giovedì 22 novembre 2012

Carinola munnezza story

Circa sessant’anni fa, subito dopo la guerra, Carinola non produceva monnezza. C’era una fame ancora talmente diffusa che si mangiavano persino le ossa, a discapito dei poveri cani che neanche quelle potevano avere. Questo per chi poteva permettersi un pollastrello nostrano, altrimenti erano i soliti fagioli o ceci cotti accanto al fuoco. Gli scarti delle verdure o qualsiasi altra cosa commestibile venivano gettati nell’orto, anticipando il moderno compostaggio. 
Della famigerata plastica non c’era neanche l’ombra. Gli alimenti si conservavano nella madia, in piatti di coccio, ma duravano ben poco perché quello che non si era finito a pranzo si finiva a cena e non c’era necessità di conservare a lungo gli alimenti deperibili. 
I recipienti di legno per lavare i panni erano già stati sostituiti da quelli di zinco pesante che potevano anche essere riparati in caso di rottura. D’altra parte, c’erano ancora i lavatoi pubblici e i ruscelli che servivano allo scopo.   
La carta era molto preziosa. L’unica carta che si vedeva in giro nelle case comuni erano i grossi fogli rossicci, in cui zi’ Filumena la bottegaia avvolgeva i lunghi ziti da spezzare e di cui si salvavano gli scarti per mischiarli poi con i fagioli, e  le buste di carta dello stesso colore, ri “cuoppi”. In essi veniva messo zucchero, sale, farina e pasta corta perché niente era imbustato, ma tutto si vendeva al minuto, “sfuso”.  Questa carta la si conservava con la massima cura per accendere il fuoco sotto le fornacelle  o sul focolare. 
I quaderni dei bambini erano piccoli e sottili, con una brutta copertina nera fascistoide. Quando mio padre mi portò due quaderni, uno a righi e l’altro a quadretti, mi disse di non strappare pagine perché i quaderni non si trovavano facilmente. Li guardai, li girai tra le mani e chiesi a mio padre: “anche loro sono a lutto?”, perché tutte le donne del paese vestivano di nero per la morte di qualche familiare, e quel lutto se lo portavano avanti tutta la vita.
Paradossalmente, quando Carinola non produceva monnezza, ogni frazione aveva il suo “scopapiazza” personale  che girava per il paese col suo carrettino spinto a mano e le ramazze. E che cosa ramazzava? Può sembrare strano, ma ramazzava gli escrementi di tutta la popolazione animale che abitava in ogni paese: pecore, capre, cavalli, asini, maiali. Il nostro zi’ Pasqualino ru scopapiazza ramazzava gli escrementi e li andava a depositare per la strada di San Francesco, dove ne faceva un bel mucchio. Poi li vendeva a secchi a chi aveva bisogno di concimare l’orto. Ma i furbi ci sono sempre stati e non volevano pagare quel prezioso concime organico: allora si alzavano presto la mattina, prima che arrivasse zi Pasqualino,  e ramazzavano tutti gli escrementi lungo la strada. Se li ammonticchiava sotto il portone, così non aveva bisogno di andarseli a comprare. In questa gara di velocità tra zi’ Pasqualino lo scopapiazza e i furbi, le strade erano sempre pulite.
Il boom economico italiano degli anni sessanta fu l’inizio del disastro ecologico. La plastica cominciò ad invadere le case e sempre più le invase perché tutto divenne di plastica.  Anche i tradizionali, poetici vasi da notte di metallo smaltato di bianco divennero di plastica.  
Cominciò a vedersi qualche televisione in più, qualche frigorifero e qualche lavatrice che alleggeriva i lavori delle donne, ma si cominciarono anche a vedere i primi contenitore di sapone che però erano di cartone pressato e potevano essere bruciati nel forno. Ma l’industria della plastica andava forte e dava lavoro… 
Per raccogliere i nuovo rifiuti non bastava più lo scopapiazza  e ci si organizzò con una raccolta più efficace. 
Negli anni 70/80 tutta la monnezza carinolese veniva smaltita a Carabottoli e coperta di terra. Se si scava in quel terreno, si troveranno molti reperti archeologici della monnezza carinolese di quegli anni. 
Con la trasformazione  della società da agricola a capitalistica, la monnezza aumentò in maniera esponenziale e fece la gioia delle organizzazioni criminali che videro in essa il nuovo oro. Nacquero le varie aziende di raccolta rifiuti gestite dalla camorra che cercavano appalti nei vari comuni. C’era sempre il politico compiacente che, in cambio di favori, dava l’appalto e la camorra si appropriò dell’affare monnezza. 
E così negli anni 90/2000 ci siamo trovati in mano alla ECO4 che smaltiva i nostri rifiuti. Ma smaltire i rifiuti non significava RICICLO, RECUPERO E RIUTILIZZO. Significava solo depositarli in qualche buco, perché così fa la camorra: prende soldi ma non li spende per offrire buoni servizi. 
A furia di depositarli di qua e di là, senza una politica di recupero, ci siamo trovati, in Campania, con tutti i buchi intasati. Solo la bocca del Vesuvio era ancora libera! 
E nel 2007 scoppiò il caso monnezza che non si sapeva più dove mettere. I vari commissari straordinari, Pansa e Catenacci, avrebbero voluto che la mettessimo sotto il letto pur di uscirsene da quelle botte ma, chiaramente, ci siamo rifiutati di farlo!
Bene o male la crisi passò e siamo arrivati, infine, alla raccolta differenziata, sempre in mano alla ECO4 che tutto faceva tranne che differenziare sul serio. In cambio mungeva molto bene la vacca grassa carinolese che, poco alla volta, si rinsecchì. E non era la sola. Anche molti impiegati comunali la mungono, tramite il grado di capo-settore dato dalla convenienza politica e non per necessità o per merito. E i nostri soldi, invece di essere usati per offrire servizi ai cittadini, vanno ad impinguare le loro tasche!
Infine siamo riusciti a estromettere l’ ECO4 e a fare la raccolta porta a porta con la ESOGEST, che non sarebbe male, ma ogni tanto si ferma per sciopero. Perché si ferma? Perché ormai la vacca grassa carinolese, a furia di allattare voracissime bocche, è diventata talmente magra che non ci stanno più neanche le ossa. E i poveri operatori ecologici, che non ricevono uno straccio di stipendio da mesi, incrociano le braccia e aspettano che il sindaco faccia loro l’elemosina di ciò che gli spetta di diritto. E così siamo alle solite! Paesi sporchi e pieni di monnezza! A chi va a protestare, la canzone è sempre la stessa: NON CI STANNO SOLDI!
Questa è la storia della nostra monnezza per quel che io riesco a ricordare. Se qualcuno ricorda meglio o sa ciò che io non so, può intervenire nei commenti e avremo un quadro più completo della nostra monnezza story.

Patatemittecelemanitu!


mercoledì 14 novembre 2012

Carinola Partito Democratico o Partito Dibiasio?


Sono mesi che in tutta Italia ci si accapiglia per definire il leader del partito democratico alle prossime elezioni poitiche. Cinque i concorrenti sulla carta ma in pratica due, Renzi e Bersani, quasi sicuramente uno di questi due capeggerà le liste del partito. Ovunque si discute di rottamazione o di usato sicuro, intendendo con questi termini se si vuole un forte rinnovamento dei quadri dirigenti o confermare quelli attuali. Anche in provincia di Caserta la discussione e la lotta fra le diverse posizioni è aperta. In quasi tutti i comuni sono nati comitati elettorali per qualcuno dei concorrenti, Falciano del M., Cancello Arnone, Mondragone ecc. solo a Carinola è tutto fermo. Qui una volta la politica raggiungeva il suo apogèo, qui si anticipavano le mosse che poi venivano riprese a livello nazionale,  adesso tutto è fermo. 

Il partito democratico dovrebbe essere anche a Carinola un contenitore di tutte le anime della politica dal centro alla sinistra come lo è a livello nazionale. dovrebbe tornare come era qualche anno fa, centristi insieme ad esponenti della sinistra ed una innaffiata di socialisti legati insieme a Pasquale Di Biasio.

Quella associazione di diverse anime durò per oltre un decennio ed assicurò al comune di Carinola una buona stabilità amministrativa. Sulla bontà dell'azione amministrativa si lascia libertà di giudizio a tutti. Adesso  tutto è bloccato c'è solo il fantasma di Di Biasio che aleggia nel comune mentre tutti gli altri sono apparentemente disinteressati. Non si comprende il motivo di questo silenzio quando invece sarebbe il momento di ricompattare il partito intorno allo stesso capo o tentare un forte rinnovamento. Forse sono tutti impegnati a fingersi sostenitori del Nuovo Psi o meglio del suo importante rapresentante carinolese. 

L'unico che ha tentato di tornare insieme al vecchio condottiero è stato il giovane leader di Coraggio e Libertà prontamente stoppato dai componenti del suo gruppo. Se tutti resteranno fermi Di Biasio avrà il cento per cento del partito a sua disposizione e non se ne servirà per gli interessi di  Carinola  ma solo per avere qualche altro incarico ben remunerato. 

Tessera n. 1        

sabato 10 novembre 2012

Caccia al tesoro comunale: chi l’ha visto?


A chi ha partecipato all’ultima seduta del Consiglio Comunale si sono rizzati i capelli in testa per le cose che sono state dette. 
Iniziamo con il dire che costerà tutto di più, dalla mensa scolastica al trasporto per gli alunni delle medie, alla munnezza sino ad avere un tetto sulla testa.  L’amministrazione ha aumentato tutto, l’unica cosa che è stata abbassata è la tosap, la tassa di occupazione del suolo pubblico. 
E’ scattato l’innalzamento dell’aliquota IMU per le cosiddette “seconde case” dalla quota base dello 0,76 per mille allo 0,96 per mille, mentre per i terreni edificabili si è passati, applicando l’aumento massimo che la Legge consentiva,  dallo 0,76 per mille addirittura all’ 1,06 per mille. Ah… dimenticavo la SACOM non se ne va per il momento. E’ inadempiente lo ha detto lo stesso Giggino, ma per ora rimane lì. 

La notizia più spaventosa deve ancora arrivare, il Comune paga oltre 500.000 euro di interessi annui per soldi che non si sa che fine abbiano fatto. Potrebbero essere soldi ritornati alla regione perché non sono stati presentati i progetti nei termini di legge; esistono infatti dei progetti (riqualificazione piazza parcheggio di Casale, Serbatoio Croce, Palazzetto dello Sport di Nocelleto, Circumvallazione di Casanova, Campetti di Casale) di opere pubbliche su cui abbiamo chiesto ed ottenuto mutui dalla Cassa Depositi e Prestiti ed ora paghiamo le rate per la quota capitale e per gli interessi che ammontano a 500.000 mila euro annui.

 Tali mutui, tra l’altro, assistiti da finanziamenti Regionali ottenuti dalle amministrazioni comunali precedenti (in pratica la Regione ci rimborserebbe le rate man mano che le paghiamo alla Cassa Depositi e Prestiti) potrebbero essere revocati come già è accaduto per la piazza parcheggio di Casale, poichè le opere non vengono realizzate.
 E intanto, siccome i soldi sono stati stanziati e arrivati a destinazione, gli interessi bisogna pagarli! E noi cittadini carinolesi ci troviamo ad avere sul groppone una somma enorme da restituire per dei servizi che non sono mai stati fatti!

Ecco come si amministra in questo Comune!

Che fine hanno fatto questi soldi? Dove sono andati a finire?
Chicca delle chicche dell’ultimo consiglio è la relazione del bilancio nella quale si legge “Il livello di istruzione popolare non è del tutto soddisfacente a causa del modesto numero di giovani che scelgono di continuare gli studi universitari”.

Avete capito bene “ il livello di istruzione popolare non è del tutto soddisfacente…” questo è quanto sostiene il fior fiore della cultura carinolese: Luigi De Risi, Rosa Di Maio, Antonio Nardelli, Antonio Russo, Luigi Verrengia, Antimo Marrese, Maria D’Angelo, Giuseppe Del Prete e Francesco Di Spirito. 
Cari amministratori invece di giocare a chi indossa la fascia compratevi un zappa e andate a zappare che state sottraendo braccia all’agricoltura.

Frank Stein

domenica 4 novembre 2012

Bugiardi come sempre

Foto "rubata" alla pagina fb di Marian Pricopie
“In alcuni casi, infatti, il recapito finale di alcuni alvei naturali coincide e/o si interseca direttamente con la sede viaria, divenendo di fatto veri e propri alvei strada. 
L’UTC fa rilevare e sottolinea che tale situazione si è consolidata negli ultimi cinquecento anni e non dipende da questa Amministrazione né dalle ultime”
. (clicca qui per leggere il documento )

Queste sono alcune delle frasi che si possono leggere nel documento sottoscritto dai geologi della protezione civile regionale, dall’arch. Claudio Fiorillo, responsabile UTC del Comune di Carinola, settore Lavori Pubblici, dal luogotenente dei vigili urbani Nicola Di Biasio e dal  maresciallo Flavio Fiorillo (tutti titolati questi nostri vigili, mica fessi qualsiasi!). Quello che mi fa veramente ridere in una perizia tecnica che dovrebbe essere molto seria, soprattutto dopo un caso di emergenza come quello che abbiamo avuto, è quella seconda frase: L’UTC fa rilevare e sottolinea che tale situazione si è consolidata negli ultimi cinquecento anni e non dipende da questa Amministrazione né dalle ultime. Traduco: non abbiamo colpa noi se è successo quel che è successo; prendetevela con qualcun altro!
E siccome non possiamo andare a prendercela con chi non c’è più da qualche secolo, la cosa finisce qui.

Pensano loro!

Questa giustificazione puerile, infantile, di chi ha paura di essere sorpreso con le mani nel barattolo delle caramelle, fa ancora più rabbia. E’ una delle bugie più eclatanti che siano mai state dette!
Lo scempio ambientale e idrogeologico più disastroso è stato compiuto dagli anni 70 inoltrati in avanti e di questo ne sono più che sicuro.  Spiego subito il perché. 

Quando sono partito per lavoro nel 1974 per altre destinazioni, tutto era ancora in sintonia con la natura. Il ponte della Grangelsa era intatto nella sua immensa arcata, il ruscello scorreva tranquillo nel suo alveo e,  attraversando un sentiero sterrato che ora è diventato Via del Popolo,  si immetteva sotto l’altro ponte, passando accanto all’edicola di S. Lucia. Il lavatoio era ancora là e usato dalle donne e il canale che scendeva dalla Grangelsa era ancora abbastanza ampio e non intubato. Quando dopo qualche anno (pochi) sono ritornato, tutto era stato stravolto: il lavatoio era scomparso (sigh!), il ruscello non scorreva più all’aperto, ma in un alveo sotterraneo, il ponte era stato sigillato come una tomba, il canale declassato a fosso. Fontana vecchia, con il suo terreno battuto pieno di felci bellissime, di rane gracidanti, di sassi levigati era sparita per sempre. Al suo posto un masso di cemento grigio e orrido. A chi chiedevo perché avessero fatti quei lavori così orrendi, rispondeva “per risanare il luogo”. Da che cosa?.... Non ho mai capito questa concezione di “risanamento”, quel distruggere tutto ciò che è naturalmente bello per dare il posto al bruttissimo e informe cemento. C’era sicuramente un modo migliore di risanare, rispettando l’ambiente naturale, valorizzandolo, ma evidentemente c’era qualcuno da accontentare, un appalto da dare. 

Le amministrazioni successive non sono state da meno: nessuna ha riparato i mali delle precedenti amministrazioni, dimostrando così un’attenzione particolare per l’ambiente e la natura, ma tutte hanno peggiorato la situazione, risolvendo qualsiasi cosa con il cemento. Restringendo, rimpicciolendo, ricoprendo, facendo sparire. Forse qualche amministrazione ci ha provato a fare qualcosa di buono, ma voracissimi oppositori non gli hanno lasciato fare un bel niente.
E ora come si permettono di asserire queste cose in un documento ufficiale? Ancora una volta lo dico io il perché: perché sono tutti colpevoli, tutti filo-governativi, tutti hanno preso o ottenuto qualcosa dalle amministrazioni e difendere il malfatto è il minimo che possono fare. 
Ma a chi la danno da bere?

pensionato deluso

clicca qui per leggere il documento 

Foto di Marian Pricopie

Foto di Marian Pricopie

giovedì 1 novembre 2012

Halloween colpisce duro



Dire il solito “l’avevamo detto!” è un modo molto riduttivo di esprimersi. Non solo l’avevamo detto, ma avevamo anche spiegato abbondantemente il perchè! Una volta, due volte, tre volte, quattro volte…Infinite volte!
Abbiamo continuamente denunciato il pericolo dei disboscamenti selvaggi, dei ripetuti incendi estivi, della mancata pulizia periodica delle fognature e dei fossi di scolo, della cementificazione selvaggia con relativa chiusura dei canali naturali che convogliano le acque montane verso la pianura, dell'ostruzione dei fossi di maltempo.
Abbiamo solo ottenuto insulti da parte degli amici degli amici, battutine di poco spirito, la solita solfa fritta e rifritta sull’anonimato, ma attenzione seria verso questi problemi, che riguardano la sicurezza di tutta la comunità carinolese, zero!

C'è voluta la perturbazione, cosiddetta Halloween, di ieri sera, mercoledì 31 ottobre, per concretizzare le nostre paure e i nostri avvertimenti.
In poco tempo si è scatenato l’inferno sulla nostra area: smottamenti di terra ed allagamenti di case, strade ed intere aree, le quali sono finite sotto la forza feroce di acqua e fango, dopo una giornata di pioggia insistente. Verso le nove di sera la pioggia ha cominciato ad ingrossarsi e, per tante persone, sono iniziate le due ore più terribili.
La tragedia sfiorata si è consumata intorno alle nove e mezza, quando tutte le frazioni del Comune hanno assistito ad una vera e propria alluvione di acque meteoriche, scese giù violentemente, e che hanno trasformato le strade in veri fiumi furiosi.

Casanova, per la sua ubicazione pedemontana ha subito danni incredibili  a causa delle acque che si sono riversate giù dalla montagna. Via Grangelsa, Fontana Vecchia, Santa Lucia, Via nazionale, Via San Cristoforo, sono state letteralmente inondate da acqua e terra, fino a quando, fortunatamente, la pioggia si è arrestata e ha fatto respirare la popolazione.
Stamattina, lo spettacolo che si è presentato ai nostri occhi era a dir poco spaventoso: Fontana Vecchia non esiste più! L’area è interamente sommersa dal fango! Il muro costruito, anni fa, sotto l’arco del ponte è saltato come un tappo ed ha riversato nello slargo sottostante quintali di fango. Idem per il muro costruito a chiusura della fognatura principale che convogliava le acque nel sottostante e ricoperto ruscello: saltato anche quello! L’acqua proveniente dalla montagna ha raggiunto un metro di altezza ed ha lasciato i suoi allarmati segni vicino ai muri delle case prima di superare la spalletta del ponte e riversarsi giù!
Gli abitanti della zona, dopo una notte di paura passata in bianco, pulivano le loro case e i loro garage, inondati dalle acque e dal fango, con pale e carriole e con la LORO acqua corrente, quella che andranno a pagare profumatamente, per pulire un disastro causato dall’ incuria e dalla strafottenza delle amministrazioni!
Cosa assolutamente riprovevole è che non era presente nessun assessore, nessun consigliere, se non il dott. Michele Zannini che è venuto ad accertarsi di persona com’era la situazione e se qualcuno si era fatto male! Il sindaco poi bisogna andarlo a cercare a "Chi l'ha visto" per vedere la sua faccia!
Questa è un’ altra dolente nota: il comportamento dell’ istituzione Comune e di chi è tenuto alla sicurezza in una situazione di emergenza come questa.
Avvertito l’ufficio tecnico, la risposta è stata la solita spiritosaggine, in poche parole: arrangiatevi!
Un altro assessore ha detto che non sapeva nulla; nessuno lo aveva avvertito!

Allucinante!!! E chi doveva avvertirlo? Dov'era lui, ieri sera, quando le cataratte del cielo si sono aperte sul Comune?

Il minimo che un assessore dovrebbe fare in situazioni simili, è farsi un giro per il territorio per verificare cosa sia successo al suo Comune; farsi sicuro che nessuno si sia fatto male; preoccuparsi di chiamare i vigili del fuoco se ce n’è bisogno (bisogna pagarli? allora meglio non chiamarli!)  verificare se ci siano stati danni tali da poter chiedere lo stato di calamità. E invece cosa dice il nostro assessore: non lo sapevo, nessuno mi ha chiamato!!! Ma che tipo di gente abbiamo tra i piedi come nostri amministratori?....

E il nostro sindaco lo sapeva?

Qualcuno dice che noi casanovesi siamo in punizione e perciò non avremo alcun tipo di attenzione da parte di questa amministrazione. Sarà vero, non so, vista la sua latitanza! E se ci scappava un morto o un ferito? Il che era molto probabile, davvero molto probabile….
Si scherza troppo con la vita della gente e questo non è assolutamente accettabile!

E ora ci si preoccuperà di far fare una perizia ai nostri numerosi ponti per verificare se abbiano subito danni e se la loro staticità non sia stata compromessa dall'urto dell'acqua? Solo Casanova ha quattro ponti fondamentali (tre lungo l'asse principale e uno sui Laurienzi) di cui due sono stati inconscientemente ristretti nell'arco di portata tramite selvaggi interventi di qualche intelligentone dell' ingegneristica.
Urgono tante cose in questo nostro disastrato Comune per la sicurezza delle persone e del territorio, ma urge soprattutto una classe politica seria, attenta, vigile e pulita. E questo non ci stancheremo mai di ribadirlo!

Testimone oculare



Via San Cristoforo



Fontana Vecchia


Fontana Vecchia

  Fontana Vecchia


The day after


Muro di chiusura della Cloaca Maxima crollato 


Cloaca Maxima dopo il crollo del muro

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan