venerdì 26 ottobre 2012

Considerazioni sulla fauna politica comunale

 Il Trota, figlio di Umberto, cosi ribattezzato dal Senatur in persona, non solo non si scompone di fronte a chi lo chiama con tale esilarante nome d’ arte, ma perfino si diverte, compiaciuto, calandosi nella parte di un personaggio un po’ somaro, anzi un bel po’, ma pur sempre ingenuo e franco e, per ciò stesso, meritevole di consenso e simpatia. Una categoria di gente invece, attestata sulla via di mezzo tra il bigotto e il grottesco, apostrofa l’ ormai ex leader del Pirellone, Formigoni Roberto, con l’ aggettivo “Celeste”. Ironizzando sulla mai troppo nascosta tendenza dell’ ex Governatore per la castità, concepita come servigio solennemente reso a chi ci guarda da lassù. 

E nemmeno in questo caso, il diretto interessato, si attarda a menar fendenti all’ indirizzo di certa stampa pervasiva e indiscreta, sempre alla ricerca dello scoop e del nomignolo che faccia al caso! Financo il “Piacione” Rutelli non sembra destarsi più di tanto verso chi gli addebita un faccione da Pupone sempiterno. Sono solo alcuni degli esempi che si possono fare quando si prende in esame la casistica di personaggi importanti, di richiamo e di impatto mediatico, altrimenti definiti con l’ utilizzo di nomignoli ad hoc. Ne discende che, per analogia, il nostro Assessore giovanissimo, non dovrà prendersela con chi gli affibbia il nomignoletto   di chiaro stampo ornitologico. 
La satira è il sale della politica. Chi si getta nell’ agone, proprio come ha fatto il Nostro Assessore casanovese, lo deve sapere e deve accettarne gli effetti. Deve essere consapevole di poter andare incontro a sferzanti giudizi, ad esortazioni confezionate con dose notevole di vetriolo, a neo denominazioni coniate sulla base di attenti, studiati, approfonditi esami della personalità, non sempre edificanti. Il Pinto, dunque, non deve dolersene. Mai. Non so se possa essere paragonato al mitico Forrest come qualcuno azzardava in un precedente e fortunatissimo post,  ma di certo ha dalla sua una serie di carte che, indubbiamente, qualche primato glielo guadagnano, eccome. 

Assessore più giovane, primatista del tiro a piattello, infermiere altamente professionale, candidato vincente fin dalla prima volta. Scusate se è poco. Il suo pezzo forte, la sua referenza più qualificante,  è tuttavia un’ altra, non facilmente coglibile al primo menar dell’ occhio, ma emergente da un’ analisi obiettiva e certosina della sua fulminea (e fulminante) carriera: l’aver battuto, annichilito, declassato al rango di uno qualsiasi, forse addirittura di uno inutile (politicamente s’ intende), l’ attuale Presidente del Consiglio comunale di Carinola, già Assessore alle politiche sociali, Dott. Giuseppe Del Prete.
Già, è proprio cosi. Il Pinto, senza nemmeno faticare più di tanto, ha prevalso in una singolar tenzone sul malcapitato medico carinolse che, suo malgrado, ha dovuto segnare il passo, soccombente e tramortito, proprio mentre si spalancavano le porte della Giunta per il Francesco casanovese,  con grande orgoglio per l' intera casata dei Pinti. De Risi sembra aver fatto capire attraverso il lancio di un messaggio inequivoco: che me ne faccio di Del Prete e del suo spigolosissimo consigliere Caputo alla mia corte? Niente, solo rogne potrebbero portarmi costoro. Meglio puntare sul giovane Pinto, uno che mi sarà fedele e sostenitore per l’ intera durata del mio mandato. Inoltre, avrà ragionato Gigi, Francesco ha sponsor autorevoli e capaci di assicurare buona protezione. Di questi tempi con Marcantonio e Antimus e forse anche Rosetta sempre pronti a uccellarmi perché fortemente critici del mio operato, esaurita la scia profetica del superAssessore Pagano, avere un approdo sicuro sotto l' ala di Grimaldellus fa bene, rassicura, risolleva. 

Francescone ha dunque trionfato autorizzando gli osservatori a porsi una domanda, per molti versi addirittura inquietante. Come mai De Risi ha preferito il Pinto a Del Prete?? Mah, chissà. Certo è che Del Prete oggi è un anonimo Presidente del Consiglio, mentre il Pinto, pur tale con tutto ciò che questo significa, quantomeno nel gergo casanovese, passa per colui che l’ ha spuntata sul  Medico. Anzi, a volerla dire tutta senza scadere nel prosaico, viene percepito dall’ opinione pubblica come colui che ha trombato il Medico. Come dire, Pinto si, Del Prete no. Cosi sia scritto, cosi sia fatto. Parola di Gigi!! Rendiamo grazie a Massimo.

Anonimo

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan