mercoledì 28 maggio 2014

Ehy gente sentito?c'è Giggi su Whatsapp..!





COMUNE DI CARINOLA
Provincia di Caserta
Ufficio del Sindaco

AVVISO PUBBLICO DI AVVIO DI ATTIVITÀ SPERIMENTALI DI MONITORAGGIO DIFFUSO E SEGNALAZIONE DEI DISSERVIZI ATTRAVERSO RAPPORTI DIRETTI DEI RESIDENTI CON IL PRIMO CITTADINO, CON L’AUSILIO DELLE TECNOLOGIE TELEMATICHE E ATTIVAZIONE DELLA WEB COMMUNITY “DILLO AL SINDACO”.

IL SINDACO
RENDE NOTO E AVVISA
che è sua intenzione, in via sperimentale, mettere in essere un’attività di relazione non mediata con i cittadini e con i residenti dei vari quartieri e frazioni e/o con loro rappresentanti, al fine della segnalazione diretta delle inefficienze, delle carenze e delle disfunzioni nei pubblici servizi, con particolare riferimento all’erogazione dell’acqua corrente, alla manutenzione delle strade e alla raccolta dei rifiuti.
I diffusi dispositivi informatici e le tecnologie telematiche rendono praticabile, on line, tali attività di corrispondenza immediata e all’uopo sarà aperto, nella nota applicazione “whatsapp”, un gruppo di conversazione cui saranno chiamati ad iscriversi tutti coloro che intenderanno collaborare nelle attività di controllo puntuale del territorio, indicando con la messaggistica le criticità da rendere note al Sindaco .
Al  gruppo whatsapp sarà dato il nome di “DILLO AL SINDACO”  e chiunque, tra i cittadini, vorrà parteciparvi, singolarmente o in rappresentanza informale di altri cittadini, potrà comunicarlo alla Segreteria del Sindaco inviando all’indirizzo segreteria@comune.carinola.ce.it  e-mail in cui fornirà generalità, residenza e il numero di telefono corrispondente al collegamento on line con cui accederà all’applicazione. I richiedenti riceveranno il numero di telefono del Sindaco da aggiungere alla propria rubrica.
Il gruppo “DILLO AL SINDACO” sarà seguito direttamente dal Sindaco, che parteciperà in prima persona alle conversazioni, che saranno tracciabili, visibili a tutti e senza la possibilità di intervenire in modo anonimo, vista la correlazione tra il numero di telefono fornito e il proprietario del numero stesso.
Carinola, lì 27 Maggio 2014
                                                                                                                                  Il Sindaco

                          Luigi Salvatore Angelo De Risi

sabato 24 maggio 2014

La rabbia e la speranza


 La campagna elettorale finalmente è terminata col sollievo di tutti. Certamente la peggiore degli ultimi anni, infarcita di insulti ed accuse reciproche, senza l'ombra di un programma. Ognuno ha usato i propri slogan per sostenere il proprio partito o contro gli altri. Lo slogan migliore è certamente quello di rabbia e speranza che è quello che più identifica l'italiano con un pizzico di cultura e di onestà. 

 La rabbia di chi si vede aumentare ogni giorno le tasse senza riuscire a capire l'ammontare. La rabbia di chi deve pagare dei professionisti per pagare le tasse. La rabbia di chi non riesce a trovare un qualunque lavoro ed è accusato di non voler lavorare. La rabbia di chi vede le proprie tasse usate per i viaggi della Boldrini e della sua corte o di Renzi per la campagna elettorale. La rabbia nel leggere di stipendi a cinque zeri o addirittura milionari di chi non riesce a raggiungere i mille euro. La rabbia nel leggere di scandali continui nelle banche sovvenzionate dallo stato mentre non si riesce ad avere un prestito di qualche centinaio di euro. La rabbia di chi assiste al vilipendio della democrazia con l'abolizione del voto per le province e per il senato. La rabbia di chi assiste alla trasformazione della repubblica in monarchia con a capo un vecchio comunista. La rabbia di chi assiste alla scalata del potere di persone insignificanti nominate da forze oscure. La rabbia di vedere tante persone che assistono indifferenti allo scempio continuo di questo stato. La rabbia nel vedere la più bella nazione del mondo comdannata ad un rapido declino perchè nelle mani di politici incapaci. La rabbia nel vedere i monumenti unici al mondo affidati a persone ignoranti o a ricercatori dell'appalto facile. La rabbia di vedere una classe politica autorefereferenziale lontana dai problemi delle persone comuni.

 Fortunatamente c'è la speranza che tutto o qualcosa cambi eleggendo giovani onesti e volenterosi di porre freno a questo disastro. La speranza che è che votando il M5S si eleggano persone che rappresentino gli interessi dei cittadini in una Europa fatta di burocrati superpagati e banchieri senza scrupoli. 

 La speranza che questa ventata di onestà spazzi via un parlamento di nominati e di bellocce chiacchierine. La speranza che siano sostituiti da persone capaci che si dedichino a risolvere i problemi non ad aggravarli. La speranza che tutti quelli che hanno provocato questo disastro spingendo l'Italia al fallimento siano allontanati per sempre dalle istituzioni. La speranza che tutti capiscano che questo è il momento di agire votando nel modo giusto o restare nella rabbia fino alla prossima concessione di voto.

Cittadino speranzoso 

mercoledì 14 maggio 2014

Elezioni europee, ecco come funziona



Il 25 maggio dalle 7 alle 23 siamo chiamati ad eleggere i nostri rappresentanti del Parlamento europeo e per la prima volta indicheremo il candidato presidente della Commissione (ossia il capo del Governo dell'Ue con poteri esecutivi).

 L’Italia elegge  73 eurodeputati, così spartiti tra le cinque circoscrizioni nelle quali la legge elettorale elettorale in vigore per le europee divide il nostro Paese:

Italia nord occidentale (Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia): 20 seggi

Italia nord orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna): 14 seggi

Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio): 14 seggi

Italia meridionale (Campania, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria): 17 seggi

Italia insulare (Sicilia, Sardegna): 8 seggi.

A Carinola la scheda in cui votare è di colore arancione, bisognerà quindi fare una X sul simbolo della lista, e scrivere fino a tre preferenze ( cognome del candidato al parlamento), a condizione che solamente due di essi possono  essere dello stesso genere. La terza preferenza, ad esempio in caso di due candidati uomini, dovrà andare ad una donna, altrimenti sarà annullata in sede di scrutinio.

Ed ecco i candidati alla presidenza della Commissione già palesati:

Martin Shultz, tedesco, progressista, Pse.

Guy Verhofstadt, belga, liberale, Alde.

 Alexis Tsipras, greco, sinistra, l'altra Europa. 

José Bova e Ska Keller, Verdi Europei.

Jean Claude Juncker, lussemburghese, conservatore, Ppe.

Ed ecco, infine, tutte le liste presentate, (da ilPost.it) con i nomi di tutti i candiati: 
Italia Meridionale
(Campania, Calabria, Basilicata, Abruzzo, Molise, Puglia)



Andiamo a votare, decidiamo noi chi ci governa.





martedì 6 maggio 2014

La chiesa è sempre avanti


La notizia dell'avvicendamento dei sacerdoti all'interno della diocesi di Sessa A. ha colpito molti. In particolare la comunità di Casanova in quanto anche il proprio parroco sarà trasferito in altra sede. 

Moltissimi hanno espresso il loro rammarico per tale decisione proclamando il proprio affetto all'attuale parroco. Don Carlo ha saputo negli anni istillare la sua bontà innata in tutti coloro che lo hanno contattato, in particolare i bambini. E' stato un parroco che oltre alle attività religiose si è anche interessato delle problematiche amminitrative dei suoi assistiti. Quella da ricordare è di quando si oppose all'amministrazione comunale che tentava di creare una discarica a pochi metri dalle case di Casanova. Quell'episodio gli alienò le simpatie di qualche politicuccio paesano ma accrebbe molto la sua figura di pastore.  
Il suo spostamento non è dovuto ad una pensata del vescovo ma a precise direttive del Papa che vuole i sacerdoti al completo servizio della comunità. Per far questo è giusto che ci sia rotazione degli incarichi in modo che i sacerdoti accrescano la propria esperienza ridandola alle comunità guidate da loro di volta in volta. L'avvicinamento della chiesa al popolo che ogni giorno il papa testimonia con la sua opera purtroppo si traduce anche in azioni dolorose come queste. La chiesa se è viva e prospera da migliaia di anni lo deve proprio al suo continuo rinnovamento. Un cambiamento al meglio vero e reale, non a parole, che si traduce in un seguito di milioni di persone. 
Al contrario la politica italiana, nonostante slogan ripetuti di rinnovamento, resta ancorata al passato. Si sono impadroniti delle istituzioni e le dispensano agli amici indipendentemente dalle loro capacità, premiando addirittura il più incapace. Un esempio lampante di quanto affermato è la Picierno capolista ale elezioni europee. Ministri incapaci, dirigenti di enti che vivono alla giornata, operatori di giustizia inetti, forze dell'ordine allo sbando per mancanza di ordini precisi. Questo è lo stato che fa comodo alla classe dirigente attuale. Questi signori si sono trovato un posto comodo e ben pagato e là resteranno a vita perchè inamovili. Vivono tranquilli godendosi i propri privilegi indifferenti ai problemi dei cittadini. La chiesa rinnovandosi resta sempre giovane e rigogliosa tendendo a restare tale nei secoli. Lo stato italiano è vecchio e autoreferenziale pertanto non ha futuro e facilmente finirà con l'essere distrutto e con esso i mandarini che lo presiedono.

Suddiacono 

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan