sabato 12 ottobre 2013

Noi responsabili della morte dell' Annunziata

Questo tempo così piovoso, così umido, così impietoso è proprio quello che ci vuole per i nostri beni culturali che aspettano ancora, ahimè, di essere restaurati. Ma quando?.... E intanto penso all'Annunziata, a quella “chiesa con qualche quadruccio”, come la chiamò un personaggio molto in alto dell'attuale amministrazione, a cui farà molto bene tutta quest'acqua. Essa, l'acqua, continuerà a colpire  i vecchi canali otturati da una fitta, esuberante vegetazione; continuerà a scorrere  lungo  i muri, ad annerirli, ad impregnarli di umidità, a penetrare all'interno, a rovinare gli affreschi. E la quattrocentesca “chiesa con qualche quadruccio” resterà lì imperterrita ad accogliere tutto quello che il cielo e gli uomini le mandano: acqua e indifferenza. Qualcosa si sta muovendo? Lo spero, ma bisogna operare in fretta: il degrado, quando è iniziato, cammina velocemente e solo dei pronti interventi possono fermarlo. Aspettare è sempre un rischio molto grosso e a Carinola, chissà perché, non si ha mai fretta di intervenire. E invece la fretta è necessaria per salvare l' Annunziata o sarà troppo tardi. Ricordiamoci che, oltre a salvare un pezzo importantissimo del nostro patrimonio storico-artistico,  è nostro obbligo morale custodire questi beni per le future generazioni le quali, a ragione, potranno accusarci di non essere stati dei buoni custodi, di aver lasciato cadere per noncuranza un monumento che appartiene a tutte le generazioni carinolesi, passate, presenti e soprattutto future.
Responsabilmente, adoperiamoci con ogni mezzo per salvare l'Annunziata dal degrado, dall'indifferenza e restituiamola al culto, in modo che essa possa vivere e sopravvivere ancora per molti secoli.

 sos





 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan