domenica 24 novembre 2013

FACILE DIRE PARCO


     Quando si discute di parco regionale in molti si evocano sogni di un ambiente sano non toccato dalla mano dell'uomo dove gli animali vivono felici ed indisturbati. Uno di questi sognatori certamente è l'attuale sindaco di Carinola, gingerino per gli amici. Lui vede le colline di Carinola popolate da volatili che si accoppiano e riproducono felici mentre nel sottobosco grufolano i cinghiali insieme agli istrici e ai caprioli mentre farfalle variopinte si librano sui fiorellini dei prati. 
  
    Li vede attraversati da sentieri ben puliti in cui lui corre vestito della sua tuta rossa. Sogna le scolaresche che passeggiano nei boschi con le maestre che illustrano loro le varietà di fauna e di flora rigogliosa ed intatta. Forse sogna anche la reintroduzione del lupo ed anche qualche orso marsicano che diventerebbe massicano. La realtà è altro in quanto i parchi regionali in questa regione sono realtà ben diversa. I parchi campani furono istitui con la L.R.n. 33 del 1 settembre del 1993 pertanto proprio in questi giorni ricorre il ventesimo anniversario. Un ente che ha venti anni dovrebbe essere super efficiente e vitale invece serve solo a dare lo stipendio a qualche politico sfigato e a dar fastidio a chi ha la sfortuna di abitarvi. Oltretutto basta leggere la legge per rendersi conto che quasi tutta riguarda gli organi direttivi del parco. 

     Se il sindaco invece di sognare facesse una corsetta a Roccamonfina o al lago di Falciano capirebbe cosa vuol dire parco regionale in Campania. A parte i vantaggi per i politici, per i residenti solo impedimenti. Non si può costruire un chiosco con un bagno, non si può costruire nè riattare un' abitazione, non si può tagliare un albero e nemmeno lavorare il terreno profondamente. Qualunque attività deve essere autorizzata e con la burocrazia che è irresponsabile vuol dire non avere risposta e restare fermi per mesi. Se proprio volesse fare qualcosa di positivo e di pratico si leggerebbe la L.R.n. 4 del 30 settembre 2008 che riguarda le comunità montane. Leggendo le finalità delle comunità montane si ha la possibilità di accedere ai finanziamenti per curare i boschi, gli stradelli che li attraversano ed anche fonti di acqua per la fauna. 

    Oltre a tutti i vantaggi sarebbe molto più semplice chiedere di essere inseriti nel territorio della C.M. Santa Croce almeno per la parte collinare. Amministrativamente sarebbe un atto meno complicato bastrebbe avere l'ok della comunità e la presa d'atto da parte della regione Campania. Questa seconda ipotesi forse è troppo semplice e troppo reale per un sindaco sognatore ed una giunta ignava e pertanto continueranno a progettare sogni e discutere del nulla.

Non sognatore

martedì 19 novembre 2013

Lascito al Comune

Da quando si è insediata la nuova giunta la parola d'ordine è stata sempre la stessa, non ci sono soldi.
Non ci sono soldi per le attività culturali, nè per le buche, nè per le bollette nè per qualunque voce non strettamente prevista in bilancio. adesso si è saputa la bella notizia: un pò di soldi ci sono.

La settimana scorsa il notaio ha convocato il sindaco in gran segreto. Oggetto della convocazione era un lascito ereditario che una ricca nobildonna ha devoluto alle casse comunali. L'ammontare è di circa settantamila euro l'anno nella piena disponibilità dell'amministrazione. D'obbligo la successiva riunione di giunta a porte sigillate per decidere dell'utilizzo della somma ricevuta in regalo. Dopo ampia discussione come si dice in questi casi si è giunti ad una decisione a maggioranza. Messe da parte le varie proposte di finanziare un fondo per i poveri o per le emergenze fuori bilancio si è deciso di ripristinare lo stipendio per gli amministratori. 

La vecchia guardia ha sempre sostenuto che spettasse loro l'indennità di carica, oltretutto qualcuno è vissuto sempre solo con quella. Le perplessità del sindaco sono state fugate dall'escamotage che gli è stato proposto. Da volponi della politica gli hanno suggerito di dichiarare che comunque i fondi sarebbero andati in beneficenza. L'unica differenza che invece di uscire direttamente dalle casse dell'economato comunale sarebbero usciti dalle loro ma sempre per lo stesso fine. 

Il sindaco ha avuto più di qualche tentennamento in quanto uno dei punti salienti della sua campagna elettorale era che avrebbe rinunciato all'indennità. Alla luce della proposta degli assessori che rendeva tutti tanto generosi si è fatto convincere ed ha firmato la determina. Dal prossimo anno i poveri del comune potranno contare su settantamila euro che saranno elargiti loro dal sindaco e dalla giunta.

Informatore

Risultati Sondaggio










sabato 9 novembre 2013

Figli di un Dio maggiore

Le polemiche di questi giorni sull'intervento del ministro della giustizia in favore di una sua amica sono
ancora molto accese. Nonostante il palese tentativo di far passare sotto silenzio l'accaduto si continua a dibattere sull'argomento soprattutto grazie al movimento cinque stelle. Anche se hanno la faccia di bronzo comunque si sono visti molti sguardi abbassati in parlamento durante l'audizione del ministro. Il premier Letta addirittura ha omesso volutamente di stringerle la mano come di prassi per far comprendere il proprio imbarazzo. La storia è sempre la stessa in Italia c'è un circolo di potenti a tutti i livelli per i quali non esiste crisi in quanto si proteggono e si scambiano favori uno con l'altro. Approfittando delle amicizie dei genitori i figli ed i congiunti sono tutti superman e guai a chiamarli raccomandati. E' bravissimo il figlio della Cancellieri che ha guadagnato cinque milioni di euro per un anno di lavoro. Lui è stato bravissimo come dice la madre, ma l'azienda è fallita. Adesso è passato in un'altra azienda a cui la madre ha fatto qualche favore e facilmente farà la stessa fine. E' bravissimo Michel Martoni perchè a meno di trenta anni è professore universitario e pertanto ha diritto di definire sfigati i suoi coetanei disoccupati. E' bravissima la moglie di D' Alema, docente nell'università sovvenzionata con i soldi di Monte dei Paschi di Siena anche questa fallita. E' bravissimo il figlio di Bassolino che lavora in una banca con cui il padre ha concluso transazioni vantaggiosissime, per la banca ovviamente. Sono bravissimi i figli di Di Biasio che lavorano nello studio a cui il padre procura gli incarichi. E' bravissima la moglie del consigliere Grimaldi assunta dal presidente del consiglio regionale con lo stipendio di più di centomila euro, bravissimo anche il fratello di Grimaldi che grazie a lui aggiunge seimilacinquecento euro mensili al proprio stipendio di ex vigile. 
Questi sono solo alcuni casi del bel modo di vivere di chi appartiene alla casta, le persone normali? 

Devono solo pagare e votare per loro.

Pagante

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan