lunedì 24 dicembre 2012

Lettera di fine anno ai cittadini pensanti e non carinolesi

Una sensazione strana  ha attraversato il mio corpo e ciò che comunemente chiamiamo anima. Un freddo, una malinconia, una voglia di girare la faccia e andare via, per sempre.
Parlando con amici vengo a sapere che durante una partita di calcio, precisamente tra Nocelleto e Teano un gruppo di sostenitori del Nocelleto, senza perdere tempo, aggrediscono un loro compaesano se non erro di S.Donato. Tutto nasce,  da un invito del signore di S. Donato verso i sostenitori del Nocelleto di evitare offese verso la panchina del Teano, un invito che è stato percepito come un atto di sfida e quindi giù con calci e pugni. 

Che vergogna. 

Carinolesi che picchiano carinolesi per una partita di calcio, che vergogna. Mentre ascoltavo questa brutta pagina di cronaca locale mi giravo intorno e tutto il mio paese era pieno di sacchetti di spazzatura appesi e per strada; mentre ascoltavo delle “mazzate” inferte al signore di S. Donato non vedevo intorno a me nemmeno una lucina piccolissima che indicasse l’arrivo del Natale. 
Ecco a questo punto mi attraversa il corpo e l’anima una terribile sensazione di lontananza rispetto a dove mi trovavo. Mi sono sentito come straniero in patria lontano da una terra caratterizzata da natura, solidarietà e vicinanza. Lontano dal Comune di Carinola pur stando a Carinola. 

Questa non è la mia terra, pensavo. 

Dinamiche, modi, ambienti propri di terra di Gomorra, ormai siamo un suo prolungamento dove per le strade c’è solo degrado, solitudine, inciviltà. 
I cittadini chiusi nelle proprie abitazioni adornate a festa con i giardini puliti e curati mentre fuori il male, la solitudine. 
Non voglio additare la colpa a questa amministrazione che sta semplicemente continuando un modo di amministrare iniziato da più di 15 anni. Cambiano i sindaci. ma la lontananza verso le vere priorità del popolo resta. Una voglia di girare la faccia e andare via, dimenticare Carinola, perché ciò che vediamo non è Carinola. 

Le colpe di questo degrado è si dei sempre soliti politiciucci che si dividono, si riuniscono, si odiano, si amano sempre con gli stessi modi. ma anche di tutti quei cittadini schiavi che curano il proprio giardino e fingono di non vedere lo schifo che c’è fuori. Tutti quei cittadini che vendono il proprio voto per amicizia, per soldi, per niente. che hanno favorito il disastro del nostro comune. 
Tutti quei cittadini che si nascondo dietro le tapparelle della propria casa della propria vita. Non c’è speranza se non c’è un popolo che ha speranza, non c’è lotta se non c’è un popolo che lotta. 

Natale passerà, forse raccoglieranno anche la spazzatura e forse non si farà più a “mazzate” nel campo comunale, ma ciò che resterà sarà sempre la clausura intellettuale di tutti se non si alzano le tapparelle della propria individualità, della propria moralità.   

straniero in patria

giovedì 20 dicembre 2012

Corsi e ricorsi storici


Sono anni che è in corso l'unificazione dell'Europa con passo lento ma inarrestabile. Presentata sotto una veste romantica questa futura unione di popoli è pur sempre una unificazione forzata come tante altre già verificate nei secoli scorsi. 
Un popolo dovrà giocoforza sottomettersi ad un altro rininciando a tutta o in parte della propria storia e della propria autonomia per confluire in un organismo pù grande. Una volta le unificazioni avvenivano tramite guerre sanguinose che duravano  tanti anni. Basti pensare alle guerre interne che portarono alla costituzione del regno di Francia o altrettanto sanguinose per quella del regno di Inghilterra. Oppure basti ricordare l'unificazione che ci ha interessato più vicino, cioè quella italiana. 
Accompagnata da un aureola romantica  tra versi poetici e con le musiche sublimi di Verdi in effetti è stata una annessione  forzata e sanguinosa allo Stato più forte da parte di quelli più deboli. 
Il prezzo dell'unificazione fu pagato dalle popolazioni meridionali con tante tasse e con l'emigrazione di massa per alcuni,  per altri che si ribellarono con la morte. Oggi l'unificazione  non si fà più a colpi di cannone ma a colpi di spred e di tassi monetari. Questi mezzi più sofisticati ma non meno efficaci permettono ai paesi forti di assoggettare quelli più deboli. L'orgogliosa  Grecia, a dispetto della sua storia, è costretta a chiedere l'elemosina alle altre nazioni. L'Italia che si vede dettare la linea economica e   addirittura il nome dei governanti. 
Anche questa è guerra, con le sue  vittime che sono sia i numerosi suicidi sia la condanna alla disoccupazione di milioni di persone. Tutti insieme obbligati a sventolare la bandierina dell'unione europea come i bambini della scuola all'arrivo del presidente della repubblica. 
Come ogni guerra non ci sono solo vittime ma anche chi si arricchisce come la grande finanza mondiale che specula sui debiti degli Stati, facendo utili a dismisura, o come tanti politici che sono riusciti a procurarsi un posticino nel governo europeo. 
L'Italia oltre ad essere un paese debole economicamene ha anche la disgrazia di avere una classe politica mediocre interessata solo agli interessi personali. Questi due gravi handicap comporteranno  che i cittadini italiani sono e saranno quelli che sopporteranno più di tutti il peso di questa Unione tanto  desiderata. Su di loro pende anche un'altra grande minaccia: quella di non raggiungere mai la parità con gli altri paesi europei. Se la storia si ripeterà,  anche quando l'unificazione sarà funzionante a pieno titolo,  ci sarà differenza tra italiani e tedeschi come oggi a distanza di un secolo e mezzo tra gli italiani del nord e quelli del sud.

Europeista scettico  


sabato 15 dicembre 2012

One man show

Carinola sembra sempre più desolata, più gelida e più abbandonata.  Al freddo pungente di quest’inverno, aggiungiamo la monnezza appesa ad ogni portone,  ammonticchiata in ogni angolo, svolazzante in ogni strada  e il quadro è completo: la desolazione più nera! Credo che Carinola non abbia mai raggiunto un livello così basso. A chi dare la colpa di questo collasso totale? Agli amministratori? Ai cittadini? Ai soldi che non ci sono?  Un po’ a tutte queste cose insieme. 
Ma la colpa principale la darei a chi questa situazione l’ha voluta ad ogni costo, al puparo regionale che pur di estromettere l’amministrazione precedente, ha messo insieme un’accozzaglia di persone demotivate ed incapaci. Quale era il suo vero scopo? Quello di favorire il territorio, di rilanciare Carinola? No, non credo. Forse era quello di sdebitarsi con i suoi amici, creando intorno a loro una situazione favorevole di immobilità in modo che potessero agire indisturbati. 

 A distanza di due anni e più, il Comune è precipitato nell’abisso dell’indifferenza e della desolazione. Non esiste una squadra amministrativa che si dia da fare per risolvere almeno qualche problema perché  non c’è mai stata una squadra. Ci sono sempre state solo delle persone che hanno restituito un favore al puparo candidandosi per farlo contento, ma in loro non era né la voglia né la capacità di amministrare.  
Sappiamo bene che non è possibile amministrare  senza la collaborazione di persone che abbiamo le stesse motivazioni e gli stessi scopi.  Oggi abbiamo un sindaco che chiamiamo incapace, e forse lo è,  ma io credo che sia soprattutto solo, uno che non ha l’appoggio dei suoi compagni di viaggio e nemmeno del suo puparo. 
A chi è giovata questa situazione? A noi carinolesi? Assolutamente no. E’ giovata solo agli amici degli amici e allo stesso puparo che si sente con la coscienza a posto perché ha ricambiato il favore, dimostrandosi, ai loro occhi, uomo di parola. 

A noi ha dato solo una spinta in più verso lo sfascio.

snowman

venerdì 7 dicembre 2012

Questioni di responsabilità

Non voglio alzare una discussione sulla prevenzione relativa ai disastri naturali e nemmeno individuare le responsabilità di coloro che avrebbero dovuto mettere in sicurezza il nostro territorio da tali improvvisi e devastanti avvenimenti. 
Voglio, invece, evidenziare come i nostri rappresentanti, i quali sono stati votati per gestire, superare le difficoltà che possono accadere nei nostri confini, si limitano a ordinare ai vigili urbani di porre semplicemente le transenne di plastica gialla nel luogo del disastro. Voglio parlare dello stato di abbandono e di  disinteresse in cui è stata lasciata la nostra “Fontana Vecchia”. Un simbolo della comunità casanovese e non solo che, ad oggi, è ancora invasa dal fango sceso giù dalla collina durante l’ultima notte di ottobre. Fango, detriti e scoli a cielo aperto questo è oggi la fontana vecchia. 
Messe le transenne sparito il Comune. La cosa più triste di questa situazione, a mio avviso, è la sordità dei nostri rappresentanti ed in particolare dell’assessore casanovese, nei confronti delle richieste dei residenti in merito ai tempi di recupero dell’area. Nessuno offre il minimo che dovrebbe offrire, ovvero: trasparenza. 
I disastri naturali capitano; ciò che non deve capitare è la lontananza verso quei cittadini che, credo, meritano almeno una presenza, una vicinanza, una risposta da chi ha una carica pubblica grazie ai voti del popolo. E’ triste vedere il degrado in un luogo simbolo della comunità casanovese, è deprimente vedere la strafottenza dei nostri rappresentanti. 
Il giovane assessore Di Spirito deve capire il significato del concetto di responsabilità morale che ha nei confronti del suo popolo e  particolarmente verso la frazione di Casanova,  in quanto è l’unico dell’apparato amministrativo che rappresenta il nostro paese. 
Di Spirito non ha abbandonato la sua natura infantile, nel senso negativo dell’accezione, e continua a giocare a fare l’assessore, dimettendosi quando non ha le competenze e le soluzioni ( vedi delega all’ecologia) e limitandosi a favorucci personalistici e di facciata trascurando le cose serie. L’assessore Di Spirito deve crescere e deve caricarsi dell’obbligo morale che i cittadini gli hanno regalato con il loro voto e non può limitarsi a fare il bullo con la sua macchina nera, scimmiottando modi e atteggiamenti di qui politici che oggi stanno distruggendo l’Italia tutta. 
Ritornando alla fontana vecchia, credo che sia un po’ pochino poggiare semplicemente delle transenne gialle e aspettare dal cielo un ripristino della zona ancora impraticabile, quasi come una palude. A questo punto,  chi di dovere dovrebbe almeno far finta di dare risposte sulle tempistiche o sulle metodologie da intraprendere per risolvere il degrado sotto gli occhi di tutti. Chi di dovere dovrebbe avere almeno l’educazione, nel momento in cui proprio non si comprende il concetto di responsabilità morale e di far finta di essere vicino a coloro che, vedendo tale situazione, si deprimono e si rattristano di tale abbandono. 
In attesa di una risposta posso solo augurare che qualcuno finisca di giocare all’assessore e , invece, provi a lavorare da assessore. 

inkiavikato  

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan