati in grado di ammutolirli, loro ci sono riusciti con pochissimi uomini, anzi con nessuno. Il ministro leghista si sentrà in dovere di assegnare loro una onorificenza ed una promozione in quanto pochi sarebbero riusciti a portare a termine una operazione quasi impossibile.
I danni materiali e di immagine per la capitale e la nazione? Quisquilie, si approverà un'altra manovra e si pagheranno tutti i danni, anche maggiorati nel prezzo. Se poi ci sarà urgenza di pagare, si prenderanno i fondi stanziati per la banda larga e si devolveranno per Roma, tanto a chi conta internet non serve, anzi se funziona male avranno meno grattacapi.

Questurino


sabato 15 ottobre 2011

Oggi come ieri

“Le opportunità di carriera si erano esaurite, poiché tanti posti di carattere politico ed amministrativo erano stati occupati nel periodo precedente da uomini molto giovani.
In quel momento non vi erano che poche occasioni di inserimento, poiché le promozioni dei giovani nominati nel periodo precedente ritardavano naturalmente sia le ulteriori assegnazioni di posti sia le promozioni acoloro che erano entrati in un momento successivo.

Conseguentemente la struttura occupazionale in ordine all' età mutò, favorendo nei pubblici uffici gli uomini di età media a scapito dei giovani. Un autore ginevrino, James Fazy, espresse il malcontento dei giovani in unpamphlet intitolato: De la gérontocratie, ou de l'abus de la sagesse des vieillards dans le gouvernement:
"Essi avevano ridotto la Nazione - egli diceva - a settemila o ottomila individui eleggibili, asmatici, gottosi, paralitici, indeboliti nelle loro facoltà. Talune occasioni si potevano trovare nelle nuove iniziative industriali, che, tuttavia, si sviluppavano lentamente. La gioventù istruita, in numero superiore rispetto alle esigenze del paese, considerava in termini problematici il futuro che le stava di fronte. La Nazione abbondava di medici senza pazienti, di avvocati senza clienti e di giovani che trascorrevano il loro tempo nelle sale d'aspetto dei potenti. Non essendovi bisogno di loro, questi giovani cominciarono a soffrire non soltanto di un' insoddisfazione di ordine materiale, ma anche di un profondo malessere spirituale, che fini per essere chiamato le mal du siècle; non avevano alcuna ideologia che fornisse loro una spiegazione del loro destino, non possedevano saldi convincimenti né principi che potessero guidare la loro esistenza. Sebbene la Chiesa fosse di nuovo in una posizione di prestigio, la religione non riusciva a riconquistare l'antica autorità morale".
Il romantico ritorno al cattolicesimo non riuscì a far presa sull'immaginazione dei giovani nel loro complesso e non vi era del resto alcun altro sistema di valori in grado di colmare tale vuoto. A proposito della sua generazione, scriveva Alfred de Musset in La confession d'un enfant du siècle: "Ahimè, ahimè, la religione si è perduta... Non abbiamo più né speranze né aspettative, nemmeno due piccoli pezzi di nero legno di fronte ai quali stringere le nostre mani... Tutto ciò che era non è più. Tutto ciò che sarà non è ancora".
Era una giovane generazione, scontenta del sentimento di autocompiacimento ostentato dallo Stato, ed assetata di una nuova fede che fosse capace di dare un senso a ciò che sembrava privo di significato e di riempire il doloroso vuoto di solitudine e di disperazione”.
Questa pagina, tratta da un manuale istituzionale con l'eliminazione dei soli riferimenti temporali sembra scritta oggi e per noi. Si riferisce invece alla Francia della restaurazione, succeduta a
Napoleone.
Come uscì l'Europa da questa situazione?

Da lì a poco sarebbe successo ... il quarantotto.

Un indignato

venerdì 14 ottobre 2011

Mediocri o incompetenti?

Molte volte la mediocrità e l'incompetenza si mescolano senza riuscire a distinguere l'una dall'altra. L'attuale amministrazione di Carinola è proprio uno di questi casi, non si comprende se il suo immobilismo è dovuto a scarsa preparazione o ad incompetenza.
Uno degli ultimi atti approvati fa propendere il giudizio più verso l'incompetenza che verso la mediocrità.
La vicenda del responsabile dell'ufficio tecnico comunale sa tanto di farsa napoletana. Viene da ridere nel ricordarla anche se a tanti che aspettano una licenza o un' autorizzazione viene da piangere.
Sembra che a Carinola non sapessero che in caso di parità di punteggio prevale il più giovane e non, come una volta, il più anziano. Loro sono fermi ai tempi di Totò quando l'anzianità faceva grado. A causa di questa loro lacuna, un concorso semplicissimo per titoli si è trasformato in una tragedia. Nomine, revoche, incarichi e re-incarichi.
In tutta la vicenda non bisogna dimenticare i due tecnici effettivi del Comune colpiti da forti scariche di diarrea nel leggere la loro nomina a responsabili dell'UTC. Che si trattasse di un concorso semplicissimo non vi sono dubbi visto che pochi mesi fa uno analogo era stato indetto ed espletato dai commissari prefettizi. Il vincitore individuato fra una rosa di dieci candidati fu nominato e prese servizio senza alcun ricorso. Invece il concorso indetto dalla giunta, attualmente in carica, è finito davanti al Tar Campania che ha sentenziato per adesso la sospensiva.
Senza essere dei fini giuristi, si comprende dal significato letterale del termine che bisogna sospendere tutto in attesa della sentenza definitiva. Non si comprende perchè si è voluto attentare alla salute dei due tecnici comunali, ancora ammalati, e forse anche a quella di chi dovrebbe essere il futuro responsabile dell'UTC carinolese.
La nomina dell'arch. Fiorillo sembra alquanto affrettata, ispirata da cattivi consiglieri. Nessuno ha considerato che il Tar potrebbe anche confermare la prima nomina e pertanto tutti gli atti firmati dal Fiorillo sarebbero illegittimi.
Sono valutazioni che amministratori capaci farebbero, ignorando i " bravissimi " assegnati loro da avvocati servili, specializzati solo in incidenti automobilistici.
Se il neo dirigente tecnico prenderà in considerazione il rischio di annullamento dei suoi atti, facilmente finirà a letto con la stessa malattia dei tecnici Veneziano e Gagliardi. Se succedesse una iattura simile o che si tirasse solo a campare in attesa della sentenza, avremo la quasi certezza che non si tratta solo di mediocrità.

Luther

Lettera aperta all'Assessore all'Ambiente Fabio Passaretti

Non è indignazione, parola molto in voga in questi giorni, che spinge a scrivere questa lettera aperta, ma senso di disgusto puro, provato dopo gli ennesimi roghi, di chiara matrice dolosa, verificatisi nelle ultime 24 ore, in prossimità della cava di Vaglie il primo, l'altro, più devastante, su Monte Pecoraro, che ancora brucia.
In questi anni i doli sono cresciuti in maniera esponenziale, provocando danni irreparabili al nostro patrimonio naturale. Proprio così caro assessore stiamo parlando del NOSTRO PATRIMONIO NATURALE, quello di tutto il Comune di Carinola anche suo, così come i frutteti di pesche della sua frazione. Ribadiamo per l’ennesima volta NOSTRO PATRIMONIO NATURALE perché chiaramente lei non si è ancora reso conto che le colline che abbracciano Casanova fanno parte di un Comune chiamato Carinola, di cui lei è l’Assessore all' Ambiente.
Con questi ritmi feroci le nostre colline, tra qualche anno, saranno come quelle di Mondragone, ossia semplici rocce senza più flora, senza più fauna.

E non stiamo parlando di ragazze, ma di alberi e animali.

In tutti questi anni non è stata mai attivata una politica di contrasto verso questi atti terroristici, non è mai stato preso in considerazione un piano di recupero delle aree bruciate e non è mai stato attuato una sola campagna di sensibilizzazione e prevenzione. Nulla di tutto ciò è stato fatto da anni. Il suo incarico le ricordo non consiste semplicemente nel comprare panchine e cestini per la spazzatura, ma è quello di preservare, proteggere, contrastare e sensibilizzare il nostro patrimonio naturale. In tutta questa AMARA storia non può certo scamparsela il nostro caro onorevole: quanto te ne importa della catena del Massico, tu che predichi legalità dappertutto? Possibile che non ti accorgi che nel tuo comune scorazzano piromani e delinquenti che ci stanno portando verso la desertificazione ambientale?

Continuate tutti a chiudere gli occhi, amministratori carinolesi: i nostri e vostri figli giocheranno sulla terra bruciata.

ambientalisti arrabbiati


fotografie aggiunte il 15.10.11:









Un’ordinaria giornata di vento

Un fresco birichino entra nelle ossa stamattina per colpa di un venticello impertinente che si diverte a scompigliare tutto: i panni stesi che asciugano velocemente, i capelli delle persone che passano, scarti di rifiuti che trascina lungo la strada, carte e cartacce che svolazzano stancamente, infilandosi nei portoni, nei cortili, sui balconi, nelle finestre aperte a dare aria dopo la chiusura notturna. Dovunque. Sembrano tante farfalle colorate che, leggere, volteggiano in aria e poi si posano in ogni luogo.

Ecco là un assorbente sbrindellato che fa bella mostra di sé ai margini della strada e che attira la curiosità di un cane solitario. Un pezzo di carta oleata unta e stra-unta, dopo aver avvolto del prosciutto crudo di cui sento ancora l’aroma, mi svolazza davanti ai piedi per poi andare a fermarsi sotto una macchina. Ed ecco più avanti un pannolone profumato d’ammoniaca che giace schiacciato sulla strada dopo che macchine e macchine lo hanno appiattito sull’asfalto. Sarà quello di mio suocero che con tanta cura avevo prima sigillato in una busta della spesa e poi riposto nel sacchetto azzurro del secco? Mah! Chissà!

Più avanti ancora ecco delle bucce di melanzane spiaccicate per terra che rendono scivoloso il passo di chi inavvertitamente ci passa sopra. Chissà se la casalinga che le ha usate ne ha fatto una buona parmigiana o delle melanzane sott’olio che mi piacciono tanto! Comunque non è roba di questa mattina, ma di un paio di giorni fa; oggi si raccoglieva il secco.

Ad un tratto accade qualcosa di molto strano: tutte quelle carte che svolazzano per aria si trasformano, diventano banconote da 100, 50, 20, 10 e 5 euro. Migliaia e migliaia di banconote: i miei 800 euro di Tarsu, i 770 di mio fratello, i 950 di mia madre, i 1200 della mia vicina di casa e quelli di tanti, tanti altri cittadini. Al vento, come carta straccia. Soldi che sono costati sudore e lavoro e che non hanno prodotto alcun bene per la comunità, se non quello di essere volati via col vento, tra le scintille e il fumo intenso di Monte Pecoraro che brucia, brucia e brucia....

Che altro possiamo fare noi poveri cittadini per alleviare la fatica agli operatori ecologici e lo stress all’amministrazione?... Ecco, forse possiamo aiutarli con piccoli regalini.

Regalerei una ramazza e una paletta agli operatori ecologici, visto che non ce l’hanno, così non gli costerà fatica chinarsi a raccogliere l’immondizia da terra. Regalerei una tettarella alla camomilla all’assessore all’ecologia perché continui a dormire tranquillo. Regalerei invece una potente sveglia al quarzo al sindaco che non si è accorto che la primavera è passata da un pezzo e continua imperterrito il suo letargo. E cos’altro ancora potrei regalare ai nostri amministratori?….

Forse una corda….

Arrabbiatissima

giovedì 13 ottobre 2011

La politica a Carinola


La politica a Carinola, è stata un monopolio dell'ex Democrazia Cristiana dagli anni Settanta del secolo scorso.
Dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale degli anni Novanta, per infiltrazioni camorristiche, secondo il decreto prefettizio, noi, in qualità di coordinatore cittadino, del Movimento Socialista, costituitosi dopo tangentopoli nella sala cinema Ceraldi a Nocelleto di Carinola (CE), , sostenemmo, nelle diverse riunioni interpartitiche, la candidatura a Sindaco di Carinola del Dott. Giuseppe Cecere, dell'ex Partito Socialista, per interrompere il monopolio di potere dell'ex D.C. Non ci riuscimmo per l'ostilità dell'ex P.C.I. , dell'ex D.C. e di alcuni compagni stessi del Dott. Cecere.
La sinistra è stata sempre dilaniata da una malattia congenita di invidia e gelosia. Il potere ritornò ancora una volta monopolio degli ex D.C.
La candidatura del Dott. Mannillo è stata, da noi sostenuta, ancora una volta, per interrompere un monopolio di potere, che durava da circa quarant'anni. Questa volta, il nostro impegno politico, si era realizzato.
Era la prima volta che Carinola esprimesse un sindaco politico diverso dal passato. Il nostro impegno non è voluto essere mai di condanna del passato amministrativo politico, perché abbiamo avuto sempre stima e, talvolta, anche molta simpatia, verso gli amministratori del passato, ma perché siamo convinti, da sempre, che il progresso, la crescita, lo sviluppo di una comunità cittadina è nel cambiamento politico e non nella staticità.
L'attuale amministrazione è la continuità del passato.
Può operare per il progresso, la crescita, lo sviluppo della nostra comunità?
Noi non lo riteniamo, anche se abbiamo molta stima personale per i vincitori elettorali attuali.
I giovani che fanno parte dell'attuale maggioranza, sembra, che non abbiano alcuna personalità politica.
Essi seguono, pedissequamente, in modo acritico ed acquiescente, ogni provvedimento che il Sindaco e la Giunta presenti loro, senza esprimere mai un loro pensiero.
Al contrario, vi è una forza giovane che, in poco tempo, è stata capace di organizzarsi e sfidare poteri egemonici prevalenti, in Carinola, dalla metà circa del secolo scorso. Grazie ai 778 cittadini, senza alcun condizionamento, questa forza giovane ha portato in Consiglio Comunale la sua voce, forte, libera e coraggiosa. Forza giovani alla riscossa, la giovinezza trionferà.
Voi siete l'unica speranza politica per l'avvenire del nostro nobile e glorioso Comune.
Cittadini di Carinola, giovani e anziani, uomini e donne, unitevi a questa voce forte, libera e coraggiosa, per un avvenire sempre migliore, più giusto, più umano, più libero.
II resto è vecchio e non ha futuro.

Carinola 10/10/2011 Antonio Zannini
"Coscienza critica del Comune di Carinola''
come ci definì il compianto Dott. Armando Trabucco

martedì 11 ottobre 2011

Autunno pulito: uno schiaffo all’Amministrazione

Lodevole iniziativa quella dei soci dell’Associazione Coraggio e Libertà: ripulire tutte le piazze del Comune da cartacce ed erbacce che stazionano perennemente in questi luoghi pubblici, abbandonati a se stessi. Se la piazza o la villa vuole essere, nelle intenzioni degli amministratori, luogo d’incontro e di socializzazione per tutta la comunità, non basta abbellirla, dotarla di una bella fontana, di panchine nuove, di vasi di fiori: bisogna curarla. Tenerla costantemente pulita, vigilare che non ci siano oggetti dannosi per i più piccoli, intoppi per i più anziani. Tutto questo invece non avviene e le nostre ville comunali sono lo specchio dell’incuria e del disinteresse dei nostri amministratori che hanno fatto di questi luoghi dei deserti di abbandono, dove solo i più grandi vi sostano la notte, lasciandovi decine di bottiglie vuote d’ogni genere.
Nelle nostre ville comunali non ci sono mamme che passeggiano con i loro bambini, non ci sono bambini che giocano, non ci sono vecchi che si fermano a prendere il sole sulle panchine, non c’è una comunità che usufruisce di questo bene pubblico, semplicemente perché ritenuto troppo insicuro e sporco per tutti.
E allora a cosa serve avere una villa comunale in ogni paese se non viene vissuta a causa dell’incuria che gli stessi amministratori hanno verso di essa? Sono forse questi luoghi solo il pretesto per ottenere periodicamente fondi regionali o statali? Direi di si, a questo punto.
Un Comune in cui non si pensa alla crescita dei bambini e al tramonto dei vecchi, attrezzando per loro spazi adatti, è un ben misero Comune. Sono anni che questo viene detto e sono anni che le amministrazioni se ne fregano, preoccupate solo a far girare i loro personali interessi. E per questo non avranno MAI la stima del popolo.
L’azione di questi giovani amici di Coraggio e Libertà sicuramente non risolverà i problemi ecologici del Comune, ma è un segnale molto forte. E se l’Amministrazione ha un minimo di sensibilità dovrebbe arrossire di vergogna per il fatto che dei giovani cittadini stanno svolgendo un servizio per cui tutti paghiamo abbondantemente.
Dovrebbe arrossire anche l’assessore all’Ecologia che finora non è stato in grado di mettere insieme un’azione capace di suscitare interesse verso questo problema e farsi amici i giovani come lui.
Non dirò belle parole per quest’ Amministrazione, finora non me ne ha dato l’occasione; dirò solo che ci sono ancora tantissime strade vicinali da ripulire, fossi, piccole e grandi discariche abusive sul territorio. Che facciamo? Le lasciamo lì per i saecula saeculorum?
Un elogio ai giovani che si rivelano sempre maestri dei loro maestri.

Ambientalista convinto

lunedì 10 ottobre 2011

Carinola, politica ammazzata

Dopo le ultime elezioni amministrative si può affermare con certezza che la politica, quella vera a Carinola è morta. Spariti dalla scena quasi tutti gli interpreti della vera politica, in primis, Di Biasio, Mannillo, Di Lorenzo, sono sparite anche le idee e la progettazione del futuro.
Oltre a questi sono stati emarginati anche Marrese e Russo, che con tutti i loro difetti, come gli altri almeno sono capaci di pensare. Sono rimasti padroni del campo ragionieri, medici e personaggi incolori, tutti insieme abbracciati alla loro sedia, piccola o grande che sia. Si è sempre sostenuto che Carinola rispecchi la politica nazionale, in questo caso la sta addirittura anticipando con l'amministrazione dei mediocri.
Può sembrare un atto di accusa rivolto esclusivamente contro i tremebondi politici carinolesi, invece è una constatazione su tutta la popolazione carinolese. Non ci si indigna per l'attività amorfa dell'amministrazione né si propone qualche progetto atto a smuovere questa calma piatta. Tutti hanno delegato una decina di persone a rappresentarli, in che modo sembra non interessare a nessuno.
Anche il Quiquirì che per anni ha rappresentato la voce di chi voleva esternare il proprio disagio langue. Anche chi attraverso questo blog lanciava idee e progetti, anche non condivisibili, tace. Si può pensare che sia colpa del tramontismo imperante sul Comune ma può anche addebitarsi all'apatia generale verso la politica.
Ennesima riprova, l'invito alla cittadinanza rivolto dal sindaco firmato con il titolo di dottore invece che di sindaco. Se fosse accaduto qualche anno fa, oltretutto a nome del suo partito, Impegno il Comune, si sarebbe scatenato un putiferio su tutti i blog e anche sulla carta stampata. A parte la contestazione di Polia, un altro politico vero emarginato, nessuno ha protestato, o almeno fatto notare, che il comune di Carinola non è governato da un sindaco ma da un cardiologo. Chi ha ammazzato la politica a Carinola, al contrario di quanto affermato in una nota canzone, si sa benissimo, siamo stati tutti noi, perchè come dice il Presidente della Repubblica: la politica siamo noi.

Giuliano Ferraro

domenica 9 ottobre 2011

Carinola: servizi dovuti

Carinola. Servizi, debiti e differenziata, faccia a faccia giovedì mattina fra Luca Sorbo, responsabile della società Esogest e l’assessore alle finanze Tonino Pagano. Tutto questo sotto gli occhi del caposettore Maria de Cristofaro, durante un incontro programmato per fare il punto della situazione sull’erogazione dei servizi previsti nel contratto (in scadenza a dicembre 2012), tema caldo questo a cui si contrappongono le ripetute sollecitazioni della direzione Esogest, che cerca di ottenere una pianificazione finanziaria di rientro dei debiti accumulati negli ultimi cinque anni.
In effetti la società dei fratelli Sorbo, arriva in Comune con ordinanza a firma dell’ex sindaco Pasquale di Biasio, costretto, dopo mesi di emergenza, ad attivare la raccolta differenziata nel 2008: da allora la società si è aggiudicata due gare d’appalto gestendo di fatto il ciclo dei rifiuti sul comune. Partecipa quindi, durante la gestione Mannillo, alla bonifica di Selleccola - nodo cruciale e polemico dal punto di vista finanziario fra la società e l’amministrazione - e ad altre operazioni di pulizia extra contrattuali - accumulando nel corso dei mesi debiti con l’Ente.

Ma di questo se ne riparlerà giovedì prossimo, quando ci sarà anche l’assessore al ramo Fabio Passaretti. Intanto la discussione sull’erogazione dei servizi sembra giunta ad una sorta di tregua, dopo la brutta lettera arrivata ad inizio settembre, la quale per ora ha avuto come unico disagio quello di affidare lo smaltimento dell’umido a costi maggiori ad un’altra società. Ma qualcosa sembra muoversi.
La Esogest, si sta occupando – ovviamente senza costi aggiuntivi - di pulire le caditoie comunali, così come previsto del contratto, partendo da Nocelleto, frazione soggetta all’allagamento di diverse strade, sia per insufficienza dei sistemi di drenaggio, ma pure perché la rete fognaria è da anni ostruita. Da Nocelleto si passerà alle altre frazioni, per cercare di rimediare alla mancata pulizia delle fogne, servizio lontano da almeno venti anni.
Altro servizio che potrebbe attivarsi con una certa continuità è quello del lavaggio strade con apposito mezzo. Un servizio latitante questo, mai visto in cinque anni.
Delicata infine la questione finanziaria: l’Esogest annuncia un calcolo dei debiti che sfiora il milione e centomila euro, secondo l’assessore alle finanze la situazione deficitaria dell’Ente non supera i settecentomila euro. Una bella forbice fra i due calcoli.


Dalla Gazzetta di Caserta

Federalismo alla napoletana

L'argomento più discusso da tempo è il federalismo. Tutti ne parlano e tutti lo vogliono, almeno a parole. Nei fatti gli unici che si sforzano seriamente di arrivare all'approvazione definitiva sono i leghisti. Sostengono con forza la tesi federalista per opportunità elettorali ed anche per convinti tornaconti economici. Acconsentono alle continue richieste di solidarietà invocate da tutti i partiti per raggiungere i loro obbiettivi consapevoli che dopo poco tempo gli accordi saranno dimenticati. L'elemosina che inizialmente dovranno versare al sud, nel giro di qualche decennio sarà sempre più assottigliata e potranno tenersi tutte le tasse che versano come è nei loro progetti.
Nel frattempo anche al sud hanno iniziato a masticare di federalismo affrontando la nuova situazione. Così hanno iniziato a stilare i rendiconti delle spese affrontate per la sanità all'avanguardia che viene offerta nel meridione. Sembra una sciocchezza che si incomincino a tirare le somme invece è un fatto serio in quanto da queste parti i conti nella sanità non si sono mai fatti. Tutt'ora in Calabria non si sa quali e quante siano le spese affrontate per il settore sanitario nella regione.

In Campania invece subito si sono allineati alle nuove regole aumentando considerevolmente le tasse introitate dalla regione, quali, il bollo delle auto, tasse sulla benzina ed altre. Oltre a queste è stata incrementata notevolmente anche l'aliquota della tassa regionale che grava sull'irpef degli sfortunati residenti.
Tutto bene sembrerebbe invece no, ad un incremento delle tasse gli ineffabili amministratori campani hanno fatto corrispondere un altissimo aumento della spesa. Pertanto alla resa dei conti i cittadini saranno costretti a subire un ulteriore aumento delle tasse. Questo giochino sarà continuato dai nuovi arrivati che quando andranno via faranno trovare sempre un notevole disavanzo che i cittadini dovranno cercare di ripianare senza riuscirci.
Se le somme introitate fossero spese per curare i cittadini nulla di male invece vengono usate in gran parte per foraggiare politicanti e portaborse. Tra questi bisogna annoverare i manager delle ASl, i primari, i direttori sanitari, medici senza incarico serio, pseudo infermieri, pseudo assistenti per i meno abili ecc. ecc.

L'altro fronte dove si sta sperimentando il feferalismo alla napoletana è quello della raccolta dei rifiuti. Senza allontanarci nelle intricate vicende Bassoliniane l'esperimento lo si può seguire anche a Carinola.
L'amministrazione che doveva cambiare, come succede da queste parti, ha cambiato solo i nomi dei politici ed anche quelli molto poco. Hanno sbandierato raccolta porta a porta, pulizia di siti inquinati, pulizia delle strade mettendo in campo un numero illimitato di personale. Tutti apprezzavano ma nessuno si chiedeva chi paga, a giorni tutti avranno la risposta e che risposta. Ovviamente l'avranno i cittadini onesti regolarmente rilevati nei tabulati non i furbi che non sono stati mai registrati. A Carinola il giochetto realizzato in campo regionale non è riuscito in quanto gli amministratori si sono momentaneamente autosospesi. Temporaneamente in quanto torneranno quasi tutti di nuovo ai loro posti dopo opportuna rotazione.
Se non avessero litigato avrebbero aumentato leggermente ogni anno la tassa e aumentando sempre del doppio le spese restando sempre un grosso passivo per il futuro. La loro sfrenata ambizione li ha traditi e il buco è stato scoperto subito. Adesso bisogna riempirlo e per questo vengono chiamati a farlo i soliti noti. E loro? Per niente turbati rispondono"amici sono gli inconvenienti del federalismo". Alla napoletana ovviamente.

Anonimo

lunedì 3 ottobre 2011

Lettera aperta al Quiquiri


Carissimi redattori, ok ci avete provato ma ora basta. Rimettete i commenti anonimi.

Forse avete creduto di fare bene, forse vi siete lasciati troppo influenzare da quelli che, colpiti dagli strali della gente, non facevano altro che denigrare l’anonimato anche se erano i primi ad usarlo. Ma il Quiquirì è nato anonimo, è nato per dare voce alla gente qualsiasi che non conta nulla, a chi vuole togliersi almeno la soddisfazione di chiamare “stronzo” un politico che gli sta sulle scatole perché non fa il suo dovere. E voi che fate? Gli togliete questa possibilità per uniformarvi ai migliaia di blog “politically correct” che infestano il web. Non è giusto e non è bello.


Si è vero, come in tutte le cose qualcuno esagera sempre, si lascia andare a commenti poco ortodossi e poco piacevoli, ma bastava eliminare quelli più cattivi, lasciando gli altri.
Adoro il Quiquiri, lo apro tutte le mattine per leggere quello che c’è di nuovo e anche per ridere un po’ con i commenti così schietti e genuini scritti dai lettori, ma da qualche tempo non mi sembra più lo stesso. Lo avete snaturato. Ho l’impressione di ascoltare un muto e non capisco cosa stia dicendo perché manca l’incisività della parola colorita, della chiacchiera, del pettegolezzo.

Vi sembra brutto tutto questo? Ma è quello che da colore alla vita! Lasciate ai secchioni ipocriti la “scorrettezza politica” fatta a suon di belle parole, voi restituiteci il NOSTRO Quiquiri.
Grazie

Anonimo via web

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan