martedì 30 ottobre 2012

Il vino delle nostre terre



L’Associazione Circuito socio-Culturale Caleno  anche quest’anno presenta Terre di Vino, che è giunta alla sua terza edizione. Non bisogna assolutamente sottovalutare questa iniziativa che ha lo scopo di celebrare il vino delle nostre terre, intorno al quale  girava tutta l’economia del territorio. Ager Falernus  era infatti sinonimo di vino, ma non uno qualsiasi, bensì un vino celebrato e apprezzato in tutto il mondo romano. Il Falerno si  versava sulle tavole dei più illustri personaggi, si proponeva ai migliori ospiti e poteva avere un’ invecchiamento anche di 50 anni. In quel caso, un bicchiere di Falerno d’annata era una raffinatezza che solo pochi intenditori potevano gustare.

Gli studi e i pochi scavi archeologici della zona, hanno evidenziato la presenza di numerose ville romane sul territorio e di altrettante fornaci che si occupavano della cottura delle anfore, le dressel 2-4, che servivano per la commercializzazione  del vino su larga scala. Le ville non erano solo “case di campagna” di antichi patrizi romani, ma erano vere e proprie aziende vinicole, su base schiavistica, che si occupavano della fornitura del vino in tutto il mondo romano. C’era tutta una filiera produttiva che girava intorno al Falerno che,  attraverso il Savone e il porto di Sinuessa, veniva avviato verso Roma.
Per saperne di più, è bene partecipare a questa splendida iniziativa che valorizza il nostro vino e in cui sicuramente non mancherà un saporito assaggio di questo nostro magnifico prodotto.
 
Bibens



domenica 28 ottobre 2012

Cambiare conviene...

Non c'è cambiamento che riesca a coinvolgere il popolo carinolese. Fermi, immobili, rallentati, dopati, dal nulla. Dall'immobilismo, dalla fiacca, dalla depressione. Tutto ciò che a fare con la cultura termina con il periodo scolastico. Dopodichè l’unica attività praticata è il pettegolezzo, l’inciucio, mescolati con goliardia ambiuità e sfessataggine cronica. 
Poi ci lamentiamo che i nostri figli nascono ruspanti paesani sempre più spesso con bicchieri in mano che con le braccia a lavorare. Che l’unica lingua parlata sia rigorosamente il dialetto. Ma ci siamo mai chiesti quali esempi positivi siamo riusciti a mettergli a disposizione? Purtroppo al mondo d’oggi, per stimolare un giovane occorrono l’insieme di tante situazioni, che non possono essere solo affidate all’onesta lavorativa della famiglia. 
Quando si sente che in giro che un giovane fà uso di sostanze stupefacienti ci si meraviglia quando proviene da proprio da una buona famiglia. Questa è la prova che non c’è da lavorare sul contesto interno della famiglia, ma su quello esterno. Un’amministrazione di sessantenni e cinquantenni potrà mai avere una buona applicazione di politiche giovanili? A voi la risposta.
C’è una pubblicità famosa che recita cosi: “cambiare conviene”! Carinola quando cambierà???

Per ora mai!

Perché ci dobbiamo tenere Gigino che si deve mettere la fascia altrimenti piange! Perché a Grimaldi serve un uomo che sorbo-licamente non rompa i coglioni agli Orsi, come il famoso detto aversano! E tutto gira intorno al cimitero, all’illuminazione pubblica, alla munnezz, alle donne mute, a quelle sempre assenti, a marcantanio a antimucc. I giovane bevono e sorridono; Pasquale si compra un altro fay; le ruote della macchine si consumano per fare le sgommate la domenica con il capello tutto brillantinato!

Nessuno ha il coraggio di cambiare, tanto alla bottega il pacco di pasta costa sempre 70 centesimi. Le pummarole si fanno la stagione, il vino ad ottobre, e con la pensione di mammà si può tirare avanti.

Che schifezz!

Amaro Averna

venerdì 26 ottobre 2012

Considerazioni sulla fauna politica comunale

 Il Trota, figlio di Umberto, cosi ribattezzato dal Senatur in persona, non solo non si scompone di fronte a chi lo chiama con tale esilarante nome d’ arte, ma perfino si diverte, compiaciuto, calandosi nella parte di un personaggio un po’ somaro, anzi un bel po’, ma pur sempre ingenuo e franco e, per ciò stesso, meritevole di consenso e simpatia. Una categoria di gente invece, attestata sulla via di mezzo tra il bigotto e il grottesco, apostrofa l’ ormai ex leader del Pirellone, Formigoni Roberto, con l’ aggettivo “Celeste”. Ironizzando sulla mai troppo nascosta tendenza dell’ ex Governatore per la castità, concepita come servigio solennemente reso a chi ci guarda da lassù. 

E nemmeno in questo caso, il diretto interessato, si attarda a menar fendenti all’ indirizzo di certa stampa pervasiva e indiscreta, sempre alla ricerca dello scoop e del nomignolo che faccia al caso! Financo il “Piacione” Rutelli non sembra destarsi più di tanto verso chi gli addebita un faccione da Pupone sempiterno. Sono solo alcuni degli esempi che si possono fare quando si prende in esame la casistica di personaggi importanti, di richiamo e di impatto mediatico, altrimenti definiti con l’ utilizzo di nomignoli ad hoc. Ne discende che, per analogia, il nostro Assessore giovanissimo, non dovrà prendersela con chi gli affibbia il nomignoletto   di chiaro stampo ornitologico. 
La satira è il sale della politica. Chi si getta nell’ agone, proprio come ha fatto il Nostro Assessore casanovese, lo deve sapere e deve accettarne gli effetti. Deve essere consapevole di poter andare incontro a sferzanti giudizi, ad esortazioni confezionate con dose notevole di vetriolo, a neo denominazioni coniate sulla base di attenti, studiati, approfonditi esami della personalità, non sempre edificanti. Il Pinto, dunque, non deve dolersene. Mai. Non so se possa essere paragonato al mitico Forrest come qualcuno azzardava in un precedente e fortunatissimo post,  ma di certo ha dalla sua una serie di carte che, indubbiamente, qualche primato glielo guadagnano, eccome. 

Assessore più giovane, primatista del tiro a piattello, infermiere altamente professionale, candidato vincente fin dalla prima volta. Scusate se è poco. Il suo pezzo forte, la sua referenza più qualificante,  è tuttavia un’ altra, non facilmente coglibile al primo menar dell’ occhio, ma emergente da un’ analisi obiettiva e certosina della sua fulminea (e fulminante) carriera: l’aver battuto, annichilito, declassato al rango di uno qualsiasi, forse addirittura di uno inutile (politicamente s’ intende), l’ attuale Presidente del Consiglio comunale di Carinola, già Assessore alle politiche sociali, Dott. Giuseppe Del Prete.
Già, è proprio cosi. Il Pinto, senza nemmeno faticare più di tanto, ha prevalso in una singolar tenzone sul malcapitato medico carinolse che, suo malgrado, ha dovuto segnare il passo, soccombente e tramortito, proprio mentre si spalancavano le porte della Giunta per il Francesco casanovese,  con grande orgoglio per l' intera casata dei Pinti. De Risi sembra aver fatto capire attraverso il lancio di un messaggio inequivoco: che me ne faccio di Del Prete e del suo spigolosissimo consigliere Caputo alla mia corte? Niente, solo rogne potrebbero portarmi costoro. Meglio puntare sul giovane Pinto, uno che mi sarà fedele e sostenitore per l’ intera durata del mio mandato. Inoltre, avrà ragionato Gigi, Francesco ha sponsor autorevoli e capaci di assicurare buona protezione. Di questi tempi con Marcantonio e Antimus e forse anche Rosetta sempre pronti a uccellarmi perché fortemente critici del mio operato, esaurita la scia profetica del superAssessore Pagano, avere un approdo sicuro sotto l' ala di Grimaldellus fa bene, rassicura, risolleva. 

Francescone ha dunque trionfato autorizzando gli osservatori a porsi una domanda, per molti versi addirittura inquietante. Come mai De Risi ha preferito il Pinto a Del Prete?? Mah, chissà. Certo è che Del Prete oggi è un anonimo Presidente del Consiglio, mentre il Pinto, pur tale con tutto ciò che questo significa, quantomeno nel gergo casanovese, passa per colui che l’ ha spuntata sul  Medico. Anzi, a volerla dire tutta senza scadere nel prosaico, viene percepito dall’ opinione pubblica come colui che ha trombato il Medico. Come dire, Pinto si, Del Prete no. Cosi sia scritto, cosi sia fatto. Parola di Gigi!! Rendiamo grazie a Massimo.

Anonimo

domenica 21 ottobre 2012

LO SKIATTAMUORTO

Il casanovese quando deve parlare non parla. Proprio così, dopo uno delicato studio antropologico posso affermare che il popolo casanovese si contraddistingue proprio per una particolare attitudine, ovvero stare zitto quando dovrebbe parlale e viceversa. Esempio emblematico è il silenzio verso l’apertura dello skiattamuorto sessano in piazza. Ok, ora tutti diranno che al di la di tutto lo skiattamuorto è un lavoro come tanti e che è un servizio necessario che, in un certo senso, riguarda tutti ( mi gratto in questo momento) ma per me non è così. 

Lo skiattamuorto è un lavoro normale magari nei territori anglosassoni ma non qui, in terra di sud, dove morti e spazzatura sono purtroppo (quasi) spesso sinonimi di ideologia camorrista (parliamo di ideologia intesa come modalità, approccio e non di azione camorrista intesa come atto criminale). Nei bar già si vocifera che lo skiattamuorto si è insediato grazie ad accordi territoriali e grazie al beneplacito di qualche rappresentante politico ma la cosa che noto e che il casanovese, appunto, parla dopo il fatto compiuto, parla quando dovrebbe stare zitto, sta zitto quando dovrebbe parlare. L’insediamento di questo “negozio” non ha trovato il vocione del popolo a cui ovviamente, senza mezze misure non piace proprio, l’insediamento dello skiattamuorto evidenzia proprio il torpore di questo popolo che nel caso dell’agruturismo in Grangelsa non ha perso tempo per meschine spie che hanno affossato letteralmente un progetto che avrebbe potuto dare una scossa anche se minima all’economia di un paese. Un paese che ha preferito stare zitto di fronte all’apertura di un confezionatore di casse da morto che padroneggia in piazza. 

Un esempio che evidenzia come il popolo casanovese è un popolo di quaquqraqua e non di quiquirì che almeno ha cercato di aprire una discussione in merito. I molti diranno che alla fine dei conti le insegne nere che possiamo condividere mentre ci grattiamo tutti insieme appassionatamente sono migliori delle gigantografie mortuarie dell’idea originale ma per quanto mi riguarda non è questione di insegna ma una questione di carattere, di stile e di come si sente il territorio. I casanovesi hanno preferito far bloccare i lavori dell’agriturismo in Grangelsa e hanno tremato di fronte alla morte vestita da skiattamuorto. Mi piacerebbe molto dire allo skiattamurto che a Casanova non si muore e quindi non può fare affari da noi ma, invece, si muore e soprattutto si muore dentro, ogni qual vota si sta zitti quando si deve parlare e si parla quando bisogna stare zitti. Buona grattata a tutti e a tutte.  

Sigò

domenica 14 ottobre 2012

De Risi sarà dimissionato?




Sui quotidiani di oggi si legge che l'amministrazione di Carinola è a rischio scioglimento in quanto non ha raggiunto il cinquanta per cento di differenziata nella raccolta rifiuti. Siccome la legge prevede tassativamente di raggiungere almeno il cinquanta per cento la fine di De Risi sembra segnata. Sicuramente, visti i potenti protettori di cui gode, si troverà una scappatoia per farlo restare in sella. 

Quello che colpisce maggiormente è la giustificazione che il sindaco dà all'ipotesi di scioglimento. Lui asserisce che la raccolta dei rifiuti viene eseguita da una ditta esterna e se quella non ha raggiunto la percentuale prefissata per legge non è colpa del sindaco. Seguendo la moda di questi giorni afferma che la cattiva gestione dei rifiuti è fatta a sua insaputa. Lui non lo sa ma i cittadini sì in quanto subiscono gli effetti di un servizio precario e tanti soffrono nel vivere in mezzo alla sporcizia nonostante le somme che sborsano. Come simbolo del degrado basta percorrere la tangenziale di Casale per ritrovarsi nella peggiore periferia di Napoli. Qualcuno spieghi a questo sindaco che  nel momento che è stato eletto è diventato il responsabile di tutti gli atti dell'amministrazione, raccolta rifiuti compresa. I vigili ed i funzionari del comune che vengono pagati con le tasse dei cittadini, alcuni con doppio stipendio, hanno l'obbligo di controllare l'operato della ditta appaltante ed in caso di inadiempienze di sanzionarla. Il sindaco a sua volta ha l'obbligo di controllare i dipendenti e costringerli a quel lavoro. Troppo comodo dire io non sapevo o non mi compete, il sindaco deve sapere tutto e deve avere competenza su tutto. 

Si spera che in un prossimo futuro si approvi una legge che sancisca anche la sua responsabilità materiale non solo politica su tutte le eventuali inadiepienze del'amministrazione... Questo in futuro, per adesso si aspetta l' espletamento della gara per assegnare l'appalto rifiuti ad una nuova ditta per i prossimi anni.  Ascoltando qualche amico molto informato sembra che le speranze di un miglioramento del servizio siano poche in quanto sembra che la nuova gara d'appalto sia stata cucita addosso a qualche ditta amica degli amici.

Informato sui fatti

mercoledì 3 ottobre 2012

Forrest Gump di Carinola


Tutti conoscono il film Forrest Gump interpretato magistralmente da Tom Hanks.

Nel film  si narra la storia di un giovanotto un pò imbranato che diventa il protagonista di tanti avvenimenti storici degli Stati Uniti. Tutte le sue imprese vengono compiute e vissute nella più completa normalità senza rendersi conto della grandezza delle stesse. Milioni di persone si sono appassionate a quella storia ed a quel personaggio che rappresenta il mito della persona normale che può compiere imprese all'apparenza impossibili. 

Anche Carinola ha il suo Forrest Gump del quale per la privacy non si rivela il nome. E' un giovane che poco più che ventenne ha tagliato già tanti traguardi prestigiosi nella più grande semplicità e normalità proprio come il suo omonimo famoso. Poco più che quattordicenne vide un amico di famiglia che tirava ai piattelli e decise di diventare campione di tiro al piattello. Nel giro di qualche mese superò le selezioni provinciali e regionali guadagnando l'accesso alla finale nazionale. Senza sforzo batté tutti e si classificò primo diventando campione italiano di piattello junior.

Poi lui che non sapeva se Parigi si trovasse in Italia o in Svizzera decise di mettersi a studiare. Si iscrisse alla scuola superiore e nello stretto tempo necessario si diplomò. Decise poi di diventare infermiere e dopo aver superato agevolmente i test di ingresso si laureò nel tempo strettamente necessario. Un giorno vide dei vecchietti giocare a carte si fece spiegare le regole principali del gioco ed incominciò a giocare a carte. Nel giro di qualche mese diventò imbattibile ed al primo torneo a cui partecipò arrivò primo. Un giorno decise di darsi alla politica, anche se non sapeva di che si trattasse, si candidò e risultò il primo eletto diventando l'assessore più giovane di Carinola. Siccome è torturato da un mal di testa continuo che lui attribuisce all'invidia sembra stia pensando di diventare medico per auto-curarsi  Se  deciderà  di iscriversi a medicina sicuramente fra qualche anno Carinola avrà un nuovo medico. 

Zemekis

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan