lunedì 25 maggio 2015

Tra Lui e Lei sceglier non saprei



La consultazione elettorale per il rinnovo del consiglio regionale della Campania è ormai alle porte. Il comune di Carinola presenta due candidati, uno di centrodestra ed una di sinistra. Da giorni il bel faccione di Massimo Grimaldi sorride da ogni angolo di strada invitando tutti a dare il massimo, che ovviamente si traduce in date il voto a Massimo. L’altro volto sui muri è quello di Giuseppina Di Biasio, figlia d’arte del sindaco emerito di Carinola per oltre un decennio.  Grimaldi da cinque anni è scomparso dalle contrade carinolesi, dedicandosi a quelle aversane forse più redditizie elettoralmente parlando. Tranne qualche fugace apparizione nella sede comunale per dare disposizioni alla sua giunta, quasi mai si è fermato a chiacchierare con i comuni mortali come faceva all’inizio della sua carriera. Ormai non ha bisogno del loro voto visto che con due legislature si è assicurato una ricca buonuscita ed un altrettanto corposo vitalizio. Comunque è da giustificare se si ferma di più nell’agro aversano, lì ci vivono centinaia di migliaia di persone e pertanto il consenso elettorale è molto più cospicuo. Purtroppo però ogni tanto qualche amico di quelle parti lo cita nelle proprie dichiarazioni ai giudici e per lui sono grattacapi. La figlia di Di Biasio, come da tutti conosciuta, non è valutabile in quanto non si è mai cimentata nell’agone politico. E’ stata oggetto delle cronache cittadine soltanto perché alcuni sostenevano che lavorasse presso lo studio a cui il padre procurava delle consulenze. Semplici cattiverie di paese, che colpiscono qualunque brava ragazza. L’unico suo merito al momento è quello di essere "la figlia di", che di questi tempi non è poco. Criticarla non si può ma nemmeno sostenerla in quanto si ha l’impressione che votando lei si voti suo padre. Si ha la netta sensazione che il padre l’abbia candidata per  racimolare qualche migliaio di voti per  aspirare a qualche altra poltrona visto che quella che ha è traballante se non rotta. Per quanto considerato fin ora, scegliere tra i due, come un giusto senso di campanilismo imporrebbe, è davvero difficile. La lista di Grimaldi ha in Giggino a purpetta l’esponente di punta. Per chi non lo sapesse è un condannato a cinque anni di reclusione per i suoi rapporti con la nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo. La lista del pd sostenuta da Di Biasio è infarcita  di condannati ed inquisiti insieme ad ex esponenti del centrodestra e qualche fascista non ex. Il quadro è deprimente  per chi vota per avere una buona ed onesta amministrazione. Semplicissimo scegliere per chi pratica il voto di scambio con un favore avuto o da avere. Difficilissimo per il cittadino onesto che vorrebbe le istituzioni rappresentate da persone oneste e che amministrino nell’interesse della comunità e non dei singoli. Per questi cittadini, se sono veramente onesti, il problema della scelta tra questi due candidati non deve essere presa nemmeno in considerazione ed il loro consenso andrà sicuramente ad altri.

Orpheus

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Lady Gaga, Salman Khan