mercoledì 30 novembre 2011

I soliti ignoti devastano l'ambiente

Alla Cava di Vaglie, sversamenti illeciti di rifiuti inerti ed ingombranti con cadenza giornaliera. Cresce l’indignazione delle associazioni e della comunità per un fenomeno che non accenna a fermarsi. Nelle campagne poi i sacchetti abbandonati sono all’ordine del giorno, ma il nuovo fenomeno che sta attecchendo sulla Cava di Vaglie preoccupa in misura maggiore per svariati motivi. Il primo è che il sito dismesso è composto da vari spaziali anche abbastanza larghi, accessibili ad automobili e a mezzi pesanti: ai bordi tanti piccoli cumuli vanno crescendo sotto gli occhi di tutti. Di questo passo ci si avvia verso quella che comunemente si definisce una discarica a cielo aperto. Naturalmente illecita ed illegale. Bisogna bonificare e chiudere il sito, ma intanto dove sono i controlli? Chissà. Infuriati i proprietari terrieri che denunciano gli episodi di sversamenti, per la maggior parte proveniente da materiale inerte, ma a cui si aggiungono anche altri tipi di rifiuti: un cumulo di vecchie scarpe, materassi, vetro. In ogni caso per la maggior parte sono scarichi di inerti provenienti da piccoli lavori di rifacimento edilizio, consumati tra le mura domestiche.

La Cava di Vaglie fu oggetto di individuazione come sito provvisorio di ecoballe nel 2007, scongiurato da una vivace protesta a cui tutta la popolazione partecipò con blocchi ad oltranza fino all’indicazione di un sito alternativo in località Carabottoli. Ebbene a distanza di qualche anno gli stessi cittadini che si opponevano alla ecoballe, ora vi portano rifiuti domestici che è possibile smaltire altrove o che addirittura sono ritirati dalla Esogest (vetro, indumenti, materassi). Praticamente un controsenso.
Per quasi metà comunale, la Cava di Vaglie appartiene anche ad un privato, titolare tra l’altro di una ditta che opera nel campo delle attività estrattive. Questi nel 2008 provò a riprendere le attività di scavo, ma tutto il consiglio comunale si oppose alla riapertura delle attività estrattive. Ora però la comunità chiede all’amministrazione di mettere in sicurezza la Cava, provvedere ad un perimetrazione della parte comunale, ideare un progetto di tutela degli spazi, dove insiste anche un pozzo d’acqua.

Michele Sorvillo

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan