sabato 29 giugno 2013

Monnezza: ci provano di nuovo!

Il PUC, Piano Urbanistico Comunale, è un documento importantissimo perché pianifica le attività e gli interventi sul territorio comunale per diversi anni a venire. I cittadini attenti verso il loro territorio non dovrebbero perdere di vista lo svolgimento di questa pianificazione, ma dovrebbero tenerlo sotto stretta sorveglianza. Così non avviene a Carinola! Nonostante che  l'amministrazione in carica abbia invitato alla partecipazione ad un FORUM per il vaglio del PUC già elaborato fin dal febbraio scorso, ben poche associazioni si sono fatte segnare a questo FORUM.  Pochi e buoni, come si suol dire? Niente affatto. L'argomento è d'interesse comunitario e ognuno dovrebbe poter dire la sua. Il disinteresse verso certe tematiche è sorprendente oltre che pericoloso!
I partecipanti al FORUM, leggendo il documento di indirizzo del PUC, hanno potuto notare non poche spiacevoli novità che sicuramente non saranno gradite dal popolo carinolese.
Tralasciando le stesura carente del documento che sembra fatta solo di “copia incolla” visto lo scollegamento tra un paragrafo e l'altro; tralasciando l' insoddisfacente approccio con cui la maggioranza ha affrontato un simile documento e di cui la minoranza si è disinteressata; tralasciando il nome di “bomboniera” del litorale domizio che si vuole affibbiare a Carinola come fosse un paesotto del basso napoletano, la novità più sbalorditiva che emerge da un'attenta lettura del piano d'indirizzo PUC è la previsione di un sito di “compostaggio” sul territorio carinolese, che tradotto in termini semplici e comprensibili a tutti vuol dire: MUNNEZZA!
Ora dico e ribadisco con tutte le forze: CHI ha avuto la bella idea di proporre di nuovo  Carinola come sito di stoccaggio dopo quello che il popolo carinolese ha fatto per scongiurare un simile pericolo? CHI sono i consiglieri che hanno votato per questo incredibile progetto da realizzarsi sul nostro territorio? Non hanno recepito il messaggio della protesta di qualche anno fa? NO? Allora lo  ridiciamo molto chiaramente: NON VOGLIAMO MUNNEZZA A CARINOLA proveniente da altre parti della Campania. Ci basta già la nostra.
Il popolo non sarà contento di questa incresciosa decisione e noi faremo di tutto perché non lo sia. L'amministrazione deve assumersi le proprie responsabilità e spiegare al popolo carinolese i motivi di questa decisione; perché i consiglieri di maggioranza l'hanno approvata e perché i consiglieri di minoranza l'hanno fatta approvare.
Attenti amministratori, state scherzando con il fuoco! Rischiate di bruciarvi! Se volete la guerra con i cittadini, l'avrete sicuramente.

Zapata

venerdì 28 giugno 2013

Altrimenti, ci arrabbiamo...

Linee di indirizzo del Piano Urbanistico Comunale: quindici pagine che cominciano male e finiscono peggio. Nel mezzo, bisogna riconoscerlo, tante belle idee e proposte per rilanciare il territorio che per il momento possiamo solamente leggere nella delibera n°19 del 28 febbraio scorso. Si tratta di un atto partorito dall'assessore all'Urbanistica e che servirà come base per i progettisti del Puc, strumento strategico di pianificazione e sviluppo, su cui la Giunta De Risi Marrese Russo, ha aperto pure un Forum. Speriamo solo che questo non serva solo a far scena.


Dicevamo, si parte male quando all'inizio dell'atto d'indirizzo si definisce Carinola la "Bomboniera del litorale Domitio". Perchè storpiare le cose? Pensiamo che sarebbe stato piu' semplice e nobile riprendere la definizione Rosi-Venturi, "Carinola, Pompei del Quattrocento", originale, dal forte richiamo turistico e con valenza storica. Qualcuno sembra che l'abbia già fatto notare, ora speriamo nel buon senso.

Nel mezzo,quindi, troviamo tanti "Piani", recupero dei centri storici, percorsi turistici, sicurezza idreogeologica del territorio, impianti fotovoltaici, naturalmente Bandiera Blu, addirittura rilancio del mercato settimanale, sostegno ad agriturismi, insomma sembra di leggere un piano di sviluppo d'un Comune della Toscana o del Veneto.

Benissimo, solo che scivolando verso la fine s'incontra il Piano energetico comunale e tra i punti, la costruzione di un impianto di compostaggio della frazione organica dei rifiuti. Cos'è sta roba?Bene, non vorremmo avere pregiudizi se non ci fossero stati negli anni scorsi almeno tre loschi tentativi d'impiantare discariche, affari e malaffare a Carinola. Tanto per cominciare nel programma elettorale ImpegnoinComune, semmai si parla di isole ecologiche, ma mai di siti di compostaggio. O allora si tratta di un sito a sola ricezione comunale? E se si quali garanzie, dove sarà localizzato e chi lo gestirà? 
Comunque, non provateci nemmeno stavolta, altrimenti ci arrabbiamo.

sabato 22 giugno 2013

Diritti gay, l'oppio della sinistra

I diritti dei gay sono sempre stati uno dei vessilli  della sinistra italiana. Qualunque governo guidato da
uomini della sinistra sventola qualche nuova legge per i gay. Qualunque manifestazione di questi trova sempre qualche esponente di alto livello di sinistra che interviene.
L'ultimo raduno che si è tenuto a Roma ha avuto la partecipazione ufficiale di un ministro e del presidente della camera oltre a molti deputati. Essere gay è per la sinistra è l'unico valore che ancora la differenzia dai partiti di centrodestra in quanto per tutto il resto sono ormai omologati. Essere gay è stato sempre sinonimo di libertà, progressismo oltre che di lotta civile. La sinistra italiana che pensa di incarnare questi valori ha arruolato tutte le categorie di gay. Siccome il numero dei gay è in forte incremento anche per la conquistata libertà di dichiararsi vengono corteggiati e coccolati. Fino a che punto lo facciano per quello che rappresentano o per mero calcolo elettorale è da verificare. Hanno avuto  il deputato transgender poi la lesbica adesso quello omosessuale classico. La categoria dei gay è stata sempre rappresentata in parlamento nelle fila della sinistra dando loro più risalto che ai lavoratori. 
Perfino il governo dell'abatino Prodi propose una legge per loro che poi sparì nel nulla adesso ci riprova questo governo ma il finale sarà lo stesso. La sinistra che pensa solo alla propaganda e poco a risolvere i problemi di chi la vota non farà mai l'errore di approvare una legge risolutrice per i gay. Sono interessati  solo al loro consenso e perciò devono tenere sempre attivo il problema facendo finta di volerlo risolvere. Successe lo stesso nel dopoguerra quando fecero credere ai contadini che avrebbero avuto la terra diventandone padroni. Ripeterono il giochetto quando la nazione fu fortemente industrializzata facendo credere agli operai che avrebbero condiviso gli utili. Hanno distrutto l'agricoltura e le fabbriche ed i lavoratori sono ridotti peggio di prima. 
Probabilmente faranno lo stesso con i gay difendendoli in ogni momento e promettendo chissà quali diritti dando loro al massimo un registro dove iscriversi. Come tutte le battaglie della sinistra anche quella per i diritti dei gay finirà nel nulla per i gay ma con tanti voti per gli esponenti della sinistra che sono maestri nell'addormentare le coscienze.


Oscar Wilde

mercoledì 12 giugno 2013


Facciamo un gioco, scateniamo l’immaginazione.   

Sogno un Comune senza affari, pure senza soldi ma con un sindaco nuovo, giovane, donna o uomo che sia, che abbia idee, mille idee vere per renderci felici. Tutti felici, non qualcuno.

Sogno un Comune dove non esistano terreni incolti, perché un mercato settimanale raduna agricoltori e centinaia di utenti.

Sogno un Comune dove lavori un ufficio del turismo.

Sogno un Comune con una ditta locale che raccolga veramente i rifiuti differenziati.

Sogno un Comune dove i vecchi politicanti dicano  “ si è vero, mo basta, facciamo qualcosa di serio, è meglio che ce ne stiamo a casa”.

Sogno un Comune dove i cittadini siano forti, lottino, a viso aperto, tutti i giorni, per difendere i propri diritti.


E voi, mica sognate ancora?

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan