martedì 24 febbraio 2015

Anche l’on.le tiene famiglia


Sui  giornali  si è letta la notizia che la Regione Campania ha erogato i fondi per la riapertura del Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni. Per i meno informati detto villaggio offre una vasta offerta formativa anche innovativa come i corsi in scienze  aeronautiche. Morto il fondatore don Salvatore D’Angelo, sacerdote famosissimo per essere stato grande amico di Giulio Andreotti,  l’istituto ha avuto un forte tracollo finanziario che lo ha portato alla chiusura. L’intervento della regione con l’interessamento del presidente della commissione bilancio, Massimo Grimaldi, ha permesso la ripresa delle attività con grande soddisfazione del personale e degli allievi. A latere di questa notizia, su un giornale on line locale si è letto che la moglie del consigliere è stata assunta in detto istituto alla sua riapertura. Tante polemiche e commenti scandalizzati anche da parte di chi spesso ha usato gli stessi metodi. La pratica del nepotismo è talmente diffusa in Italia che ormai la si può considerare legge. Tutte le personalità di peso hanno figli teste d’uovo come i genitori pertanto hanno diritto a posti di rilievo. I figli di Ciampi, Napolitano, Mattarella, Severino, Fornero,  solo per citarne qualcuno, sono piazzati in posti super pagati senza che nessuno protesti più di tanto. Adesso per un posto da mille euro al mese (se li prende ) alla moglie del consigliere regionale si sono scatenate polemiche a non finire. Non si vuole prendere la parti di nessuno ma è risaputo da  tutti quali siano i  metodi di reclutamento del corpo docente della scuola italiana. Per accedere all'insegnamento una volta si espletava un regolare concorso che si ripeteva a cadenza regolare. Da una decina di anni invece si entra per punteggio, che ci si procura, con servizi resi presso scuole private o diplomifici, spesso gratuitamente. Si conseguono diplomini e master presso improbabili università private o invalidità varie, tutto fa brodo per aumentare il punteggio ed entrare in prima o seconda fascia, anticamere dell’assunzione.  Chi si impegna di più in questi giochetti arriva primo all'agognata assunzione in ruolo. Non si può  far finta di non conoscere  queste situazioni quando tutti le praticano, dal famoso avvocato o commercialista all'ultimo ingegnere. L’uso dell’influenza politica per procurare un posto alla moglie è criticabile  ma in questo caso  sembra legittima difesa. Sarebbe ingiusto privare una laureata, forse anche brillante,  dell’opportunità offerta a tante casalinghe disperate. La critica è sempre giusta ma in questo caso bisognerebbe riportarla  nei giusti termini imposti dalla vita reale della nazione in cui si vive.


 Fuge Rumores

lunedì 2 febbraio 2015

Il comune della confusione


C’è un comune dove ogni giorno il sindaco litiga con qualche assessore e in mancanza di questi con qualche consigliere comunale. Ogni funzionario ha diritto oltre che allo stipendio al suo premio di produzione o allo straordinario ma in cambio dà il servizio che vuole. A queste condizioni è ovvio che ci sia anche chi non dia nulla. Nessuno sa cosa debba fare e nessuno cerca cosa fare e così  tutti girano a vuoto creando solo confusione. Si deve pagare un fornitore? Si va dal dirigente degli affari generali, che  manda dal dirigente dell’ufficio finanza, che  manda dal dirigente dell’ufficio economato, che a sua volta rinvia al dirigente degli affari generali. Chi resiste a questo giro dopo cinque sei anni viene liquidato. Ogni giorno in questo fantastico comune sorge qualche problema, che non si sa chi dovrebbe risolvere e quando si sa quello non lo risolve comunque. Siccome non ci sono i veri responsabili i problemi si accavallano sempre di più. Ci sono le strade rotte dalle ditte che dovevano aggiustarle. Ci sono gli edifici senza tetto perché qualcuno doveva restaurarli. C’è l’edificio scolastico inutilizzato perché abusivo. C’è il cimitero che non si sa a chi è affidata la manutenzione. Ci sono i plessi scolastici ancora col riscaldamento a gasolio, che per qualcuno è strano che finisca quando fa freddo. Ma l’ultima  è da raccontare in quanto è una vera chicca. 

Si dice che per un errore di copia l’amministrazione abbia deliberato uno sconto tariffario per i cittadini che avessero effettuato il compostaggio domestico. Siccome lo sconto è notevole, visto che le tariffe sono come quelle della Costa Smeralda, molti cittadini ne hanno fatto richiesta .Tantissimi hanno presentato la loro domandina dichiarando la propria adesione al progetto. Nel comune della confusione purtroppo però non esiste il progetto del compostaggio, né esiste un regolamento che ne fissi i paletti, né si sa a chi rivolgersi per chiedere. Nel pieno rispetto della regola della confusione ognuno esegue il compostaggio a modo suo. Fin qui si può anche sorridere di questi dilettanti professionisti della politica, ma se si pensa che ci possono essere centinaia di piccole discariche incontrollate c’è un po’ da preoccuparsi. Visto che non ci sono regole anche chi  ha solo qualche metro quadrato si dà al compostaggio. Può darsi che abbia aderito anche chi non ha il giardino e butti l’umido chi sa dove. Purtroppo questa come le altre vicende resteranno insolute perché altrimenti questo comune perderebbe il titolo di comune della confusione e forse anche dell’incapacità.


P.S. Il comune di cui si tratta non è frutto di fantasia ma è reale. E’ un comune molto esteso con quasi diecimila abitanti in provincia di Caserta e dista qualche decina di km dal Garigliano. Ad amministrarlo ci sono medici, infermieri e portantini. Non si scrive il nome per non fare pubblicità

Teodosio

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan