sabato 27 luglio 2013

atti di quotidiano clientelismo



Su segnalazione linkiamo questo articolo .


nota del segnalatore: Guarda guarda chi sbuca fuori tra gli incaricati... Giuseppina di biasio, figlia di Pasquale.. Leggete all'interno dell'articolo.



domenica 21 luglio 2013

Strani Pensieri


Sono uno dei tanti ragazzi di questo comune.


Uno di quelli che ha dovuto lasciare il carinolese per la stessa motivazione che ha spinto quasi tutti i ragazzi carinolesi a farlo: "quella di cercare un futuro", un "futuro" parola divenuta troppo rara in queste zone.

Sono stato via quasi un decennio e dopo diverso tempo, come si nota la differenza di crescita in un ragazzino nel non vederlo per un certo periodo di tempo, a differenza di chi ci vive a contatto giornalmente, ho avuto un'impressione che definirei tristissima: questo comune sta morendo e lo sta facendo ad una velocità preoccupante.

Ricordo quando sono partito, si scherzava sul fatto che se pur essendo un comune piccolo e desolato, almeno l'estate sembrava rinascere. Non succede più, siamo in estate e non è cambiato niente; i giovani sono sempre di meno; le possibilità di lavoro praticamente nulle o quasi; le strade sempre più rovinate; le piazze sembrano essere il residuo di città in rovina; sempre meno persone in giro; molti locali chiusi o lo stanno facendo, ecc...

Dovè il sindaco in tutto questo?
Dove sono i consiglieri?
Dove sono gli assessori? E tutte quelle promesse di rinascita del comune? Di lavoro? Di sostegno e proggetti per i giovani?

Sono certo che si staranno impegnando tutti fino all'esasperazione per proteggere il nostro territorio dato che è anche il loro. 

Stanno cercando di rilanciare questo comune. Non stanno certo pensando a restituire favori ricevuti, finanziamenti o altro.
Sono persone di un certo livello. Non stanno certo inserendo nel nuovo piano regolatore un sito di stoccaggio rifiuti che potrebbe dare il colpo di grazia a questo comune o a tutto il territorio.
Non si perderanno mica a vecchie ripicche risalenti al periodo delle elezioni.
No loro sono diversi da tutti gli altri...dopotutto l'hanno detto loro.
Spero ed invito tutti i cittadini del carinolese ad aprire gli occhi, indipendentemente dal pensiero politico...è la vostra casa. 

Abbiatene cura!!
Un saluto a tutti!!
Melkor

venerdì 19 luglio 2013

CAMPANIA POLITICA




La “fortunata” moglie del consigliere Massimo Grimaldi, nel bilancio per l’incarico di Portavoce del Presidente Romano 102mila euro all'anno.



Napoli, 17 lug - Mentre diversi giornalisti campani impiegati come addetti stampa dei consiglieri regionali sono senza contratto (e senza stipendio) dall'inizio del 2013, il Presidente Paolo Romano ha al proprio fianco, in qualità di Portavoce, la dottoressa Alessandra Cappabianca, giornalista e moglie del consigliere Massimo Grimaldi, attuale Presidente della Commissione Bilancio e “caldoriano” di primo rito. In tempi di crisi profonda come quello attuale la dottoressa Cappabianca sembra proprio una fortunata grazie ad un incarico economicamente da capogiro. Almeno questo è quello che si comprende guardando i numeri del bilancio della Regione Campania. Nel previsionale 2013, infatti, tra le voci di uscita del Consiglio Regionale, all'Upb 6 Capitolo 6093, sotto la voce ambigua "Comunicazione esterna - art. 7 Legge 150/2000" (la norma nazionale che prevede l'istituto del Portavoce, ndr), è appostata la cifra di 102mila euro. 
Non conosciamo nei dettagli il contratto della dottoressa Alessandra Cappabianca, né dubitiamo della sua bravura e professionalità. Ma c’è da chiedersi: si può mai impegnare una cifra così elevata per un solo professionista, peraltro alla prima esperienza in un ruolo così delicato? E la dottoressa Cappabianca, moglie del consigliere regionale Grimaldi, con il suo incarico di Portavoce del Presidente Romano, non rappresenta una violazione palese della legge denominata "Campania Zero" che fu approvata a luglio 2012 ? 
La legge fu pomposamente strombazzata come taglia-sprechi e taglia-privilegi, perché tra i suoi articoli si stabilisce, tra l’altro, che i familiari dei consiglieri non possano assumere incarichi in Regione. Precisamente la legge stabilisce che la Regione Campania non possa nominare o designare «coniugi o parenti in linea retta, ascendente o discendente, di consiglieri o assessori in carica». Ed invece la consorte del consigliere Grimaldi è lì che svolge il ruolo di Portavoce di Romano, l’organismo di vertice dell’assemblea campana. 
Un'altra assurdità nella Campania di Stefano Caldoro e dei socialisti 2.0, una regione dove non mancano favoritismi, privilegi e sprechi di denaro pubblico.

Scritto da Notix1

Fonte


sabato 13 luglio 2013

PUC arma di distrazione di massa



         
    La storia infinita del piano urbanistico comunale di Carinola continua trascinandosi ormai da un ventennio. La stesura del nuovo piano regolatore, come si definiva allora, fu affidata ai tecnici dal compianto sindaco Matano. Lui era convinto di portarlo in consiglio per l'approvazione nel giro di pochi mesi: sono passati quasi venti anni ma non si arriva ad una proposta definitiva. 

            Intanto si sono fatte sull'argomento varie campagne elettorali, particolarmente le ultime. L'attuale sindaco promise in campagna elettorale di approvarlo entro Natale: ci fu una piccola dimenticanza nel non dire il Natale di quale anno e pertanto è ancora in discussione. Per oltre due anni è stato tenuto nei cassetti senza nemmeno guardarlo, poi all'improvviso ha conquistato la scena politica. Questo risveglio improvviso ha qualcosa di sospetto visto che in questi mesi l'amministrazione comunale sta portando a termine operazioni politicamente discutibili in tema di assunzione di personale. Il sindaco forestiero ha assunto il tecnico comunale suo compeasano, ha assunto il comandante dei vigili del paese dove il suo sponsor politico prende molti voti oltre alle tante consulenze ed incarichi legali "pesanti" dati fuori dai confini di Carinola. 
      
        Tutto questo tra feste di benvenuto con le congratulazioni e la documentazione di qualche avvocato locale specializzato in incidenti stradali passato da qualche anno al giornalismo.

         L' imminente assunzione di nuovi vigili, visti questi precedenti,  fa pensare che è pronto ad assumere anche vigili non di Carinola. In voti rendono molto di più. I posti dati agli stranieri infatti in termini di voti rendono molto di più che se dati ai locali. E' risaputo che se si prendono i locali ne accontenti uno ma ne scontenti cento. 

           Per evitare polemiche aspre e che qualche gattino apra gli occhi all'improvviso è scoppiato il caso sito di compostaggio. Questa discussione molto accesa sull'argomento anche se utile sembra innescata apposta per distrarre i cittadini. Un comune che ha il record mondiale di mancanza di posti di lavoro è assurdo che assuma persone estranee al territorio, oltreteutto sono pagate con le tasse dei carinolesi. 
          
           Sicuramente questo non accade nei comuni limitrofi dove un sindaco che tentasse qualcosa di simile in serata si troverebbe licenziato. Qui non se ne discute e si fa in modo che ci si distragga con altri argomenti. Tutti dovrebbero sapere che con la legge pensionistica attuale quando si occupa un posto lo si tiene fino alla morte perciò è una occasione unica. Assumere personale residente vuol dire anche far restare soldi nel comune che aiuterebbero un' economia locale tanto disastrata. 
Queste riflessioni al sindaco e co. non interessano, loro devono seguire le direttive che arrivano dall'alto per restare a vita sul comune. Non si comprende come i cittadini comuni con problemi occupazionali gravi accettino supinamente queste azioni al dir poco scandalose. Forse non li si fa riflettere su questi argomenti inducendoli a pensare ad altro

          Ogni mezzo per distogliere l'opinione pubblica da queste tematiche è buono. Quello del PUC è il migliore anche se non lo si approverà mai per non privarsi di una importante arma di distrazione delle masse popolari.

L'osservatore carinolese



giovedì 11 luglio 2013

La rivoluzione casalinga di Gino&Maria




La noia e la routine, il caldo e le ferie lontane. Bollette scadute ed in piu' in paese non si parlava piu' delle solite cose, ma anche di "energia", sito di "compostaggio" e sembrava che Di Biasio fosse addirittura contro, il primo difensore dell'energia pulita e rinnovabile.  Insomma, Gino e Maria erano abbastanza ammorbati e sopratutto confusi.
Quella mattina Gino rimase nel letto fino alla dieci passate. Alle undici sali' Maria col suo prendisole a fiori blu. Una volta Gino ne andava pazzo.
Che hai Gino stamattina, non ti vuoi alzare?
Dalle lenzuola usci' un grugnito comprensibile solo a Maria.
Che tieni, dai dovevamo prendere le pummarole nell'orto?!
Un altro grugnito.
Ho capito che vuoi..
Ancora un grugnito.
Oh!!Ma basta mo!!Io non ce la faccio piu' e ci mancavi solo tu!!
Allora Gino esce lentamente dalle lenzuola e apre finalmente la bocca, ma non dice niente nemmeno stavolta.
Dai dimmi...
Ehm...Maria io non riesco piu' a far l'amore...
Eh, perchè?
Perchè penso alla rivoluzione!
E dove la vuoi fare la rivoluzione a Carinola?
Si, cioè no, se si cominciasse a cambiare tutta questa specie di buoni a nulla, che pensano ancora alle discariche..capisci che sarebbe un primo passo importante verso...
Maria sali' sul letto, Gino resto senza fiato. Il prendisole era a terra.
Senti Gino, ma non credi che dovremmo cambiare prima noi?
Cioè, vuoi dire, cambiare... posizione?
....Vabbè anche, ma intendevo cambiare dentro.. Dai ne parliamo un'altra volta, magari quando prendiamo le pummarole
... ora fa troppo caldo..


 

venerdì 5 luglio 2013

Il PUC non convince i “forensi”.

Gli aderenti al FORUM del PUC non sembrano davvero molto contenti di come si vanno a mettere le cose. L'amministrazione De Risi sembra intenzionata  a proseguire nelle proprie linee di indirizzo senza tener conto delle concrete proposte dei partecipanti. Si ha davvero l'impressione che tutte le linee d'indirizzo del documento siano inconsistenti e girino intorno ad un unico, grande progetto:  la realizzazione di un sito di compostaggio per la  sola Carinola in luogo da destinarsi.

Durante la riunione del 1 luglio, in cui erano presenti rappresentanti della maggioranza, il sindaco ha reagito con veemenza alla definizione di “discarica”, specificando che “sito di compostaggio” e “discarica” non è la stessa cosa. Quando gli animi sono stati ridotti a ragionevolezza, De Risi ha spiegato il perché della presenza di quella voce progettuale nell'ambito del piano energetico del PUC,  i cui punti  forza  sarebbero un risparmio economico di circa 300.000 euro annui e cinque posti di lavoro (pochini!) Ha anche sottolineato che se una sola persona non è d'accordo,  il progetto non si realizzerà.
In un primo tempo i presenti sono sembrati rassicurati dalle parole del sindaco e siccome nessuno era d'accordo con la realizzazione dell'impianto hanno invitato il primo cittadino a stralciare quella voce dal PUC. Le perplessità sono arrivate subito dopo:  non solo il sindaco non ha voluto eliminare quella voce, ma  ha  ribadito che il progetto sulla carta va fatto perché solo se si ha in mano un progetto si può dire che non piace e si può stralciare.

Ora le riflessioni da fare  sono tante:
1) perché si vuole per forza far progettare un sito di compostaggio che non si vuole realizzare, spendendo migliaia di euro per il progetto stesso?
2) Non pensiamo che un sito di compostaggio posso servire la sola Carinola. Siccome per far funzionare un impianto energetico ci vogliono molte migliaia di tonnellate di umido che Carinola non produce, il sito sarà sicuramente aperto ad accogliere l'umido del litorale domizio di cui Carinola fa parte.
3) Siamo in Campania e non in Svezia o Svizzera e sappiamo benissimo come possono evolversi le cose. Ciò che nasce per uno scopo, può facilmente trasformarsi in tutt' altro perché, in caso di emergenza, può essere requisito dalla Regione o dallo Stato. Per non parlare di altri interessi che potrebbero subentrare.
Secondo gli aderenti al FORUM, sotto questo questo sito di compostaggio si nasconde un vero disegno criminale: a Sparanise si sta costruendo un impianto di biogas che dovrà essere alimentato da materiale organico. Da dove proverrà questo materiale? Dal sito di compostaggio di Carinola. Sappiamo che l'impianto di biogas funziona con il mais. Succederà che tutto il territorio carinolese sarà coltivato a mais e che il mais, per giungere a maturazione, subirà trattamenti con anticrittogamici molto forti, tanto la pianta servirà per essere bruciata e non per essere mangiata.  Tutto il territorio sarà avvelenato dall'aggressione di potenti anticrittogamici con conseguenze infauste per l'agricoltura e per la salute dei cittadini.  

Pensiamo che quest'amministrazione abbia tenuto presente ogni possibilità negativa; se non lo avesse fatto sarebbe un'amministrazione molto ingenua o molto incurante del benessere pubblico. E allora perché vuole rischiare sul futuro di Carinola?
Altra considerazione è che l'amministrazione sa bene che il sito di compostaggio non si farà, però non può esimersi dal presentare almeno il progetto. Perché? Chi bisogna accontentare? Il tecnico che farà il progetto o la parte politica  che si è compromessa nell'intero disegno energetico regionale?
Gli interrogativi sono tanti e le risposte che possono derivarne non soddisfano i forensi che si stanno realmente dando da fare per presentare delle ottime proposte concrete le quali, probabilmente non saranno prese in considerazione.
E mentre tutta l'Italia riscopre l'agricoltura e l'imprenditoria agricola giovanile, l'amministrazione carinolese va controcorrente e si da all'impiantistica per avvelenare definitivamente quello che ancora ci rimane di buono e per trasformare in peggio l'identità agricola del territorio.
Non credo che si possa permettere uno scempio simile: nemmeno a pensarlo per gioco.

Greenpeace


 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan