lunedì 14 novembre 2011

Il governo di topo Gigio

Non tutti ricordano le vignette di Forattini che rappresentavano Giuliano Amato con le vesti di Topo Gigio per la sua forte somiglianza con lo stesso. Si apprende dai media che sarà la personalità più importante dopo Monti, che farà parte del suo governo. Forse non tutti sanno che questo signore è un rapinatore di vecchiette in quanto rubò parte dei risparmi di tutte le vecchiette italiane. Con quei soldi finanziò il suo stipendio di trentunomila euro al mese e quelli dei suoi pari. ll professor Monti, bravissimo per decreto, lo segue a ruota. Per il suo disturbo di aver accettato la guida del governo re Gigio primo lo ha nominato senatore a vita con un appannaggio mensile di oltr venticinquemila euro al mese più lo stipendio di primo ministro .

Lo stesso monarca lo vuole capo del governo e così sarà .per questo ha seguito procedure inusitate che hanno permesso di nominarlo premier prima che quello in carica si dimettesse.Questi due personaggi insieme fanno tremare i polsi solo a guardarli eppure tanti sconsiderati applaudono o addirittura mettono le bandiere al balcone. Come sia possibile applaudire questi tristi figuri dei quali si intuisce il lavoro sporco che devono portate a termine è un mistero.Il loro compito è chiaro , eliminare le pensioni, tassare la casa, prima o seconda per loro pari sono, ed inventarsi qualche altro balzello per risanare il bilancio. Se questi signori avessero intenzione di tagliare parte dei costi parassitari, altamente indecorosi della politica, si potrebbero pure applaudire invece questo non fa parte dei loro programmi.

Nonostante questi foschi presupposti tantissimi italiani applaudono questo premier anomalo sperando chissà cosa. Non comprendono che questi signori sono stati delegati dai partiti a svolgere il lavoro sporco che competeva loro. Quello che preoccupa di più è la scarsa cultura democratica di tanti che non comprendono che chiunque debba governare, anche se fosse Gesù Cristo, dovrebbe essere designato dal popolo. Chiunque non si attenga a questo principio elementare è un probabile dittatore. Purtroppo in Italia la cultura democratica va scemando e si ha il timore che potrebbero anche scomparire del tutto. Si è avuto un piccolo assaggio a Roma dove sono stati proibiti tutti i cortei senza che nessuno si sia opposto. La contadina del nord, attuale segretario del più importante sindacato del paese ha vidimato quel divieto antidemocratico portando i suoi iscritti a Roma richiudendoli in una piazza. Il bello che chi ha imposto quel divieto è un sindaco, ex fascista, che sulle dimostrazioni di pizza ha creato la sua fortuna politica. I festeggiamenti di questi gonzi continueranno ancora per poco.
Festeggeranno fino a quando e sarà presto, il governo di topo Gigio, presieduto dal professore della BCE, toglierà dalle tasche degli stolti che lo applaudono i pochi spiccioli che hanno in tasca.

Sempostesso

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan