venerdì 7 dicembre 2012

Questioni di responsabilità

Non voglio alzare una discussione sulla prevenzione relativa ai disastri naturali e nemmeno individuare le responsabilità di coloro che avrebbero dovuto mettere in sicurezza il nostro territorio da tali improvvisi e devastanti avvenimenti. 
Voglio, invece, evidenziare come i nostri rappresentanti, i quali sono stati votati per gestire, superare le difficoltà che possono accadere nei nostri confini, si limitano a ordinare ai vigili urbani di porre semplicemente le transenne di plastica gialla nel luogo del disastro. Voglio parlare dello stato di abbandono e di  disinteresse in cui è stata lasciata la nostra “Fontana Vecchia”. Un simbolo della comunità casanovese e non solo che, ad oggi, è ancora invasa dal fango sceso giù dalla collina durante l’ultima notte di ottobre. Fango, detriti e scoli a cielo aperto questo è oggi la fontana vecchia. 
Messe le transenne sparito il Comune. La cosa più triste di questa situazione, a mio avviso, è la sordità dei nostri rappresentanti ed in particolare dell’assessore casanovese, nei confronti delle richieste dei residenti in merito ai tempi di recupero dell’area. Nessuno offre il minimo che dovrebbe offrire, ovvero: trasparenza. 
I disastri naturali capitano; ciò che non deve capitare è la lontananza verso quei cittadini che, credo, meritano almeno una presenza, una vicinanza, una risposta da chi ha una carica pubblica grazie ai voti del popolo. E’ triste vedere il degrado in un luogo simbolo della comunità casanovese, è deprimente vedere la strafottenza dei nostri rappresentanti. 
Il giovane assessore Di Spirito deve capire il significato del concetto di responsabilità morale che ha nei confronti del suo popolo e  particolarmente verso la frazione di Casanova,  in quanto è l’unico dell’apparato amministrativo che rappresenta il nostro paese. 
Di Spirito non ha abbandonato la sua natura infantile, nel senso negativo dell’accezione, e continua a giocare a fare l’assessore, dimettendosi quando non ha le competenze e le soluzioni ( vedi delega all’ecologia) e limitandosi a favorucci personalistici e di facciata trascurando le cose serie. L’assessore Di Spirito deve crescere e deve caricarsi dell’obbligo morale che i cittadini gli hanno regalato con il loro voto e non può limitarsi a fare il bullo con la sua macchina nera, scimmiottando modi e atteggiamenti di qui politici che oggi stanno distruggendo l’Italia tutta. 
Ritornando alla fontana vecchia, credo che sia un po’ pochino poggiare semplicemente delle transenne gialle e aspettare dal cielo un ripristino della zona ancora impraticabile, quasi come una palude. A questo punto,  chi di dovere dovrebbe almeno far finta di dare risposte sulle tempistiche o sulle metodologie da intraprendere per risolvere il degrado sotto gli occhi di tutti. Chi di dovere dovrebbe avere almeno l’educazione, nel momento in cui proprio non si comprende il concetto di responsabilità morale e di far finta di essere vicino a coloro che, vedendo tale situazione, si deprimono e si rattristano di tale abbandono. 
In attesa di una risposta posso solo augurare che qualcuno finisca di giocare all’assessore e , invece, provi a lavorare da assessore. 

inkiavikato  

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan