mercoledì 30 novembre 2011

I soliti ignoti devastano l'ambiente

Alla Cava di Vaglie, sversamenti illeciti di rifiuti inerti ed ingombranti con cadenza giornaliera. Cresce l’indignazione delle associazioni e della comunità per un fenomeno che non accenna a fermarsi. Nelle campagne poi i sacchetti abbandonati sono all’ordine del giorno, ma il nuovo fenomeno che sta attecchendo sulla Cava di Vaglie preoccupa in misura maggiore per svariati motivi. Il primo è che il sito dismesso è composto da vari spaziali anche abbastanza larghi, accessibili ad automobili e a mezzi pesanti: ai bordi tanti piccoli cumuli vanno crescendo sotto gli occhi di tutti. Di questo passo ci si avvia verso quella che comunemente si definisce una discarica a cielo aperto. Naturalmente illecita ed illegale. Bisogna bonificare e chiudere il sito, ma intanto dove sono i controlli? Chissà. Infuriati i proprietari terrieri che denunciano gli episodi di sversamenti, per la maggior parte proveniente da materiale inerte, ma a cui si aggiungono anche altri tipi di rifiuti: un cumulo di vecchie scarpe, materassi, vetro. In ogni caso per la maggior parte sono scarichi di inerti provenienti da piccoli lavori di rifacimento edilizio, consumati tra le mura domestiche.

La Cava di Vaglie fu oggetto di individuazione come sito provvisorio di ecoballe nel 2007, scongiurato da una vivace protesta a cui tutta la popolazione partecipò con blocchi ad oltranza fino all’indicazione di un sito alternativo in località Carabottoli. Ebbene a distanza di qualche anno gli stessi cittadini che si opponevano alla ecoballe, ora vi portano rifiuti domestici che è possibile smaltire altrove o che addirittura sono ritirati dalla Esogest (vetro, indumenti, materassi). Praticamente un controsenso.
Per quasi metà comunale, la Cava di Vaglie appartiene anche ad un privato, titolare tra l’altro di una ditta che opera nel campo delle attività estrattive. Questi nel 2008 provò a riprendere le attività di scavo, ma tutto il consiglio comunale si oppose alla riapertura delle attività estrattive. Ora però la comunità chiede all’amministrazione di mettere in sicurezza la Cava, provvedere ad un perimetrazione della parte comunale, ideare un progetto di tutela degli spazi, dove insiste anche un pozzo d’acqua.

Michele Sorvillo

martedì 29 novembre 2011

A.A.A. PUC cercasi...

Chi sta lavorando così alacremente sul Puc (Piano Urbanistico Comunale) che non trova nemmeno il tempo di parlarne e di dirlo in giro? GiGGi? L’Ingegnere Martullo? Chissà! Eppure nel programma di M’Impegno il Comune ( con tutti i filistei ) si parlava molto chiaro: approvazione del Puc entro il 2011. Cazzarola, ma allora l’hanno già approvato e nessuno se ne è accorto?
Siamo seri. Sui giornali il sindaco dice che si è in dirittura d’arrivo, in realtà le riunioni di maggioranza si sono interrotte a luglio. Qualcuno può rispondere che cinque o sei incontri sono bastati; benissimo, ma allora che cosa si sta aspettando?
In gioco c’è tantissimo. Per prima cosa la trasformazione del territorio a lungo termine e tutto questo passa per il recupero e la tutela degli spazi architettonici, la salvaguardia della natura, quindi dell’ambiente e della difesa del suolo dai rischi derivanti da calamità naturali.
Altro discorso per l’articolazione delle reti infrastrutturali e dei sistemi di mobilità. Infine, ma non in ordine d’importanza, l’individuazione delle aree di edificazione- urbane ed extraurbane - aree artigianali, commerciali e industriali. In tempi come questi un Puc che ascolta l’Europa, quindi che si predispone all’arrivo di investimenti e finanziamenti, sarebbe una porta aperta allo sviluppo del lavoro nel Comune o almeno che permetta di programmare ed avviare attività che nel giro di pochi anni possano trasformarsi in lavori veri e propri.
Intanto, tutto questo silenzio, ci spaventa. Che cosa state combinando? Sindaco, allora, che ne è del Nostro Puc? Dov’è nascosto? Giggi trovalo e fallo vedere a tutti!
E adesso, però, se siamo ancora in tempo vorremo lanciare un’idea. Avviare un censimento degli edifici e dei capannoni sfitti ed abbandonati in tutto il Comune. Per fare cosa? Mercati dei piccoli produttori che lavorano in bio, spazi per fiere-mercati coperti in caso di pioggia, eventi, teatri, cinema, ovviamente traendo fondi regionali ed europei. E’ vero Giggi che sei stato Bruxelles? Raccontaci qualcosa…


Penni Vendolo

sabato 26 novembre 2011

Requiem per un Comune

Carinola muore. E’ ormai ridotta all’agonia irreversibile e si aspetta solo il sacerdote che possa dargli l’estrema unzione per farlo morire in pace con Dio e con gli uomini. Ma il sacerdote non arriva perché, guarda caso, anche lui è ridotto maluccio e non ce la fa più a tenere il passo coi tempi. Allo stesso tempo, nel suo egoismo, non vuole cedere il suo posto ad prete più giovane che possa sollevare la sorte della comunità carinolese.

E’ un po’ la vicenda politica di questo Comune: nessuno vuole cedere il passo a chi potrebbe camminare più veloce, sentendosi migliore degli altri oppure indispensabile. Ma non esiste l’indispensabilità. Esiste solo la voglia di fare che in questa amministrazione è completamente defunta. Chi pensava che sarebbe cambiato qualcosa con l’amministrazione De Risi, è rimasto completamente deluso: è un’amministrazione completamente assente e priva di slanci.

E’ vero che tutto il Paese è in agonia, ma proprio in un momento come questo si dovrebbero vedere da parte delle amministrazioni più toste, azioni amministrative, anche piccole, volte a dare un minimo di speranza ai cittadini. Invece nulla. Si aspetta la morte come qualcosa di inevitabile.
Rifiutiamoci di morire! Rifiutiamoci di sentirci inevitabilmente condannati e pretendiamo azioni amministrative che possano infondere un po’ di vita a questo Comune agonizzante. Chiunque ha delle proposte da fare, le faccia. E dimostriamo che i carinolesi non meritano un’ amministrazione come questa, ma meritano sicuramente un’attenzione maggiore; soprattutto un'amministrazione più dinamica.

cicaleccio

giovedì 24 novembre 2011

Ai lettori


Moltissime sono state le rimostranze dei lettori  verso l’ abolizione dell’anonimato e moltissime sono state anche le richieste di un ripristino dello stesso. Siccome il nostro scopo è soprattutto quello di dare un servizio, per quanto piccolo, alla comunità, non possiamo ignorare le lamentele e le richieste dei cittadini. Abbiamo perciò deciso di ritornare a permettere commenti anonimi. 

Tutto sarà come prima; i lettori possono continuare a commentare in anonimo  gli articoli, accusando, criticando, evidenziando le cose che non garbano in questo Comune e che non vanno a favore dei cittadini. Sta ai lettori stessi mantenere sempre un contegno accettabile e non cadere nella volgarità e nell’offesa gratuita. Se così fosse saremo costretti ad eliminare quei commenti che offendono la vita e la dignità  personale dei singoli.  

La redazione

mercoledì 16 novembre 2011

Forza super Mario!

Dalle ultime notizie sembra che la nascita del governo Monti abbia buone prospettive di riuscita. Tutte le forze politiche, escluso la lega,hanno dato il loro assenso per la formazione del nuovo governo. L'approvazione da parte dei partiti delle linee guida del nuovo esecutivo è alquanto tormentato ed è facilmente intuibile, visti i diversi interessi rappresentati. Stesso discorso per i nomi dei ministri che entrano ed escono in continuazione dalla lista. Sembra che l'idea del presidente della repubblica, sia ormai realtà.

All'inizio a molti il progetto di un governo di unità nazionale era sembrato una utopìa, viste le acredini esistenti tra gli schieramenti politici. Invece la sua saggezza ed il suo impegno costante hannofatto sì che un governo solo virtuale stia diventando una bella realtà in pochi giorni.
Molte le accuse di attacco alla democrazia ed alle regole costituzionali ricevute ma un buon fine giustifica i mezzi. Il presidente della repubblica non ha infranto le regole democratiche ma le ha solo forzate un pò.
Siccome è stato chiaro, dal primo momento, che tali modalità di condotta tendevano ad un nobile scopo tutti le hanno accettate di buon grado. Tutti hanno riconosciuto che il presidente non ha agito per interesse personale o di altri ma esclusivamente per il bene del paese. Il bene quello vero, non quello teorico sbandierato mille volte al giorno da tutti i mestiranti della politica.

Ricorrere a questa soluzione è stata una necessità obbligata in quanto tutto il parlamento italiano è squalificato davanti al suo popolo ed alla comunità internazionale. Trascorrere anni a farsi i dispetti reciproci, a discutere di escort e giudici o dellenottate del premier, hanno distrutto la credibilità della classe politica italiana.
Questa mossa dovrebbe rendere l'Italia più presentabile nel consesso europeo e mondiale sostituendo anche il balbettante ministro degli esteri. Senza dimenticare la sostituzione del ragioniere di Sondrio che ha sempre sostenuto di avere tenuto i conti dello stato sotto controllo senza però accorgersi del profondo rosso verso il quale precipitavano. La sostizione del ragioniere con un professore, che oltre ad insegnare economia la pratica pure ai più alti livelli, è di ottimo auspicio per il bilancio dello Stato. Se manterrà la sua parola di imporre dei sacrifici giusti ed eguali, alla fine della sua avventura tutti ci avranno guadagnato. Se poi darà pure una razionalizzazione alla macchina burocratica statale che ormai sbanda da tutte le parti, sicuramente il suo lavoro avrà raggiunto il top. Non resta che aspettare ed evere fiducia in una personalità con basi di cemento e non di cartapesta, intrisa di sola apparenza, come i politici nostrani.
Tutti devono essere pazienti ed aspettarsi anche qualche momento buio, dovuto a qualche sgambetto della mala politica che non è certo scomparsa della scena. Se è un super sicuramente saprà saltare gli ostacoli che si frapporranno tra lui ed un periodo più tranquillo. Per adesso tutti sono obbligati a gridare forza super Mario, fra qualche mese i risultati del suo lavoro si vedranno e sicuramente saranno apprezzati da tutti.

Anonimous

lunedì 14 novembre 2011

Il governo di topo Gigio

Non tutti ricordano le vignette di Forattini che rappresentavano Giuliano Amato con le vesti di Topo Gigio per la sua forte somiglianza con lo stesso. Si apprende dai media che sarà la personalità più importante dopo Monti, che farà parte del suo governo. Forse non tutti sanno che questo signore è un rapinatore di vecchiette in quanto rubò parte dei risparmi di tutte le vecchiette italiane. Con quei soldi finanziò il suo stipendio di trentunomila euro al mese e quelli dei suoi pari. ll professor Monti, bravissimo per decreto, lo segue a ruota. Per il suo disturbo di aver accettato la guida del governo re Gigio primo lo ha nominato senatore a vita con un appannaggio mensile di oltr venticinquemila euro al mese più lo stipendio di primo ministro .

Lo stesso monarca lo vuole capo del governo e così sarà .per questo ha seguito procedure inusitate che hanno permesso di nominarlo premier prima che quello in carica si dimettesse.Questi due personaggi insieme fanno tremare i polsi solo a guardarli eppure tanti sconsiderati applaudono o addirittura mettono le bandiere al balcone. Come sia possibile applaudire questi tristi figuri dei quali si intuisce il lavoro sporco che devono portate a termine è un mistero.Il loro compito è chiaro , eliminare le pensioni, tassare la casa, prima o seconda per loro pari sono, ed inventarsi qualche altro balzello per risanare il bilancio. Se questi signori avessero intenzione di tagliare parte dei costi parassitari, altamente indecorosi della politica, si potrebbero pure applaudire invece questo non fa parte dei loro programmi.

Nonostante questi foschi presupposti tantissimi italiani applaudono questo premier anomalo sperando chissà cosa. Non comprendono che questi signori sono stati delegati dai partiti a svolgere il lavoro sporco che competeva loro. Quello che preoccupa di più è la scarsa cultura democratica di tanti che non comprendono che chiunque debba governare, anche se fosse Gesù Cristo, dovrebbe essere designato dal popolo. Chiunque non si attenga a questo principio elementare è un probabile dittatore. Purtroppo in Italia la cultura democratica va scemando e si ha il timore che potrebbero anche scomparire del tutto. Si è avuto un piccolo assaggio a Roma dove sono stati proibiti tutti i cortei senza che nessuno si sia opposto. La contadina del nord, attuale segretario del più importante sindacato del paese ha vidimato quel divieto antidemocratico portando i suoi iscritti a Roma richiudendoli in una piazza. Il bello che chi ha imposto quel divieto è un sindaco, ex fascista, che sulle dimostrazioni di pizza ha creato la sua fortuna politica. I festeggiamenti di questi gonzi continueranno ancora per poco.
Festeggeranno fino a quando e sarà presto, il governo di topo Gigio, presieduto dal professore della BCE, toglierà dalle tasche degli stolti che lo applaudono i pochi spiccioli che hanno in tasca.

Sempostesso

mercoledì 9 novembre 2011

maestri e discepoli della politica carinolese

In questi giorni in maniera pubblica e non i soliti cospiratori specializzati nella politica del pettegolezzo, i cultori della politica personalistica si incontrano per tessere le solite trame antagoniste con la speranza di riportare alcuni interessi tra le lo loro mura domestiche, tra i loro tifosi ormai ridottissimi visto che molti di essi hanno preferito imbarcarsi sulla nave del più forte. Tra i politici da 4 soldi (cioè tutti) mi inteneriscono particolarmente Mattia di Lorenzo, Marcantonio e Marrese i quali prima erano amici poi sono diventati nemici, causando lo scioglimento dell’ armata brancamannillo e, oggi, iniziano a sbaciucchiarsi nuovamente. Sia chiaro, non voglio assolutamente attaccare questi per difendere il non lavoro della non amministrazione grimaldiana in quanto tutti sappiamo che a Carinola i politici non esistono ma esistono solo i soliti favori tra i soliti falliti che non potendo realizzarsi nella vita personale lavorativa devono percorrere strade alternative e poco limpide.
 Chiarito questo, ritorniamo sui personaggi succitati ovvero Mattia il fancazzista, Marcantonio il traditore e Marrese il venduto. Il Mattia, trombato e, quindi, escluso dalla partecipazione alle cosa pubblica può soltanto fare ciò che sa fare, ovvero spettegolare, dire bugie prima a uno e poi ad un altro camminando nell’ombra ai margini della vita sociale carinolese in modo da evitare brutte figure. Addirittura c’è chi sostiene che il fancazzista insieme all’altro disoccupato politico Mannillo (il quale, la sera lo sputtana e la mattina lo ama) si dilettano a comporre volantini anonimi scritti male e sulla falsa riga del Qu1iuiri quasi a tentar di confondere le tracce. Purtroppo per loro tutti conoscono i loro metodi e quando si vede un volantino anonimo tutti dicono “ah questo è di Mattia e  Gennaro” scuotendo il capo in senso di pietà. 
Detto questo, vorrei esporre ciò che penso dei non politici carinolesi usando la figura di Mattia come esempio. Mattia,infatti, è l’emblema del cattivo politico, di chi subdolamente ha confuso il concetto di politica con il concetto di impiego. Mattia è ormai noto che di lavorare proprio non ne vuole sapere e lo stesso per Marcantonio e Marrese. Per quanto riguarda gli ultimi due gli è andata di lusso con l’ennesimo tradimento e possono ancora respirare aria di municipio, aria di favori, sicuramente non così fresca come nei mesi passati ma sempre aria sana per i nostri politiciucci. Diversamente a Mattia le scorse elezioni lo hanno trombato, e ora è politicamente azzerato. Quindi come occupa il tempo Mattia? Semplice, trascorre le sue giornate nel tessere accordi bislacchi praticamente con tutti. Oggi con Marcantonio domani con Marrese quindi con Galdieri e poi con Gennaro, insieme al quale la sera mangia e mangia e appena arriva la grappa subito lo smerda senza se e senza ma per poi limonare come due adolescenti di primo bacio. Mattia è l’esempio tangibile del politico carinolese che nulla dà alla comunità in quanto deve cercare disperatamente di trovare qualcosa per se. Non me ne voglia Mattia ma così come ho detto è preso come esempio della mala politica che continua anche nei giovani amministratori. Pensiamo infatti al Di Spirito che provenendo proprio dalla scuola alleanzina piano piano sta imparando che il politico a carinola è un mestiere facile e garantito, lontano dal sacrificio sui libri o nelle fabbrica o negli uffici. Il Di Spirito impara bene ad essere un politico carinolese che pur non capendoci un cazzo di cosa significa amministrare sta imparando a vestirsi come i suoi maestri, Hogan ai piedi, pancia da politico, giacca da rappresentante di aspirapolvere, macchina da cafone nocelletese con accelerata pronta ogni qualvolta si passa avanti al bar. Impara bene anche la D’angelo ( si chiama così?) la quale non capendo cosa fare in comune ha ben deciso di costruirsene uno su misura per lei, dando vita al comune dei ragazzi. Bene signora bene, neanche Mattia ha mai pensato a un modo così originale per evitare le responsabilità amministrative. Vogliamo parlare dell’assessore Passaretti? No? Si, avete ragione è proprio inutile parlare di una persona inesistente. Nardelli? dai vi prego parlare di nardelli è come sparare sulla croce rossa. Grimaldi? Non sono discorsi da fare è decisamente pericoloso per lo stomaco. Insomma tutti stanno imparando cosa significa fare il politico a carinola e a questo punto mi viene il dubbio che forse era meglio Mattia almeno non faceva un cazzo ma era bravo a mostrarsi stanco di lavoro.

 FACOCEROAUTUNNALE.

domenica 6 novembre 2011

Il sindaco dei bambini


In questo periodo di crisi, gli enti locali, in particolare i Comuni, sono attanagliati dalla forte crisi economica che interessa tutta l'economia mondiale. La mancanza di fondi si ripercuote sulle normali attività amministrative dei Comuni con conseguente taglio di risorse per l 'assistenza sociale e per le manifestazioni culturali. Tra tutti i Comuni d'Italia ce n'è uno solo che non soffre di questa situazione. L'intelligenza dei suoi cittadini ha fatto sì che sia stato eletto un sindaco con tante idee innovative rivolte in particolare ai bambini. Lui è convinto che gli adulti siano irrecuperabile e pertanto bisogna pensare al domani, dedicandosi ai cittadini più piccoli.

Il sindaco di questo Comune fortunato non è quello stereostipato in giacca e cravatta; lui veste sempre in tenuta sportiva con qualche capo di colore rosso. Gli avversari sostengono che lo faccia per ricordare le sue origini di comunista, la verità è che lo fa è per essere più simpatico ai bambini. La sua azione è dedicata solo a loro ignorando completamente le esigenze delle persone mature che se la sanno vedere da soli. Lui non si interessa di lavori pubblici, tanto meno di lavoro per i giovani o delle esigenze del personale comunale. Unico atto sul personale è stato il licenziamento del comandante dei vigili urbani in modo da non dare fastidio ai cittadini indisciplinati.

Non vuole sentir parlare di bollette dell'acqua né della raccolta dei rifiuti e della relativa tassa. Non gli interessano i depuratori, tanto meno la viabilità o le telecomunicazioni. L'unica attività che lo assorbe completamente è organizzare iniziative per i bambini in modo da essere ricordato come il sindaco di questi. Ha ideato il consiglio comunale per i ragazzi per insegnare loro come si vincono le elezioni anche con pochi voti. Poi ha organizzato una conferenza sulla legalità per illustrare loro come si vive bene a Scampìa.

Allo scopo ha invitato un prete molto pratico della vita di quelle parti. Perfino i manifesti per la festa delle Forze Armate sono stati stampati con protagonisti i bambini. Invece del solito militare con il solito mezzo militare ha voluto due bambini che tenendosi per mano fanno gli auguri.
La sua idea più geniale è quella di mandare i bambini a scuola a piedi, peccato che ogni volta piova a dirotto.

Che bravo questo sindaco, che fortuna per i suoi amministrati che vengono tenuti lontani dai grattacapi che infastidiscono i cittadini degli altri Comuni! Che bello avere un sindaco dei bambini! Si pensa al bello del futuro, ignorando il brutto del presente. Tutti gli augurano di restare in carica a vita per rendere felici tutti per sempre, rendendo il suo comune il più invidiato. Volete sapere questo comune felice quale è? Semplicissimo girateli tutti e quando troverete un sindaco vestito di rosso siete arrivati.

Un bambino felice

venerdì 4 novembre 2011

La Padania e la Terronia

Le ultime dichiarazione del sig. Umberto Bossi, oltre ad essere squisitamente schifose (come lui d’altra parte) palesano un’ignoranza culturale che pari alla sua non la troviamo neanche nei bassifondi di Napoli. Lui, dal grande cuore e dal cervello più grande ancora (come quello di una gallina), la crisi la risolverebbe con un’operazione chirurgia: un’amputazione.. E cosa amputerebbe? Il Sud, il braccio cancrenoso dell’Italia.
Secondo lui, siamo noi meridionali la causa della crisi di tutta l’Europa, noi che impoveriamo il Nord perché succhiamo la loro ricchezza visto che le tasse pagate a Nord servono a pagare le pensioni del Sud. E quelle pagate a sud a cosa servono? A niente. E allora di questo Sud fannullone e bighellone che cosa ne vogliamo fare? Un colpo di bisturi e –zac! – lo togliamo definitivamente di mezzo. Intanto lo mettiamo in gabbia, nelle “gabbie previdenziali” perché è giusto che chi produce meno debba avere pensioni più basse!...
Il signor Bossi che si fregia del simbolo del guerriero medievale, non sa che il sud può fregiarsi di altrettanti allettanti simboli, forse meno affascinanti del suo, ma sicuramente più efficaci: bastoni e scoppette.

Neanche sa il signor Bossi che il se il Nord oggi è ricco, lo è per due motivi fondamentali: per il grosso capitale sottratto, a suo tempo, al Regno di Napoli e che ha permesso al Nord di investire e crescere in fabbriche ed aziende; per la manodopera meridionale sottopagata e sfruttata per decenni.

Oggi parla di eliminare il Sud dal resto dell’Italia. Io invece eliminerei lui e i suoi adepti che neanche hanno rispetto del sangue del Sud servito a liberare il Nord dalla dominazione austriaca.
E ancora mi chiedo come si può tollerare gente simile che dovrebbe stare in galera e invece è un ministro del governo italiano. Gli fa schifo “Roma ladrona”, ma non i soldi che percepisce da Roma per dire le sue immense stupidate!

Schifato

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan